Mousse di cime di rapa stufate e… tre milioni di grazie!

7 mesi passati in un soffio, una bimba in pancia e altre 500.000 visite sul blog che mi hanno portata a superare i 3 milioni di visite! GRAZIE!

E la cosa mi rende ancora più orgogliosa se penso che ormai le ricerche di ricette su motori di ricerca sono diventate davvero una corsa ad ostacoli. Centinaia di aggregatori di ricette che apparentemente ti semplificano la ricerca ma in realtà fanno scivolare inesorabilmente fuori dalle prime pagine i risultati diretti ai nostri blog. Sono contenta che la mia scelta di non “aggregarmi” a nessuno di questi siti (almeno quelli su cui si finisce su base volontaria) non mi stia penalizzando, sinceramente. Non mi va di far arricchire questi siti (ok non pagate nulla, ma loro guadagnano con le visite) con la mia “fatica”, non mi va di perdere il contatto diretto con i blog fidati. Quando cerco una ricetta in rete mi dirigo innanzi tutto verso risultati di blog già conosciuti (se possibile), di altre blogger della cui esperienza mi fido (ma naturalmente mi piace anche scoprirne sempre di nuovi). Gli aggregatori ci privano di questo rapporto, spesso confondendo sulla provenienza delle ricette utenti poco esperte. Io vado ormai direttamente a “pag. 2” dei risultati delle ricerche su google, dove gli aggregatori non compaiono, e porto avanti la mia personale campagna contro questi strumenti che la visibilità la tolgono invece che darla!

Chiusa la piccola parentesi invettiva e ancor più felice di questo traguardo e naturalmente della vostra crescente fedeltà, voglio celebrare questi 3 milioni di visite  con una ricetta davvero speciale. Stranamente non un dolce! Sbirciando tra le ricette che ancora non vi avevo postato, appena mi sono soffermata su questa, non ho avuto dubbi: era quella giusta: sia per la stagionalità, sia per quello che rappresenta per me la cucina: tradizione, guizzo creativo, amore per la terra, generosità.

mousse cime di rapa

La stavo tenendo in serbo per il mio libro di ricette (per ora solo un sogno!!!), ma sono contenta di condividerla con voi in questa occasione. L’ho creata appositamente per le selezioni di Masterchef 4 (edizione appena conclusa che, come sapete non mi ha vista nemmeno tra i primi 100!). Anche se non mi ha portato oltre i provini io sono molto soddisfatta di questa ricetta e ne sono stati  molto colpiti anche gli chef che l’hanno assaggiata. Per spadellare in TV, evidentemente, serve altro (cosa d’altro ancora non mi è del tutto chiaro!).

Ma basta chiacchiere, passiamo alla ricetta che presenta in una forma moderna ed elegante un sapore rustico come quello delle cime di rapa stufate. Al centro una “fondutina” di pecorino e tutto intorno crumble al formaggio ed al grano arso.

Ingredienti per 6 monoporzioni:

  • 300g di cime di rapa già pulite e sbollentate (per le cime di rapa stufate)
  • 2 cucchiai di olio
  • 1 alice sott’olio (oppure 1 cucchiaino di capperi sotto sale per la variante vegetariana)
  • 1 spicchio di aglio
  • sale e pepe q.b
  • mezzo bicchiere di vino bianco secco
  • 125 g di latte intero fresco (per la mousse)
  • 9 g di colla di pesce in fogli
  • 250 g di panna fresca leggermente montata
  • sale e pepe q.b.
  • 170g cime di rapa stufate
  • 150g farina 00 (per il crumble)
  • 50g pecorino e/o parmigiano
  • due cucchiaini di farina di grano arso
  • olio di oliva q.b.
  • sale e pepe q.b.
  • 200g besciamella (per la fondutina al pecorino)
  • 1 tuorlo piccolo (facoltativo)
  • 2 o 3 cucchiai colmi pecorino grattugiato

Procedimento:

  1. Preparate le cime di rapa stufate: sbollentare per qualche minuto le cime di rapa in acqua bollente salata. Quando saranno intenerite, ripassatele in padella con l’olio, lo spicchio d’aglio, i capperi (o l’alicetta) ed il vino bianco. Lasciare sfumare e cuocere per una decina di minuti.
  2. Per la mousse: Eliminare l’aglio e frullate il tutto con un frullatore ad immersione. Aggiungete il latte a 170g di cime di rapa stufate e frullate e portate a bollore. Spegnete la fiamma ed aggiungete la colla di pesce precedentemente ammorbidita in acqua fredda e strizzata. Se necessario filtrate.
  3. Montare la panna leggermente (deve rimanere semiliquida). Quando il composto di latte e verdura è arrivato a 30°C aggiungere la panna semimonatata poco per volta, con movimenti dal basso verso l’alto. Aggiustare di sale e pepe. Colare il composto in stampi a forma di savarin di silicone e trasferire in congelatore.
  4. Nel frattempo preparare il crumble: Mischiare la farina con il formaggio, sale, pepe e la quantità di olio necessaria ad ottenere delle briciolone. dividere il composto in due e aggiungere un po’ di farina di grano arso ad una parte. Sistemare le briciole su una teglia e cuocere per 7/10 min o comunque fino a doratura.
  5. Preparare la fondutina: preparare la besciamella (o scaldarne di già pronta) unire un tuorlo ed il formaggio, mescolare per bene per eliminare eventuali grumi e cuocere per un minuto.
  6. Comporre il piatto: Sformate i savarin quando saranno ben solidificati in modo da non rovinarli. Colare nel mezzo la fondutina al pecorino e cospargere con il crumble al formaggio e grano arso. Decorare a piacere con pomodori secci tagliati a listarelle.

mousse cime di rapa1

Varianti: Potete servire questa mousse anche in bicchierino con le briciole sul fondo, o come finger food in formato mignon su dei crostini. Inoltre potete divertirvi a variare il gusto sostituendo le cime di rapa con altre verdure o il formaggio della fondutina!

Buoni esperimenti e grazie ancora!


Potrebbe interessarti anche:

tartine con cime di rapa stufate Pasticcini salati P1010109d Freschezza estiva

Annunci

Cime di rapa in punta di dita (One bite size broccoli)

Ricordate le cime di rapa stufate che ho postato qualche mese fa? Bene oggi ve le propongo in veste diversa, un po’ chiccosa, adatta per l’aperitivo o un buffet. Io ho servito queste deliziose tartine per il buffet del mio compleanno e vi garantisco che sono andate a ruba.
Do you remember the braised broccoli I posted some months ago? Well, today I propose you a different way to serve them, fit for happy hour or a buffet! My friends loved them!

tartine alle cime di rapa

Naturalmente potete adattare l’idea ad altre verdure e altri “contenitori”, ad esempio qualora dovessero aggiungersi a tavola delle persone in più all’improvviso e la verdura che avete già preparato vi sembra poca per soddisfare tutti. La versione tartina/crostino servita come antipasto è certamente la soluzione creativa e sfiziosa che tutti gradiranno. I miei amici le hanno dato un bel 10 e lode!!!
Of course you can vary the veggy or the “container”- Such idea would be very useful if you have guests for dinner but not enough veggy to serve as a side dish for every one.

Buona domenica e alla prossima con un bel dolcetto! Occhiolino

Ingredienti per circa 20 tartine – Ingredients for 20 mini-tarts :

  • 500g di cime di rapa già pulite – broccoli
  • 3 cucchiai di olio extra vergine d’oliva – 3 tbsp oliv oil
  • capperi sotto sale – capers
  • un peperoncino – 1 chili peppers
  • due foglie di alloro – 2 laurel leaves
  • 1 spicchio di aglio – 1 garlic cloves
  • mezzo bicchiere di vermouth o vino bianco secco – 1/2 cup white dry wine  or vermouth
    Per servire – For serving
  • 1 rotolo di pasta brisée o di pasta sfoglia oppure crostini di pane – brisée, puffs, toasted bread…
  • acciughine sott’olio – anchovies

Procedimento:

  1. Lavare le cime di rapa ed incidere i pezzi più grossi in modo da uniformare i tempi di cottura.
    Wash the broccoli and carve the thicker ones.
  2. In una pentola abbastanza alta da contenere tutta la verdura cruda, scaldare l’olio con l’aglio ed il peperoncino, senza farlo soffriggere, aggiungere la verdura, un pizzico di sale e coprire con il coperchio e cuocere a fuoco moderato. Non è necessario aggiungere acqua. Girare di tanto in tanto.
    Place the oil in a large, deep skillet that can later be covered and turn the heat to medium. Add the garlic, the pepper and then the broccoli and cook, stirring occasionally, covered.
  3. Quando la verdura inizia ad ammaccarsi (dopo circa 10 min.) aggiungere anche i capperi ben sciacquati e l’alloro. Lasciar cuocere per altri 30 min o comunque il tempo necessario perché tutta la verdura sia tenera e cotta.
    After 10 minutes add the capers and the laurel. Cook for ather 30 min.
  4. Aggiungere quindi il vino, fasr sfumare e terminare la cottura a fuoco vivo per altri 10 min.
    Add the wine and let it bubble for few minutes.
  5. Mentre la verdura cuoce, preparare i gusci di brisée (o di sfoglia). Potete usare brsée (o sfoglia) già pronta, oppure seguire questa ricetta, a cui io ho aggiunto dei semi di papavero come aromatizzazione.
    Coppare dei dischetti di pasta, bucherellarli con la forchetta e disporli, come in foto, sugli incavi di una teglia per mini muffin capovolta. Infornare e cuocere per 10 min a 180*.
    In the meantine prepare the mini tarts: using a round mold, cut some circles of brisée dough and cook them using a mini muffin tin as in the photo.brisée
  6. Comporre le tartine: disporre sul findo di ogni tartina un pezzetto di acciughina sott’olio, quindi distribuire in ciascun cestino di pasta la verdura. Lucidare con un filino d’olio a crudo e servire.
    Compose the tarts: put on each tart a little piece of anchovies and a tablespoon of braised broccoli. Ad a little bit of olive oil and serve!

2012-10-17 10.49.07


Potrebbero interessarti anche (see also)

 orecchiette con le cime di rapa Pasticcini salati

Cime di rapa stufate (Braised broccoli)

Le cime di rapa (o broccoletti romani) meritano due impieghi: o con le orecchiette e le acciughine, oppure stufate. Impossibile per me dire quale dei due piatti mi piaccia di più, ne mangerei chilate in entrambe le versioni!
I love broccoli (in particular what we call cime di rapa or broccoletti romani, which are a a little bitter) in two ways: with the orecchiette and the anchovies or braised. I cannot say which I prefer, if possible I would eat pounds of them!

Oggi ve le propongo stufate. Sino ad oggi non le avevo mai preparate, lasciandomi deliziare da mia madre su questo fronte, ma lo scorso weekend ne avevo troppa voglia ed al mercato avevano davvero un ottimo prezzo! Quindi filo diretto con mamy per un risultato davvero degno della maestra.
Today I suggest you to prepare them braised. Till now I have never prepare such recipe, I let my mother delight me with it. But last weekend I found them at the marketplace, thus I called mommy and ask her the recipe. And they were sooooo yuhmmmmy!

cime di rapa stufate

Ingredienti per 4 persone – Ingredients for 4 servings :

  • 1 kg di cime di rapa già pulite – broccoli
  • 6 cucchiai di olio extra vergine d’oliva – 6 tbsp oliv oil
  • 10 capperi sotto sale – 10 capers
  • un peperoncino – 1 chili peppers
  • due foglie di alloro – 2 laurel leaves
  • due spicchi di aglio – 2 garlic cloves
  • mezzo bicchiere di vino bianco secco – 1/2 cup white dry wine

Procedimento:

  1. Lavare le cime di rapa ed incidere i pezzi più grossi in modo da uniformare i tempi di cottura. Wash the broccoli and carve the thicker ones.
  2. In una pentola abbastanza alta da contenere tutta la verdura cruda, scaldare l’olio con l’aglio ed il peperoncino, senza farlo soffriggere, aggiungere la verdura, un pizzico di sale e coprire con il coperchio e cuocere a fuoco moderato. Non è necessario aggiungere acqua. Girare di tanto in tanto.
    Place the oil in a large, deep skillet that can later be covered and turn the heat to medium. Add the garlic, the pepper and then the broccoli and cook, stirring occasionally, covered.
  3. Quando la verdura inizia ad ammaccarsi (dopo circa 10 min.) aggiungere anche i capperi ben sciacquati e le foglie di alloro. Lasciar cuocere per altri 30 min o comunque il tempo necessario perché tutta la verdura sia tenera e cotta. After 10 minutes add the capers and the laurel. Cook for ather 30 min.
  4. Aggiungere quindi il vino e terminare la cottura a fuoco vivo per altri 10 min.
    Add the wine and let it bubble for few minutes.
  5. Servire possibilmente a temperatura ambiente. Serve at room temperature.

cime di rapa stufate

Piccoli accorgimenti – Some suggestions:

Il vino: non utilizzate un vino “cattivo” per cucinare, utilizzate un vino che avreste piacere di bere, altrimenti anche la pietanza avrà un sapore cattivo (io ad esempio questa volta ho usato dello spumante brut).
Wine:  do not use a bad wine for cooking, your recipe will taste bad too!
L’alloro: Se non volete un odore troppo accentuato di alloro (in generale) utilizzate una sola foglia, non metà. Paradossalmente le foglie di alloro rilasciano più sapore se rotte, invece che lasciate intere.
Laurel: Do not breack the leaves, should you not like much his flavour. If broken laurel leaves will leave more flavour in the sauce!

Ottime con il purè di fave o come contorno per delle salsicce arrosto. Buone anche senza il pane. Insomma, non ve ne stuferete affatto!


Potrebbero interessarti anche (see also):

lenticchie orecchiette con le cime di rapa Purè di fave