crostata-di-pane-e-mele

Crostata di pane e mele con crumble al marzapane –Apple and bread pie with marzipan crumble

Della mia (ormai) mitica crostata di pane e mele vi ho già parlato e riparlato: chi mi segue da più tempo sa già che questa è una delle mie ricette preferite, e che, per quanto povera e rustica, riscuote sempre un gran successo, in qualsiasi occasione io la proponga (dalla cena di Capodanno, al compleanno, passando per le inaugurazioni di parchi giochi!). In foto vedete i pezzi superstiti… non ho fatto in tempo a fotografare la torta intera!!!

IMG_20171028_123723.jpg

E’ una ricetta che ho modificato e personalizzato partendo da una di Montersino, l’ho fatta in diverse versioni, anche adatte a varie intolleranze proponendola senza uova, senza lattosio e addirittura senza zucchero saccarosio.

Questa volta l’ho finalmente provata con il crumble di marzapane così come suggerito nella ricetta di Montersino. Per il ripieno, invece, ho continuato a seguire la mia ricetta che trovo più sfiziosa ed adatta al mio gusto.

Ingredienti (per due crostate di circa 22cm diametro) – Ingredients (for two 22cm baking tin):

  • 650g pasta frolla shortcrust pastry
  • 400g mele a cubetti – chopped apples
  • 50g uvetta – raisin
  • 30g noci e/o pinoli – walnuts and/or pine nuts
  • 30/40g marmellata di limoni (o altra marmellata)  – lemon jam (or other kind of jam)
  • 80g margarina o burro – margarine or butter
  • 160g pane casereccio (con mollica) – bread
  • 80g latte fresco – milk
  • un pizzichino di cannella – one little pinch cinnamon

Per il crumble al marzapane – For the marzipan crumble

  • 120g zucchero – sugar
  • 120g marzapane – marzipan
  • 240g burro o margarina – margarine or butter
  • 320g farina 00 – all purpose flour
  • 5g lievito per dolci – baking

IMG_20171028_123739.jpg

Procedimento (Directions)Continua a leggere…

Biscotti gufo (Hoot Owl cookies)

Ho tenuto in serbo questi biscotti, preparati qualche mesetto fa, per il periodo di Halloween. Non sono una fan delle americanate ma devo ammettere che mi piace tantissimo l’idea di poter regalare qualche dolcetto ai bambini che anche qui la notte del 31 ottobre bussano nelle case del vicinato chiedendo “Dolcetto o scherzetto??!” e mi piacciono un sacco le facce soprese che fanno quando vedono che ho preparato apposta per loro dei biscottini speciali!
I made these cookies some months ago and I kept them for Halloween time! I am not a “USA-made” fan, but I like the happy faces of the kids that here in Italy try to do “Trick or Treat” and find in my house something funny and delicious made just for them!!

L’ispirazione per questi biscotti l’ho presa da questo post, il mio primo Pin su Pinterest e naturalmente applicato all’idea la “giusta tecnica”.
I found the inspiration in this website (my first Pin on Pinterest) and naturally applied the right method!

Biscotti gufo - Hoot Owl Cookies

Spero di potervi dare nelle prossime setimane altre idee per boscotti divertenti, intanto vediamo come preparare questi!
I wish to give you more ideas for Halloween in the next days. In the meantime, try to make these.

Ingredienti:

  • Per la pasta frolla chiara (For the white pastry)
    200gr farina 00 (all purpose flour)
  • 50gr amido di frumento (o altra farina) (starch or more flour)
  • 1 uovo (1 egg)
  • 125gr zucchero (sugar)
  • 125gr burro a t.a. (butter at room temperature)
    Per la pasta frolla scura (For the black pastry)
  • 200gr farina 00 (flour)
  • 50gr cacao amaro (cocoa)
  • 1 uovo (1 egg)
  • 125gr zucchero (sugar)
  • 125gr burro a t.a. (butter at room temperature)
    Per decorare (To decorate):
  • anacardi (cashews)
  • gocce di cioccolato (chocolate chips)

Procedimento:

  1. Preparate la pasta frolla chiara e la pasta frolla scura, mischiando velocemente gli ingredienti, senza impastare troppo. Formare una palla con ogni impasto, avvolgere con pellicola e lasciar risposare in frigo per almeno 30 min o più.
    (Prepare the shortcrust pastries, one white and one with cocoa, mixing all the ingredients without  keading too much the dough. Wrap with clingfilm and let it rest in the fridge for 30 min.)
  2. Dopo il riposo formate un cilindro dallo spessore regolare di circa 2 cm di diametro con l’impasto scuro. Stendere in una sfoglia di circa mezzo centimetro con l’impasto chiaro.
    (Shape the cocoa pastry as a cilinder having a diameter of about 2 cm . Roll out the white pastry )
  3. Avvolgere l’impasto scuro con l’impasto chiaro con un giro solo, dategli una forma regolare saldando i bordi, avvolgere con pellicola e mettere in freezer per almeno 30 min. o comunque finché il salsicciotto di frolla non sarà ben indurito.
    (Wrap the cocoa cilinder with the white pastry. Give it a regular shape, wrap with clingfilm and put in the freezer until hard-)
    2012-05-26 18.47.08
  4. Quando il salsicciotto è ben indurito, tagliare delle fette di circa mezzo centimetro e disporle sulla teglia affiancandole a due a due. Se avete difficoltà nel farli attaccare potete spennellarli con un po’ di albume o acqua.
    (Then cut the dough into 5mm slices. Pair the slice and stick them togheter using some egg withe as “glue”!)
    2012-05-26 19.57.34
  5. Disporre al centro, all’attaccature delle due fette di impasto un anacardo (se non trovate altro vanno bene anche quelli salati) e due gocce di cioccolato per farne gli occhi.
    (Decore with cashews and chocolate chips as in the photos)
    shaping Biscotti gufo - Hoot Owl Cookies
  6. Infornate per 10 min a 180°. (Cook at 350°F for 10 minutes.)

Biscotti gufo - Hoot Owl Cookies

Alcuni suggerimenti: il passaggio in freezer è fondamentale, altrimenti tagliando le fette il salsicciotto si schiaccerà e non otterrete una bella forma tonda.
E’ meglio non aggiungere lievito all’impasto, in questo modo i biscotti in cottura manterranno la forma che darete. Potete comunque aromatizzare i due impasti come preferite.
Per un effetto più realistico pizzicate all’esterno l’impasto bianco! Occhiolino
(Some suggestion: It is important to let the two dough cilinder rest in the freezer. Otherwise you won’t obtain a round shaped slices.
Do not add baking to preserve the regular shape. You can add the flavour you like.
Pinch/shape the outer side white dough to make the owl eyes be more realistic or more expressive!
)

Con questa ricetta partecipo al bel contest di Parole di ZuccheroContest di Halloween banner orizzontale


Potrebbero interessarti anche (see also):

Bisocotti Halloween jack skellingtone cake

Fettine langarole e anche un po’ saracene (Biscuit with nuts and buckwheat)

Come sapete ultimamente la mia attenzione verso dolci senza uova e senza lattosio è molto alta e per fortuna il mondo dei biscotti e delle crostate offre larghissimo spazio all’inventiva e o sostituzioni senza compromissione del risultato finale. Ma ricordate che aspetto di conoscere anche le vostre ricette sul tema “senza uova” per il mio contest, di cui trovate il banner a lato o una grossa insegna nella home page!
(How I already told you, in this period my attention in eggs and lactose-free dessert is very high, and fortunately the biscuits and pies area give me many possibility to try and test new recipes. I just remember you that I’m waiting for your own eggs-free recipes for my contest!)

L’idea per i biscotti di oggi parte nuovamente da una ricetta di Montersino che ho un po’ adattato alle mie esigenze. In realtà queste fettine langarole sono presentate sia in Golosi di salute che in Croissant e Biscotti ma in due versioni diverse. Alla fine le ho contaminate un po’, ci ho messo del mio e questo è il risultato.
(The idea for today biscuits recipe comes froma a Montersino recipe, which I adapted to my needs)

DSCN0606

Come gusto devo dire che assaggiando l’impasto crudo mi aspettavo maggiore dolcezza. Ad ogni modo basterà aggiungere 20g di zucchero per aggiustare un po’ il sapore, ovvero utilizzare panna già zuccherata. Non hanno mantenuto bene la forma, probabilmente perché ho usato la margarina e non il burro, quindi vi suggerisco di passare i biscotti per 30 min in frigo prima di infornarli, in questa maniera dovrebbero rimanere un po’ più alti e spatasciarsi meno durante la cottura.
(The taste is good, not too sweet, should you like more sweetness I suggest you to add 20g of sugar. I also suggest you to put the baking tin with raw biscuits into fridge for 30 min before put them into owen. So the biscuits will preserve their shape).

Ingredienti (Ingredients):

  • 400g margarina (margarine)
  • 160g zucchero a velo (icing sugar)
  • 65g panna vegetale (vegetable cream)
  • 40g cacao amaro in polvere (cocoa)
  • 380g farina 00 (all purpose flour)
  • 100g farina di grano saraceno (buckwhehìat flour)
  • 200g nocciole tostate (io ho usato 100g nocciole e 100g anacardi) (200g nuts – I used nuts and cashews)
  • un pizzico di sale (a pinch of salt)
  • una bacca di vaniglia (o vanillina) (a vanilla berry)

DSCN0600

Procedimento:

  1. Lavorare la margarina con lo zucchero con un cucchiaio di legno (o nella planetaria con la foglia) insieme ai semi della vaniglia e il pizzico di sale. (Melt the margarine with sugar, vanilla and salt using a wooden spoon).
  2. Unire a filo la panna ed infine le farine ed il cacao. Infine unire anche le nocciole tritate grossolanamente (Add the cream little by little and then the flours, cocoa. Add also the nuts.).
  3. Mettete l’impasto in un quadro d’acciaio (io l’ho trasferito in una vaschetta ricoperta di carta da forno Occhiolino), sino ad ottenere una mattonella alta circa 4 cm, livellando bene. (Put the pastry into a squared mold covered with baking sheet, and shape the pastry as a 4cm high tile)
  4. Riporre la mattonella in freezer per almeno 30 min. Quindi estraetela dallo stampo, e ricavare dei parallelepipedi che taglierete a fettine di circa 1 cm. (se vi accorgete che le fettine non mantengono una forma quadrata, passare i parallelepipedi nuovamente in freezer per 10 min). (Put your “tile” into fridge for 30 min., then remove the mold and the baking sheet, and make two or tree parallelepiped. Cut the parallelepiped in 1 cm slices and put the slices on a baking tin. Should the slices do not preserve a squared shape after cutting them, put the parallelepiped into fredge again!!)
  5. Sistemare le fettine su una teglia, leggermente distanziati e cuocerli a 170° per 15 min (devono essere asciutti all’interno, regolatevi in base alla potenza del forno).
    (Put the slices into a baking tin and cook 338°F for 15 minutes. They have to be dry in the middle).
  6. Come suggerito prima, è meglio passare le teglie in frigo per qualche minuto prima di infornarle, per evitare che la margarina (o il burro) si sciolga troppo velocemente guastando la forma delle vostre fettine! Si conservano bene anche 10/15gg chiusi in una scatola di latta o in una bustina per biscotti in cui li riporrete dopo che si saranno raffreddati per bene.
    (You can store this biscuits into tin boxes or cellophane for 10/15 days. Please store them only when cold).

DSCN0620


Con questa ricetta partecipo al contest:

CONTEST ImprontaCane

Potrebbero interessarti anche (see also)

P1010092 moretti alla nocciola Taralli dolci al vino

Crostata di frangipane e mele (Almonds and apple tart)

Ad essere sincera non me lo aspettavo che questo dolce venisse così buono! Anche perché ero partita con l’intenzione di liberare un po’ frigo/freezer e dispensa di basi/alimenti da consumare prima che fosse troppo tardi. Mi sarei accontentata di un qualcosa di buono per la colazione senza troppe pretese, e invece…
To be honest I did not expect that this pie could result so yuhmmy! Also becouse I just had the intention make something for breakfast using some leftovers, nothing special at all! And it was not so…

DSCN0630

Invece ne è venuta fuori una meravigliosa crostata, non l’ho più usata per la colazione, ma portata in studio e condivisa con le mie colleghe. Come al solito non sono rimaste nemmeno le briciole… E mi hanno stupito le facce letteralmente commosse delle mie amiche che non avevano parole per descrivere la bontà di quanto appena mangiato. O meglio, parole ne hanno avute e sono state: “Mmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmm” e “Ma cosa diavolo ci fai qui, perché continui a fare l’avvocato quando potresti fare soldi a palate vendendo roba così!”.
What it came out was a wonderful pie, I no more used it for the breakfast! I brought it to my colleagues in the office for the tea/coffee hour and… Neither crumbs were left!  I was surprised by the touched faces of my friends, who had no words to describe how they liked my cake! Rather… they had some words like “Yuhmmmmmmmmmmmmmmm” and “What the hell are doing here as a lawyer? You have to open a bakery and get lot of money with such a great things!”

E allora, lasciatevi conquistare anche voi, no??!
So… would you like to try it too!

La ricetta è in sostanza una semplificazione, ancora una volta, di una ricetta di Montersino, ossia la crostatina di mele di Golosi di Salute, in cui il frangipane (ossia una crema con farina di mandorle) è nella versione senza uova. Io dovevo consumare del frangipane stoccato in freezer preparato con le uova secondo la ricetta base quindi la versione che vi do è quest’ultima.
Conto comunque di preparare anche la versione senza uova e senza lattosio, ed i motivi li conoscete già! A proposito, avete dato una sbirciata al contest “Non rompete le uova!?”.
The recipe is (again) a simplified version of the Montersino little Apple tarts, where the “frangipane” (=a filling almond cream) is egg-free. I needed to use some other frangipane cream (with eggs) stored in my freezer, so this will be the recipe I’m going to write to you.
But I will try also the egg-free version for sure, and you already know the reason why, isn’t it!

DSCN0641

Ingredienti per una crostata di 22 cm (Ingredients for a 22 cm pie)

  • 300g pasta frolla (300g short crust pastry)
  • 2 mele (2 apples)
  • 125g farina di mandorle (125g almond flour)
  • 125g burro (125g butter)
  • 125g zucchero a velo (125g icing sugar)
  • 125g uova (125g eggs)
  • 50g farina 00 (50g all purpose flour)
  • mezza bacca di vaniglia (1/2 vanilla berry)
  • due cucchiaini di rum (2 teaspoon rhum)
  • zucchero di canna q.b. (brown sugar as needed)
  • confettura di albicocche q.b. (apricot jam as needed)

DSCN0661

Procedimento (Directions):

  1. Preparare il frangipane: unire il burro, lo zucchero a velo, la vaniglia e il rhum in una impastatrice o in una ciotola e mescolare per bene con la frusta “K” o con un cucchiaio di legno. Aggiungere la farina di mandorle, le uova sbattute e versate a filo ed infine la farina (Nota: il frangipane può essere preparato in anticipo e conservato in congelatore per qualche settimana). (Prepare the Frangipane cream: mix the butter with sugar, vanilla, rhum. Then add the almond flour, the eggs little by little and finally the flour.)
  2. Stendere la pasta frolla con il mattarello in uno strato di circa 3mm e foderare bordi e fondo di una tortiera di 22cm già imburrata (oppure diversi stampini da crostatina. Bucherellare il fondo e versarvi all’interno il composto frangipane (per non farlo staccare dopo la cottura potete stendere un velo di marmellata di albicocche sulla pasta prima). Roll out 300g of pastry and use to line a lightly-buttered 22cm fairly deep baking tray with removable ring (or many little trays). Riddle the pastry with a fork. Pour the frangipane stuffing into the pastry.
  3. Sbucciare le mele, privarle del torsolo e tagliarle a fettine spesse circa 1,5 cm. e sistemare le fette sopra il frangipane premendo leggermente. Spolverizzare le fettine di mele con zucchero di canna e infornare in forno già caldo 180° per 35 min (15 per le crostatine) (per verificare la cottura vale la prova stecchino). Peel the apples, remove the stump, and cut into 1,5cm slices. Put the apples slices on the frangipane cream, put on the apples brown sugar  and bake in the centre of pre-heat owen. Cook for 35 min. at 350°F
  4. Lasciar freddare quindi estrarre la crostata dagli stampi e lucidare con confettura di albicocche. Let it become cool. Then use apricot jam to make it glossy (should you like).

DSCN0648

Da leccarsi i baffi! Very yuhmmy!!!


Ti potrebbero interessare anche (You might also like):

P1010092 Crostata pane e mele - Apple and bread pie torta delle rose-

Crostata di pane e mele (senza uova e senza lattosio)–Apple and bread pie (eggs and lactose free)

Eccomi! Vi ho lasciato due settimane senza ricettine, perdono! Ma lo scorso fine settimana ne ho approfittato per stare un po’ con i miei e al lavoro questi ultimi giorni sono stati particolarmente pieni. Devo ancora ringraziare Lalla e Darkjade per avermi menzionato nel loro Seven Link, ma il post è ancora nelle bozze!!!
I’m back! Sorry! I gave you no recipe for two weeks! But I spent last weekend with my family and last days I was a bit busy with work. I am also on late in saing “Thank you!” toLalla and DarkJade for mentioning me into theyr Seven Links Project. I have the post into draft folder yet!

Ma ritorno alla grande con una ricettina che farà felice molti, anzi, moltissimi di voi, compresi quelli che ancora non mi conoscono e che magari arriveranno cercando una torta buona, sana e che può essere assaporata anche da chi soffre di molteplici intolleranze, tra cui uova, lattosio e volendo, con piccole modifiche, anche glutine.
But I’m back with a recipe which, I know, will make happy all of you, and also all the people who still don’t know me and are searching for a yuhmmy and sane cake, made to be served to everyone, even to people who cannot eat eggs or lactose. Also celiac people can eat it, if you just substitute few ingredients!

In più è una ricetta di riciclo di un alimenti preziosissimo: il pane. Una buona merenda per i bimbi, una colazione che dona il sorriso e lo sprint al mattino… insomma, il non plus ultra delle crostate!!!
Moreover this is a recipe which use a really precius food: bread leftovers! It is a sane snack for the kids, it is good for breakfast becouse will give you a smile and the right sprint, for sure. In conclusion this is the ultimate apple pie!!!

La ricetta è frutto della fusione di una ricetta inventata da mia madre, una sorta di “crostata cuor di mela” molto ricca, e la crostata di pane e mele di Montersino. Ero partita infatti con l’idea di realizzare quest’ultima, ma avevo dimenticato di comprare alcuni ingredienti per cui ho deciso di omaggiare con un dolce due grandissimi maestri: mia madre e Montersino!!!
The recipe is the result of a fusion. I was inspired by a pie my mother cooked up, such a “rich apple heart pie”, and also inspired by Montersino’s Apple and Bread Pie. Actually, my first intention was to prepare the latter one! But I forgot some ingredients, thus I decided to honor with a single cake my two greatest masters: my mother and Montersino!!!

Le dosi che vi riporto sono quelle per ottenere la torta come l’ho realizzata io, per la crostata di Montersino, completa degli streusel di marzapane in superficie potete vedere questa videoricetta.
I just give you the recipe of the pie I realized. Should you want to know the Montersino original version, which includes marzipan crumble on the top, you can see this videorecipe.

crostata di pane e mele

Ingredienti (per uno stampo di 22cm) – Ingredients (22cm baking tin):
Per la pasta frolla senza uova e senza lattosio (for the shortbread)

  • 100g zucchero – sugar
  • 150g margarina – margarine
  • 250g farina 00 –all purpose white flour
  • 50ml zymillactose free milk (se necessario – if needed)

Per il ripieno (Stuffing)

  • 400g mele a cubetti – chopped apples
  • 60g uvetta – raisin
  • 20g noci – walnuts
  • 30g limoncello – lemon liqueur
  • 80g margarina – margarine
  • 160g pane casereccio – bread
  • 80g zymil – lactose free milk
  • 10g scorza di limone – grated lemon peel
  • un pizzico di cannella – one pinch cinnamon
  • un cucchiaio colmo di confettura di albicocche – 1 tbs apricot jam

Video Procedimento (Directions)

  • Preparare la pasta frolla: impastare velocemente gli ingredienti con la punta delle dita. Formare una palla liscia, avvolgerla in pellicola trasparente e lasciarla riposare in frigo per 30 min.
    Prepare the short crust pastry with flour, butter/margarine, sugar and the milk, draw together with fingertips and knead quickly and lightly until smooth. Wrap in foil and refrigerate 30 min. before using.
  • Preparare il ripieno: tagliare le mele a dadini. Ammollare l’uvetta in acqua calda e poi immergerla nel limoncello (o rum). Privare il pane della crosta, tagliarlo a dadini e bagnare con il latte caldo. Se necessario aggiungere più latte, tutto il pane deve essere bagnato ma non deve spappolarsi.
    Prepare the stuffing: chop the apples. Soak the raisin into warm water then dip into the liqueur. Cut off thebread crust and chop. Then dip into warm milk. The bread had to be all wet, not mashed. Add more milk if needed.

     

  • In una ciotola mischiare il pane ammollato con le mele, l’uvetta, le noci, la cannella, la scorza di limone, la margarina fusa ed un generoso cucchiaio di marmellata di albicocche.
    Mix into a bowl the bread, the apples, the raisin, the walnuts, the cinnamon, the grated lemon peel, melted margarine, and the tbs of jam.

     

  • Stendere 300g di pasta frolla con il mattarello e foderare fondo e bordi di una teglia. Bucherellare il fondo e versare il ripieno. Coprire con la restante pasta frolla, bucherellare in più punti la sfoglia e infornare in forno già caldo a 190° per 30 min.
    Roll out 300g of pastry and use to line a lightly-buttered 22cm fairly deep baking tray with removable ring. Riddle the pastry with a fork. Pour the bread and apple stuffing into the pastry and cover with the remaining one. Riddle also the top. Bake in the centre of pre-heat oven. Cook for 30 min. at 350°F.

     

  • Lasciar raffreddare quindi decorare con zucchero a velo. A piacere, per rendere lucida la crostata potete spennellarla con confettura di albicocche.
    Let it become cold, then decorate with icing sugar. Should you like, you can make “glossy” the pie brushing it with apricot jam.

     

DSCN0514

Anche questa crostata insieme con la torta di barbabietole e cioccolato è stata destinata alla mia cara amica che nell’ultimo anno ha dovuto fare i conti con delle intolleranze. Questo il suo commento:
Also this pie, like the beet and cocoa one, was a gift for my friend who cannot eat eggs and lactose. Here it is her comment:

La crostata mela e noci è stato un capolavoro assoluto, davvero eccezionale, perché è rimasta buonissima e umida per tutta una settimana senza neanche metterla mai un minuto in frigorifero… puoi metterla nel libro che scriverai… ;
Direi che sei pronta a specializzarti nel settore delle intolleranze.
The apple pie with walnuts was your masterpiece, really extraordinary! It remain very good and a little wet for a week, and there is no nedd to put it into the fridge. You can add it in the recipe book you must write! I think you are ready to specialize yourself into the food allergy area!

Ed ecco l’interno! Buona buona! Oltretutto la presenza del pane da l’idea e la consistenza della torta.
The inside. Very yuhmmy! And the bread inside give you the idea of the cake, rather then the pie.

 

crostata-di-pane-e-mele
crostata-di-pane-e-mele
Ottima con una pallina di gelato.

Se ci sono problemi di intolleranza al glutine, potete eliminare pane, latte e margarina dal ripieno, ed utilizzare per la frolla farina di riso.

Pollo alle mandorle

Pollo alle mandorle

La cucina cinese mi piace si, ma a piccole dosi! Ci vado molto di rado nei ristoranti cinesi ma gira e rigira, dopo gli involtini primavera, il piatto che preferisco è il pollo alle mandorle. Quindi appena ne ho avuto sotto mano una ricetta che mi sembrasse fattibile mi sono armata di salsa di soia e cucchiaini “matrix” come li ha definiti il mio Amour per fare il mio pollo alle mandorle… a piccole dosi! Un’idea carina per una serata-cinema a casa con gli amici con cena a base di stuzzichini o per un brunch (per altre idee vedi qui e qui).

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Ingredienti per 4/6 persone:

  • 2 petti di pollo (interi o a fettine)
  • 150g riso basmati
  • 4 cucchiai di salsa di soia
  • 1 cucchiaio di maizena (amido di mais)
  • 2 cucchiai di zucchero di canna
  • 40g di mandorle (io le preferisco non pelate, per una versione più chic usate quelle a filetti)
  • due cucchiai di olio di oliva di gusto non troppo forte

Procedimento:

  1. In una terrina mischiare la salsa di soia con lo zucchero, la maizena e l’olio.
  2. Tagliare il pollo a cubetti e immergerlo nella marinata. Coprire con pellicola e lasciare riposare in frigo per almeno 30 min.
  3. Fate rosolare il pollo in padella con la sua marinata. Nel frattempo cuocere il riso (una parte di riso e due parti di acqua, in modo tale che arrivato a cottura non sarà necessario scolarlo).
  4. Se vi accorgete che la salsina del pollo si addensa troppo aggiungete mezzo bicchiere d’acqua e continuate la cottura. A fine cottura aggiungere le mandorle.
  5. Disporre il riso sul fondo dei cucchiai di servizio appiattendolo leggermente, adagiare sul riso il pollo e condire con un’emulsione di olio e salsa di soia (a piacere).In alternativa la monoporzione può essere servita in bicchierini.OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Per la ricetta ho preso spunto apportando delle modifiche in una presente su Bicchierini Sfiziosi della De Agostini. I cucchiai curvi da brunch in alluminio usa e getta li potete trovare da HappyCasa, 1,50€ 10 cucchiai. Per un’altra ricetta del pollo alle mandorle clicca qui.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Partecipo con questa ricetta alla raccolta tutti pazzi per il brunch di mammazan


Potrebbero interessarti anche:

Bicchierini di fave  pollo ai funghi

Crema di lenticchie rosse e mandorle

Al supermercato avevo letto al volo una ricetta Barilla sul retro della confezione di un formato di pasta che non comprerei mai: spaghetti tagliati. Prendendo spunto dall’idea che, formato di pasta a parte, mi sembrava molto valida ho deciso finalmente di sperimentare la confezione di lenticchie rosse decorticate che avevo comprato. Se non le trovate vanno benissimo anche le semplici lenticchie rosse non decorticate (per intenderci quelle piccole) che oltretutto erano quelle indicate nella ricetta sulla confezione Barilla.

P1010181

Ingredienti per 4 persone:

  • 350/400g lenticchie rosse decorticate
  • 180/200g pasta piccola (tipo tubetti)
  • cipolla, aglio, carota
  • 4 cucchiai di olio di oliva
  • due cucchiai di passato di pomodoro
  • brodo q.b.
  • 150g mandorle tostate e tritate grossolanamente
  • (facoltativo: prezzemolo)

Procedimento:

  1. Far insaporire per qualche istante le lenticchie con olio, cipolla, aglio e carota, senza farlo soffriggere.
  2. Aggiungere quindi il brodo caldo (poco meno di due litri), il passato di pomodoro e lasciar cuocere per 30 min circa (40 se utilizzate lenticchie non decorticate).
  3. Le lenticchie decorticate, come le fave, tendono a sfaldarsi in cottura, quindi non sarà necessario passarle al mixer, tuttavia per un risultato più omogeneo o se usate lenticchie non decorticate a cottura ultimata frullate il tutto con un minipimer.
  4. Cuocete la pasta direttamente nella zuppa di lenticchie, aggiungendo brodo caldo al bisogno e mescolando di continuo perché tende ad attaccare sul fondo.
  5. Servire guarnendo con le mandorle tostate e tritate che daranno un elemento di croccantezza molto piacevole e dal sapore molto indovinato!

Potrebbero interessarti anche:

lenticchie  passato verde  Bicchierini di fave

Tagliatelle con salsa alle noci

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Un primo sostanzioso, insolito e gustoso, velocissimo da preparare: l’ideale per una cena informale tra amici.
La ricetta è presa dalla collana I Tuoi Menù ma leggermente modificata da me nel procedimento.

Ingredienti:

  • 250g tagliatelle all’uovo (secche)
  • 150g noci tritate
  • un cucchiaio di burro
  • 50g mascarpone
  • 6 cucchiai di panna (io ho usato un vasetto di YoChef)
  • maggiorana (fresca o secca)
  • aglio (pochissimo)
  • sale q.b.

Procedimento:

  1. Sgusciare le noci e tritarle (io ne ho tritato una parte finemente, altra parte in maniera più grossolana).
  2. In una padella far sciogliere un cucchiaio scarso di burro (o margarina) e lasciar insaporire le noci a fuoco bassissimo nel burro con un po’ di aglio (meglio lasciarlo in camicia e toglierlo subito).
  3. Cuocere la pasta in acqua salata e intanto in una ciotola (abbastanza capiente da ricevere poi la pasta) amalgamare il mascarpone, la panna e le noci aggiungendo qualche cucchiaio di acqua di cottura della pasta.
  4. Scolare la pasta al dente, condire con la salsa alle noci, aromatizzare con la maggiorana e servire. A piacere spolverare con un po’ di parmigiano. Molto buona! Scopri la versione light Occhiolino

Potrebbero interessarti anche:

pasta gamberetti  crema lenticchie rosse e mandorle  torta noci pere

Torta di pesche e mandorle

torta pesche3

ingredienti (per una torta piccola diametro 22cm)
200g farina
100g farina di mandorle
150+20g zucchero
160g burro
30g mandorle a lamelle
3 pesche
3 uova
lievito
qualche cucchiaio di latte

Mescolare gli ingredienti (nell’ordine: burro + zucchero + uova + farine + latte + lievito)
versare il composto in una teglia, cospargere sulla superficie i cubetti di pesca sbucciate, i 20g zucchero e le mandorle a lamelle
Cottura 180° x 40 min

tortapesche1 
Ricetta presa da La Cucina-CdS, giugno 2010


Potrebbero interessarti anche:

carrot cheese cake  muffin arancia e cannella  torta pere cioccolato

Torta alle Nocciole con crema al burro è caffè

La ricetta originale di questa ricetta la trovai parecchi anni fa in una pagina di giornale che pubblicizzava il Lievito Bertolini. Quella pagina la conservo ancora e questa torta, la prima che ho realizzato da sola seguendo una ricetta che non provenisse da mia madre, l’ho ripetuta in diverse varianti: sempre buonissima!

Torta alle nocciole

Ingredienti:

per l’impasto

  • 150g burro
  • 300g farina
  • 200g zucchero
  • 3 uova
  • 200g nocciole tritate
  • ½ bicchiere di latte
  • 1 bustina di lievito
  • 1 pizzico di sale

Per la decorazione

  • 150g burro
  • 300g zucchero a velo (pox 200g)
  • 100g nocciole tritate
  • 1 tazzina di caffè

Procedimento:

  1. In una terrina lavorare a spuma il burro ammorbidito con lo zucchero, aggiungete uno alla volta i tuorli, poi il latte, farina e lievito. Infine le nocciole e gli albumi montati a neve.  Versare in uno stampo imburrato e infarinato e cuocere a 180° per 50min.
  2. Preparare la crema lavorando il burro leggermente riscaldato con lo zucchero al velo e il caffè versato poco a poco.
  3. Quando la torta si sarà ben raffreddata spalmarla la crema sulla torta con un coltello e cospargerla con le nocciole tritate grossolanamente, anche sui bordi.
  4. Variante: invece della copertura con ghiaccia al burro è possibile farcire la torta con crema pasticcera aromatizzata al caffè e spolverare infine di zucchero al velo, oppure, per un peccato di gola come si deve, ricoprire con glassa al cioccolato, come in foto!

Potrebbero interessarti anche:

moretti alla nocciola  caprese al cioccolato bianco e limoncello  carrot cheese cake