paccheri-gratinati-ricotta-e-salsiccia

Paccheri gratinati con ricotta e salsiccia (Videoricetta)

Oggi un bel primo piatto, con due condimenti in uno, entrambi buonissimi che insieme legano alla perfezione: Paccheri gratinati con ripieno di ricotta e ragù di salsiccia. Nonostante il passaggio in forno ed i due ripieni, il piatto si prepara in meno di mezz’ora, per cui non è molto impegnativo come potrebbero essere la gran parte dei primi al forno.

Per grigliare i paccheri ho utilizzato uno dei prodotti Tupperware che preferisco: il MicrogrillPro (lo vedete nel video), che mi consente di ottenere preparazioni grigliate e gratinate, paragonabili a quelle che potete ottenere nel forno tradizionale, utilizzando però il microonde, con notevole risparmio di tempo ed energia. Ma ovviamente potete procedere nella gratinatura nel forno normale.

Questi paccheri sono gratinati senza besciamella, per la gioia dei suoi detrattori (e io non sono tra quelli! io sono abbastanza “retrò” sul tema besciamella, e la considero ancora uno dei fondamentali in cucina!).

Ma bando alle ciance e passiamo alla ricetta, che magari vorrete già sperimentare questo weekend!

Ingredienti: (per circa 4 porzioni)

  • 350g paccheri
  • una latta di pelati
  • 150g salsiccia
  • pancetta a cubetti affumicata (facoltativa)
  • 1/2 bicchiere vino
  • aglio, cipolla, olio, sale, q.b.
    Per il ripieno di ricotta
  • 300g ricotta
  • 100g provola affumicata tagliata a cubetti
  • 3 cucchiai parmigiano
  • 1 uovo
  • prezzemolo

Procedimento

  1. Cuocere i paccheri al dente, scolateli conditeli con un filo di olio per non farli attaccare e mettete da parte.
  2. Mentre i paccheri cuociono, preparare un soffritto con olio, cipolla, aglio, salsiccia e pancetta. Sfumare con il vino quindi aggiungere i pelati, aggiustare di sale e lasciar restringere.
  3. Preparare il ripieno di ricotta mescolando in una ciotola la ricotta con il parmigiano, l’uovo ed il prezzemolo. In ultimo aggiungete la provola tagliata a dadini piccoli. Trasferite il composto in un sac a poche.
  4. Stendete un velo di ragù su una pirofila da forno (o su Microglirll pro). adagiatevi sopra i paccheri e farciteli con la crema ai formaggi.
    Ricoprite con il restante ragù ed una generosa spolverata di parmigiano.
  5. Se usate il forno tradizionale, passate sotto il grill del forno per 15 min. Se usate il Microgrill Pro, posizionate il coperchio in posizione “alta” e mettete in microonde per 10/15 min.
Paccheri-ricotta-salsiccia

Se questa ricetta ti è piaciuta, condividila con gli amici, poi prova anche…

Pomodori-ripieni-di-farro

Pomodori ripieni di farro

(English version in the first comment below)

Se mi seguite su Instagram (e vi invito a farlo, @wondercle) avete notato che mi sono rimessa ai fornelli, complici le ferie ma soprattutto una estate non troppo calda in cui non si soffre più di tanto a tenere accesi fuochi e forno!

Una delle delizie preparate in questi giorni è stata questa insalata di farro (ormai onnipresente nei miei menù settimanali) ai peperoni e servita nei pomodori. A piacere i pomodori così ripieni possono essere ripassati in forno oppure mangiati tal quali ( o ancora, i pomodori potete semplicemente tagliarli ed aggiungerli all’insalata se non volete usarli come contenitore!)

E’ ottima a tutte le temperature, per cui ve la consiglio per i vostri lunchbox se pranzate in ufficio, oppure come alternativa alla insalata di riso per le vostre giornate al mare. é una idea carina anche in un buffet estivo.

Se la volete rendere la ricetta vegetariana, basterà eliminare il tonno. Per una versione vegana, cuocete il farro in acqua invece che nel latte.

Ingredienti per 4 porzioni

  • 250g farro
  • 1/2 litro di latte (facoltativo) allungato con un po’ di acqua
  • un cucchiaiono di sale
  • 1 peperone
  • erba cipollina e basilico
  • 100g di tonno in scatola (facoltativo)
  • una manciata di capperi e/o olive nere
  • 4 cucchiai di olio di oliva fruttato
  • 8 pomodori tondi grossi

Procedimento:

  1. Cuocete il farro con il latte, facendo attenzione a girarlo spesso, specie negli ultimi minuti di cottura perché potrebbe attaccarsi al fondo della pentola. Il farro dovrà rimanere un po’ al dente così assorbirà l’acqua dei pomodori una volta condito. Per risparmiare tempo usare farro cotto al vapore.
  2. Mentre il farro cuoce, sistemate un cestello per la cottura a vapore e sistemateci dentro il peperone.
  3. Tagliate la calotta dei pomodori e svuotateli con un cucchiaio, conservando l’interno in una ciotola. Salate l’interno dei pomodori e sistemmateli capovolti sul tagliere in modo che perdano un po’ di acqua di vegetazione.
  4. Scolate il farro al dente (così potrà assorbire l’acqua dei pomodori) e condite il tutto con il peperone spellato e tagliato a dadini, ed il resto degli ingredienti.
  5. Coprite e lasciate riposare una trentina di minuti. Quindi versate il farro nei pomodori, lucidare con un filino di olio e guarnire con del basilico fresco.

A

piacere potete ripassare i pomodori sotto il grill del forno per 15 min circa.

Insalata-di-farro-pomidori-e-feta

Tre idee con il pesto

… di cui una ispirata al nostro bel tricolore che in tavola è sempre una garanzia (sia come tradizione culinaria, che come accostamento di colori)! Buona Festa della Repubblica, amici!

Mi piacciono questi posti “multi-ricetta”, da un lato sono molto utili per voi lettori che magari cercate idee per come utilizzare in maniera diversa gli ingredienti che più spesso capita di avere in frigo. Ma sono molto utili anche per me, consentendomi di “smaltire” ricette in attesa di essere postate da diverso tempo e anche ripescare tra i vecchi post qualcosa di interessante che magari può essere sfuggito ai nuovi followers!

Fatemi sapere nei commenti quale ingrediente vorreste fosse il protagonista di un post multiricetta, e sopratutto, voi come usate il pesto in cucina!

Via con le ricette, due vegetariane e una onnivora, due al forno e una freschissima e velocissima da preparare!

Prima ricetta (vegetariana e veloce): Farro al Pesto con Pomodorini e Feta

Immagine

Ingredienti per due porzioni

  • 120g farro
  • 2 cucchiai di pesto
  • 80g feta
  • 100g pomodorini
  • sale, olio e pepe q.b.
  • erbe fresche per decorare
  • (facoltativo) aglio

La ricetta è tutta lì! Lessate il farro e nel frattempo tagliate i pomodorini a pezzetti e la feta a cubetti. Condire i pomodori come più preferite. Quando il farro è cotto, scolatelo per bene e conditelo con il pesto. Aggiungete i pomodorini e la feta, decorate con le erbette et voilà: semplicissimo e supergustoso. Io lo preferisco dopo qualche ora di riposo, per cui sono solita prepararlo in anticipo (es. la mattina o la sera prima). Ottimo per una gustosissima e fresca pausa pranzo in ufficio. Servito in bicchierini fa anche una bella figura in un buffet estivo!


Seconda ricetta (vegetariana al forno): Lasagne al pesto

Con questa ricetta peschiamo negli albori di questo blog il che non solo mi ricorda che è passato troppo tempo dall’ultima volta che ho preparato queste lasagne, ma che presto questo blog compirà la bellezza di 8 anni (mentre io da poco ho festeggiato il mio 10 anniversario con WordPress in generale!). Clicca sulla foto per aprire la ricetta.

1492611701011

Questa ricetta ha un solo problema: non è fotogenica (come raramente lo sono le lasagne una volta tirate fuori dalla teglia). La foto l’ho presa in prestito dal sito del Cucchiaio d’Argento, dove comunque potete anche prendere nota di un’altra versione di questa ricetta.


Terza ricetta (al forno, per i più golosi): Terrina di Pollo al Pesto

Ecco un altro modo alternativo di usare il pesto ed il pollo. Devo dire che l’accoppiata l’ho molto gradita.

pollo al pesto

Ingredienti per 4 persone:

  • 400g petto dipollo
  • un vasetto di pesto (fatto da voi o del supermercato)
  • 200g pancetta
  • 1 albume
  • olive taggiasche denocciolate (facoltative)
  • olio evo, sale e pepe q.b.

Procedimento:

  1. Sciacquate il petto di pollo e tagliatelo a listarelle. Trasferitelo in una ciotola e conditelo per bene con il pesto. unire quindi l’albume e le olive.
  2. Foderare uno stampo da plum cake con carta da forno quindi formare uno strato con la pancetta. Farcire con il pollo e pressare per bene. Coprire con la restante pancetta.
  3. Trasferire lo stampo da plum cake in una teglia più grande in cui avete versato acqua bollente. Cuocete in forno a bagno maria a 140° per circa 50 minuti.
  4. Sfornate e lasciate raffreddare. Trasferite sul piatto da portata e servite tagliato a fette.

Questo slideshow richiede JavaScript.

gnocchi-di-semolino

Gnocchi di semolino di Cle

(English Version in the first comment below)

Laprima volta che ho provato gli gnocchi di semolino non sono stata particolarmente entusiasta né colpita. Non li avevo mai assaggiati ed il risultato deludente li aveva fatti uscire dal mio radar sino a che non ho assaggiato quelli di mia suocera (nello specifico quella volta, secondo la ricetta di Montersino) ed ho scoperto una immensa goduria e prelibatezza. Tuttavia seguendo la ricetta di Montersino gli gnocchi vengono, secondo me, un po’ troppo molli, seppur buonissimi. Ho provato ancora un paio di volte ma senza ottenere un risultato per me convincente, sino a qualche giorno fa in cui credo di avere messo a punto la ricetta perfetta almeno per me!

Complice della buona riuscita dell’esperimento la mia fidata aiutante in cucina: la necessità di usare e smaltire quel che c’è!

Come tutte le ricette in cui si utilizzano pochi e semplici ingredienti, è di estrema importanza scegliere accuratamente la materia prima. La ricetta è tutta lì!

Ingredienti per 4/6 porzioni:

  • 250g di semolino
  • 500g latte intero fresco (solo latte, non diluite con acqua, non usate latte parzialmente scremato)
  • 2 tuorli (oppure un uovo intero)
  • un cucchiaino raso di sale
  • un pizzico di noce moscata
  • 40g + 50g di burro
  • 80g di parmigiano e pecorino romano mischiati (oppure solo parmigiano, ma con il pecorino date una bella caratterizzazione di sapore)
    per gratinare
  • 80g burro fuso
  • due generose manciate di parmigiano
  • olio evo

IMG_20180218_121916.jpg

Procedimento:

Continua a leggere…

Sua maestà: la parmigiana di melanzane (Her Majesty Aubergine, tomato & Parmesan bake)

In ogni paese d’Italia, oltre alla Piazza Milite Ignoto e Via Roma dovrebbe esserci Viale Melanzane alla Parmigiana ed un monumento al suo inventore.
E’ semplicemente un bene nazionale. Servita in tutte le regioni d’Italia come antipasto, primo, secondo merenda anche (proverbiale la “spasa di melanzane” portata al mare nel Sud Italia!). Un piatto che mette d’accordo persino vegetariani e quelli che invece hanno detto SI al colesterolo!
Una divinità da onorare. Sulle tavole del profeta della Parmigiana ci sono tre comandamenti fondamentali:

Primo: Non nominare la Parmigiana invano [attribuendo questo nome a roba che parmigiana non è]!

Secondo: Non avrai altra parmigiana di fuori di quella con le melanzane fritte [per la dieta c’è sempre tempo]

Terzo: Ricordati di prepararne in abbondanza! [così che sarà sempre giorno di festa!]

Certo… ogni tanto si pecca… si pensa alle varianti, alle versioni light addirittura, a metterci il galbanino invece della mozzarella, a metterci la scamorza affumicata, a non mettere il basilic… (no: questa è eresia!).
C’è una sola via per la redenzione: fare ammenda, riconoscere le proprie colpe e masticare in mistica osservanza un’ostia (ma anche qualcuna di più) di melanzana fritta sacrificando sul tagliere della devozione una grossa melanzana che diventerà una bella, buona, succosa, profumata ed invitante Parmigiana.

parmigiana (1)

In Italy this id not a dish: this is a Goddess! It is a must do and you have to do it in the right way. And all the time you might want to try a ligh version or to use not the mozzarella or to not use the basil (oh… too much!) you have to kneel, beg Her pardon, and do it the right way as soon as possible.

Questo weekend ho preparato per la prima volta a casa mia (Perdonami, oh somma Parmigiana) la parmigiana di melanzane. Ero tentata di farla nella variante di mia nonna (con in mezzo le fettine di prosciutto), o light (con le melanzane grigliate invece che fritte), o in una versione più coreografica blog… ma poi fedele ai dettami di cui sopra sono tornata sulla retta via ed ho onorato Sua Magnificenza nella maniera più tradizionale possibile.
La ricetta la conoscono tutti, che pare inutile darla. Ma così come le preghiere non cambiano da anni, anche la ricetta della Parmigiana va decantata immutata nel tempo, soffermandosi su passaggi più importanti che assicurano di arrivare alla beatitudine ad ogni boccone.

In Italy everyone knows the recipe, but this not means you will do it in the right way. So… here is my family recipe and the hint to have the best parmigiana ever!

Ingredienti per 4 persone (ma solitamente si chiede il bis, quindi raddoppiate pure!) – Ingredients for 4 servings (but everyone will ask the bis!)

3 grosse melanzane big aubergine
250g mozzarella fiordilatte mozzarella
50g parmigiano grattugiato grated parmesan
1 barattolo di pelati canned peeled tomatoes
1 bottiglia di passata di pomodoro tomato purè
1 mazzetto di basilico basil
2 uova eggs
q.b. farina all purpose flour
q.b. olio evo extra virgin olive oil
1 spicchio d’aglio garlic clove

Procedimento e Accorgimenti – Directions

1. Tagliare le melanzane a fette di circa un centimetro. Disporle in un colapasta alternandole con delle manciate di sale grosso. Ponete un piatto sopra con un peso e lasciate perdere l’acqua di vegetazione per almeno un’ora.
Questo passaggio è fondamentale. Non fatevi prendere dalla pigrizia, il gusto e la consistenza finale vi ripagherà.
Cut the aubergine in 1 cm slices. Put in a colander and sprinkle with rock salt. Let them rest for 1 hour so the slices will loose some water. This step is very important for your Parmigiana to taste good and have the right consistency once cooked.
2. Mentre le melanzane perdono la loro acqua, preparate il sugo di pomodoro profumato all’aglio e tanto basilico.
Accorgimenti: fatelo restringere, seve essere bello denso, non acquoso. Negli ultimi minuti alzate un po’ il fuoco. Non salatelo troppo perché in forno andrà a restringersi ulteriormente.
In the meantime prepare the tomato sauce with olive oil, garlic and basil. Do not add too much salt.
Cook until you obtain a thick sauce
.
3. Tagliate la mozzarella a fette di mezzo centimetro e tamponatela per bene con della carta da cucina.
Anche questo passaggio è importante per evitare che in cottura la mozzarella rilasci troppa acqua. Potete utilizzare della scamorza, ma certamente il gusto migliore lo ottenete usando la mozzarella fiordilatte.
Cut the mozzarella in 5mm slices. Dry them with a napkin.
This is most important too, t have not too much water in your pan after baking.
4. Sciacquare le fette di melanzana e tamponarle. Scaldare l’olio. Infarinare le fette di melanzana poi passarle nell’uovo sbattuto e friggerle.Per organizzarvi meglio portatevi la scodella con l’uovo sbattuto vicino alla padella con l’olio, e passate le fette di melanzana nell’uovo prima di immergerle nell’olio poche per volta (vedi foto). Rinse out the aubergine slices. Dust with flour then dunk in the beated eggs and fry.
Be sure the oil is at the right tempeature. If not the aubergine will become a sponge and absorb a lot of oil.
Prior to add any salt, taste them: likely the slices absorbed some salt yet.

IMG_2083

Importante: l’olio deve essere alla giusta temperatura. Verificate con uno stecchino di legno che sia pronto: immergete lo stecchino, se salgono delle bollicine potete cominciare a friggere. Se buttate le fette di melanzana troppo preste queste assorbiranno l’olio come spugne.
Occhio al sale: prima di salare le fette di melanzana fritte assaggiatene una: potrebbe non essere necessario salarle, in quanto potrebbero aver assorbito già il sale dalla “depurazione” precedente.
5. Ora stratificare: sporcare il fondo di una teglia con del sugo di pomodoro, adagiarci sopra le fette di melanzana fritte formando uno strato uniforme. Cospargere con la mozzarella, il parmigiano e qualche foglia di basilico. Now, layer! In a pan alternate tomato sauce, fried aubergine slices, mozzarella and parmesan. Again: tomato sauce, aubergine, mozzarella and parmesan… and so on.
6. Terminare con un generoso strato di sugo di pomodoro e basilico.
Infornare a 180/200° per circa 30 min. fino a che l superficie si sarà leggermente scurita.
Servire tiepida. Può essere congelata. Il giorno dopo è anche meglio!
Finish with the tomato sauce, basil leaves and bake at 350°F for 30 min or until ligtly browned.
Serve at room temperature. The day after is even better. It can be frozen.

parmigiana (2)


Potrebbero interessarti anche

Crumble di Melanzane (Vegetariano) Pasta melanzane e mozzarella Lasagna al pomodoro melanzanenostromo1.jpg

Lasagne al pomodoro (per le giornate di pioggia in estate) – Rainy Summer Days Lasagna

Avete mai provato le lasagne al pomodoro fresco? Niente ragù, niente carne, solo un bel sugo profumato al basilico, mozzarella e… besciamella! Sarà fuori moda la besciamella ma a me piace da morire! Vi stupirà la semplice bontà e il non averci pensato prima, magari nella convinzione (sbagliata, che avevo anche io) che un sugo “semplice” fosse quasi “sprecato” in una lasagna! Niente di più falso!
Questo piatto è l’ideale da preparare soprattutto in estate, quando piove e l’aria è più fresca, quei giorni in cui non potete andare al mare ma si può accendere il forno senza troppo soffrire. Il sole non vi mancherà affatto perché lo sentirete esplodere nel gusto del pomodoro fresco e del basilico. Provare per credere! E poi è facile, si prepara in 5 secondi!!!
Did you ever taste a lasagna with a fresh tomato and mozzarella dressing? No meat, no ragù! If not you have to try it. It is simply delicious in its semplicity and you will belove it wondering why didn’t you think about that before!
I think this is the perfect main dish for rainy summer days, when the sun is missing and the air fresh so you might light on the oven without problems! You will miss no more the sun: you will feel it in your dish, in your mouth! And… It is really easy to prepare!

photo

Questa ricetta è anche una ottima soluzione per quelle volte che avete ospiti a pranzo mentre voi siete a dieta! Potrete o servire a tutti questa delizia (e vi chiederanno il bis) oppure preparare delle porzioni da “lady” a parte che non daranno molto nell’occhio e vi faranno evitare indiscrete domande sulla dieta nonché esortazioni a lasciar stare!!! ;D
Also this is a good choice if you are on a diet and you have some guest for dinner: no one will note that you prepared something “light” and you can stick with your diet plan better!!!

 

  Ingredienti per 4 persone Ingredients for 4 servings
250g Lasagne Fres or dried Lasagna
500g Pomodori maturi da sugo Fresh red tomatoes
250g Mozzarella Mozzarella cheese
1/2 lit. Besciamella Bechamel
q.b. Parmigiano grattugiato Grated parmesan cheese
q.b. Olio evo Extra virgin olive oil to taste
q.b. sale e pepe Salt and pepper to taste
q.b. Basilico Basil
q.b. Aglio o Cipolla Garlic or Onion for the tomato sauce

 

  Procedimento Directions
1 Preparare la besciamella seguendo la vostra solita ricetta (trovate la mia qui) a meno che non vogliate utilizzare quella già pronta. Prepare the bechamelle sauce following your recipe or mine here. You can also use ready made one.
2 Privare i pomodori della buccia e dei semi e preparare un sugo al pomodoro fresco profumato con basilico (utilizzate aglio o cipolla secondo il vostro gusto). Se necessario passare al passaverdure o con il minipimer per omogeneizzare il tutto. Cleanse the tomatoes, peel them and remove the seeds and prepare a tomato sauce with basil and garlic or onion, as you like it! If needed blend it and omogenize it.
3 Stendere sul fondo di una teglia un velo di besciamella. Stratificare la lasagna distribuendo sopra ogni sfoglia di pasta del sugo al pomodoro, la mozzarella sfilacciata, una generosa manciata di parmigiano,  qualche foglia di basilico e qualche cucchiaio di besciamella, fino ad esaurimento degli ingredienti. Layer the lasagna: spread some bechamel (no more than a cup) on the base of a dish. Cover with sheets of lasagna, without overlapping them. Cover these with the tomato souce, some dried mozzarella, and basil leaves.  Next add a few tablespoons of béchamel sauce along with some parmesan,,
4 Spalmare sull’ultimo strato la besciamella rimasta e l’eventuale salsa di pomodoro eccedente. A piacere decorare con delle fettine di pomodoro e foglioline di basilico, cospargere leggermente di parmigiano per aiutare la gratinatura. Continue in this way until all the ingredients are used up. The top layer: Cover with the remaining béchamel and tomato souce (if there is any left). Sprinkle with parmesan and decorate with tomato slices.

photo_3

5 Infornare a 180° sino a che non è ben dorata in superficie (o cmq secondo indicazioni di cottura della lasagna prescelta).
Le lasagne devono leggermente imbrunirsi in superficie, se si scuriscono troppo copritele con un foglio di alluminio. Lasciar riposare 15 min prima di servire. Può essere congelata da cotta.
Bake at 350°F for the time indicated on the lasagna packet.
The top of the lasagna should be lightly brown. If it is browning too quickly during cooking then cover the top of the dish with foil. Once cooked, let the lasagna rest for around 15 minutes prior to serving. Any leftovers can be frozen.

photo

Varianti: Volendo potete sostituire in tutto o in parte la besciamella con stracciatella. Va bene anche utilizzare eventuale crema pasticcera salata che vi è avanzata. Se la volete più calorica aggiungete delle uova sode, ma state pur certi che vi piacerà moltissimo anche così!

Potrebbero interessarti anche (see also)

lasagne-fum-alle-zucchine.jpg pasta melanzane mozzarella Pomodori farciti al forno

Lasagne fumè alle zucchine (Zucchini smoked lasagna)

Quando si hanno ospiti a pranzo o a cena un primo al forno offre diversi vantaggi, soprattutto se ricevete in cucina: niente pasta da scolare e condire, niente attese… solo una teglia in forno che può essere preparata anche con un’ora di anticipo e tenuta in caldo nel forno stesso. Ma ovviamente non potete proporre ai vostri ospiti o alla vostra famiglia sempre la “solita” (ma buonissimissima) lasagna alla bolognese (la mia la trovate qui), soprattutto in estate o se non avete tempo a sufficienza per preparare anche il ragù. Quindi oggi vi propongo una lasagna bianca alle zucchine a cui potrete aggiungere volta a volta altri ingredienti, in base ai vostri gusti e a quello che c’è da consumare in frigo. (When you have some guests at dinner the best choice is to serve something cooked in the owen, expecially when you have not a lot of space or you do not want to drain the pasta and dress it while the people are in another room without you! Also the lasagna can be made an hour in advance and kept warm in the lighted off oven. If you already tried and served the lasagna alla bolognese (mine is here) you have to try this white, creamy, delicious one, and you can add the ingredients you prefer or that you have in the fridge.)


Questa volta ho aggiunto un tocco di affumicato con scamorza e speck, ma anche del salmone o dei gamberetti sarebbero stati ottimi. La ricetta è frutto di una parziale modifica e rielaborazione di una trovata sul volumetto dedicato a Lasagne e Cannelloni, della collana “I colori della Cucina” di Alice Cucina Magazine. Adoro questi libricini, sono delle pratiche raccolte con all’interno ricette tutte validissime. Se li vedete in giro acquistateli pure, magari sulla App I libri di Alice per iPad (con notevole risparmio di spesa!). (I decided to add to this zucchini lasagna some smoked flavours, like the “smoked scamorza” which is a “dried, smoked mozzarella cheese”, and some speck, which is a smoked raw ham, tipical of north Italy. But also some salmon or shrimp shall be good with the zucchini and the smoked flavour.

Ingredienti per 6/8 persone– Ingredients for 6/8 servings:

  • 300g lasagne fresche –lasagna
  • 5 zucchine –zucchini
  • 200g scamorza affumicata –dried smoked mozzarella
  • 150g speck –speck
  • 700ml besciamellabechamel
  • 100g parmigiano grattugiato –grated parmesan
  • 1 spicchio di aglio –garlic clove
  • q.b. maggiorana –marjoram
  • q.b. olio evo –extra virgin olive oil
  • q.b. sale e pepe-salt and pepper

 

Procedimento – Method

  • Preparate la besciamella secondo la vostra ricetta oppure seguite la mia  che trovate qui.
  • Lavate e spuntate le zucchine. Tagliatele a rondelle sottili e cuocetele per 5 min. in una padella con un filo d’olio, uno spicchio di aglio , maggiorana sale e pepe.
  • Tagliate a fettine sottili la scamorza e lo speck a sfilacci speck.
  • Cospargete con un velo di besciamella il fondo di una teglia, adagiatevi sopra le sfoglie di lasagna, distribuire una parte delle zucchine, scamorza, speck, una spolverata di parmigiano e qualche cucchiaio di besciamella.
  • I suggest you to prepare the bechamell by your own, you can use my recipe here.
  • Cleanse the zucchini and cut in slices. Cook in a pan for 5 min. with 2 tbs olive oil, 1 garlic clove ans a pinch of marjoram, salt and pepper.
  • Cut in slices also the smoked dried mozzarella and chop the speck.
  • Spread some bechamel (no more than a cup) on the base of a dish. Cover with sheets of lasagna, without overlapping them. Cover these with the zucchini, some dried mozzarella, speck. Next add a few tablespoons of béchamel sauce along with some parmesan,


  • Proseguire sino ad esaurimento degli ingredienti. Coprire lo strato superiore con un abbondante strato di besciamella, facendo attenzione a coprire per bene soprattutto i bordi. Spargere sulla superficie qualche rondella di zucchina, spolverare di parmigiano e
  • Cover with sheets of lasagna. Continue in this way until all the ingredients are used up. The top layer: Cover with the remaining béchamel and zucchini (if there is any left). Sprinkle with parmesan.


  • Infornare a 180° per i minuti di cottura richiesti dalle lasagne utilizzate (circa 12 per lasagne fresche, 20 per quelle secche). Le lasagne devono leggermente imbrunirsi in superficie, se si scuriscono troppo copritele con un foglio di alluminio. Lasciar riposare 15 min prima di servire. Può essere congelata da cotta.
  • Bake at 350°F for the time indicated on the lasagna packet. This is usually around 20 minutes for dried lasagna, fresh lasagna normally takes around 12 minutes. The top of the lasagna should be lightly brown. If it is browning too quickly during cooking then cover the top of the dish with foil. Once cooked, let the lasagna rest for around 15 minutes prior to serving. Any leftovers can be frozen.

Sono cremosissime e molto gustose! Ideali anche per l’estate. Tutti chiederanno il bis!



Se ti è piaciuta questa ricetta potrebbe interessarti anche (See also)

  

Altre ricette con le zucchinecon le lasagneprimi

Lasagne al Forno… e una novità!

Come avete trascorso il finesettimana, amici? Scommetto che tanti di voi hanno mangiato la lasagna al forno! Ed è proprio di questo grande classico della domenica che parliamo oggi! Lo so già che la vostra preferita è quella di vostra madre/nonna/zia o proprio la vostra. Ma nel caso in cui nessuno ancora vi abbia insegnato come farla o volete provare la mia ricetta eccomi ad accontentarvi! Naturalmente aspetto di conoscere anche la vostra versione o il vostro piccolo segreto! 😉
How was your weekend, my friends? Likely someone of you ate Lasagna last sunday, isn’t it? And today we will speak about that, the Queen on Sunday! Maybe your favourite lasagna is your mother/aunt one and likely they tought you how to prepare it. However here is my recipe, in case you didn’t have one yet or you just want to try another one. Of course I look forword to hear from you about your one!!!

La novità riguarda una mia nuova collaborazione: d’ora in poi scriverò le mie ricette anche per un sito inglese di cultura italiana (Understanding Italy) e la prima ricetta che ho voluto scrivere per loro è proprio quella della lasagna al forno: dopo aver letto in alcuni libri inglesi una ricetta che prevedeva l’uso delle sottilette mi sono sentita in dovere di correre in soccorso degli amici anglofoni con qualcosa che fosse più veritiero all’Italian Style!
But I have also a news expecially for english readers! I started a collaboration with Understanding Italy, a website that deal with Italian culture. From now on I will write some recipe also for their website and the Lasagna al forno is the first one! I hope you will enjoy it! You can find it at that webpage.

lasagna al forno

Si sa che ogni madre di famiglia ha la sua ricetta, la sua personalizzazione, la sua piccola eresia rispetto al copione che rende il piatto unico ed irripetibile, per questo non ho osato chiamarla “lasagna alla bolognese”. Oltretutto, più ci si sposta a sud, più la lasagna viene arricchita di formaggi, salumi, calorie… La versione che vi propongo è la mia preferita, sostanziosa e golosa ma non “esagerata” (almeno… non troppo!!!), addizionata di mozzarella e uova sode.

Ingredienti: (For ingredients and directions please click here)

  • 1/2 lit. besciamella (potete seguire questa ricetta)
  • 250g lasagne all’uovo (fresche o secche come preferite)
  • 150g mozzarella fiordilatte
  • 3 uova sode (facoltative)
    per il ragù
  • 400 g macinato di misto (manzo e maiale)
  • 80 g concentrato di pomodoro
  • 1 carota
  • 1 cipollae
  • 1 costa di sedano
  • brodo o acqua q.b.
  • 1 bicchiere di vino rosso
  • olio evo e burro q.b.
  • sale e pepe q.b.

Procedimento

Continua a leggere…