Pollo cremoso ai peperoni (Creamy cheesey chicken with bell peppers)

(English version here, on Laura’s blog)

L’ho detto tante volte: la mia mission per questo blog è quello di farvi venire voglia di provare una ricetta il giorno dopo averla letta qui! E’ quello che accade a me con i blog di cucina che seguo (e onestamente seguo solo quelli! diciamo che ho fatto un po’ di decluttering su quelli che non mi danno questa spinta!). In particolare, ultimamente sono in fissa con Laura in the Kitchen: non solo mi viene voglia di provare le sue ricette! Le rifaccio appena possibile! Questo pollo ai peperoni lo dovete provare, tanto più che si prepara in appena 30 minuti. Il sughino che otterrete è ottimo anche per condirci della pasta o del riso o molto più semplicemente per farci una bella scarpetta. Scommetto che in casa avete già tutti gli ingredienti! Ingredienti per 4 persone

  • 500g petto di pollo (a fettine o a bocconcini)
  • 1 peperone tagliato a fette
  • 1 cipolla affettata sottilmente
  •  2 spicchi di aglio (io non li ho messi)
  •  origano
  • capperi (io non li ho aggiunti)
  • salsa di pomodoro (o sugo al pomodoro avanzato da altre preparazioni)
  • brodo di pollo (o dado vegetale)
  •  150g di philadelphia
  • 3 cucchiai di parigiano grattugiato fresco (io ho usato Gran Biraghi)
  • olio q.b.
  • sale q.b. (io non ne ho aggiunto ed era molto sapido per via del dado fatto in casa)
  • origano fresco o prezzemolo fresco per guarnire e servire

Procedimento:

  1. In una padella con bordi abbastanza alti, rosolare con un filo d’olio il filetto di pollo. Condite con un po’ di origano e mettere da parte.
  2. Nella stessa padella, rosolare anche i peperoni e le cipolle. Nel frattempo stemperare un po’ di brodo (o dado) nella salsa di pomodoro (o sugo al pomodoro avanzato), condite con origano e capperi e un po’ di aglio (facoltativi).
  3. Versate la salsa di pomodoro ottenuta sulle verdure con il fuoco ancora acceso. Unite anche il philadelphia e amalgamatelo alla salsa. Infine rimettere nella salsa ottenuta il petto di pollo tenuto da parte e cuocere per circa 10 minuti per far insaporire il tutto.
  4. A fuoco spento aggiungere due generose manciate di parmigiano grattugiato fresco. Vi prego: non saltate questo passaggio perché conferisce al tutto una carica di sapore che vi farà leccare il fondo del piatto. Ve lo garantisco.

Come detto sopra potete accompagnare il pollo con del riso o delle fettuccine che potrete benissimo condire con la deliziosa salsa ottenuta. In estate potete preparare questo piatto la mattina o la sera prima, e consumarlo anche freddo di frigo al ritorno dal mare. In alternativa al philadelphia potete usare della panna (anche vegetale). In questo caso vi consiglio però di infarinare il petto di pollo, per favorire l’addensarsi della salsa. Provatelo e ditemi!

Annunci

Straccetti di pollo alla melagrana.

Il Pollo è onnipresente nella nostra spesa settimanale e, probabilmente, quella degli straccetti di pollo è una delle preparazioni che più si prestano alla personalizzazione per incontrare il gusto di grandi e piccini. In rete poi si trova di tutto: dalle varianti esotiche a quelle raffinate, passando per quelle che preferisco: “le svuotafrigo”.
Così è nata questa ricetta: da questa versione base degli straccetti di pollo e da un pungo di ingredienti da smaltire rimasti in frigo.

Ve la propongo un po’ in ritardo rispetto al “Mese del pollo” già passato, in attesa di dedicarci a nuovi temi! 🙂

scaloppine

Ingredienti per 4 persone

500g petto di pollo a fettine
1 melagrana
25g Burro oppure olio di oliva
q.b. farina 00
q.b. salsa di soia (facoltativa)

 

Procedimento:

1. Tagliare in rombi le fettine di pollo ed infarinarle.
Tagliare a metà la melagrana e spremerne il succo utilizzando uno spremiagrumi.
2. Rosolare gli straccetti di pollo in una padella con poco olio. Salare leggermente (specie se si usa poi la salsa di soia).
3. Quando il pollo è ben cotto e rosolato, aggiungere il succo della melagrana e lasciar restringere il sughetto a fiamma viva.
4. Servire con un filo di salsa di soia e lattuga.

 

02_cNote e Suggerimenti: Senza salsa di soia le scaloppine sono tendenti al dolce, hanno un sapore “rosa” se me lo concedete, per alcuni magari “troppo delicato”. A me sono piaciute molto anche così, ma  con la salsa di soia acquistano sicuramente una marcia in più che consiglio vivamente di sperimentare.
– Tiepide sono decisamente più buone.
– Potete sostituire la salsa di soia con dell’aceto balsamico (non la glassa, aggiungereste dolce al dolce).

Pollo marinato piccante di Csaba

Prima che rintocchi la mezzanotte e questo mese del Pollo finisca, faccio ancora in tempo a segnalarvi un ultima ricetta. Ancora un pollo marinato! Questa volta in versione piccante. Fonte della ricetta, Csaba della Zorza, che lo propone per un pic-nic (in effetti gustato a temperatura ambiente o leggermente tiepido da il meglio di sé). Io l’ho servitori spesso anche con il cous cous di verdure o semplicemente da accompagnare con riso o insalata.

Molto molto buono!

Vi lascio direttamente il link alla ricetta e video ricetta di Csaba della Zorza, con cui, devo dire, ho un rapporto ambiguo. Da un lato io non costituisco il target specifico dei libri di Csaba (mi immagino lo siano donne dell’alta società che non sono perfettamente a proprio agio in cucina, quanto, invece, in un bel salotto, possibilmente con cameriera!), dall’altro di tanto in tanto, tra una imprecisione ed una iperbole, mi incanto a guardare i suoi video un po’ come ci si può incantare a guardare una fotografia di un posto esotico e lontano! Solo che quella con l’anello al naso sono io! XD

Spero la ricetta vi piaccia e che soprattutto abbiate gradito questa full immersion nel pollo!

Ora possiamo dedicarci ai regali golosi e menù delle feste!

Un abbraccio e a presto.