zucchine-ripiene-in-padella-senza-carne

Zucchine Ripiene

Questa ricetta di zucchine ripiene senza carne da fare in padella me l’ha insegnata la mia nonna acquisita, è una ricetta semplice ma buonissima, vegetariana, leggera e veloce da preparare, infatti le zucchine possono cuocersi in padella invece che nel forno (e quindi ottima se ne dovete preparare poche porzioni o se siete single). Naturalmente potete arricchire il ripieno con carne, formaggi o salumi di vostro gradimento, ma io vi invito a gustarle così almeno una volta, nella loro semplicità. Piacciono molto anche ai bambini più piccoli. E piacciono persino a me che non amo le zucchine!!!

Possono essere un gustoso secondo vegetariano (perfetto anche se avete ospiti vegetariani) oppure possono tranquillamente sostituire il primo come piatto unico.

zucchine-ripiene-senza-carne

Ingredienti per 4/6 porzioni

  • 6 zucchine lunghe (non troppo grandi)
  • due uova medie
  • 4 cucchiai di parmigiano o grana grattugiato
  • basilico
  • prezzemolo
  • pangrattato q.b.
  • sale q.b.
  • passato di pomodoro
  • olio
  • cipolla

Come preparare le zucchine ripiene in padella

  1. Spunta le zucchine e tagliale a metà per il senso della lunghezza. Scavale aiutandoti con uno scavino o con un cucchiaino, ricavando delle barchette. Salale leggermente.
  2. Raccogli la polpa delle zucchine nella ciotola del cutter insieme alle uova, il formaggio basilico (4 foglie grandi) e prezzemolo (non troppo). Aggiungi quel poco di pangrattato che occorre per assorbire il liquido delle uova e delle zucchine (circa una manciata). L’impasto deve avere una consistenza morbida, più morbida delle polpette di uova, ma comunque non suppurare liquido. Prima di testare la consistenza e valutare se aggiungere altro pane, lasciar trascorrere almeno un paio di minuti per fare in modo che il pane assorba bene i liquidi.
  3. Nel frattempo preparate in una padella sufficientemente larga da accogliere tutte le barchette di zucchina, un sughino leggero al pomodoro e basilico, con un pochino di cipolla o aglio. Allungatelo leggermente con mezzo bicchiere di acqua. Se avete ecceduto con il pane, potete aggiustare la consistenza del ripieno con uno o due cucchiai di sugo di pomodoro.
  4. Distribuite il ripieno ottenuto nelle barchette di zucchine riempiendole per bene. Adagiate le zucchine senza sovrapporle nella padella con il sughino leggero. Coprite e lasciate cuocere per circa 30 minuti a fiamma media. Trascorsi 30 minuti, con un cucchiaio nappate con il sugo al pomodoro le zucchine ormai cotte. Togliete il coperchio, alzate la fiamma e fate restringere il sugo al pomodoro.
  5. Sono buone a qualsiasi temperatura, ma lasciate stiepidire danno il loro meglio.
  6. Se avete bambini piccolissimi in fase di svezzamento, potete schiacchiare con una forchetta la zucchina ed il suo ripieno e mischiarlo nella loro pastina: ne saranno supercontenti (ovviamente in questo caso, attenzione al sale).
zucchine-ripiene-in-padella

Suggerimento: Se dovete prepararne in un quantitativo maggiore potete sempre optare per la cottura al forno, Stesso procedimento, ma coprite le zucchine con il sugo prima di infornare. Cottura 25/30 min 180*, senza necessità di far restringere ulteriormente il sugo dopo i primi 30 min di la cottura. Tuttavia uno dei punti forti di questa ricetta è proprio la cottura in padella e pertanto anche l’essere adatta a piccoli quantitativi.

Piaciuta la ricetta? Scrivilo nei commenti! Inoltre, potrebbero interessarti anche

Chiedilo a Cle!

Hai dubbi o domande per l’esecuzione di questa ricetta? Lascia un commento sotto, oppure mandami una email!

Hamburger di Cannellini

Click here or scroll down for the English version: https://lericettedicle.com/2020/04/22/hamburger-di-cannellini/2/

Avete mai provato gli hamburger di legumi? Beh se non lo avete ancora fatto, dovreste: sono semplicissimi da preparare, gustosi ed anche un modo diverso per proporre i legumi nel menù settimanale, specie se si hanno bambini.

Oggi vi propongo questi hamburger di fagioli cannellini: squisiti e semplicissimi da preparare! Li vorrete mangiare ogni settimana. E’ una ricetta vegetariana, con le opportune sostituzioni può essere anche vegana e/o senza glutine.

Come fare gli hamburger di fagioli cannellini

Ingredienti: un vasetto di cannellini cotti, un albume, prezzemolo, aglio, sale e pangrattato quanto basta
(per una versione vegana puoi omettere l’albume, se sei intollerante al glutine usa pangrattato senza glutine o cornflakes polverzzati)

In una ciotola schiaccia con una forchetta i fagioli ben sciacquati dal loro liquido di conservazione, aggiungi prezzemolo, aglio in polvere (o altri aromi a tuo piacimento, sale e pepe secondo gisto. Aggiungi un albume per compattare e uno o due cucchiai di pangrattato quanto basta per ottenere un composto asciutto ma comunque non troppo secco.

Cospargi sul piano di lavoro o su un foglio di carta forno del pan grattato. Stendi il composto in uno strato uniforme di circa 1 cm e ritaglia con un coppapasta dei dischi di circa 10 cm di diametro (oppure usa una pressa per hamburgher, avendo però sempre cura di cospargere con pangrattato per facilitare la formazione degli hamburgher ed il loro distacco dalla forma o dal piano di lavoro).

Cuoci in padella con un filo di olio a fiamma media, facendo rosolare da entrambi i lati

Servi con una insalata fresca.

Se ti è piaciuta questa ricetta con i legumi potrebbero interessarti anche:

Go to the English version of this recipe: https://lericettedicle.com/2020/04/22/hamburger-di-cannellini/2/

Continua a leggere…

Un Taco di avanzi per Pasquetta

Diciamo che ho un po’ pilotato i miei “avanzi” di questi giorni per ritrovarmi con i giusti ingredienti per il mio taco di Pasquetta.

Avevo visto questo video su Cook ‘n Share (tra l’altro le ricette di Dave mi piacciono un sacco e vi invito a seguirlo anche se non masticate l’inglese) e avevo in testa questo wrap da diversi giorni. https://youtu.be/vpHLTqU95-c

Quindi mi sono tenuta da parte, due cucchiai di ragù della lasagna al forno preparate a Pasqua (ben rosolato ed insaporito ma prima di aggiungerci il pomodoro), qualche fetta di salame dalla pastiera salata, un po’ di sughino con le cipolle e le olive dalla focaccia di cipolle, un peperone arrostito, una mozzarella e una piadina (anche se ci voleva la tortilla)… Insomma: c’era tutto e l’occasione troppo ghiotta per lasciarsela sfuggire.

L’ho consumato con grandissimo piacere e soddisfazione ed è assolutamente da rifare anche perché merita una foto migliore di questa fatta durante il pic-nic sul balcone di una soleggiatissima Pasquetta in quarantena!

Taco di Pasquetta
Taco di Pasquetta

Giuro che l’ho accompagnato con una bella insalatona mista!

Vi do gli ingredienti sotto ma senza dosi precise. Volendo potete rifarvi al video di Dave

Taco di Avanzi

  • Tortillas o piadine
  • Carne macinata (o avanzi di ragù alla bolognese o bianco)
  • Fette di salame (decidere voi se dolce o piccante)
  • Mozzarella o altro formaggio che fila
  • Peperoni arrostiti conditi (o melanzane sott’olio… Fate voi!)
  • Cipolle crude o già stufate (per me il residuo del ripieno della focaccia)
  • Piccante quel che basta!

Procedimento

  1. Se utilizzate solo avanzi: mettete a scaldare la tortilla o la piadina a fuoco basso. Disponete al centro i vostri avanzi e scaldare fino a far sciogliere il formaggio, meglio se con il coperchio. Chiudere, avvolgere in carta da forno e alluminio e mangiare!
  2. Se partite da cibi crudi potete spedire il procedimento nel video, anche se io vi consiglio di stufare la cipolla a parte e poi unirla alla carne rosolata insieme al resto degli ingredienti.

E voi? Come avete passato Pasquetta in quarantena? Avete acceso il barbecue sul balcone?

Edit: L’ho rifatto a pochissimi giorni di distanza, sia per smaltire gli ultimi rimasugli dei medesimi avanzi, sia per avere una foto un po’ più da foodblog. Ed eccolo qui. Ho volutamente omesso il salame e la mozzarella questa volta, ma squisito ugualmente. So che ci sono in commercio anche sostituti della carne macinata per vegetariani e vegani, quindi vi invito a provare questa ricetta nella versione meatless perche merita! Per una versione più tex-mex, aggiungete i borlotti.

taco-di-avanzi-stile-tex-mex

Meal Plan Aprile 2020 (con ricette semplici per la quarantena)

Come per il Meal Plan di Marzo , anche per il Meal Plan di Aprile ho scelto ricette semplici e a maggior ragione con ingredienti di stagione, se anche voi, come me, avete trovato un fruttivendolo locale che vi porta a casa la frutta a Km0.


Ora che hai qualche idea per cosa cucinare fino alla fine della quarantena non ti resta che partecipare alla piccola gara culinaria che ho ideato per rinfrancarci durante la clausura. Per info clicca sulla immagine in basso.

Meal Plan Marzo 2020 (per non farsi prendere dal panico)

E’ difficile non farsi prendere dal panico o dalla frenesia ora che tutta l’Italia è praticamente zona rossa e le misure di contenimento del Corona Virus sono state estese a tutta la penisola.

Le persone stanno prendendo d’assalto i supermercati (io ho fatto la spesa già da qualche giorno, in verità) nel timore di restare a corto di approvvigionamenti.

Il mio piccolo contributo per aiutarvi a gestire meglio questo periodo di emergenza ve lo do con un meal plan semplice semplice, con piatti facili e che vi aiuti a fare la spesa in maniera oculata e non convulsa.

State calmi. State a casa.


Ora che hai chiaro cosa cucinare fino alla fine della quarantena non ti resta che partecipare alla piccola gara culinaria che ho ideato per rinfrancarci durante la clausura. Per info clicca sulla immagine in basso.

Frittata Fit di albumi e spinaci (vegetariana)

Alzi la mano chi non ha almeno in proposito di rimettersi in riga per davvero. Un applauso a chi è già tornato nei ranghi ed ha ripreso con l’alimentazione ed il movimento ordinari. Ormai sono passate tre settimane dalle feste e dall’inizio dell’anno ed oggi è il Blue Monday, la giornata in cui siamo tristi perchè vediamo infrangersi sugli scogli della procrastinazione i nostri buoni propositi.

Il punto non è certo che i nostri obiettivi dobbiamo raggiungerli entro la fine di gennaio, ci mancherebbe. Ma quanto meno muovere il primo passettino verso l’obiettivo prefissato, quello si.

Che sia questa frittata quel primo passettino?

Trattasi di una “non ricetta” di riciclo che ho messo su per smaltire un po’ di albumi ma che ha ottenuto un discreto successo. Ottima per un regime proteico e/o ipocalorico.

Provatela e vi sentirete un po’ più in linea con i propositi di vita sana, e con un pochino meno di sensi di colpa addosso, tipici di questo terzo lunedì dell’anno!

Frittata di albumi e spinaci (No carb – Vegetariana)

Ingredienti per 4 porzioni

  • 450 g. spinaci (anche congelati)
  • aromi: cipolla, aglio e peroncino
  • 300 ml albumi
  • 2 uova (o altri albumi)
  • 2 cucchiai parmigiano
  • un filo di olio
  • sale q.b.
  • (fcoltativo, per i non vegetariani: pancetta o prosciutto a cubetti)

Procedimento

  1. In una padella (meglio se una girafrittata) rosolare con un filo di olio, aglio e/o cipolla gli spinaci. A piacere aggiungere un po’ di peperoncino e/o pancetta o cubetti di prosciutto cotto. Aggiustare di sale.
  2. A parte in una ciotola mescolate uova, albumi e parmigiano.
  3. Versare il composto di albumi in padella sugli spinaci dopo che si saranno ben insaporiti, cercando di distribuire uniformemente il liquido.
  4. Cuocere per bene da entrambi i lati e servire con un contorno di pomodorini.

Buona sia calda che fredda. Ottima nel vostro lunch box!

Potrebbero interessarti anche

Fagottini di pollo e wurstel (Chicken and Wurstel rolls)

Riapro la categoria “un, due, tre… cena!” con una ricettina facile-facile, veloce-veloce, sfiziosa al punto giusto e che probabilmente sarà gradita da grandi e piccini di casa (che potranno aiutare nella preparazione!). Credo che abbiate già gli ingredienti necessari in casa (pollo, wurstel, burro, olio, formaggio e salsine), per cui potete provarla stasera stesso a cena!

involtini-pollo-wurstel

Ingredienti per due porzioni

  • 300g petto di pollo a fettine
  • 2 wurstel grandi (eventualmente quelli ripieni al formaggio)
  • rosmarino
  • una noce di burro (oppure olio d’oliva)
  • vino bianco per sfumare
  • fontina o asiago (facoltativo)
  • salsine a piacere
  • Insalata per accompagnare e semi di sesamo per gaurnire

Procedimento

  1. Stendere le fettine di pollo sul tagliere. A piacere spennellatele con un po’ di senape se la gradite. Adagiate una fettina sottile di formaggio e un pezzo di wurstel su ciascuna fettina.
  2. Arrotolate e fissate con degli stecchini o dello spago da cucina.
  3. Scaldate una padella unta con olio o burro, rosolate per bene gli involtini, profumate con un rametto di rosmarino quindi sfumate con il vino bianco.
  4. Terminate la cottura ed aggiustate di sale.
  5. Servite con salsine (consiglio salsa rosa o senape) e una bella insalata verde.
involtini-pollo-wurstel

Non so se si fa prima a prepararla o a mangiarla! Ditemelo voi! 😀

Cerchi altre idee veloci salvacena? Vai alla categoria Un, due, tre… cena! Oppure sbircia nelle altre mie ricette con il pollo

calzone-alle-cime-di-rapa

Pasta matta al vino bianco (base per torte salate) con due varianti di ripieno

La pasta matta è un impasto molto simile alla pasta brisée che si prepara in maniera semplicissima agitando energicamente tutti gi ingredienti in una ciotola con il coperchio.

E’ presente in praticamente tutti i blog di cucina, tanto che è difficile dire chi l’abbia proposta per prima al grande pubblico. Probabilmente Anna Moroni, ai tempi de La Prova del Cuoco, per la sua semplicità è probabile che l’abbia fatta anche Benedetta Parodi o più recentemente Benedetta Rossi, o magari è una ricetta presentata solitamente in tutti i party Tupperware che si rispettino, poi prestata al web dopo l’avvento dei blog! Se sapete chi l’ha proposta per primo nel mondo mediatico, ditemelo nei commenti.

Se non l’avete mai fatta, provatela alla prima occasione, come sostituto di una qualsiasi base per torte salate. Se l’avete già provata, vi invito comunque a provare la mia versione con vino bianco, che ricorda molto il sapore dei taralli, tipici della mia terra, la Puglia.

Vi propongo oltre alla ricetta della pasta matta, anche due varianti di ripieno, una vegana, l’altra vegetariana. Ma ricordate che potete usare la pasta matta come base per qualsiasi torta salata, senza bisogno di lievitazione, il che la rende ancora più versatile e comoda da usare.

Per la pasta matta (dosi per uno stampo di 24 cm circa)
  • 300g farina 00
  • 150g olio evo
  • 75g vino bianco
  • 75g acqua
  • un cucchiaino di sale
  • un cucchiaino di lievito istantaneo per torte salate (tipo lievito per dolci ma non vanigliato, per intenderci: il paneangeli con la bustina gialla)

Come si prepara la pasta matta: Inserite tutti gli ingredienti in una ciotola di cui avete il coperchio (ottime allo scopo quelle per impasti della Tupperware). Chiudete con il coperchio e agitate energicamente. Otterrete un impasto slegato ma asciutto. Finite di impastare con la punta delle dita oppure con una spatola quanto basta per ottenere un impasto omogeneo. Pronta! Vedi la videoricetta sotto o sul mio canale YouTube.
Può essere stesa subito o lasciata riposare una mezz’oretta in frigo, come si fa per la frolla.
IMPORTANTE: non impastate troppo a lungo, altrimenti si sviluppa il glutine e l’impasto invece che essere friabile sarà duro.

Questa è la base! Vediamo ora due ripieni facilissimi da preparare, ma si sposa bene con qualsiasi cosa ci mettiate dentro!

Calzone di mozzarella e pomodoro con pasta matta

calzone-mozzarella-pomodoro

Questo è uno dei piatti preferiti di mio marito, che ho imparato da mia suocera. Semplice, velocissimo da preparere e gustoso. Piace a tutti.

Per il ripieno al pomodoro e mozzarella
  • 120g mozzarella oppure scamorza
  • una decina di pomodorini pelati (rossi o gialli a voi la scelta)
  • un mazzetto di basilico
  • due cucchiai di pangrattato
  • sale e pepe q.b.
  • un filo di olio di oliva e.v.
Procedimento per il calzone al pomodoro e mozzarella
  1. Dividete l’impasto in due metà. Stendete la prima metà possibilmente non utilizzando troppa farina oppure con le mani direttamente nella teglia.
  2. Cospargete il fondo con un po’ di pagrattato per poter assorbire l’acqua in eccesso della mozzarela e dei pomodori.
  3. Adagiate sul fondo le fette di mozzarella ed i pomodori melati.
  4. Condite con un filo d’olio, un pizzico di sale e a piacere basilico e/o origano.
  5. Cuocete in forno già caldo a 180/200° fino a doratura.
  6. Servire calda o tiepida.

Calzone alle cime di rapa stufate

Pugliesità mode on! L’aggiunta del vino bianco nell’impasto ricorderà a molti il sapore dei taralli… sposati alle cime di rapa stufate… potete solo immaginare quanto sia buono il connubio! Per veri amanti della Puglia e aspiranti tali!

calzone-alle-cime-di-rapa-vegan

Ingredienti per il ripieno alle cime di rapa stufate:

  • 500g di cime di rapa già pulite e sbollentate in acqua o cotte al vapore
  • 3 cucchiai di olio extra vergine d’oliva
  • una presa di capperi sotto sale (la mia variante vegan alle acciughe)
  • un peperoncino
  • due foglie di alloro
  • 1 spicchio di aglio
  • mezzo bicchiere di vermouth o vino bianco secco 

Come preparare le cime di rapa stufate

  1. In una padella scaldare l’olio con l’aglio ed il peperoncino, senza farlo soffriggere, aggiungere la verdura leggerbente sbollentata o cotta al vapore, un pizzico di sale e coprire con il coperchio e lasciar cuocere a fuoco moderato. Girare di tanto in tanto.
  2. Aggiungere anche i capperi ben sciacquati e l’alloro. Lasciar cuocere il tempo necessario perché tutta la verdura sia tenera e cotta.
  3. Aggiungere quindi il vino, far sfumare e terminare la cottura a fuoco vivo fino a compreta evaporazione dell’alcool.
  4. Eliminate le foglie di alloro, quindi con un frullatore ad immersione omogeneizzate il tutto ottenendo una crema. Se notate del liquido in eccesso, lasciate cuocere ancora qualche minuto per far restringere.

Utilizzate la crema di cime di rapa come ripieno della vostra torta salata. Successo assicurato. Buona sia fredda che calda.

spigola-al-vapore

Filetto di spigola al vapore con insalata tiepida e piccante di pomodori

Steamed bass with tomatoes warm salad English recipe in the first comment below

Una ricettuzza light, semplice (sta tutta nel titolo) ma sfiziosetta da preparare in pochissimi minuti. In più a base di pesce che mi auguro di proporvi sempre più spesso.

A dirla tutta, consumo regolarmente il pesce, ed in particolare le spigole che mangerei a chilate. Fortunatamente vicino alla scuola di mia figlia c’è un’ottima pescheria per cui la mattina, quando accompagno lei, faccio una piccola deviazione e mi assicuro la mia quantità settimanale di pesce fresco. Dato che in casa sono l’unica a mangiarlo, non mi pesa nè mi dispiace chiedere al pescivendolo di provvedere lui stesso a pulirlo, sollevandomi in 10 secondi dell’unica incombeza sgradevole! Oltretutto quando vado io non c’è nessuno, per cui nessuno si rammarica del poco tempo in più che richiede la mia spesa.

Dicevo, consumo regolarmente le spigole, ma… con poca fantasia anche perché a me il pesce piace davvero con null’altro che un pizzico di sale ed un filo d’olio d’oliva crudo (non sono nemmeno amante del limone sul pesce), per cui per un blog di cucina c’è davvero poco da raccontare se non “prendete il pesce, mettetelo nel saccheto per la cottura al cartoccio/sotto sale/sulla griglia, cuocete e… magnate!”

Così, visto che il pesce lo acquisto spesso, mi sono ripromessa di dare un senso ad alla collana “La Grande Cucina di Pesce” edita da Repubblica e l’Espresso, completata uno o due anni fa, e prendere spunto da lì per variare un po’ il mio menù. Una cosa che mi è piaciuta subito di questa collana è che il pesce viene di solito valorizzato con pochissimi ingredienti e cotture semplici, che prediligo.
Questa ricetta ne è proprio un esempio ed è una variante di una proposta per i filetti di sgombro.

Spero vi stuzzichi la fantasia. E’ un’ottima maniera anche per servire un qualsiasi pesce cotto alla griglia che è avanzato.

spigola al vapore

Filetto di Spigola al vapore con insalata tiepida e piccante di pomodori

Ingredienti per 2 porzioni

  • 1 grossa spigola
  • 250g pomodori da insalata
  • basilico
  • olio evo
  • aglio (uno spicchio oppure aglio in polvere)
  • peperoncino q.b.
  • sale q.b.
  • buccia di limone (facoltativo)

Procedimento

spigola al vapore
  1. Dividere la spigola in due metà ed eliminate la testa e la lisca centrale (oppure chiedete al vostro pescivendolo di ricavare per voi due filetti).
  2. Adagiate i filetti sulla vaporiera e cuocete per circa 10 min. A piacere potete inserire nell’acqua degli aromi, come buccia di limone. Se preferite potete cuocere la spigola anche intera nei sacchetti per il forno, soluzione che adoro per non sporcare troppe cose).
  3. Mentre il pesce cuoce, incidete i pomodori sul fondo e scottateli in acqua bollente per due minuti (oppure esponeteli al vapore della vaporiera). Spellateli e tagliateli a dadini.
  4. Condire i pomodori con olio, aglio, peperoncino, un pizzico di sale e alcune foglie di basilico.
  5. Una volta cotti, adagiate i filetti di spigola sull’insalata di pomodori e condite il pesce con il sughino che si sarà formato.
  6. Servite tiepido, da il meglio di se!

Buon appetito! 🙂

E a voi? Come piace mangiare il pesce? Quale è la ricetta che ripetete sempre senza stancarvi? Ditemelo nei commenti.

pasta-tonno-e-salmone

Pasta con tonno e salmone (Tuna and Salmon cream pasta)

English version in the first comment below

Ovvero… Pasta con quel che c’è in frigo da consumare!

E devo dire che il 99% delle paste svuotafrigo che mi è capitato di mettere insieme si è sempre rivelato un gran successo.

Questa in particolare nasceva dalla necessità di smaltire un po’ di ingredienti utilizzati per il mio (ormai mitico) ciambellone gastronomicopreparato per il compleanno di mia figlia, ma devo dire che la rifarò con piacere non appena se ne presenterà di nuovo l’occasione, anche per un pranzo informale tra amici.

Le dosi sono pre lo più ad occhio!

Ingredienti per 2 persone:

  • 160g pasta
  • 1 scatoletta di tonno
  • 50g salmone affumicato
  • 1 peperoncino piccante
  • erba cipollina
  • basilico (oppure prezzemolo)
  • pomodorini
  • sale e pepe q.b.
  • due cucchiai di olio evo
  • 100ml panna (fresca o da cucina, oppure formaggio fresco cremoso da consumare)

Procedimento (*):

  1. Mentre la pasta cuoce, in una padella scaldare l’olio con il peperoncino e a piacere uno spicchietto di aglio (io noon l’ho messo).
  2. Aggiungere quindi il resto degli ingredienti tenendo per ultimo la panna ed il basilico e rosolare un paio di minuti.
  3. Aggiungere quindi la panna e lasciar restringere il sugo un poco. A fuoco spento aggiungere il basilico.
  4. Condire la pasta e… buon appetito!

*Gli ingredienti si prestano bene anche per una insalata di pasta, da preparare senza cottura, specie se non usate la panna o la sostituite coon un formaggio fresco. Tuttavia, non amo molto le insalate di pasta, per cui vi suggerisco un rapido passaggio sull fuoco per amalgammare meglio i sapori.