6 ricette dolci con le pere per tutte le occasioni

Il numero delle possibili varianti di torta di mele sono infiniti e tutte sicuramente deliziose. Ma devo dire che, a mio modesto parere, i dolci alle pere hanno una marcia in più! Molto spesso mi sono trovata a sostituire le mele con le pere nei dolci (uno fra tutti, la tarte tatin) sorprendendomi nel scoprire una esplosione di gusto e profumi di gran lunga superiore. E voi? avete mai provato ad usare le pere nei dolci? Oppure avete mai provato a sostituire le mele con le pere in una ricetta? Di seguito ben 6 ricette di dolci con le pere per cominciare a sperimentare, adatte per la colazione, all’ora del te o addirittura per stupire gli ospiti più esigenti!


1 – Plum cake allo yogurt, ricotta e pere

Ricotta e pere è un accostamento ormai classico, proveniente dalla gloriosa tradizione dolciaria napoletana, per cui, l’altro giorno, avendo in casa questi ingredienti, ho pensato di usarli per sperimentare qualcosa di nuovo per la colazione. Risultato eccellente, tanto che ho immediatamente condiviso la ricetta anche su Instagram (mi seguite su Instagram, vero?). Di seguito la ricetta completa.

Ingredienti:

  • 100g ricotta,
  • 1 vasetto di yogurt alla pera (suggerisco quello Muller, oppure potete riciclare dei Fruttolo prossimi alla scadenza),
  • 1 pera tagliata a fettine,
  • 2 uova,
  • 200g zucchero,
  • 200g farina,
  • lievito per dolci.

Procedimento:

Con una frusta sbattete le uova con lo zucchero, aggiungete la ricotta, lo yogurt (vi consiglio di usare lo yogurt alle pere williams della Muller, o, in mancanza, il Fruttolo alla pera) infine la farina ed il lievito.
Trasferite il tutto in uno stampo da plum cake, e sistemate in maniera verticale sulla superficie una pera tagliata a fettine (come mostrato nella seconda foto). Cospargete la superficie con un po’ di zucchero semolato (otterrete una crosticina caramellata croccante). Cuocete in forno già caldo a 180* per 40/45 min.


2 – Tarte Tatin alle Pere

La tarte tatin è un dolce che nasce per sbaglio… ma a volerlo replicare ci vogliono non poche accortezze! Io l’ho provato diverse volte con le mele ovviamente, il gusto è sempre stellare, la riuscita estetica a volte molto meno. Devo dire però, che la bontà della Tarte Tatin alle pere non è stata ancora raggiunta da nessuna Tatin alle mele… ci credereste?
Per eseguirla (tanto tempo fa…) ho seguito le indicazioni de La Cucina Italiana, alla cui ricetta vi rimando.

tarte-tatine-alle-pere
Tarte tatin di pesche

3 – Muffin alle pere senza…

Senza glutine, senza lattosio, senza uova… questi muffin sono proprio per tutti! Si preparano con margarina, zucchero, cacao, 2 pere, latte senza lattosio o vegetale e lievito. Scopri la ricetta completa dei Muffin alle pere senza…

Muffin egg-gluten-lactose free

4 – Crostata con Composta di Pere

Questo dolce è stata una rivelazione, come racconto nel post, una esperienza che definirei mistica. Rientra nella categoria dei dolci elaborati, richiedendo diverse preparazioni di base (la frolla, la composta alle pere, la crema pasticcera e la pasta per bigné). Ma il risultato ne vale assolutamente la pena. Almeno una volta nella vita dovete provare la Crostata con composta di Pere di Montersino

crostata-con-composta-di-pere-montersino

5 – Torta di pere e noci

Noci e pere è un’altra accoppiata vincente. Questa torta/crostata alle noci e pere è ottima per trovare la carica giusta al mattino. Provatela e fatemi sapere il risultato!

torta-noci-e-pere

6 – Tortine (paradisiache) al cacao e pere profumate alla vaniglia

Dulcis in fundo (in un elenco di ricette di soli dolci è tutto dire!!!): queste tortine al cioccolato, pere e yogurt alla vaniglia sono state a dir poco paradisiache, uno dei motivi che mi portano a preferire le pere alle mele nei dolci. Da provare rigorosamente nella versione tortine monoporzione, più che torta intera: ne guadagna la consistenza, credetemi!

tortine-pere-cioccolato-vaniglia

E voi? Quale è la vostra ricetta infallibile a base di pere? Preferite i dolci alle mele o con le pere? Scrivetemelo nei commenti!

Muffin cioccolato e pere per tutti (Cocoa and pears muffin for everyone)

Muffin egg-gluten-lactose free

Non sto passando un periodo al top delle mie forze mentali e fisiche, devo dirvelo. Però stare lontano dalla mia cucina, reale o virtuale che sia, peggiora gravemente il mio umore. In più la linea non è poi così migliorata nemmeno in questi due mesi di piattume culinario, per cui tanto vale spadellare, no?
This is not a great period for me, for my body nor for my mind, I have to say that! But to stay away from my kitchen (real and virtual ones) is not good for me, and makes me feel worse. Moreover I didn’t lose weight, so… rather I prefer me to prepare something good… I will gain weight bu I will be happy too!

E in effetti ho ricominciato a sperimenticchiare qualcosa in cucina, come questi Muffin ciocco-pera a ridottissimo contenuto di allergeni, creati questo Week end per la mia amica Francesca. Nonostante in attesa abbia ricette ben più vecchie o magari anche carine, ci tenevo a rifarmi viva con qualcosa che riprendesse il filone “senza uova-senza lattosio” che so essere di grande aiuto non solo per voi cari lettori-amici, ma anche per tanta gente di passaggio che interroga Google sul tema.
So I started to try something new, like such muffins gluten-lactose-egg free! Muffins for everyone, and expecially for my friend Francesca. Even if I ave more and more recipes waiting for a draft, I like to get back to the egg free-lactose free current: I know that you like it and find it very usefull!

2012-05-22 07.34.01

Inizialmente ero partita con l’intenzione di fare dei biscottini di riso al cacao. Però l’impasto che ho ottenuto era troppo molle anche per la sparabiscotti, quindi mi sono guardata intorno, ho visto due pere e… frulla, mischia, aggiusta, spremi… ta daaaaaaà! Muffin ciocco-pera senza glutine/lattosio/uova! Insomma: se trovate il maltitolo possono essere anche senza zucchero!

Ecco la ricetta. Io intanto vi abbraccio con il proposito di risentirci presto prestissimo!

Ingredienti per circa 24 muffins – Ingredients for about 24 muffins:

  • 225g margarina (margarine)
  • 125g zucchero (sugar)
  • 250g farina di riso (rice flour)
  • 30g cacao amaro in polvere (cocoa powder)
  • 2 pere (pears)
  • 1 bicchiere di latte senza lattosio (150/180ml circa) (1 cup of lactose free milk)
  • 1 bustina di lievito (baking)

Procedimento:

  1. Mischiare con  un cucchiaio di legno la margarina e lo zucchero, unire la farina, il cacao e metà del latte. Otterrete un impasto piuttosto granuloso. (Using a wood spoon mix margarine and sugar, then add the flour, the cocoa and half cup of milk. You will obtain a granulose dough)
  2. Sbucciare le pere, privarle del torsolo e frullarle con un minipimer (in alternativa grattugiatele). Unire la purea di pera all’impasto. (Peel the pears and whip them with a blender or a grater. Add the pear puree to the dough)
  3. Unire il restante latte o comunque la quantità necessaria ad ottenere un impasto non troppo spesso. Infine unire il lievito in polvere. (Then add the other milk untill you will obtain a smoothy and soft mix. Then add the baking.)
  4. Versare l’impasto negli stampi (meglio usare dei pirottini di carta, in quanto sono molto fragili e potreste avere dei problemi nello sformarli altrimenti. (Pour the dough into the muffin mold. Use paper cups.)
  5. Cuocere in forno (anche ventilato) 175/180° per 20 min circa (vale la prova stecchino). (Cook in the middle of pre-heaten oven 350°F for 20 minutes. Test the cooking with a toothpick: the muffins are ready when two or three crumbles remain on the pic)

La presenza abbastanza importante di grasso aiuta il muffin a mantenersi morbido e soffice anche per diversi giorni (caratteristica molto difficile da ottenere nei dolci senza uova). Spero che la foto dell’interno riesca a darvi l’idea della sofficità. (Here is the section. I hope you can see how soft and wet it is even if there is no eggs – But a lot of margarine!!!!)

2012-05-22 07.24.51

Consiglio: Spesso si dice che il dolce è pronto quando lo stecchino esce pulito dal dolce. Io ritengo che se lo stecchino esce perfettamente pulito, il dolce è andato un po’ avanti nella cottura. L’ideale, soprattutto per i muffin e i dolci che devono mantenere un po’ di umidità, è togliere il dolce dal forno quando estraendo lo stecchino rimangono attaccate due o tre bricioline allo stecchino. Provare per credere! Occhiolino


Potrebbero interessarti anche:

torta pere cioccolato Crostata con composta di Pere Montersino Coffeens - Muffins al caffè

Crostata con composta di pere alla vaniglia… un’esperienza quasi mistica!

Quando ho visto il video di questa ricetta ho subito avuto desiderio di provarla e con in testa ben chiaro questo obiettivo ho congelato un po’ di pasta per bigné appena ce ne è stata occasione, ho comprato la pellicola trasparente adatta al microonde (serve per la cottura della composta), comprato il miele… fino a che al mercato non ho trovato anche delle belle pere succose! Il fatidico momento era quindi arrivato: domenica sarebbe stata la giornata giusta per sperimentare questa crostata, domenica avrei santificato la festa a dovere!

Crostata composta di Pere Montersino

Mi metto quindi all’opera per preparare la crema pasticcera e la frolla, separo le uova, apro il mobiletto per prendere lo zucchero e…PerplessoNon c’è zucchero!!! Rosa appassita FINITO!? 40 chili di farina e appena un fondino di zucchero?!! Come è stato possibile??? Supermercati chiusi… Vado dalla vicina??? E ma… che figura… ma non è possibile… Ravano ancora tra tutti gli scaffali e trovo 100g scarsi di zucchero di canna e una bustina già cominciata di zucchero a velo. Basteranno? Non solo me li sono fatti bastare (per fortuna nella composta ci andava il miele!!!) ma il dolce è venuto uno spettacolo!!!

A dire il vero durante l’esecuzione stavo pensando di aver fatto “flop!”, O meglio che Montersino avesse tutta l’intenzione di riprendere a deludermi. Invece… Avete presente quando si dice a qualcuno in difficoltà: “Abbi fede, vedrai che andrà tutto per il meglio! Fidati di Lui che tutto sa e tutto conosce!”. Beh di solito è una frase che non proferisco né mi viene detta, non essendo credente, ma l’esperienza di domenica è stata molto vicina al ritrovare la fede “nel maestro”, quasi come il capire che il paio di orme sulla spiaggia apparteneva a chi mi portava in braccio. Ho scoperto che in Chiesa come in pasticceria una fede che non dubita, che non è mai messa alla prova, non può dirsi forte! Ed io nel maestro Montersino, dopo un iniziale scetticismo che conoscete bene, ci credo ancora fermamente! Occhiolino

Crostata con composta di Pere Montersino

Le caratteristiche (e le tecniche impiegate) in questa frolla sono due:
1) La composta di frutta viene cotta sottovuoto, in modo che conservi un colore chiaro, più simile alla frutta fresca che a quella cotta; 2) La copertura è fatta con una miscela di crema pasticcera e pasta choux, che crea una crosticina in superficie con l’interno cremoso. Spettacolo! Mi ha stupito molto vedere che questo dolce non sia stato ancora proposto in nessun blog/forum, ma aprire le danze non mi dispiace affatto!

Ingredienti per 1 crostata di 24/26 cm

  • 850 gr pere abate (Per la composta di pere)
  • 160 gr miele
  • 12 gr amido di mais
  • ½ bacca di vaniglia
  • 375 gr pasta per bigné  (Per la crosta)
  • 375 gr crema pasticcera
  • 400 gr di pasta frolla (Per la finitura)
  • 25 gr di gelatina neutra o confettura di albicocche

Procedimento:

Consiglio salvatempo: Se avete intenzione di preparare questo dolce vi consiglio di congelare della pasta per bigné quando la preparate per altra ricetta. Idem per la crema pasticcera che in alternativa potete preparare utilizzando una dose per 250ml latte. Altrimenti gli impasti da preparare diventano troppi e la ricetta può sembrare più “faticosa”. Per la crema pasticcera e la pasta per bigné va bene una qualsiasi ricetta, l’importante è che siano in eguale quantità. Trovate le mie in questa pagina.

  1. Preparare la composta di frutta: sbucciare e privare del torsolo le pere (si può utilizzare qualsiasi frutto), tagliarle a tocchetti e versarle in un contenitore di pirex o ceramica da forno o altro contenitore che sopporti le alte temperature e possa essere utilizzato nel microonde.
    Condire le pere con il miele fuso, la polpa della vaniglia e l’amido di mais. Mescolare per bene ed avvolgere più volte il contenitore con pellicola adatta al microonde.
    Lasciar cuocere alla massima potenza per 5 min. quindi lasciar riposare e omogeneizzare con un frullatore ad immersione. (In alternativa se avete la macchina per il sottovuoto mettete tutto in un sacchetto, aspirate, sigillate e mettete a cuocere in acqua bollente).
    N.B.: In questa fase la composta non ha ancora un buon sapore! Non allarmatevi se assaggiandola non vi sembra granché né fatevi prendere dalla tentazione di “aggiustarla di zucchero”. L’amido serve a far addensare il composto.
  2. Preparare la crosta: amalgamare per bene crema pasticcera e pasta per bigné e trasferire in un sac à poche.
  3. Montaggio del dolce: stendere la frolla in una sfoglia di circa 1/2 cm e foderare il fondo e i bordi di uno stampo da crostata già imburrato (o in alternativa più stampi da crostatina). Riempire fino a metà altezza con la composta di pere, quindi sigillare con una spirale di crema, cercando di ricoprire tutta la superficie del dolce.
  4. Cottura: 30/35 min. a 180°. Verso gli ultimi 10/15 min di cottura la copertura comincerà a gonfiarsi per poi brunirsi solo negli ultimi minuti. Una volta sfornata la copertura si abbasserà acquistando una forma più regolare. Per valutare la cottura della copertura vale la prova stecchino (tenete però conto che la composta sotto non si asciugherà!).
  5. Lasciar freddare il dolce prima di sformarlo (se necessario potete congelarlo e sformarlo al momento dell’utilizzo). Lucidare spennellando con confettura di albicocche e servire. Ottimo per una pausa te molto raffinata!

Crostata con composta di Pere Montersino

Variante: Se non volete preparare troppi impasti ma volete ugualmente provare questa composta, potete sempre optare per una crostata classica o dei bocconotti. Vi posso garantire che sarebbero altrettanto ottimi!!!

Crostata composta pere fetta

Partecipo con questa ricetta al contest L’ora del tea


Potrebbero interessarti anche:

Crostata con gelatine di frutta (L. Montersino)  torta pere cioccolato  accca

Torta di noci con le pere

Sottotitolo: mica ho capito se è venuta bene!!!

Avete presente quelle ricette che avete bisogno di rileggerle tre o quattro volte per capire o farvi un’idea del risultato finale o per rendervi meglio conto dei passaggi intermedi? Ecco questa è stata una di quelle ricette, riuscita bene nel complesso ma che mi ha lasciato il dubbio che qualcosa forse non l’avessi capita ben bene bene!!!

Vi riporto la ricetta tal quale  l’ho trovata ne La Cucina-CdS di Febbraio 2010 (con tra parentesi la voce del mio cervello) e anche la foto del risultato mio e di quello dello chef che l’ha preparata!!!

torta noci pere

Ingredienti:

  • 300g di pastafrolla (secondo la vostra ricetta)
  • 40g gherigli di noce
  • 3 pere (io 2)
  • 80g zucchero semolato (per cospargere)
  • 10g burro
  • 1/2 bustina di lievito (=due cucchiaini rasi)
  • zucchero a velo per decorare

Procedimento:

  • Sbucciare le pere, privarle del torsolo e tagliarle a fettine sottili. Tritare i gherigli di noce (se usate noci fresche sbollentatele 1 min. per togliere la pellicina che in questo caso è amara).
  • Incorporare alla pastafrolla i gherigli di noce (OK!), il lievito stemperato in un cucchiaio di acqua tiepida (Sorpresa io una cosa così non l’avevo mai fatta/letta, cmq quello che ho unito alla pasta frolla era un ammasso di bollicine!!Stralunato), e un quinto (uddiu! un quinto?!! io ci ho messo UNA pera!!!Imbarazzatoora mi spiego un po’ di cose, ma non tutte!) dicevamo un quinto delle fettine di pera tagliate a pezzettini amalgamando per bene.
    N.d.Cle: Vada per l’eccesso di pera! però già unendo il cucchiaio di acqua… comunque quello che ho ottenuto è stato un composto molle, che ho dovuto raccogliere a cucchiaiate per metterlo in tortiera, e non mi pare fosse la consistenza “giusta”… Pensieroso

Leggi altro

Tortine cioccolato e pere profumate alla vaniglia di Cle

torta pere cioccolato

Sono un’amante del cioccolato “puro”, raramente i vari accostamenti suggeriti con il cioccolato mi entusiasmano, però la tanto acclamata combinazione cioccolato e pere mi incuriosiva. L’errore che ho fatto fino ad ora nel rifiutare questo accostamento era di immaginare di accostare al cioccolato la pera cruda.

L’altro giorno ho provato una torta salata, devo dire mal riuscita, gorgonzola e noci, in cui avevo provato a mettere dei cubetti di pera. Ora: la torta gorgo e noci l’ho buttata, ma assaggiando comunque una fettina mi sono soffermata sul gusto della pera cotta e mi è balenata l’intuizione che con il cioccolato si sarebbe sposata alla grande.

Quindi mi sono messa alla ricerca di una ricetta da realizzare… ma… io con le torte al cioccolato sono parecchio problematica, le voglio umidose, morbide, … quelle che ho visto in giro per libri e blog mi sembravano sempre troppo secche, con troppi ingredienti, con troppi passaggi… Alla fine ho deciso di INVENTARLA! Ho improvvisato, insomma tutti questi anni a infornare ed impastare dolci devono pur esser serviti a qualcosa, e l’esperienza mi ha detto che l’aggiunta di yogurt avrebbe fatto al caso mio!

Ebbene ho creato un dolce divino, umido, morbido, dolce al punto giusto… Vi dico solo che il mio amour che non mangia frutta l’ha molto gradita! La mia torta di pere e cioccolato. Provatela e ditemi come vi sembra!

Ingredienti:

  • 120g cioccolato al latte (o fondente)
  • 1 vasetto di yogurt intero alla vaniglia
  • 1 vasetto di olio di semi di arachidi
  • 150g zucchero
  • 150g farina (oppure 100g farina, 50g farina di mandorle, la prossima volta la farò così)
  • 3 uova
  • 1 pera tagliata a cubetti (200g)
  • 2 cucchiaini di lievito vanigliato (8g)
  • Volendo si può aggiungere un pizzico di cannella, ma poco poco!

torta pere cioccolato

Procedimento:

  1. Sbattere le uova con lo zucchero, quindi aggiungere l’olio e lo yogurt.
  2. Fondere il cioccolato ed unirlo al composto, quindi unire la farina ed il lievito setacciati.
  3. Infine aggiungere le pere (potete scegliere di unirle tagliate a cubetti o a fettine creando dei decori circolari). Versare il composto in degli stampi da 12 cm (questa dose è sufficiente per circa 7/8 stampini) oppure in una tortiera di 24 cm.
  4. Cuocere a 160° per 25/30 min. Va bene anche in modalità ventilata l’importante e rimanere al di sotto dei 180° perché con il cioccolato il rischio di bruciacchiamenti è sempre dietro l’angolo. Per la torta intera dopo i 40/45 minuti procedete con la prova stecchino.
  5. Servire tiepida (secondo me è più buona!) o magari scaldatela in microonde qualche secondo. Edit: dopo averci fatto colazione stamattina dico che il gg dopo è superbuona anche fredda!! mammmmmma mia che bontà! Tenetela coperta, mi raccomando! Occhiolino

torta pere cioccolato

Buona buonissima, umidosa, morbida… golosisssssssima! Le foto non sono un granché ma la torta è una favola!


Potrebbero interessarti anche:

torta noci pere  torta pan di stelle di Cle  torta pesche

Crostata di ricotta e cioccolato (videoricetta)

Questa è una ricetta che mi segue in tutti i miei spostamenti da almeno 20 anni perché inserita nel mio ormai mitico quadernetto dove, a partire dalle scuole medie, diligentemente copiavo o incollavo le ricette che si trovavano dietro le confezioni del lievito Paneangeli o, come in questo caso, del cacao Perugina.

L’ho fatta e rifatta diverse volte, con minime varianti, ma non ero mai riuscita a farne una foto decente per il blog. Questa volta non solo la foto è sufficientemente carina ma vi ho fatto anche la videoricetta.

Spero vi piaccia (il video e la ricetta). Se la provate fatemi sapere cosa ne pensate!

Ingredienti per la crostata di ricotta e cioccolato

  • 400g ricotta
  • 70 g cioccolato fondente
  • 3 albumi
  • 2 cucchiai di zucchero a velo (nella ricetta originale non è previsto. Regolatevi con la dolcezza della ricotta ed il vostro gusto)
  • gocce di cioccolato (facoltativo)
  • 500g pasta frolla (potete usare la vostra ricetta preferita, io ho usato: 250g farina, 100g zucchero, 150g burro + olio di oliva, tre tuorli. Per la ricetta della pasta frolla vai qui.

Procedimento:

  1. Preriscaldare il forno e preparare la pasta frolla lavorando velocemente in una ciotola il burro con lo zucchero, i tuorli (tenendo le chiare da parte) e la farina (per fare prima, potete usare anche una base già pronta. In questo caso vi serviranno due rotoli di pasta frolla). Lasciarla riposare la frolla in frigorifero nel frattempo preparare il ripieno.
  2. Fondere il cioccolato. In una ciotola lavorare la ricotta con gli albumi e lo zucchero a velo.
  3. Mischiare il cioccolato fuso al composto di ricotta (per un effetto bicolore, potere unire il cioccolato a metà del composto di ricotta). Quidi aggiungere le gocce di cioccolato (facoltativo).
  4. Foderare con la pasta frolla il fondo ed i bordi di uno stampo tenendo da parte circa 1/3 della pasta. Riempire con il ripieno e chiudere con la pasta avanzata. Aiutatevi con la carta da forno come spiegato nel video per ricoprire interamente la teglia se la vostra frolla è troppo sbriciolosa (ad esempio se l’avete preparata con olio o margarina).
  5. COTTURA: 35/40 min a 180° (170° se ventilato)
  6. Guarnire con riccioli di cioccolato fondente o zucchero a velo. Ottima sia tiepida che fredda di frigo.

Se la ricetta ti è piaciuta, condividila con i tuoi amici e poi prova anche queste: