Rotolo ai Lamponi e Chantilly

Stanche della solita (e laboriosa) torta mimosa per la festa della donna? Ecco la mia proposta: Un bel rotolo facilissimo da preparare, con chantilly alla francese (che è più sempice della chantilly italiana prevista per la mimosa) e frutta a vostro piacimento. Io ho scelto i lamponi, ma vanno benissimo anche fragole oppure le ananas sciroppate, se proprio volete restare sul tema mimosa.

Rotolo-lamponi

Pensate di essere negate per i rotoli perché vi si rompono sempre? Tranquille! Vi dico io come fare un rotolo che non si rompe, anche senza planetaria o altri strumenti complicati! Anzi, in questa videoricetta uso un frullino a mano, pensate un po’! 

Tutti i prodotti che vedete nel video sono prodotti Tupperware, che adoro. Se avete domande sulle caratteristiche o il loro utilizzo sarò ben lieta di rispondere.

Ora prendete carta e penna, per segnarvi i pochissimi ingredienti che servono.

Rotolo-lamponi-chantilly

Ingredienti per il rotolo alla chantilly e lamponi

  • 3 uova (tenute in acqua calda di rubinetto per 10 minuti)
  • 140 gr di zucchero
  • 1 pizzico di sale
  • 80 gr di farina
  • (facoltativo, io non l’ho messo) un cucchiaino di lievito per dolci

Per farcire e decorare

  • 250ml panna fresca
  • 100g (circa, regolatevi in base al gusto) zucchero a velo, possibilmente vanigliato
  • lamponi o altra frutta fresca
  • bagna a piacere (io non l’ho messa, il rotolo resta comunque abbastanza umido)

Procedimento e Videoricetta per il rotolo ai lamponi e chantilly

  1. Prima di iniziare: mettete le uova in una ciotola con acqua calda del rubinetto (circa 50/55gradi) per una decina di minuti. Questo riscalderà un po’ le proteine degli albumi e vi consentirà di montarli meglio, assicurandovi la giusta flessibilità necessaria dopo la cottura. MAI usare uova fredde di frigo. Persino a temperatura ambiente sarebbero troppo fredde per questo tipo di preparazione. Altrimenti il vostro rotolo potrebbe rompersi… e non ditemi poi che non ve lo avevo detto! 
  2. Separare i tuorli dagli albumi e montare questi ultimi a neve con lo zucchero.
  3. In un’altra ciotola sbattere leggermente i tuorli. Aggiungere i tuorli e la farina agli albumi in due tempi (metà alla volta). Mescolare con movimenti dall’alto verso il basso.
  4. Distribuire il composto in uno strato uniforme sulla leccarda del forno coperto con carta da forno oppureo un foglio di silicone con bordo (come vedete nel video), come quello Tupperware
  5. Infornare in forno già caldo per 6/7 minuti a 220*.
  6. Appena fuori dal forno, capovolgere il biscuit su carta da forno, staccare il foglio di silicone e arrotolate il biscuit mentre è ancora caldo. Avvolgete in un canovaccio pulito e lasciate raffreddare.
  7. Mentre il rotolo si raffredda, preparare la farcia: montare la panna con zucchero vanigliato. Lavare e tagliare la frutta.
  8. Srotolate il rotolo freddo, bagnate con bagna di vostro gusto (facoltativo) e spalmate sopra la crema chantilly ottenuta. Distribuite uniformemente i lamponi e riallotorate.
  9. Lasciate riposare un paio di ore in frigo (oppure congelate) e poi servite tagliato a fette.

Vi assicuro che vi conquisterà per la sua seducente e semplice bontà.

 

Se ti è piaciuta la ricetta, scrivilo nei commenti, condividila con gli amici e poi prova anche…

rotolo-alle-fragole

 

PS: E’ Buono anche alle fragole!!!

Ciambella marmorizzata Panna e Cioccolato

ciambella-panna-e-cioccolato

Soffice, profumata e golosa. La salsa al cioccolato sopra la rende anche adatta ad una pausa tea raffinata o ad un dopo pasto, mentre nella sua versione “naked”, tuffata nel caffelatte, addolcisce anche il più grigio dei lunedì. Se in frigo avete della panna prossima alla scadenza, procuratevi del cioccolato e portate la vostra giornata da zero a cento in un baleno!

ciambella-panna-e-cioccolato-glassata

Ingredienti per la ciambella alla panna e cioccolato

Nota: se il vostro stampo a ciambella è più piccolo, potete dimezzare le dosi oppure, con l’eventuale impasto avanzato potete fare dei muffin.

ciambella-panna-e-cioccolato-ingredienti

Procedimento:

  1. A seconda di quante e quali ciotole abbiate a vostra disposizione potete o preparare due impasti separati oppure un unico impasto chiaro da dividere in due parti e a cui andare ad aggiungere rispettivamente la dose di cacao e amido alla parte scura ed alla parte chiara. Io preferisco preparare due impasti separati.
  2. Preparare l’impasto chiaro: sbattete a lungo 3 uova con 200g di zucchero. Unitevi 250 ml di panna fresca e due cucchiai di ruhm. Unite infine a cucchiaiate, continuando a sbattere con le fruste elettriche, la farina, l’amido di frumento (o altra farina) e mezza bustina di lievito, setacciati. Mettere da parte.
  3. Preparare l’impasto scuro: sbattete a lungo 3 uova con 200g di zucchero. Unitevi 250 ml di panna fresca e due cucchiai di ruhm. Unite infine a cucchiaiate, continuando a sbattere con le fruste elettriche, la farina, il cacao e mezza bustina di lievito, setacciati.
    Nota: molto spesso nelle ricette “bicolore” si dimentica di suggerire l’accortezza di sostituire una parte delle farine con il cacao (invece di aggiungerlo), con il risultato che si va sbilanciare la ricetta e rendere l’impasto scuro di consistenza diversa rispetto a quello chiaro. Se partite da un unico impasto, ricordatevi di aggiungere cacao ad una metà ed amido all’altra, in modo che i due composti mantengano la stessa consistenza!
  4. Trasferire i due composti, alternandoli, nello stampo a ciambella ben imburrato. Con un coltello mischiare in maniera grossolana i due composti in modo da creare l’effetto variegato.
  5. Cuocere a 180°C per 45 min. Per la prova stecchino, tirate fuori il dolce quando restano attaccate due o tre bricioline: in questo modo la ciambella tratterrà un po’ più di umidità e non sarà troppo secca all’interno.
  6. A piacere, ricoprire con salsa al cioccolato, semplicemente ottenuta fondendo al microonde egual peso di panna e cioccolato fondente.
ciambella-panna-e-cioccolato-glassata

ed ecco qui il particolare della variegatura all’interno della fetta.

ciambella-panna-e-cioccolato-marmorizzata

Come vi dicevo, se avanza dell’impasto potete fare dei muffin, cuocendoli in pirottini monoporzione. Io ho fatto un piccolo esperimento con l’impasto al cacao, creando un cuore di crema gianduia… Credo di aver accidentalmente creato qualcosa di notevolmente più buono delle Mooncake… ma questa è un’altra ricetta!!!! 😀

muffin-simil-mooncake
ciambella-panna-e-cioccolato

Se ti è piaciuta questa ricetta, condividila con gli amici, poi prova anche

ciambella-panna-e-cioccolato

Cheesecake Brownies

(English version in the first comment below)

Durante il mio viaggio a New York questa è stata la mia vera addiction in quel di Starbucks! Brownies sormontato da crema cheesecake. La nota acidula della crema al formaggio che smorza la dolcezza del brownie. Un connubio per me straazzeccato.

Non ho fatto così tanti tentativi nel replicarla come per la Lemon Pound Cake solo perché sapevo bene che avrei mandato giù ancora prima che si raffreddasse una teglia intera di brownies, per cui non ho sperimentato molte varianti, ma questa, proposta nel libro American Bakery è abbastanza soddisfacente (anzi, credo che la presenza di questa ricetta fu all’epoca la discriminante per il mio acquisto!).

Ho approfittato del mio terzo breakfast party (tenutosi anche questo in occasione del mio compleanno, lo scorso weekend) per prepararne doppia dose di cheesecake brownies e deliziare i miei amici. Non ne è avanzata una briciola. Che ve lo dico a fare.

Ingredienti per i cheesecake brownies

Dosi per una teglia quadrata 20×20 (16 pezzi)

  • 80g burro fuso + un po’ per la teglia
  • 100g cioccolato fondente (almeno 60%) fuso
  • 150g zucchero
  • 2 uova
  • 70g farina “0” (o Manitoba, non la “00”)
  • 1 cucchiaio di cacao
  • 30g gocce di cioccolato (facoltative)

Per la farcia

  • 200g philadelphia
  • 1 tuorlo
  • 50g zucchero
  • 1/2 cucchiaio (8ml) succo di limone

Come fare i cheesecake brownies

  1. Preriscaldare il forno a 165°C. Imburrare per bene il fondo ed i bordi di una teglia 20×20.
  2. Fondere nel microonde oppure a bagnomaria il cioccolato e aggiungere il burro (non mettere dall’inizio nel microonde burro e cioccolato, specie se il cioccolato è a pezzi gorssi per evitare di bruciare il burro). Mescolare sino ad ottenere un composto liscio e fluido.
  3. Aggiungere quindi lo zucchero, le uova una alla volta, la farina, il cacao ed un pizzico di sale. Infine le gocce di cioccolato infarinate (così non si depositeranno tutte sul fondo).
  4. Stendere il composto nella teglia livellando per bene.
  5. Preparare la farcia: mescolare per bene insieme il formaggio con il tuorlo, lo zucchero ed il limone. Distribuire la farcia a cucchiaiate equidistanti sul composto al cioccolato. Per praticità, io preferisco usare il sac a poche (e pure mia figlia!)
  1. Mescolate grossolanamente i due composti con un coltello o una spatola sottile, in modo da creare un effetto marmorizzato/variegato.
  2. Infornate per 45/50 min. a 165°C. Per la prova stecchino: il dolce è pronto quando rimane ancora attaccata allo stecchino qualche briciola. Deve rimanere un po’ umido all’interno.
  3. Tagliate in quadrotti e servite leggermente tiepidi o a temperatura ambiente.

Note e suggerimenti:

  • Attenzione a non cuocere troppo i brownies, nè ad una temperatura troppo alta. La “normale” temperatura usata per i dolci di 180° è troppo violenta, farebbe scurire il composto cheesecake e darebbe un sentore di bruciacchiato al dolce (in generale, io non supero mai i 170°C per i dolci al cioccolato in ogni caso).
  • La dose del composto cheesecake potrebbe sembrare troppa. Regolatevi in base al vostro gusto. Quando ne ho messo meno del previsto me ne sono pentita, perché con meno crema dopo la cottura si perde l’effetto cremosità e nel complesso la ricetta non sembra bilanciata.
  • Lo strato del brownie io lo preferisco non troppo spesso. Per regolarvi con la dose, io ho utilizzato uno stampo stretto rettangolare da crostata con stampo removibile. Perfetto. Importante imburrare bene anche i bordi.
  • Per distribuire uniformemente la farcia, io preferisco usare il sac a poche… e così anche mia figlia che ama aiutarmi in cucina… tanto più se c’è da spremere qualcosa!
  • Variante: Se vi dovesse avanzare della farcia cheesecake, potete usare l’eccesso per un cheesecake al pan di stelle, frullando una parte di burro e due parti di biscotti. Sotto sempre le manine laboriose di mia figlia!

Se ti è piaciuta questa ricetta, condividila con gli amici! Poi prova anche

(Come quello di Starbucks) Lemon Pound Cake – Videoricetta

Original English recipe, here.

Questa torta l’ho assaggiata per la prima volta con mio marito in viaggio di nozze da Sturbucks. E’ una delle nostre preferite e, di ritorno a casa, ho provato numerose ricette prima di arrivare a questa che vi propongo nel video. Ho prima provato ad adattare ricette già in mio possesso (come la torta glassata all’arancia paneangeli), poi ho provato la ricetta di Martha Stewrt passando per quella proposta sul libro American Bakery.

Sino ad approdare a qusta ricetta che da tempo tenevo salvata su Pinterest: Better than Starbucks Lemon Pound Cake. In tutta sincerità, tentennavo ad eseguirla a causa dei problemi che di solito mi crea la conversione da cups a grammi.

Ad ogni modo, dopo vari esperimenti, questo è il miglior risultato sin’ora ottenuto. Sono partita dalla ricetta linkata sopra, ma ho diminuito la quantità di zucchero (in base ai cups ne avrei dovuti mettere 600g!!!!) e sostituito la panna acida con lo yogurt. Ho anche un po’ diminuito la quantità di succo di limone, se si eccede si ottiene una torta secondo me gommosetta, poco invitante. Sotto trovate il dosaggio preciso e i trucchetti per riuscire nell’impresa. E’ un dolce tutto sommato semplice ma che richiede qualche piccola accortezza per un risultato degno appunto di Starbucks, tra cui l’attenzione a non usare ingredienti freddi di frigo (e, anzi, più caldi rispetto alla temperatura ambiente).

Il caratteristico ed accentuato aroma di limone è dato dalla presenza nell’impasto della buccia e del succo di 4 limoni. Attenzione però: crea dipendenza! Non ve la prendete con me se poi dopo averla preparata finisce in 10 minuti di orologio!!!

Ingredienti per la lemon pound cake

Lemon-pound-cake

(dosi per due stampi da plumcake o uno stampo per ciambellone americano)

  • 6 uova (tenute per 10 min in acqua calda di rubinetto)
  • 370g farina “0”
  • 300g zucchero zefiro
  • un vasetto di yogurt (al limone, o bianco) oppure panna acida, a temperatura ambiente
  • lievito per dolci
  • buccia di 4 limoni non trattati (medi)
  • succo e polpa di 3 o 4 limoni (circa 100/120 ml di succo)
  • 250g burro (meglio se leggermente salato) molto morbido (con la punta del coltello dovreste poterlo trapassare senza premere)

Per la glassa:

  • due bustine di zucchero a velo
  • il succo di mezzo limone

Procedimento:

  1. Grattugiate la buccia dei limoni (solo la parte gialla) ed unitela allo zucchero.
  2. Pelate a vivo i limoni (quelli di cui avete grattugiato la buccia). Raccogliete in una ciotola succo e polpa (senza noccioli e senza membrane interne), schiacciateli con una forchetta o una pressa. Questo succo e polpa di limone dovrà poi essere aggiunto all’impasto.
  3. Montate il burro ben ammorbidito con lo zucchero e la buccia di limone. Unite lo yogurt e le uova una alla volta.
  4. Incorporate quindi la farina ed il lievito setacciati ed infine il succo del limone.
  5. Amalgamare per bene il tutto e dividere il composto in due stampi da plum cake (oppure uno da ciambellone americano).
  6. Cuocere per 40/45 minuti a 180°C (vale la prova stecchino). Cercate di tirare fuori il dolce quando allo stecchino restano attaccate poche bricioline, ma nessuna traccia di impasto crudo).
  7. Lasciar raffreddare. Intanto preparate la glassa mischiando per bene lo zucchero a velo con il succo di limone. Aggiungete il limone poco per volta, sino ad ottenere la consistenza desiderata (a me piace un po’ più sostenuta). In alternativa potete anche semplicemente spolverarlo con zucchero a velo o lasciare al naturale: è buonissimo comunque!

Se la ricetta ti è piaciuta, condividila con gli amici. Poi prova anche…

Banana bread integrale allo yogurt e crema alla nocciola

Whole Wheat Banana Bread with hazelnut spread English recipe in the first comment below

Il banana bread è ottimo per la colazione o la merenda, e se si scelgono con cura gli ingredienti, si presta bene diventare anche una complemento per una colazione sana e nutriente.

Se non avete golosoni per casa, va benissimo “fermarsi” alla versione senza glassa, ma se siete golosi e volete azzardare un po’, questa versione con copertura al cioccolato e crema bianca alla nocciola, soddisferà la voglia di dolce senza troppi sensi di colpa.

In più si presta bene anche ad esigenze di riciclo: le banane troppo mature che i bimbi non gradiscono più, il vasetto di yogurt prossimo alla scadenza, o, come nel mio caso, un frullato lasciato a metà da mia figlia, per cui, oltre alle banane, questa volta nel banana bread sono finite anche le fragole!

Banana Bread integrale allo yogurt

Ingredienti per uno stampo da plum cake piccolo

  • 1 banana grande
  • 1 vasetto di yogurt (anche vegetale)
  • 1 uovo
  • 75ml olio di semi di arachide o olio di oliva leggero
  • 75g zucchero di canna
  • 50g di farina 00
  • 100g di farina di integrale di avena (o altra farina)
  • 1 cucchiaino di lievito per dolci
  • 1 cucchiaio di rum o altro liquore (facoltativo, ma ve lo consiglio se usate l’olio di oliva, per stemperarne il sapore più marcato

Per farcire e decorare

  • Glassa al cacao già pronta (io ho usato quella Paneangeli)
  • Crema bianca alla nocciola (io ho usato quella Rigoni di Asiago)

Procedimento per il banana bread:

  1. In una ciotola lavorare prima gli ingredienti liquidi con lo zucchero usando una frusta.
  2. Aggiungere al composto la banana precedentemente schiacciata con una forchetta, quindi le farine ed il lievito.
  3. Trasferire il composto in uno stampo da plum cake leggermente imburrato e cuocere a 180° per circa 40 min. (fate comunque la prova stecchino).
  4. Quando il banana bread è ben raffreddato, versateci sopra la glassa al cacao (per un banana bread piccolo, io ho usato mezza busta Panenageli) e variegate con la crema bianca alla nocciola, scaldata a bagnomaria e lasciata colare con un cucchiaino.

banana-bread

Se ti è piaciuta questa ricetta, prova anche…

torta-marmorizzata-rum-limone

Torta vecchia campagna (Torta marmorizzata al rum e limone – Rhum and lemon marble cake)

(Marbled lemon and rum cake – English version in the first comment below)

Volevo fare una ciambella/dei muffin al cioccolato con mia figlia (anche per smaltire i 3 chili di uovo di pasqua ancora in dispensa). Sfoglia qui e risfoglia lì mio fidato libro Cioccolato & Cioccolato mi imbatto in questa ricetta, perfetta allo scopo visto che avevo in casa tutti gli ingredienti. Tutte le ricette provate da questo volume sono state una garanzia, ma mai e poi mai mi sarei aspettata che quella che credevo una banalissima ricetta per ciambella fosse in realtà LA RICETTA DEFINITIVA, per qualsiasi torta marmorizzata, al cioccolato, senza cioccolato, … di quelle che si tramanderanno in famiglia, che diventano la coccola perfetta quando si ritorna al focolare.

Dopo averla assaggiata un solo problema restava da risolvere: riuscire a trasmettervi con una foto quanto fosse buona. Girala di qua, girala di là, cosa ci metto, come la faccio, con cosa la decoro? sono andata sul semplice: niente, se non i miei fidi limoni finti, un rustico tagliere e la luce naturale del balcone. A giudicare dalle vostre reazioni su Instagram e Facebook direi che ci sono riuscita nel mio intento!

Non ho voluto cambiare il titolo della ricetta che, a ben pensare, è perfetto (ed in tema con la foto!).

Se vi fidate di me, dovete provarla. Se ancora non mi conoscete o non sapete se fidarvi, con questa ricetta capitolerete! E’ una promessa!

Watermark1.526827262691E12.png

Ingredienti per uno stampo a ciambella di 24/26 cm
(oppure 8 muffin e uno stampo da torta di 22 cm)

  • 250g farina 00
  • 200g zucchero
  • 130g burro (io 1/2 burro e 1/2 margarina) a temperatura ambiente
  • 100g cioccolato fondente
  • 100g latte
  • 3 uova grandi
  • 2 cucchiai di rum (30ml)
  • 1 limone (succo e buccia)
  • 1 bustina di lievito vanigliato

Procedimento:

  1. Montare lo zucchero con il burro. Unire i tuorli uno alla volta.
  2. Aggiungere un terzo per volta la farina setacciata insieme al lievito alternandola al succo di limone, il latte ed il rum. Unire infine gli albumi montati a neve.
  3. Dividere in due parti l’impasto ed aggiungere a metà di questo il cioccolato fuso.
  4. Imburrare una teglia o uno stampo per ciambella e versare i due impasti separatemente. Con una spatola o un cucchiaio disegnare delle spirali in modo da creare un effetto marmorizzato senza però mischiare i due composti.
  5. Cuocere a 170° per 40/45 min. (vale la prova stecchino).
  6. E’ buona così com’è, senza dover aggiungere zucchero a velo o glasse di alcun tipo.

Torta marmorizzata al rum e limone

Accorgimenti e Consigli

  1. Quando cuocete delle torte al cioccolato tenetevi sempre ad una temperatura tra i 170° ed i 160°C (specie con il forno ventilato) anche se la ricetta vi dice di cuocere come di solito si fa a 180°C. Tenere la temperatura più bassa eviterà che il cioccolato bruciacchi o che la torta si secchi troppo, cosa che accade molto spesso con le torte al cioccolato.
  2. La prova stecchino: per ciambelle e muffin la prova stecchino subisce una variante: il momento perfetto per tirare fuori il dolce dal forno non è quando non rimangono bricioline attaccate e lo stecchino viene fuori pulito, ma quando restano attaccate due/tre bricioline allo stecchino. Questo è il mio segreto per plum cake e muffin umidi e non stopposi.
  3. Dosaggio ingredienti: quando c’è del cioccolato da fondere in una ricetta, pesatene sempre un pochino di più di quanto previsto (es 10/15g): anche se usate le spatole in silicone un pochino resta sempre attaccato alla ciotola/cucchiaio, e con dosi così piccole rischiate di sbilanciare la ricetta.

Torta marmorizzata al rum e limonetalmente buona che mangerebbe se stessa!!!

Ciambella alle nocciole e caffè (Hazelnut and coffee cake)

L’autunno è il periodo adatto per riprendere a sfornare dolci ed in particolare dolci con la frutta secca. La ciambella che vi propongo oggi è l’ideale per darvi la carica al mattino o coccolarvi al pomeriggio davanti ad una bella tazza fumante di the. Una vera festa per le vostre papille.

L’ispirazione mi è venuta da una ricetta trovata sul blog “Trattoria da Martina” (se ancora non conoscete il suo blog, vi consiglio vivamente di visitarlo), l’ho leggermente modificata per adattarla a ciò che avevo in dispensa (anzi è una ricetta che vi consiglio per smaltire avanzi di mascarpone e/o panna fresca). In più l’ho arricchita con una semplicissima glassa al caffè che, per me, resta il miglior amico delle nocciole. Per la merenda dei bimbi basterà cospargerla, invece, di zucchero a velo come proposto da Martina.

Buoni dolci e buone coccole!

One of the reasons why Fall is my favourite season is that you can treat yourself with a slice of a hazelnut cake and a cup of hot tea or coffee. I assure you this cake is absolutely delicious and quite easy to bake.
<<<Click here for the English recipe.>>>


Ingredienti per uno stampo da ciambella di 22/24 cm

  • 4 albumi montati a neve (oppure 3 uova)
  • 200g di farina 00
  • 50g fecola (oppure altra farina 00)
  • 1 bustina di lievito
  • 250g di mascarpone (oppure panna fresca, non zuccherata)
  • 250g zucchero
  • 70g di pasta di nocciole
  • 1 pizzico di sale
    per la glassa al caffè
  • 125g zucchero a velo
  • Q.b. caffè ristretto
  • Un cucchiaino di caffè solubile
  • Chicchi di caffè (facoltativi)

Procedimento

  • Montate gli albumi a neve. Setacciate insieme la farina, la fecola ed il lievito.
  • Con una fusta a mano o un robot da cucina (volendo anche il Bimby o il Cuisine Companion) mescolate tutti gli altri ingredienti.
  • Incorporate quindi con cura gli albumi alternandoli al mix di farina, fecola e lievito.
  • Imburrate e infarinate lo stampo e versateci il composto.
  • Cuocete a 160° per 40 minuti. Verificate la cottura della ciambella con uno stuzzicadenti.
  • Una volta fredda, preparate la glassa stemperando lo zucchero a velo setacciato con un po’ di caffè ristretto e un cucchiaino di caffè solubile. Versate la glassa sulla ciambella lasciandola colare sui bordi. Decorare a piacere con chicchi di caffè

Ricette simili:

torta nocciole con crema burro e caffè Coffeens - Muffins al caffè torta pan di stelle di Cle

mini-muffin-cioccolato

Mini Muffin al Cioccolato e Arancia

Quando una ricetta è no, è no! Ho provato questa ricetta di Montersino per tre volte, devo dire che ogni volta ne sono rimasta insoddisfatta. Non mi davo pace perché in rete tutti quelli che avevano provato questa stessa ricetta ne erano rimasti più che entusiasti. La prima volta ho pensato fosse colpa della farina, visto che ne avevo usato una marca diversa dal solito, un’altra volta ho pensato che avessi messo troppo grand marnier e squilibrato le dosi, un’altra volta ancora che non avessi seguito bene il procedimento…
Can’t tell how many times I tried this recipe! I was never happy with that! Ok! You know! It may happen! But… every body in the world was instead happy with it! So… let try again and don’t use that new flour… try again and measure even the micrograms of every ingredient, …

Sino a che ho seguito (forse per la prima volta nella mia vita!) alla superlettera la ricetta, non me ne sono scostata di un milligrammo né di un micropassaggio. Ma il risultato non è cambiato! Non mi hanno strabiliata! Per essere pronta a tutto, però, avevo già pensato al piano di intervento in caso di ennesimo flop: misura mignon e glassa al cioccolato che avrebbe contribuito quanto meno ad aggiustare il gusto che ho sempre trovato poco deciso.
Nothing changed to me! I was not happy with that recipe! So, the very last time I gave me a safe exit plan: bite size and chocolate icing!

mini-muffin-cioccolato-9

Di solito non vi passo ricette che non mi abbiano soddisfatto, quindi questo è più un suggerimento per come intervenire quando i muffin (o i mini muffin) che abbiamo preparato sono un po’ anonimi: glasssssssa! Inoltre gli amici a cui li ho proposti li hanno mangiati a due mani chiedendomene tutti la ricetta! Probabilmente sono io che da un muffin al cioccolato mi aspetto qualcosa di diverso da quello che in realtà dovrebbero essere!
I prefer not to give you recipes I didn’t like so much, unless they could be the occasion to give you some tips and suggest you what to do not at home! The tips here is “icing”! Cover with chocolate and enjoy!

Ingredienti per 12 muffin medi (24 mini) – Ingredients for 12 muffins or 24 mini muffins

225g farina 00 all purpose flour
35g cacao amaro in polvere cocoa
1 bustina di lievito per dolci (16g) 16g baking
90g zucchero di canna brown sugar
105g cioccolato in gocce chocolate drops
75g uova (circa 1 uovo e 1/2) 1 and half egg  (75g)
285g latte fresco intero whole milk
70g burro butter
6g gran marnier (o cointreau) grand marnier
per glassare e decorare for icing and decorate
100g cioccolato fondente plain chocolate
2 cucchiai di panna tbs cream
q.b. grand marnier o cointreau grand marnier
q.b. arancia candita a cubetti candied orange peel

  Procedimento  – Directions

1 Polverizzare lo zucchero di canna in un cutter. Setacciare in una ciotola capiente la farina con il cacao e il lievito. Aggiungere lo zucchero di canna e miscelare. Preheat oven to 400 degrees.
In a large bowl combine flour, cocoa and sugar.
2 A parte sbattere le uova con il latte e versare gli ingredienti liquidi nella ciotola con le polveri. Mischiare con un cucchiaio di legno, quindi aggiungere il burro fuso, il liquore e, infine, il cioccolato in gocce (per evitare che le gocce di cioccolato si depositino tutte sul fondo, passatele nella farina prima di unirle al composto) In another bowl slowly beat in eggs with milk, until combined.
Slowly mix the flour with the eggs and then add butter and choccolate drops.
3 Riempire i pirottini fino a 3/4 della loro altezza. Infornare a 210° per 15 minuti (8min a 200° per i mini muffin). Quando effettuate la prova stecchino lo stecchino deve venire fuori non pulito ma con qualche briciolina ancora attaccata ad esso. Pour mixture into muffin pans, filling each cup two-thirds full.
Bake for 15 minutes or until a toothpick inserted into center of muffin comes out with a few crumbles on it.
4 Una volta cotti lasciateli raffreddare. A piacere glassateli con del cioccolato fuso e diluito con qualche cucchiaio di panna ed un po’ di liquore all’arancia per profumare. Per glassarli basterà intingerli a testa in giù nel cioccolato.
Decorate con pezzetti di arancia candita.
Once baked and cooled down melt the chocolate with some cream and liqueur and cover the minimuffins with this icing. decore with some candied orange peel.

mini-muffin-cioccolato-2.jpgA voi l’ardua scelta di fidarvi del giudizio negativo della Cle o di quello delle 123463423173 persone che invece hanno trovato questa ricetta perfetta nonché le 25 persone che al termine di una cena luculliana nel buffet dei dolci portati da diverse persone hanno finito tutti questi dolcetti (e portato a casa quel poco che restava)!

I brought them to a barbecue party and everybody loved them. So… you’re is the choice: listen to Cle who hate them or listen to thousand people who tried the same recipe and loved it plus my 25 friends who just could not stop to eat these mini muffins!

In ogni caso, buon weekend!
Whatever you do… have a great weekend!

mini-muffin-cioccolato-9


Potrebbero interessarti anche (see also:

muffin ciocco-pere senza glutine-uova-lattosio Coffeens - Muffins al caffè Trancetti tartufati

Dolce al cocco e lamponi (Coconut and raspberry soft tart)

Se la nazi pasticcera che è in me non mi frenasse, chiamerei questa torta “crostata morbida al cocco e lamponi”. La verità è che non riesco ad usare la definizione “crostata” per una preparazione che non prevede l’utilizzo di una frolla. la base infatti è più simile ad un impasto per pasta bargherita che una frolla. La torta comunque resta bassa e può essere cotta in unos tampo per crostata, per cui riecheggià l’idea della crostata… e viene di chiamarla crostata morbida! Ma le crostate morbide, se pure sistono (e sto pensando alle frolle sablèe) non sono certamente cosi!

Ad ogni modo, il dolcino che vi propongo, comunque lo vogliate chiamare vi assicuro che è buono buono, facile facile facile, ottimo per la colazione, la merenda, l’ora del te e, volendo, con una pallina di gelato vicino, anche come dessert di fine pasto, magari in occasione di un pranzo in campagna con amici.
Summer is coming veeeery slowly this year! So… the no-bake dessert season starting will be delayed for some days, I guess! So I take the opportunity to share with you this amazing recipe, very easy, very delicious, good for breakfast (Italian style of course!) with a cup of tea or for dessert with some ice cream.

crostata cocco e lamponi (10)

La ricetta l’ho rubata a Sergio Maria Teutonico che l‘ha presentata in una puntata di Colto e Mangiato su Alice. L’ho provata diverse volte ormai, e provato diverse varianti. L’accostamento originale, proposto da SMT è con la confettura di fragole. Ma il risultato migliore, secondo me, l’ho ottenuto con la confettura di lamponi, sia per il sapore più asprigno che sposa bene con questa crostata, sia per la consistenza più liquida della confettura di lamponi che da maggiore umidità e golosità alla torta. Se avete scampoli di confettura da consumare potete anche dividere la crostata in sezioni e farla di più gusti (anche questa soluzione provata ed approvata!!!)
The original recipe, made by Chef Sergio Maria Teutonico, is made with strawberry jam but I found that you have the best results with raspberry jam, for its taste and consistency. Try it with every jam you have at home and find your best combo too!

Vi ho incuriosito abbastanza? Allora passiamo agli ingredienti!

Ingredienti – Ingredients

Per la baseFor the soft crust
90gburro (leggermente salato)butter
110gzucchero sugar
2uovaeggs
130gfarinaflour
1/2cucchiaino di lievitotsp baking
250gconfettura di lamponiraspberry jam
Per la copertura al coccoFor the coconut crumble
160gcocco grattugiatococonut rapé
55gzuccherosugar
2uovaeggs

Procedimento (clicca qui per la videoricetta di SMT)Directions

1.Con una frusta mescolare in una ciotola lo zucchero con due uova. Unire la farina setacciata insieme al lievito. Otterrete un impasto piuttosto colloso ma liscio. Unite infine il burro fuso e mescolate per bene.Using a wip mix the eggs and the sugar in a bowl. Then add the flour and the baking. At the end add some butter melted. Mix all the ingredients until they are smooth and thick.
2. A parte preparare la copertura di cocco: mischiate le uiva, lo zucchero e il cocco in una ciotola. Otterrete un composto piuttosto slegato ed omogeneo.
Varianti: (1) potete usare anche solo degli albumi (se magari ne avete da consumare) tuttavia l’uso dell’uovo intero darà una colorazione uniforme alla torta che quindi apparirà dorata sia sul fondo che sulla superficie. (2) Se non amate il cocco, potete preparare un crumble semplice con la farina magari mischiata con altra frutta secca.
In another bowl prepare the coconut crumble: mix the other egg and sugar with the coconut. You will have a crumbled mixture.
Variations: (1) should you have to, you can use some egg whites. However, you will have a better colouration using the whole eggs. (2) You can also try a different crumble with almonds flour or plain flour, as you prefer.
3. Ungete leggermente uno stampo da crostata di circa 24 cm. di diametro (oppure due stampi da crostata lunghi e stretti) e distribuite sul fondo la base aiutandovi con un cucchiaio o una spatola (non è possibile stenderla al mattarello).
Distribuite su tutta la superficie la confettura.
Infine disporre dei fiocchettini di copertura al cocco su tutta la superficie della torta ricoprendo la marmellata.
Lightly grease a pan (about 24 cm) and spread all over the soft crust mixture.
Spread also some jam.
Cover with the coconut “flakes” crumbling them with your fingertips on the top of the cake.
4. Cuocere a 180° per circa 30/35 min. o comunque fino a doratura. Una volta cotta e ben raffreddata, lucidare con un po’ di confettura di albicocche la superficie e servire.Cook at 356°F for 30/35 min or until it will become golden. Let the tart cool down and serve. For a “glossy” effect, spread a little bit of apricot jam on the surface using a brush

Ed eccola qui, golosa ed invitante!

crostata cocco e lamponi (9)

Vi mostro anche la versione alternativa, con il crumble agli albumi (vedete che resta più chiaro) senza cocco. Io la preparo sempre in doppia versione visto che a mio marito non piace il cocco, dostribuendo la base in due stampi lunghi. In questo caso, se volete fare due crostate con copertura al cocco, vi suggerisco comunque di aumentare di metà la dose della copertura (= 3 uova, 75g zucchero e 240g cocco).
So, here it is in the double version: with the coconut above, with egg white crumble below (no coconut). I always make a double version since my husband doesn’t like the coconut at all!

crostata cocco e lamponi (3)

Buona colazione e buoni scampoli di forno!

 


Ti potrebbero interessare anche (see also)

Dolcetti al cocco
torta noci pere
pina colada cake