Pipe rigate ai carciofi in crema di pecorino

Oggi vi do una ricettina veloce veloce, di quelle che piacciono a me che possono essere preparate nel tempo di cottura della pasta (10 min). Ingrediente protagonista: i carciofi.

Anzi, se vi portate avanti con la pulizia dei carciofi (o magari utilizzate i cuori di carciofo congelati), è proprio una ricetta fatta apposta per la rubrica “Un, due, tre… cena!”. Io per esempio quando ho delle verdure in casa, le sbollento per un paio di minuti, le taglio e le congelo (possibilmente sotto vuoto) così quando ne ho bisogno le ho già pronte, pulite e pre-cotte.

L’ispirazione per la ricetta viene dalla confezione delle conchiglie rigate della Barilla, con minime modifiche (indicate tra parentesi).

Ve la consiglio: buona buona buona, anche per la pausa pranzo in ufficio.

Today a really simple  recipe with the artichokes. Thepreparation time is of about ten minutes, i.e. the pasta cooking time! You can use fresh or frozen artichokes. I like to half-cook and storage them in the freezer  when I have plenty of them. I found the recipe on the Pasta Barilla box. I just added some bacon, but if you are vegetarian you can omitt it.

 

Ingredienti per 4 persone – Ingredients for 4 servings

360g pipe rigate pasta
150g cuori di carciofi artichokes
80g panna cream
80g pecorino grated goat cheese
1/2 bicchiere vino bianco secco cup of white wine
3 cucchiai olio evo tbs. olive oil
30g porro (io cipolla bianca) onion
q.b. maggiorana (io non l’ho messa) marjoram leaves to taste
30g (pancetta dolce)* bacon**

*Senza la pancetta il piatto è buono lo stesso e completamente vegetariano
** without the bacon the recipe is vegetarian

 

IMG_2137

Procedimento – Method

1. Mettete a bollire l’acqua per la pasta. Nel frattempo rosolate i carciofi tagliati a fettine sottili con la cipolla, la pancetta e l’olio. Sfumate con il vino e proseguite la cottura. Boil the pasta. In the meantime brown the artichokes sliced with the olive oil, the onion and the bacon. Add some wine and continue to cook.
2. Scaldare a fuoco lento la panna e sciogliervi all’interno il pecorino, quindi unirla ai carciofi. Heat the cream and melt the cheese in it. Then add to the artichokes.
3. Quando la pasta è cotta saltarla con la salsa ai carciofi e pecorino, profumate con la maggiorana e servite. Dress the pasta with the artichokes and cheese sauce and serve.

Potrebberp interessarti anche (see also)

 

 zuppa di cannellini crema lenticchie rosse e mandorle prosciutto crudo radicchio

Quadretti in zuppa di cannellini (White bean soup)

Sono esattamente due settimane che vi ho lasciati senza ricette e anche senza notizie… Diciamo che queste ferie non sono andate esattamente come le avevo immaginate… Mia nonna ci ha lasciati, nonostante il buon esito dell’operazione al femore i suoi 94 anni si son fatti sentire e i suoi “piccoli acciacchi” in uno schioccar di dita sono diventati dei fardelli difficili da portarsi dietro ancora a lungo. Ciao Nonna, finalmente dopo 18 anni hai potuto riabbracciare il Nonno!
I’m back after 2 weeks… My holiday didn’t go as I would like… My grandma left us after  a femur surgery. Now, after 18 years, she is with my grandpa again! God bye!

Purtroppo per voi non ho sperimentato grandi cose in cucina anche perché ho dedicato gli ultimi giorni alle grandi(ssime) pulizie. Però al mio ritorno sul blog sono stata stracontenta: nonostante la minore affluenza dovuta sia al caldo, sia all’assenza di nuovi post, mi avete portato nella top 100 della classifica eBuzz (vecchio Wikiò) e abbiamo superato le 800.000 visite! Ed ho già chiara in testa la torta che vi preparerò per il milione di visite!!!
I had no time to experiment the recipes I had in my “to do list”, also because I spent lot of time in “summer cleaning”. But I was very very happy when opening my dashboard I found your gift: I’m in the top 100 chart on eBuzz (ex Wikiò) and we passed the 800.000 hits! Thank you so much!

Ma passiamo alla ricetta di oggi! Facendo la spesa l’altro giorno ho notato sugli scaffali della pasta questo formato simpatico: i quadretti all’uovo della Barilla e deciso di provare subitissimo la ricetta proposta sul retro della confezione.
But let’s see today recipe! I found this new pasta format on the market shelves, so I decided to try the recipe indicated on the envelope.

quadretti in zuppa di cannellini

Se utilizzate fagioli già cotti la preparazione vi richiederà pochissimi minuti, in più è un modo simpatico per far mangiare i legumi ai bambini. E poi le zuppe sono buone anche in estate (purché non bollenti!!!!).
Should you use cooked beans the recipe will take a few minutes to be ready. Also it is a delicious way to let the kids eat the beans. I adore soups, even in summer!

Ingredienti per 4 persone (Ingredients for 4 servings):

  • 200g quadretti o altro formato da minestra (little format pasta)
  • 500g fagioli cannellini già cotti (cooked beans)
  • 200g patate lesse (io non le ho messe) (boiled potatos)
  • 100g carote (carrots)
  • 20g cipolla (onion)
  • uno spicchio di aglio (garlic – 1 clove)
  • olio evo (extra virgin oliv oil)
  • sale e pepe (salt and pepper)
  • rosmarino (rosemary)

Procedimento (Directions):

  1. Rosolate in una casseruola la cipolla e l’aglio e unite i cannellini, le patate tagliate a cubetti ed un litro d’acqua (o brodo). Aggiustare di sale e pepe e cuocere per 15 minuti. Quindi frullate il tutto ottenendo una crema.
    (Brown the onion with the oil and the garlic, then add the beans and the potatos. Add 1 lit water and cook for 15 minutes. Add salt and pepper and blend the soup).
  2. Tagliate la carota a cubetti e saltatele in padella con un cucchiaio di olio. Nel frattempo cuocete la pasta.
    (Chop the carrots and brown in a pan with a tbs of olive oil. Boil the pasta)
  3. Servite la pasta adagiandola sul letto di crema di cannellini. Guarnite con le carote saltate in padella, del rosmarino e un filo di olio a crudo.
    (Serve the pasta on the beans soup and decorate with the carrots and some rosemary leaves)
  4. A piacere servite con dei crostini di pane o con dell’olio piccante. Il vino consigliato per l’abbinamento è il Locorotondo (bianco).
    (Should you like you can add some toasted bread and a bit of chili pepper. Serve with white wine)

quadretti in zuppa di cannellini

PS: ho cambiato il layout al blog. Anche se è un po’ troppo cuoricioso è un po’ più vicino al mio layout ideale, anche se il precedente continua a piacermi parecchio. Quindi aspetto il vostro feedback per decidere definitivamente se tornare sulla strada vecchia o mantenere/migliorare questo (posto che i cuoricini non posso eliminarli!!!


Potrebbero interessarti anche (see also):

 fagiolata indian style zuppa di fagioli

Fusilli Bucati Corti con cuore di carciofi

Questo è uno dei piatti che tempo fa abbiamo sperimentato insieme mia madre ed io, prendendo spunto dalla ricetta presentata sulla confezione dei fusilli bucati corti barilla (per altre ricette clicca qui), e che è entrato a pieno titolo tra i cavalli di battaglia del nostro spadellare! Per renderla più buona noi ci abbiamo aggiunto la panna, se non volete peccare troppo sul fronte calorie potete sempre optare, come ho fatto io, per la yochef.

Inoltre ne approfitto per darvi una piccolissima ma spero graditissima anticipazione su quella che sarà la prossima ricetta: ho cercato di replicare, con considerevole risultato, la mitica e purtroppo dimenticata FIESTA ALLE MANDORLE!!!

Pazientate ancora qualche ora e… ve ne regalo una fetta! A bocca aperta

Ma ora torniamo alla ricetta di oggi!

Ingredienti per 4 persone:

  • 350 g. fusilli bucati corti Barilla
  • 8 carciofi teneri
  • 100 g speck
  • 2 spicchi di aglio
  • 5 cucchiai di olio di oliva
  • 200g panna da cucina (o yochef)
  • 50 g. parmigiano
  • 1 rametto di maggiorana o prezzemolo
  • sale q.b.

Procedimento:

  1. Tagliare i carciofi a fettine sottili (per non farli annerire immergerli in acqua acidulata con il succo di un limone). Stufarli in una casseruola con un rametto di maggiorana, un mestolo d’acqua e uno spicchio d’aglio in camicia da togliere subito dopo.
  2. Frullare la metà dell’intingolo con un goccio d’olio e un poco d’acqua. Al termine unire anche la panna (se gradita) e i carciofi rimasti.
  3. Cuocere la pasta in abbondante acqua salata e scolarla al dente. Quindi tostate in una padella con un po’ d’olio d’oliva lo speck tagliato a cubetti o a listarelle.
  4. Condire la pasta con la crema di carciofi, lo speck tostato, ed abbondante parmigiano grattugiato. Gnam gnam!

La foto non è delle migliori, ho fotografato al volo a tavola, con i miei ospiti che hanno avuto la pazienza di attendere per due o tre scatti! La pasta però è ottima!

DSCN0131


Potrebbero interessarti anche:

pasta melanzane mozzarella  pasta e fagiolini  prosciutto crudo radicchio

Crema di lenticchie rosse e mandorle

Al supermercato avevo letto al volo una ricetta Barilla sul retro della confezione di un formato di pasta che non comprerei mai: spaghetti tagliati. Prendendo spunto dall’idea che, formato di pasta a parte, mi sembrava molto valida ho deciso finalmente di sperimentare la confezione di lenticchie rosse decorticate che avevo comprato. Se non le trovate vanno benissimo anche le semplici lenticchie rosse non decorticate (per intenderci quelle piccole) che oltretutto erano quelle indicate nella ricetta sulla confezione Barilla.

P1010181

Ingredienti per 4 persone:

  • 350/400g lenticchie rosse decorticate
  • 180/200g pasta piccola (tipo tubetti)
  • cipolla, aglio, carota
  • 4 cucchiai di olio di oliva
  • due cucchiai di passato di pomodoro
  • brodo q.b.
  • 150g mandorle tostate e tritate grossolanamente
  • (facoltativo: prezzemolo)

Procedimento:

  1. Far insaporire per qualche istante le lenticchie con olio, cipolla, aglio e carota, senza farlo soffriggere.
  2. Aggiungere quindi il brodo caldo (poco meno di due litri), il passato di pomodoro e lasciar cuocere per 30 min circa (40 se utilizzate lenticchie non decorticate).
  3. Le lenticchie decorticate, come le fave, tendono a sfaldarsi in cottura, quindi non sarà necessario passarle al mixer, tuttavia per un risultato più omogeneo o se usate lenticchie non decorticate a cottura ultimata frullate il tutto con un minipimer.
  4. Cuocete la pasta direttamente nella zuppa di lenticchie, aggiungendo brodo caldo al bisogno e mescolando di continuo perché tende ad attaccare sul fondo.
  5. Servire guarnendo con le mandorle tostate e tritate che daranno un elemento di croccantezza molto piacevole e dal sapore molto indovinato!

Potrebbero interessarti anche:

lenticchie  passato verde  Bicchierini di fave

Sedanini rigati con scampi, zucchine e radicchio

Ingredienti (per 4 persone)

  1. 350 g sedani rigati
  2. 150 g pomodorini ciliegia pelati
  3. 16 scampi
  4. 5 cucchiai olio ex. v. oliva
  5. 3 zsucchine tagliate a listarelle
  6. 1 scalogno tritato
  7. 1 ciuffo di prezzemolo
  8. 1 cespo di radicchio rosso
  9. sale e pepe q.b.

Procedimento

  • sgusciate gli scampi, imbiondite lo scalogno in padella con 2 cucchiai di olio, unire gli scampi tagliati in due per il lungo e lasciare rosolare, aggiungere i pomodori tagliati a dadini e cuocere per 5 minuti. + Sale e pepe!
  • Sbollentare in acqua le zucchine e unitele alla salsa.
  • Cuocete la pasta scolatela al dente e fatela saltare nella salsa.
  • Servite la pasta su un fondo di radicchio tagliato a listarelle finisime. Spolverare con prezzemolo.

Gnocchetti sardi alla campidanese (con salsiccia)

Ingredienti (per 4 persone)

  1. 350 g Gnocchetti Sardi Barilla
  2. 450 g pomodorini
  3. 1 cucchiaio di concentrato di pomodoro
  4. 250 g salsiccia fresca condita
  5. 100 g pecorino sardo stagionato
  6. 1 cipolla bianca
  7. 2 spicchi d’aglio
  8. 3 rametti di finocchio oppure aneto
  9. Un pizzico di zafferano
  10. 4 cucchiai di olio ex. v. oliva
  11. Buccia di 1/2 limone tagliata a julienne

Procedimento

  • Tritate l’aglio, tagliate la cipolla a pezzetti e la salsiccia a tocchetti. In un tegame con 4 cucchiai di olio far imbiondire la cipolla e l’aglio. Unire la salsiccia e fare rosolare per 10 min.
  • Nel frattempo sbollentate i pomodorini, privateli di buccias e semi, tagliateli e sminuzzate i tamettio di finocchio.
  • Quando la salsiccia si sarà dorata unite i pomodori e il finocchietto, regolate di sale e restringete il tutto per 10 minuti a fuoco medio.
  • Continuate la cottura per altri 10 minuti a fuoco lento, aggiungendo pochi minuti prima del termine lo zafferano sciolto in un poco d’acqua, la buccia di limone ed il concentrato di pomodoro.
  • Nel frattempo cuocete gli gnocchetti, uniteli al sugo e saltateli in padella. Servire spolverati di abbondante pecorino.

Penne in Salsa Arrabbiata (ricetta Barilla)

Ingredienti (per 4 persone)

  1. 350 g Penne Rigate
  2. 350g Pomodori ciliegia
  3. 100 g prezzemolo
  4. 50 g capperi
  5. 4 cucchiai di olio extra vergine oliva
  6. 1 spicchio di aglio
  7. 1/2 scalogno
  8. Peperoncono tritato q.b.
  9. Sale e pepe q.b.

Procedimento

  • In una padella fate rosolare l’aglio e lo scalogno tritati finemente, unitevi il peperoncino.
  • Aggiungete i pomodorini pelati e privati dei semi, unite i capperi e continuate la cottura per 5 min. circa.
  • Cuoecete le penne, scolatele e fatele saltare un paio di minuti con la salsa.
  • Servite guarnendo con abbondante prezzemolo tritato.

Midolline in crema di lattuga con Tacchino

Ingredienti (per 4 pesrone)

  1. 200 g Midolline Barilla
  2. 200 g Petto di tacchino
  3. 60 g parmigiano reggiano
  4. 40 g sedano
  5. 20 g di preszzemolo
  6. 10 foglie di lattuga
  7. 1 spicchio d’aglio
  8. 1/2 cipolla
  9. 1/2 litro di brodo
  10. Sale, pepe, olio d’oliva extra vergine q.b.

Procedimento

  • Cuocete in padella il tacchino (in brodo o come preferite)
  • Tagliate a pezzettini la patata, il sedano, la lattuga, l’aglio e la cipolla.
  • In una pentola con l’olio rosolate le verdure per qualche minuto. Aggiungete il brodo e lasciate cuocere per 20 minuti a fuoco vivo. Quindi passate tutto al mixer.
  • Cuocete le Midolline direttamente nella zuppa e guarnite con scaglie di parmigiano e cubetti del tacchino cotto in precedenza.

Penne lisce con nasello capperi e olive

Ingredienti (per 4 persone)

  1. 350 g penne lisce
  2. 400 g passato di pomodoro
  3. 180 g Nasello
  4. 30 g capperi
  5. 30 g olive nere denocciolate
  6. 10 g cipolla tritata
  7. 4 cucchiai di olio d’oliva e.v.
  8. 1 spicchio di aglio tritato
  9. prezzemolo tritato q.b.
  10. sale e pepe q.b.

Procedimento

  • Fate rosolare aglio e cipolla nell’olio. Aggiungete i capperi tritati e le olive tagliate a cerchietti. Lasciate cuocere per qualche istante, quindi aggiungete il nasello tagliato a dadini ed il pomodoro. Cuocete per altri 15 min.
  • Cuocete le penne, scolatele e saltatele nella salsa preparata.
  • Guarnite con il prezzemolo tritato.

Io con questo sugo ci ho condito gli spaghetti, non avevo però prezzemolo. Eccoli qui

IMAG0116

Spaghetti in Salsa di Tonno, Porro e Pomodorini

Ingredienti (per 4 persone)

  1. 350 g spaghetti
  2. 250 g tonno
  3. 100 g pomodorini ciliegia
  4. 50 g porro a listarelle
  5. 30 g capperi
  6. 4 cucchiai olio extra vergine oliva
  7. 1 cucchiaio cipolla tritata
  8. 1 spicchio aglio
  9. sale e pepe q.b.

Procedimento

  • Pelate i pomodorini e privateli dei semi. Fate rosolare nell’olio il porro, la cipolla e l’aglio eunite i pomodorini. Aggiungete quindi il tonno a pezzetti e i capperi tritati.
    Se la salsa risultasse troppo densa aggiungete un po’ di brodo.
  • Cuocete gli spaghetti, scolateli al dente e saltateli in padella con la salsa.

Edit: 31/01/2011

Ho finalmente sperimentato questo condimento… La verità è che non avevo mai assaggiato il porro e la “mia” pasta con il tonno è da leccarsi i baffi! Ma ogni tanto cambiare si deve… Non male! E non male nemmeno questo gusto del porro misto tra cipolla, sedano e finocchio! Con la lingua fuori

IMAG0139