Appuntamenti in edicola: Settembre 2013

(Piano dell’opera più giù )
Fughiamo ogni dubbio: non sto curando né collaborando con nessuna rivista (ancora?!) ma come sapete ci tengo a darvi il mio parere e a condividere con voi le mie impressioni sulle iniziative editoriali ed i libri di cucina in generale. Volevo darvi queste info nella newsletter, ma non so se riuscirò a completarla questo fine settimana per cui eccomi con un post di servizio.

La prossima stagione in edicola (per me) sarà all’insegna del “dopo il successo di…” e del “piccolo è meglio!” con i secondi capitoli di Crea e Decora e Accademia di Pasticceria di Montersino, entrambi dedicati alla Piccola Pasticceria ed ai Mignon.

Partiamo da quella che certamente non deluderà le aspettative: Accademia di Piccola Pasticceria di Montersino,in edicola a cadenza bisettimanale dal prossimo 3 settembre 2013 (costo 8,90€) Edit: le uscite sono state posticipate al 13 febbraio 2014.

accademia mignonLa precedente raccolta in DVD, che chiameremo per comodità “prima accademia” (trovate qui l’intero piano dell’opera con anche alcune ricette da me provate) conteneva tutte le puntate di peccati di gola, trasmesse sul Canale Alice di Sky, sino ad alcune puntate dedicate alla piccola pasticceria salata (comprese).

Rimanevano fuori, quindi, alcune puntate di piccola pasticceria salata e le serie dedicate alla Pasticceria Mignon ed alla pralineria che costituiscono invece il tema di questa seconda raccolta (“seconda accademia“).

Montersino non è uno che ama i doppioni nei propri libri e nelle proprie trasmissioni, quindi non pensate che troverete sempre le solite ricette ma in formato mignon. Sono tutte ricette non comprese nella prima accademia. Per cui se state pensando che se avete già completato la collana Accademia di Pasticceria questa seconda collana potrebbe essere un “di più”, specie se non vi dedicate molto al formato “pasticcino” o non vi capita di preparare dei buffet, ricredetevi. Primo perché non è detto che dobbiate optare per forza per il formato mignon, secondo perché comunque le lezioni di montersino sono sempre stracolme di consigli utilissimi e spiegazioni preziosissime che vanno al di là della semplice ricetta.

Mi preme però mettervi all’erta: la spesa dei DVD dovrà essere anche supportata (per giustificare l’acquisto quanto meno con la messa in pratica di alcune ricette) da un buon armamentario di stampi e stampini in silicone adatti allo scopo! Certo, molte ricette vengon bene anche senza attrezzatura specifica, ma … la tentazione di aggiornare il vostro arsenale sarà moooolto forte!

Tirando le somme: Da acquistare ma… a vostro rischio e pericolo (compresi i rischi per la bilancia)! Ovviamente però, se siete fan/ammiratori del Maestro Montersino non c’è remora che tenga e non rimarrete affatto delusi! Segue piano dell’opera (in edicola ogni 15 gg a partire dal 13 febbraio 2014):

Piano dell’opera Accademia Piccola Pasticceria Montersino:
Clicca sui link per vedere le ricette realizzate da me presenti nel blog

1. Grandi Classici-13/02/14 (Ricette: Funghetti di babà, Créme caramel, Cestini di meringa al caffè, Macaron liquirizia e anice, Bigné al cioccolato alla mousseline di cannella – Extra: Cannoli siciliani salati);
2. Peccati al cioccolato-27/02/14 (Ricette: Cocchini, Chocolate Pudding, Tartufi cioccolato e arancia, Caramel Snack, Il Riccio, Biscotti saraceni con cremino alla nocciola);
3. Finger food party-13/03/14
 (Mini Tarte tatin al pomodoro-dolce; Girelle di mozzarella; Bugie salate con speck e brie; Diamantini salati; Cestini di frolla con verdure; Mini hot dog in pasta soffice)
4. Golosi bicchierini-27/03/14; (Bicchierini di panna cotta; Mignon al caffè e cioccolato, Bicchierini mele e birra; Bicchierini ciocco-arancia; Bicchierini liquirizia, limone e cioccolato; Barchette al semolino di rizo con salmone)
5. Bocconcini di Mousse-15/04/14;
6. Tartellette dolci e salata-29/04/14 (
Tartellette al mango, Piccole quiche al prosciutto ed emmenthal, Tartellette di fichi e robiola, Tartellette alla gelatina di frutta, Sfogliatella frolla; Tartelletta ai porri e pancetta.)
7. Un biscotto tira l’altro-13/05/14; (
Frollino dama, Cantucci e vin santo, Novarino, Fiammiferi, Amaretti morbidi, Trancetti mandorle e pesche.)
8. Dolci tentazioni-27/05/14;
 (Pasticciotti mignon, Dulce de leche, Yo-yo alle arachidi, Kan-dischi, Maritozzini, Dolcetti alle mandorle). 
9. Torte mignon-10/06/14; (
Minicheesecake alle fragole, Miniclafoutis alle mele, Minisacher pops, Minicharlotte, Foresta Nera, Piccoli plum cake alle erbe aromatiche).
10. Sfizi di frutta-24/06/14.

Per acquistare l’intera opera clicca qui.

* * *

Passiamo ora a Dolci Delizie, secondo capitolo di Crea e Decora i tuoi dolci, edito dalla DeAgostini. In edicola è già uscito il primo numero, il secondo sarà disponibile dal 10 settembre 2013 ed i successivi a cadenza settimanale (costo € 4,99).

Anche qui il tema è quello della pasticceria mignon, praline, cake pops e tutto quanto vi venga in mente di dolce che possa essere consumato in un boccone e tenuto con tre dita, con in più il vantaggio che con un bassissimo prezzo settimanale avrete non solo ricette e spiegazioni passo passo ma anche una bella collezione di strumentini vari per la decorazione e la realizzazione dei dolcetti.

Se il mondo del mignon vi tenta ma non vi sentite (ancora) all’altezza di Montersino e della sua “Accademia”, questa raccolta può essere un buon modo per muovere i primi passi e prendere confidenza con i mignon.

Ma… c’è un ma grosso come una casa su questa iniziativa. Io (e tantissime altre persone) siamo rimaste largamente deluse dalla distribuzione penosissima della precedente raccolta Crea e Decora i tuoi dolci (i dettagli qui): fascicoli introvabili, distribuzioni sospese e riprese e poi di nuovo sospese senza precisi criteri, regioni/provincie del tutto ignorate. Insomma… Da persona che si rivolge sempre allo stesso edicolante in una grande città sono stata davvero davvero delusa e spero tanto per questa raccolta che la DeAgostini non faccia peggio di quanto ha già fatto lo scorso anno.

Staremo a vedere!

Crea e Decora i tuoi dolci – Che Delusione!!!

Edit Gennaio 2013: Sotto Natale hanno fatto ripartire l’opera con stessi numeri, stessi accessori, più un paio di chincaglierie in più legate alle festività.
Che mi risulti la seconda edizione non è affatto andata meglio della prima ma ha per di più creato confusione tra utenti e edicolanti.

* * * * * * * * * *

Come avrete potuto leggere in questo post Cake Desing con TV Sorrisi e Canzoni ero parecchio entusiasta dell’iniziativa editoriale della mondadori in collaborazione con la deagostini.

Purtroppo per loro (e per me) sono qui a rimangiarmi le belle parole spese e a lamentare l’inaffidabilità e la poca serietà che non ci si aspetta da due editori così importanti.

Con sommo stupore e delusione da parte di chi, come me, voleva acquistare non uno o due ma TUTTI i numeri dell’opera, l’editore ha deciso di decimare la tiratura e lasciare a bocca asciutta diverse centinaia di fidelizzati/abbonati.Continua a leggere…

Cake Desing con TV Sorrisi e Canzoni

Edit 8 Novembre 2012: mi rimangio tutto quello di positivo che ho detto su quest’opera, visto che la distribuzione nelle edicole è stata ridotta all’osso (in pratica è come se fosse stata sospesa, anche gli abbonati stanno riscontrando molti disagi). Quel che è peggio è che l’editore non si è degnato di dare una spiegazione nè di risponedere alle email inviate al servizio clienti. Giudizio negativissimo quindi, che offusca quello che sebrava esserci di buono.

Oggi vi parlo della nuova iniziativa editoriale delle riviste mondadori in collaborazione con la DeAgostini: Crea e Decora i tuoi dolci (trovate il piano dell’opera in fondo alla pagina, di seguito una breve recensione).

Come sempre tentata ed allettata dal prezzo lancio (0,99€) ho acquistato il primo numero ed eccomi puntuale a darvi il mio parere con quel poco di cognizione di causa che mi viene dalla mia esperienza in fatto di dolci e di libri di cucina.

Devo dire pollici in su! A parte l’eccesso nell’uso del colore rosa la collana sembra valida, utile e anche dal prezzo ragionevole, ideale sia per chi muove i primi passi nella preparazione dei dolci, sia per chi il pan di spagna lo fa ad occhi chiusi ma vorrebbe rendere le proprie delizie più carine o semplicemente passare un po’ di tempo con i propri figli a decorare biscotti nel tempo libero.

Infatti al costo di soli 5€ a settimana (non è chiaro se siano uscite settimanali o bisettimanali, il calendario delle uscite ha subito delle variazioni) oltre al fascicoletto entreranno nella vostra cucina bocchette per tasche da pasticcere, stencil per decorare con cacao o zucchero a velo, taglia biscotti e pasta di zucchero, attrezzini per lavorare la pasta di zucchero e altro ancora. Se considerate che nei negozi specializzati una bocchetta o un taglia biscotti costano come minimo 2,50/3€ e che in ogni uscita sono allegate almeno 3 di queste chincaglierie… direi che l’affare è presto fatto!

In più per chi decide di abbonarsi ci sono una sparabiscotti (per sapere cosìè e come si utilizza leggi qui), una cassettina per riporre gli attrezzi e altra roba direi utile (roba che ho già, per cui mi limiterò all’acquisto in edicola!!!)

Nei fascicoli ci sono le ricette di base (pan di spagna, glassa, farcia…) e le ricette di muffin, torte e biscotti che vi consentiranno di utilizzare sin da subito l’attrezzatura allegata.

Insomma se vi stavate chiedendo se vale la pena o meno spenderci dietro dei soldi, il mio parere è favorevole all’acquisto (sempre che non siate già belle che avviate in questa direzione e quindi già in possesso della roba fornita). Personalmente, dando un’occhiata al piano dell’opera, che riporto in basso con qualche mia noticina (consultabile anche a questo link), credo che acquisterò più di qualche numero, essendo il mio armamentario su questo fronte non così fornito come potreste pensare! ;D

Edit 28 settembre 2012: Questa collana è davvero fantastica! Man mano che si va avanti con i numeri troverete non solo mille e più informazioni su come usare attrezzini specifici, ma anche tantissime idee per delle decorazioni di grande effetto con roba che tutti hanno in casa adoperati in maniera insolita e creativa! *_* Acquistatene qualche numero: vi innamorerete!

1 Alzatina – 2 tagliapasta a farfalla 28/08/2012
2 3 4 tasche per dolci – 3 beccucci [n.d.C. i beccucci sono (1)a goccia per petali, (2) a stella aperta a sei punte e (3) liscio a punta fine. In più, oltre ai beccucci, due adattatori per sac à poche, uno grande ed uno piccolo, utilissimi! *_*] 11/09/2012
3 26 stampini per lettere a rilievo 25/09/2012
4 Utensile a doppia punta tonda  – 2 tagliapasta a stella 02/10/2012
5 Tagliapasta a cuore – 3 tappetini per disegni a rilievo 09/10/2012
6 3 stencil rotondi 16/10/2012
7 Beccuccio grande per nastri – beccuccio piccolo a stella 23/10/2012
8 Stampo di silicone per cameo 30/10/2012
9 2 stampi a rilievo per margherita 06/11/2012
10 Valigetta portatile per l’attrezzatura – punte per modellare 13/11/2012
11 Stencil per bordi a pizzo 20/11/2012
12 Utensile per pizzicare e pieghettare i bordi 27/11/2012
13 Valigetta per riporre 32-34 beccucci – beccuccio ondulato n.47 04/12/2012
14 Tagliapasta a conchiglia 11/12/2012
15 Stampo a bottone 18/12/2012
16 Stencil per medaglione stile Marocco 25/12/2012
17 Matterello 01/01/2013
18 Utensile con doppia punta a cono 08/01/2013
19 Tagliapasta per biscotti a forma di torta 15/01/2013
20 1 beccuccio liscio diametro 9 – 1 beccuccio per capelli d’angelo/erba 22/01/2013
21 Triangolo per decorazioni 29/01/2013
22 Set di 6 modelli per disegni 05/02/2013
23 Stencil a perle 12/02/2013
24 3 tasche per dolci per strisce multiple 19/02/2013
25 1 beccuccio n. 107 per petali – 1 beccuccio n. 66 per foglie 26/02/2013
Crostata cioccolato e arancia con decorazione a canestro

Crostata cioccolato e arancia con decorazione a canestro

Crostata cioccolato e arancia

Avevo nella lista delle cose da fare questa ricetta da quando ho comprato il libro Cioccolato & Cioccolato della DeAgostini (vedi descrizione nella pagina

 I miei Libri di cucina), ma ogni volta che mi ero riproposta di realizzarla finivo con il ripensarci: una volta mi mancava un ingrediente, un’altra volta il tempo, altre volte la bocchetta adatta per la lavorazione a canestro.

Oggi non avevo scuse: avevo tutto l’occorrente, tutti gli ingredienti ed il tempo per realizzare questa crostata doppio gusto, nonchè l’occasione: l’onomastico del mio Amour! Mi rotolo per terra dalle risate

In verità in corso d’opera ho cambiato leggermente la ricetta. Di soli solito le dosi previste in questo magnifico libro sono preciserrime al milligrammo, non avanza nulla! Questa volta la crema era un po’ abbondante (nonostante avessi un guscio di frolla di diametro più grande di quello suggerito, quindi invece di sporcare altre pentole per realizzare la ganache al cioccolato con la panna prevista nella ricetta originale, ho preferito aggiungere il cioccolato direttamente nella crema pasticcera profumata al cointreau. Risultato? Sublime!

Ho aspettato tanto per realizzare questo dolce, ma assolutamente le aspettative non sono state deluse. In più sono riuscita al mio primo tentativo a realizzare un bel canestro, non trovate?! Tanto ne sono contenta che ho un tantino esagerato con le foto, oggi, mi perdonerete!!!
Ho fatto anche un piccolo video per spiegare meglio il procedimento. Occhiolino

Ingredienti (per una crostata di 22/24 cm):

  • 300g pasta frolla (se possibile mettete meno zucchero, in modo da renderla meno croccante)
  • 6 tuorli
  • 150g zucchero
  • 1/2 litro di latte intero (in alternativa metà latte p.s. e metà panna fresca)
  • 40g farina oppure fecola
  • buccia di limone o arancia
  • due cucchiai di grand marnier o cointreau
  • 125g cioccolato fondente
  • 2 cucchiai di panna

P1010010

Procedimento:

    1. Preparare la crema pasticcera: portare ad ebollizione il latte con le scorzette di limone o arancia.
      In una ciotola lavorare le uova con lo zucchero e la farina. Unire il latte caldo versato a filo attraverso un colino.
      Rimettere sul fuoco moderato mescolare di continuo. Portare ad una lieve ebollizione, quindi lasciare freddare. Quando è la crema è fredda aggiungere due cucchiai di cointreau.
    2. Stendere la pastafrolla in uno spessore di 2-3 mm e foderare uno stampo di 22/24 cm di diametro precedentemente imburrato (aiuterà la cottura) e bucherellarla con i rebbi di una forchetta su tutta la superficie. Adagiare sulla frolla un foglio di carta da forno e riempire la tortiera con legumi secchi o riso. Infornare a 180°.
    3. Cuocere il guscio di frolla “in bianco” per 10 min. Quindi estrarre lo stampo dal forno, eliminare la carta ed i legumi secchi e stendere nella tortiera la metà della crema pasticcera ottenuta. Cuocere per altri 15/20 min.
    4. Lasciar freddare prima di sformare. Intanto fondere il cioccolato insieme a due cucchiai di panna e unire il tutto alla crema pasticcera.
    5. Trasferire la crema al cioccolato in un sac à poche con bocchetta piatta dentellata (possibilmente solo da un lato, come questa) ed eseguire la decorazione a canestro: tirare una striscia trasversaleP10100041quindi disegnare la trama con delle strisce corte perpendicolari distanziate
      P10100041gTirare una nuova striscia trasversale, adiacente alla precedente, e disegnare la trama in corrispondenza degli spazi lasciati vuoti al giro precedente
      P10100041ghOve non fosse chiaro, ecco il video!
    6. Infine decorare a piacere con dei fiori di zucchero o di ostia.

Ed ecco la torta intera, finita ed un particolare della trama…

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

P1010021

… e la foto della fetta cremosissssssssima!!!!P1010065


Potrebbero interessarti anche:

Soldino di Cle  torta mousse cioccolato  profiterol

Profiterol al caffè… corretto!

profiterol

Ecco la mia prima torta profiterol! L’ho voluta riempire con crema al caffè (per me il bignè è con la crema al caffè) che devo dire, dopo l’aggiunta della panna, era diventata una specie di crema Coppa del Nonno! Mammmmmmmma mia che bontà! Per la glassatura al cioccolato ho aromatizzato la ganache con il mio liquore preferito, il San Marzano Borsci, che si sposa benissimo con i dolci ed è anche usato da molti per “correggere” il caffè (da qui il nome che ho dato al dolce!). Ma passiamo alla ricetta Occhiolino

Per la pasta choux (bignè)
Ingredienti:

  • 250 ml acqua
  • 150g farina debole (meglio se quella per torte e crema pasticcera)
  • 100/120g burro o margarina
  • 1 cucchiaio di zucchero vanigliato
  • 1 pizzico di sale
  • 4/5 uova (io ho usato uova grandi, sono bastate 4)

Procedimento:

  1. Portare a ebollizione l’acqua con il burro e un pizzico di sale. quando bolle, spegnere il fuoco e versare TUTTO IN UN COLPO (altrimenti fa i grumi) la farina precedentemente setacciata. Mescolare energicamente con un cucchiaio di legno fino a che non si forma una palla che si staccherà dalle pareti.
    prima di aggiungere le uova
  2. Trasferire il composto in una ciotola e lasciare appena intiepidire, quindi unire le uova UNA ALLA VOLTA: unire l’uovo successivo solo quando il precedente è ben amalgamato. Prima di aggiungere l’ultimo uovo controllare la consistenza dell’impasto che deve essere simile ad una crema pasticcera molto densa, che cola pesantemente dal cucchiaio di legno.
    P1013098
  3. Trasferire l’impasto in una sacca da pasticcere con bocchetta liscia o a stella, misura 10, e su una teglia leggermente imburrata creare delle piccole palline, adeguatamente distanziate. Non usare carta da forno: in questo modo i bignè manterranno la base piatta e sarà più semplice poi presentarli. Per evitare che si formi la punta che solitamente brucia durante la cottura, formare i bignè poggiando la bocchetta lateralmente, inclinata a 45° circa.
    P1013100
  4. Infornare a 220° per 10/12 minuti. Potete optare per il forno statico o ventilato: con il forno statico il bignè manterrà una superficie più regolare e liscia, mentre con la ventilazione la superficie apparirà più frastagliata. Optate per l’una o l’altra modalità a seconda dell’effetto che volete ottenere. In foto bignè cotti in modalità ventilata.
    P1013105
    (ricetta bignè presa da Cioccolato & Cioccolato- DeAgostini)

Per la crema diplomatica al caffè:

C’è una disputa dottrinale sulla nomenclatura della crema ottenuta mescolando 1/3 di panna montata e 2/3 crema pasticcera: quasi tutti la chiamano chantilly, ma in verità è crema diplomatica (la chantilly è panna + zucchero al velo + vaniglia). Dunque, per la mia crema pasticcera io uso 1/2 litro di latte, 1 uovo e un turolo, 4 cucchiai di farina, 4 cucchiai di zucchero, una bacca di vaniglia. A questa aggiungo: mezza tazzina di caffè con un cucchiaino di caffè solubile, 150 ml panna vegetale zuccherata montata. Il procedimento è il classico: scaldare il latte e nel frattempo sbattere zucchero, uova e farina. Unire il latte filtrato e portare a bollore mescolando continuamente affinché non si attacchi sul fondo.

Per la ganache al cioccolato:

Fondere 200g di cioccolato con 200ml panna (fresca o vegetale) a bagnomaria. Aromatizzare con il proprio liquore preferito o con delle spezie. Lasciar raffreddare in modo che raggiunga una consistenza adatta a glassare i bignè. Se dovesse indurirsi troppo scaldare leggermente a bagnomaria o nel microonde.

Composizione del dolce:

  1. Riempire i bignè con una sacca da pasticcere con bocchetta a stella (facilita l’apertura del bignè) forandoli lateralmente o sul fondo e sistemarli su un vassoio o un piatto. Se la crema vi sembra troppo liquida (come è successo a me!) lasciate riposare 15/20 min. i bignè farciti nel freezer in modo che si rapprenda un poco.
  2. Procedere alla glassatura: tuffare i bignè nella ciotola in cui avete preparato la ganache e rigirateli aiutandovi con due forchette, quindi posizionarli sul piatto da portata e dare la classica forma a piramide.
  3. A piacere con l’eventuale ganache avanzata coprire alcune zone rimaste con meno crema. Decorare con ciuffetti di panna montata prima di servire.

Potete farcire i bignè con qualche giorno di anticipo e congelarli, preparando la glassatura qualche ora prima di servirli. In ogni caso vi consiglio di prepararlo con un giorno (o almeno 12h) di anticipo, in modo che la pasta dei bigné si impregni per bene di crema. Ecco il frutto di questa luuuunga spiegazione!

Golosissimo anche nella versione monoporzione:

profiterol

Ero partita dall’idea di  creare un Profiterol Tiramisù, ma dovendolo trasportare in macchina per un centinaio di chilometri avevo un po’ timore., a causa della presenza del mascarpone! E’ stato osannato comunque!


Potrebbero interessarti anche:

tortino al cioccolato con cuore fondente  torta scacchiera  Crostata cioccolato e arancia

Torta alla mousse di cioccolato

Torta alla mousse di cioccolato a quadretti

torta mousse cioccolato

Questa l’ultima torta del 2010, la torta per festeggiare l’anno che andava via, un anno per me importante e carico di belle cose! Era da tempo in lista d’attesa e ne sono rimasta molto soddisfatta, anche perché il dosaggio degli ingredienti è preciso al milligrammo: non avanza nulla, e quello che c’è è sufficiente ad ottenere un dolce con i controfiocchi! La ricetta è presa da Cioccolato & Cioccolato – DeAgostini (che ho scoperto essere uno scorporo di ricette della più vasta collana a fascicoli di qualche anno fa, I Miei Dolci).

E … Buon 2011 a tutti!  Mi rotolo per terra dalle risate

Ingredienti (per 8/10 persone):

  • 100g farina             (per il pan di spagna)

    OLYMPUS DIGITAL CAMERA

  • 50g fecola (io amido di frumento)
  • 50g cacao
  • 6 uova
  • 80g burro
  • 150g zucchero
  • 1 bustina di vanillina (io ho messo una bustina di lievito)
  • 220g cioccolato fondente     (per la farcia)
  • 1 dl panna
  • 3 uova
  • 50g zucchero (io ho usato la panna vegetale già zuccherata e non l’ho messo)
  • 2 cucchiai di rum (io liquore al caffè)
  • 1 cucchiaio di caffè ristretto (per me liquore al caffè)
  • 200g acqua          (per la bagna)
  • 50g zucchero
  • 4 cucchiai di rum scuro (io sempre liquore al caffè)
  • zucchero al velo   (per decorare)
  • cacao amaro
  • riccioli di cioccolato bianchi e neri (io non li ho usati)

Procedimento:

  1. Preparare il pan di spagna al cacao. Tener conto che dal pan di spagna finale bisognerà ricavare 4 dischi di uguale spessore, se non siete sicuri di riuscire ad ottenere un pan di spagna abbastanza alto ovvero di riuscire a tagliarlo con precisione, dividete il composto in due parti (di circa 500 ml) e cuocete l’impasto in due stampi da 24 cm di diametro a 190° per 35 minuti (forno statico).
  2. Dividete ciascun pan di spagna in due dischi (o l’unico pan di spagna in 4 dischi). Tagliate due dei dischi ottenuti in quadratini di regolare spessore.
  3. Preparare la mousse: Separare i tuorli dagli albumi (serbando le chiare). Sciogliere il cioccolato a bagnomaria con la panna. Quando il composto è omogeneo aggiungere i tuorli sbattuti insieme allo zucchero, il caffè, e continuare a cuocere a bagnomaria sino a che la crema non si sarà addensata.
    Quando la crema si è freddata aggiungere il rum e gli albumi montati a neve.
  4. Preparare la bagna: far bollire l’acqua con lo zucchero per un minuto. Quando lo sciroppo si fredda unire il rum.
  5. Montaggio del dolce: Posizionare un disco di pan di spagna al cacao sul vassoio, bagnarlo con metà dello sciroppo e distribuirvi circa un terzi della mousse al cioccolato.
    Bagnare anche il secondo disco di pan di spagna ed adagiarlo sul primo. Ricorpire la superficie e i bordi del dolce con la mousse rimasta.OLYMPUS DIGITAL CAMERA
    Distribuire i cubetti di pan di spagna su tutta la superficie ed i bordi del dolce, ricoprendo completamente la mousse.
  6. Decorazione: su un foglio di carta da forno di circa 30×30 cm di lato disegnate una griglia di quadratini di 3 cm. Tagliate i quadratini ottenendo una scacchiera ed utilizzatela per creare il motivo a scacchiera sula torta cospargendola prima di cacao amaro e poi di zucchero al velo.
    Su ogni quadratino bianco adagiate un ricciolo di cioccolato bianoc, e su quelli neri un ricciolo di cioccolato fondente. Il vostro dolce è pronto!

P1013047E nel caso Non siate riusciti ad ottenere una quantità sufficiente di dischi di pan di spagna non disperate! Potete sempre optare per una simil Gateau Diable, sempre golosa e sempre d’effetto. Per ottenere le “ondine” sulla superficie della mousse dovrete ripetutamente premere con il dorso di un cucchiaio sulla crema e sollevarlo (clicca sull’immagine per ingrandire) –>

La foto della fetta (o meglio, di quello che sono riuscita a fotografare al volo prima che venisse spazzolata tutta):

168603_1764761126942_1476563902_1858388_240284_n 167936_1764761286946_1476563902_1858389_324180_n

E…vista dall’alto

P1013058


Potrebbero interessarti anche:

ferri di cavallo  torta nocciole con crema burro e caffè  torta scacchiera

I miei libri di cucina

Raccolgo e provo ricette nuove da una vita, ma solo da un paio di anni ho iniziato a fotografare le mie “creazioni”, in particolare ho iniziato durante gli anni della mia vita da fuori sede, giusto per dare un’idea a mio fratello di cosa combinavo in cucina… l’attenzione all’estetica della foto era infatti carentissima! Stralunato

Ho deciso di non comprare altri libri di cucina, o comunque di limitare la spesa a opuscoletti settoriali, concentrati magari su tipi di ricette che mi mancano, e comunque dal costo inferiore alle 10 euro! Direi che quelli che ho sono più che sufficienti! Voi che dite?! Purtroppo non ho mantenuto questo proposito e la mia libreria continua ad arricchirsi, muovendosi la mia curiosità verso porti sempre più complessi e inesplorati!Innamorato

Ho deciso di riorganizzare questa pagina per categorie, in maniera da renderla il più ragionata e fruibile possibile. Per ogni libro, quando possibile, vi indicherò anche il link per la ricerca delle ricette presenti sul blog o eventuale post più dettagliato.

Una special mention la meritano quaderni di Clei miei due primissimi compagni di viaggio: i due quadernetti in cui ho ricopiato/incollato le varie ricette prese dalle confezioni dei prodotti Paneangeli, Perugina e ovviamente la Pasta Barilla, passando per le confezioni di riso, purè e cacao perugina! Questi due quadernetti hanno una certa età (ero alle scuole medie!!!) ma sono preziosissimi perché contengono anche tutte le ricette che mi ha insegnato mia madre! Insomma, i miei primi blog ante-litteram!!! Sorriso

Passiamo ora alla mia infinita libreria! Dividerò per categoria come segue, anche se molti libri rientrano in più categorie:

  1. Dolci: la fanno da padrone nella mia libreria!
  2. Alice Cucina: tutto quello che proviene dalla Sitcom Editore, in formato cartaceo e soprattutto digitale per iPad!
  3. Enciclopedie, Raccolte e Collezioni: Dagli antipasti ai primi!
  4. Monografie: per completare lo scibile culinario su ogni argomento!

1. Dolci

La fanno sicuramente da padrone nella mia libreria.

scuola di pasticceria cds

Preziosissima e validissima, interamente illustrata, la collana Scuola di Pasticceria del Corriere della Sera (2009, ripubblicata da Tv Sorrisi e Canzoni con il titolo La Grande Pasticceria, ad inizio 2011). Inizialmente la collana contava 12 volumi, poi portati a 20. Io ho acquistato i dieci per me più interessanti, tralasciando solo uno di quelli di mio gradimento (Dolci della tradizione) essendo in possesso di diversi libri di ricette regionali ed in particolare per i dolci del volume Dolceitalia della Gribaudo (vd. più giù).
Tutte le ricette che ho sperimentato di questa collana si sono rivelate sempre valide e dal successo assicurato,  le trovate qui! Un’ottima spesa che mi sento di consigliare a tutti, anche ai “principianti”, contenendo ogni libro ricette di diverso grado di complessità ma tutte eccezionali!


Nonostante il gran numero di libri di pasticceria in mio possesso ho acquistato questo volume: Il Pasticcere Insegna. Se lo trovate nella vostra libreria o su una bancarella acquistatelo! Contiene alcune ricette tratte dalla collana Scuola di Pasticceria di cui ho detto sopra (stesso gruppo editoriale) e tanti progetti di semplice realizzazione spiegati passo passo, modi divertenti per presentare dolci semplici, torte per i bambini, biscotti e dolcetti, oltre ai dessert per le ricorrenze speciali. Un ottimo acquisto dal prezzo conveniente per chi volesse comprare un solo volume sul tema “pasticceria”.

2012-08-16 13.03.14


Altri importanti libri sul fronte Pasticceria sono i tre che vedete in foto, adattissimi anche a chi non è molto esperto o inizia a muovere i primi passi in cucina:

libri dolci

Dolceitalia: è stato un dolcissimo regalo da parte di mia madre. L’editore è Gribaudo, una garanzia per le edizioni culinarie! I dolci presentati sono quelli della tradizione italiana, conosciutissimi, per cui il libro è illustrato per metà.

Cioccolato & Cioccolato: trovato in superofferta da Feltrinelli, uno dei pochi libri “doppioni” nella mia libreria. “Doppione” nel senso che grazie a Scuola di Pasticceria avevo già due volumi sul cioccolato. Però le ricette presentate mi hanno davvero conquistata e non ho resistito all’acquisto. L’editore è DeAgostini e da poco ho scoperto che questo libro in realtà è un “estratto” di ricette già pubblicate (sempre dalla DeA) in una collana di qualche anno fa: I miei dolci (la possiede mia suocera). Interamente illustrato. Unico neo: non è suddiviso in sezioni! Ho provato queste ricette.

Cioccolato: è presente nella mia libreria per un semplicissimo motivo: era in regalo con un numero de La Cucina. Devo dire che come collana (I grandi libri degli ingredienti) l’ho trovata meno accattivante delle precedenti del Corriere della Sera.


La grande pasticceria d’autore: una collana destinata ad un pubblico esperto/professionale. Ho acquistato alcuni numeri, ripromettendomi ogni volta di sperimentare qualcosa, ma ancora non sono riuscita nell’intento. Più info nella mia recensione in questo post (clicca qui) 2012-08-16 12.58.01


Infine, dopo il mio viaggio in USA non potevo farmi sfuggire una monografia sui più conosciuti dolci americani. Questo volume American Bakery, per quanto non particolarmente accattivante dal punto di vista grafico, contiene la summa delle ricette tipiche della pasticceria americana, con ricette testate e ben bilanciate!

american bakery gribaudo-feltrinelli


2. Alice Cucina

Dopo aver fatto la conoscenza delle trasmissione e delle pubblicazioni marchiate Alice Cucina e Sitcom (in particolare per il tramite di Luca Montersino) devo dire che i libri di Alice stanno costituendo per me una vera e propria addiction nella addiction! Tanto più per la convenienza e comodità di poter acquistare praticamente tutti i titoli (e le riviste) quasi in contemporanea con le uscite in libreria su iPad. Alice Cucina ormai per me significa marchio sicuro (quanto meno per gli Chef da me più apprezzati). Sono ormai due anni che acquisto regolarmente (prima su cartaceo ora su iPad) la rivista e devo riconoscere il merito di proporre sempre ricette ed idee nuove, pur mantenendo il filo diretto con la tradizione. Quindi, anche se il nome del mio blog non è mai comparso (che io sappia!) nello spazio “blog! si mangia!”, difendo e consiglio a spada tratta tutte le pubblicazioni, anche le raccolte meno utili di altre!

Ecco qui lo stato dei miei acquisti sino ad ora:

Obbligatorio partire dalla rivista, a cadenza mensile, prezzo 4,90. Per chi ha iPad è molto conveniente l’edizione digitale (3,90), di facile consultazione, altissima risoluzione con un risparmio notevole, specie sui numeri arretrati. Di tanto in tanto qualche numero è scaricabile gratuitamente ed ogni uscita è ricca di spunti validi e replicabili, per tutti i giorni e per le occasioni speciali. Potete farvi un’idea delle ricette proposte cliccando qui. Giusto complemento delle riviste sono poi le raccolte monotematice, molto convenienti se acquistate insieme alla rivista (di solito due al prezzo scontato di uno). Io ne ho acquistate diverse della linea “I colori della Cucina” anche su iPad (1,79 € l’una). Tutti i libri ora escono praticamente in contemporanea, differentemente da quanto accadeva prima per cui le raccolte “I Colori della Cucina” uscivano con un annetto di ritardo.

2012-08-16 13.07.24

Acquistato in formato eBook proprio dall’applicazione dedicata per iPad di Alice: Il Pranzo della Domenica (e i successivi libri A tavola in 60 minuti e L’occasione fa lo Chef, tutti organizzati sotto forma di menù) di Daniele Persegani. Lo avevo sfogliato da mia suocera e le ricette proposte mi piacevano tutte dalla prima all’ultima. Solo che il prezzo di 19,90 mi scoraggiava un pochino: dato che non riesco a limitare gli acquisti, per lo meno cerco ti tenermi sotto le 15/10 €!!!! Così, una volta scoperta la versione digitale a 8,90€ non ci ho pensato due volte! I libri contengono proposte di menù completi, dall’antipasto al dessert, con consigli per come apparecchiare la tavola. Le ricette sono tutte molto interessanti, di grande impatto e gusto, non troppo impegnative dal punto di vista del tempo d’esecuzione, insomma, il non plus ultra per la padrona di casa, perciò se vi piace ricevere a casa amici e parenti questi libri sono per voi un must have!

  image image

Sempre acquistati su iPad anche per avere sotto mano tutte le loro ricette che si sono dimostrate in più occasioni sfiziose, valide e molto apprezzate, sono i libri di Antonino Esposito (Fantasie di Pizza), Monica Bianchessi (Pronto in Tavola) e Gianluca Aresu (Cinquanta sfumature di cioccolato) e naturalmente il mitico Sergio Maria Teutonico, che conoscevo già da Chef Academy (vedi più giù) con il suo bellissimo Colto e Mangiato (clicca qui per le ricette da me provate).

image image image image


Inutile dire che sul piano Alice Cucina, una menzione speciale e a parte va fatta per Montersino, il quale pubblica con la sua scuola iCook di Chieri ormai anche libri fuori dalle fortunate trasmissioni su Alice Cucina.

2012-08-16 12.59.41Per la prima volta con Luca Montersino ho scopeto che ci può essere addiction nella addiction! Non solo acquisto compulsivamente libri di cucina, ma quando c’è scritto Montersino su, non mi frena nemmeno il limite di prezzo che mi sono imposta!!!!

  • Croissant e biscotti è quello che contiene le ricette “più semplici” e facilmente replicabili in casa (qui quelle che ho replicato io ), con una interessantissima sezione dedicata anche alla pasticceria salata. Vi consiglio perciò di partire da questo libro prima di proseguire con altri acquisti!!!
  • Golosi di salute propone ricette di alta pasticceria adatte a diversi tipi di intolleranze (uova, glutine, latticini, zucchero), è la summa della filosofia di Montersino (e non a caso il nome della sua catena di pasticerie) ossia una pasticceria sana e per tutti (alcune ricette qui).
  • Tiramisù e Chantilly, nemmeno a dirlo, raccoglie mille modi di presentare e reinventare due pilastri della pasticceria italiana, per farvi un’idea delle ricette proposte cliccate qui.
  • Piccola pasticceria salata: le forme, le tecniche e la fantasia del pasticcere, applicate al salato in formato mignon. La creatività elevata all’ennesima potenza, in quanto il panorama degli ingredienti “salati” è ben più vasto del ventaglio utilizzabile in pasticceria. Piccoli capolavori salati che inganneranno l’occhio ma conquisteranno il palato. Alcune idee qui.
  • Peccati al cioccolato:Se ami il cioccolato e ami Montersino, e sinora ce l’hai fatta a comprare solo uno dei suoi libri, con questo cederai! Addiction nella addiction! Le ricette sono corredate da foto passo passo come supporto visivo alle tecniche di lavorazione del cioccolato o di realizzazione delle torte proposte. Dalla piccola pasticceria ai semifreddi passando per le brioches il cioccolato in tutte le declinazioni. E se il prezzo vi sembra alto. c’è la versione digitale per iPad a € 8,90 con in più i collegamenti ad alcune videoricette (già presenti sul sito di Alice). (per le ricette clicca qui)
  • Pasticceria dolce e salata senza glutine: Il regalo che mi sono fatta per il mio trentesimo compleanno. Una spesa folle. Pura addiction. Un libro destinato ai professionisti, ma che il Maestro ha voluto mettere a disposizione dei fan, con tanto di dedica e autografo. Addiction!

E ancora…

image

  • Peccati Mignon, dedicata interamente alla pasticceria formato finger (clicca qui per alcune idee);
  • Le mie torte salate, un titolo, una garanzia. Qui la mia recensione.
  • Marzagiochi e steccodolci dedicato al cake design per i bambini.
  • Accademia di Piccola Pasticceria, che continua i capitoli de Accademia di Pasticceria (vedi più giù). Le mia recensione con il piano dell’opera qui.
  • Lezioni di Cucina, che fa il paio Accademia Montersino (da me acquistato su iPad) dedicato alla cucina a 360°. I due libri non sono uno il doppione dell’altro, ma trattano temi simili e complementari.

.


3. Enciclopedie, Raccolte e Collezioni

La cucina Corriere della seraParticolarmente contenta della qualità della pubblicazione Scuola di Pasticceria, quando la redazione del Corriere della Sera ha pubblicato il mensile La Cucina ho deciso per la prima volta di comprare una rivista di cucina! Ho collezionato tutti i numeri da ottobre 2009 a marzo 2012 (numeri 1-30), poi l’ho lasciata un po’ perché inevitabilmente le ricette proposte iniziavano ad essere “doppioni”, un po’ per testare anche altre riviste!  La particolarità di questa rivista sta nel proporre ricette con gli ingredienti del mese suddivise in categorie: tradizionali, moderne, light, veloci… insomma per ogni numero ho sperimentato almeno una ricetta il giorno dopo l’acquisto! Ne trovate alcune qui.

edicola_luglio_copertina_14Per chi invece in una rivista cerca un gusto un po’ più ricercato, ma comunque attento alla tradizione e alla tecnica, consiglio assolutamente La Cucina Italiana. Ha un taglio un po’ più “d’elitè” se mi concedete l’espressione ma senza cadere nel pretenzioso o nello snob. Le ricette sono tutte di sicura riuscita e gli spunti sono per tutti i gusti e tutte le difficoltà.


chef academy

Una collana che ho completato del tutto e con somma soddisfazione è stata Chef Academy (edito da Repubblica e L’Espresso, leggi anche qui): dei volumi corredati da due Dvd per uscita. Attenzione non si tratta di semplici video ricette ma di vere e proprie lezioni con un maestro d’eccezione: Sergio Maria Teutonico (se seguite Chef per un giorno su La7 sicuramente lo conoscete, è lo chef dei secondi). Ma i Dvd sono due! Nel primo andiamo a scuola da Sergio Maria e nel secondo invece entriamo nelle cucine dei ristoranti più rinomati d’Italia e assistiamo alle preparazioni di piatti originalissimi direttamente dalle mani degli chef che li hanno creati. Il massimo, insomma!

chef academy


Una volta sperimentate le videolezioni direttamente nella propria cucina è difficile tornare indietro! E da neo Montersino-addicted figuriamoci Accademia di Pasticceria - Montersinose potevo lasciarmi sfuggire la collana Accademia di Pasticceria, Sitcom editore (pubblicata a cadenza bisettimanale tra settembre 2011 e maggio 2012, ora acquistabile integralmente). Tutte le lezioni di Peccati di gola ben sistemate sulla vostra mensola e sempre a portata di mano. Per maggiori info, anche sui numeri arretrati, leggi il post dedicato cliccando qui o sull’immagine a lato! Per vedere le ricette da me  provate, invece, cliccare qui. (Per gli altri libri di Montersino vedi più su)

imageSe invece la vostra passione/ossessione è impastare magari con il vostro lievito madre, l’opera che fa al caso vostro è “Il Pane” con le videolezioni di Sara Papa, sempre dalla trasmissione su Alice, Pane, Amore e Fantasia. La pubblicazione è bisettimanale, primo numero uscito a metà settembre 2012, la raccolta è terminata in marzo 2013. Sinceramente non sono stata molto soddisfatta di tutte le ricette provate e non ho portato a termine la raccolta. Cmq nel complesso delle buone lezioni sul pane, anche se su certi versi c’è un taglio un po’ troppo “fondamentalista” su alcuni temi (es. l’utilizzo del lievito naturalce, che per carità è la migliore soluzione ma non sempre praticabile!).
Più info cliccando sull’immagine a sinistra. (Per altri libri sul Pane vedi in basso)


i tuoi menùI tuoi menù: Inaspettato e gradito regalo da parte di mia suocera che possiede una infinità di libri ed enciclopedie dedicate alla cucina! Una collana davvero ben fatta, certo… con i suoi annetti, ma pur sempre valida nelle ricette proposte (ne trovi alcune qui). La collana si compone di 14 volumi (qui li vedete un po’ in ordine sparso!!) più un quindicesimo dedicato esclusivamente all’arte del ricevere: dal galateo ai consigli pratici su come organizzare cucina e sala da pranzo! Una fonte inesauribile di idee per ogni portata. Quando sono senza idee, mi basta sfogliare un volume a caso per trovare la giusta ispirazione. Pollice in su! Se la trovate in casa di qualche zia che vorrebbe disfarsene, adottatela senza remore!!!

Dalla Biblioteca digitale del Corriere della Sera sto invece acquistando i volumi dedicati alla Cucina Regionale curati da Carlo Cracco, La grande cucina Italiana.

Last but not least: l’ultima raccolta che ho completato con somma soddisfazione è stata quella interamente dedicata alla cucina di Pesce, edita da L’Espresso e Repubblica. Tante ricette (e un intero volume dedicato a Menù completi, per ogni livello di difficoltà, tipo di cottura e soprattutto pesce di ogni varietà e tipo! Un modo per conoscere meglio la ricchezza dei nostri mari e saperlo portare in tavola al meglio! E quando la materia prima è ottima, la lista degli ingredienti non ha bisogno di essere troppo lunga! Se trovate questi volumi sulle bancarelle o qualche scampolo in edicola comprateli con fiducia! Qui la mia recensione dell’opera presto alcune ricette.

pesce


4. Monografie

I titoli parlano da soli! Man mano che testerò le ricette vi dirò meglio cosa ne penso! In basso alcune recensioni dai libri più testati!

stuzzichini

Aperitivi&Stuzzichini e Party. Due libri di basso prezzo ma sfiziosissimi e molto utili per raccogliere qualche idea per i buffet di compleanno o l’aperitivo a casa.

Entrambi contengono idee sia dolci che salate (invero alcune ricette si ripetono, l’editore è lo stesso KeyBook, poi diventato Food) in Party poi vi è una utilissima appendice con le ricette dei cocktail più famosi! Le idee proposte sono semplici, veloci e sfiziose. Ne trovate alcune qui e qui.


libri di cucinaQuattro bei volumoni validi che è bene tenere sempre a portata di mestolo anche solo per avere uno spunto per inventarsi una ricetta all’improvviso, oppure per trovare conferma della ricetta tradizionale di cui non si ricordano bene gli ingredienti:
Gran Manuale di Pasticceria Salata contiene tantissime idee e spunti per creare salatini di pasta sfoglia, dalle mille forme e tante altre golosissime idee. Me lo ha regalato una vicina di casa, non ho idea se sia ancora rintracciabile e venduto.
Scuola di Cucina più che ricette è un vero e proprio manuale di cucina, in cui vengono spiegate le tecniche ed i segreti per essere grandi cuochi nella cucina di tutti i giorni! Per chi si accosta alla cucina o ha poca esperienza (o magari vuole affinare la propria tecnica) è un must!
La cucina Regionale Italiana: 5000 ricette da tutte le regioni italiane. Che dire di più!? Le illustrazioni non servono quando parla la tradizione!
Antipasti & Primi piatti: Edito da Fabbri contiene numerosissime ricette per la prima metà del pasto: antipasti caldi e freddi; primi di pasta secca, fresca, ripiena e al forno; riso, minestre e zuppe. Molte ricette sono riproposte sul web sul sito de La Cucina del Corriere della Sera (il gruppo editoriale Rcs abbraccia anche la Fabbri Editori).


verdure e contorni gribaudoUn acquisto avventato!!! Frutto della mia stima per le edizioni Gribaudo, il basso prezzo e soprattutto la mia ossessione per i “cofanetti”: Verdure & Contorni e comprende i volumetti dedicati a Pomodori, Patate, Insalate e Verdure. Le ricette non sono il massimo dell’originalità, ma cmq ci sono delle belle idee e dei bei spunti anche per la presentazione dei piatti.

 


Dietetiche invece sono le ricette proposte in questi volumetti: La cucina sana e leggera, acquistato a causa del colesterolo alto, e Ricette leggere e gustose, Cairo Editore. Non ho sperimentato molte di queste ricette a dire il vero (nonostante sia a dieta!) preferisco rendere light dosando gli ingredienti in base al mio piano alimentare le ricette “normali” A bocca aperta. Il terzo libro, Spanish recipes, invece arriva dalla Spagna, me lo ha regalato mio suocero, ma è in inglese! molto stuzzicante ma ancora non ho avuto modo di provare nessuna ricetta! Con la lingua fuori

ricette light


Altro trittico! Quelli in basso dedicati al Pane li ho comprati dopgri01132_bigo che mia suocera mi ha regalato la sua vecchia (ma funzionantissima) Macchina del Pane. Ho fotografato insieme anche Il libro della Carne perché della stessa collana de  Il Libro del Pane. Ogni volume (editi da Giunti) è dedicato ad una categoria di alimenti. Sono molto carini nell’impaginazione e illustrati (anche se non interamente). Quello su La macchina del pane invece è edito da Gribaudo, ho provato questa ricetta. Sul tema pane e focacce non posso non citare un libro che ho lasciato a casa da mia madre Pane, pizza, Focacce, Torte salate… (foto a lato), da cui presto proverò queste ricette.

pane


libri pesceNon avevo libri dedicati alle ricette di mare, tranne l’opuscoletto a destra), per cui mi sono concessa l’acquisto del volume della Gribaudo.
Come il volume “Pane, pizze, focacce, …” Tutto pesce non è interamente illustrato, ma le ricette proposte provengono dalla tradizione italiana e sono del tutto valide e interessanti.


Questi due libricini, invece, sono un raro casoNostalgia di casa di libro di cucina acquistato al cui interno non vi è nemmeno una illustrazione. Trovati alla libreria Coop a Pesaro, prezzo basso e ricette sfiziosissime e validissime (ne ho provato subito qualcuna). sto parlando di Liquorini e Le Conserve di Anna. La collana, Nostalgia di casa, in verità era molto più ricca e si componeva di altri libricini, tutti impaginati in maniera graziosa a mo’ di quadernetto scritto a mano. Davvero davvero un bell’acquisto, se li trovate in libreria comprateli perché sono davvero preziosi oltre che graziosi!


Regalo del mio maritino (piacevolmente colpito dagli hamburger di Ramsay assaggiati in America a Las Vegas) acquistato con il bonus Feltrinelli l’altro, curato da Bruno Barbieri, due libri un po’ costosetti (raro che i miei acquisti superino i 20€) ma validi e che possono costituire un valido investimento, soprattutto Gran Menù, che contiene diverse idee per ogni grado di difficoltà, con abbinamento di vini, organizzazione del lavoro in fasi (giorno prima, due ore prima…) e… lista della spesa per ogni menù, per esser certi di non dimenticare nulla! Una spesa che vale, ve lo assicuro!


uova e crepes

Dedicati a Uova e Crepes altri due volumetti molto simpatici ed economici (se non ricordo male anch’essi acquistati a Pesaro). Quello sulle Uova è interamente illustrato, e presenta ricette con e a base di uova, dalle frittate, ai soufflé, passando per le crespelle e lo zabaglione.
Non è illustrato ma ricco di disegni altrettanto golosi invece il libro sulle Crepes, presentando ricette dolci e salate, di crepes, crespelle e blinis.


scolpire verdure

Non è un libro di ricette il volumetto della Giunti Scolpire frutta e verdura. La collana di cui fa parte questo libricino è infatti una collana di manualetti sul fai da te (I Praticissimi) che comprendono anche punti a maglia e uncinetto, piegare i tovaglioli, ecc… Tante idee per creare dei centrotavola commestibili, o anche per decorare con fantasia i piatti di portata, come ad esempio questo cestino di zucchina.


bicchieri sfiziosiSono certa che avete visto in giro il banner pubblicitario anche voi… sto parlando di Bicchierini Sfiziosi della De Agostini in collaborazione con Tognana (Attualmente in edicola con il titolo “Invita con stile”).
Io mi sono fatta convincere dall’offerta ed acquistato alcune uscite (anche attratta dalle carinissime verrines in regalo). In realtà ho trovato solo qualche spunto per la presentazione dei piatti, quanto alle ricette nulla di particolarmente eclatante e soprattutto, secondo me, un costo eccessivo non giustificato nemmeno dagli accessori in regalo. Trovi qui alcune ricette.


Infine (ma in verità ne ho tralasciato qualcuno!!) vi segnalo la raccolta Delizie dal Forno, una raccolta di schede con ricette da fare al forno, dai primi alle torte salate, passando per dolci e sfiziosità. Ho preso solo qualche uscita, perché non sono idee particolarmente originali, data la mole di libri già in mio possesso!!! Però qualche idea valida l’ho potuta estrapolare anche da queste schede!
Infine la rivista che potete trovare gratuitamente ogni mese nei negozi Conad – Margherita:  Bene Insieme. Tra la tanta pubblicità (in fondo è un giornale gratuito!Sorriso ) ogni mese delle ricettine con i prodotti di stagione. E sono ricette valide, ad esempio questa torta.

delizia dal forno    bene insieme conad

Spero di avervi dato qualche buon consiglio per i vostri prossimi acquisti in libreria/edicola/web!


Cerchi altre idee per i tuoi acquisti? Vuoi sapere se altre persone hanno testato le ricette di un libro che hai acquistato/vuoi acquistare e che non è presente in questa lista? Allora forse il progetto Starbooks di Menù Turistico fa per te! Clicca sull’immagine!

starbooks