no-bake-oreo-cheesecake

Super semplice Oreo Cheesecake e… primo Live Streaming di Ma che Bontà

Vi siete persi il primo Live Streaming di Ma che Bontà – Le ricette di Cle!?
Molto probabilmente è stata colpa mia che non ve ne avevo dato notizia anche qui sul blog, ma solo sulla pagina Facebook. Perdonate la mancanza ma come sempre quando ho in mente progetti nuovi per il Blog, il lavoro si mette di traverso.

Innanzi tutto sappiate che ce ne saranno altri e ve ne sarà data opportuna notizia!!!

In verità questo primo evento è stato più un esperimento, una puntata “pilota” e non mi aspettavo lo guardassero più di 4 persone, invece mi avete davvero sorpresa con la vostra partecipazione e sto già pensando di farne un appuntamento mensile fisso. Per chi c’è stato in diretta o in leggera differita (e per chi lo guarderà a breve) di nuovo un grazie immenso e di cuore per il supporto e l’affetto che mi mostrate. Siete l’equivalente della torta (o parmigiana, se preferite il salato!!!) che vi prepara amorevolmente la nonna, senza badare a calorie o porzioni. Lo dico con sincerità. Grazie!

In questa prima “puntata” ho ospitato la mia amica Valentina che è una consulente Tupperware e con l’occasione abbiamo presentato insieme alcuni dei prodotti che io stessa utilizzo più spesso nella mia cucina. Il tema e “l’ospite” delle prossime puntate è ancora tutto da decidere e si accettano suggerimenti! 😀
Di seguito trovate il link al video e la ricetta completa della oreo cheesecake che abbiamo preparato (il video dura circa un’ora ma la preparazione richiede 15 minuti, spesa compresa!!!).
Grazie ancora del vostro supporto e a prestissimo con… l’estrazione dei fortunelli che si aggiudicheranno degli omaggini!

* * *

Super easy no-bake oreo cheesecake di Cle
(ingredienti per 6 porzioni)

Durante il live la ricetta è stata realizzata utilizzando per tutta la preparazione il Moschettiere Chef (a.k.a. Power Chef) della Tupperware. Ovviamente se non lo avete potete realizzare lo stesso la ricetta utilizzando quello che avete in casa! 😀

  • 300 g di biscotti oreo (circa 30 biscotti, di metà per la base e l’altra metà per la farcia e decorare)
  • 60g burro
  • 250g mascarpone
  • 150g philadelphia (o altro formaggio quark)
  • 40/50g latte condensato (oppure 5 cucchiai di zucchero)

IMG_20171021_144427.jpg

Procedimento:

  1. Aiutandovi con un cutter (il PowerChef!) o con una sacchetto da freezer ed un mattarello sminuzzate finemente 150g di biscotti.
  2. Fate fondere 60g burro nel microonde o a bagno maria e mischiatelo ai biscotti tritati.
  3. Aiutandovi con un cucchiaio oppure una spatola, stendete il composto di biscotti e burro sul fondo di uno stampo con fondo rimovibile o a cerniera del diametro di massimo 22 cm. Premete bene anche con le mani per ottenere una superficie il più compatta e omogenea possibile. Mettete in frigo a rassodare e intanto preparate la farcia.
  4. Mescolate in una ciotola, utilizzando una frusta oppure un cucchiaio, il mascarpone, il philadelphia ed il latte condensato (oppure lo zucchero).
  5. Sbriciolate grossolanamente circa 5 biscotti direttamente nel composto di mascarpone e philadelphia ed amalgamate.
  6. Stendete la farcia sulla base di biscotti. A piacere decorate la superficie con altre briciole di biscotto e/o biscotti lasciati interi a cui avrete però tolto la cremina interna.
  7. Far riposare in frigo qualche ora (se possibile) o magari tutta la notte.

Note e Suggerimenti:

  • E’ una ricetta che può essere preparata con e da i più piccolini!
  • Contrariamente a quanto suggerito in molte ricette di Oreo Cheesecake, non è necessario togliere la crema dai biscotti prima di tritarli. E’ uno spreco di tempo e pazienza!
  • Non aggiungere il latte condensato o lo zucchero tutto in una volta, così da poter aggiustare il gradi di dolcezza secondo il vostro gusto.
  • Diversamente dalla maggior parte di ricette di oreo-cheesecake che si trovano in rete (specie su Pinterest o su blog stranieri) io consiglio di tenere “bassa” la vostra cheesecake, e non farla troppo alta. Questo vi darà (secondo me!) un maggiore equilibrio di gusto e consistenze, oltre che un notevole risparmio sulle calorie.
  • Il dolce può essere anche servito subito, magari a cucchiaiate (consentendovi davvero di fare un figurone o preparare la merenda per gli amichetti dei vostri figli in pochissimi minuti) tuttavia, dà il meglio di se se lasciato riposare qualche ora o tutta la notte: i biscotti (specie quelli sulla superficie) assorbiranno parte dell’umidità della crema, acquisendo la deliziosa consistenza di biscotto inzuppato nel latte (ma senza diventare eccessivamente mollicci).
  • Sperimentate utilizzando i vostri biscotti preferiti (es. pandistelle, gocciole…).

IMG_20171021_144406.jpg

Alla prossima ricetta!

gingerbread village

Gingerbread Village (+ Video)

Avete mai provato a fare una casetta di Pan di Zenzero?

A me è andata così:


Se anche voi avete provato lo stesso grado di frustrazione, in particolare per quel che riguarda l’aggiunta del tetto, ma non volete ancora gettare la spugna, questa è l’idea che fa per voi: non una casetta, ma un paesello… paradosso? Diciamo che lavorare solo su due dimensioni invece che sull’effetto 3D aiuta moltissimo la causa di noi costruttori di frolle! Una candela al centro, et voilá, grandissima soddisfazione anche con poco impegno.

 Per la ricetta del Pan di zenzero e della glassa vi rinvio alla ricetta degli omini, per me stracollaudata. 

Come guida per sagomare la pasta frolla potete tranquillamente usare un cartoncino con base rettangolare su cui andrete a sistemare i tetti di varie dimensioni. Prima di infornare tagliate con un piccolo coppapasta quadrato o ovale le finestre e le porticine, qui e la.


Vi consiglio vivamente di usare delle guide (degli spessodi da mettere sotto il matterello) per stendere la pasta uniformemente, così da avere delle basi uniformi e dritte.

Il cemento per costruire ed assemblare il villaggio ovviamente resta la glassa di zucchero. Poi potete popolarlo con quello che vi suggerisce la fantasia o l’ispirazione: dai personaggi del presepe, agli omini della lego! 😉


Vi ho restituito un po’ di coraggio? E domani vi darò anche una ricetta per smaltire quell’obbrobrio lassù! 😉 Sotto il video procedimento.

Baci e buon weekend!

Caramelle pollo e speck (Chicken & speck treats)

Sarà la volta buona che riprendo con assiduità a scrivere e rimpolpare il blog, non solo delle decine e decine di ricette che ho provato ma anche dei vari progetti che ho in mente di condividere con voi? Vedremo se la tabella di marcia che mi sono prefissa, tra lavoro e bimba verrà rispettata! Voi fatemi l’inboccalupo per la ripresa!

Will I be able to stick to my plan (my busy working mum plan) and post on a weekly basis? This is my statement and my new goal to get through the hundred recipes already tested and dozens of projects I have for this blog. Are you in? Wish me good luck! In the meantime… A easy, tasty recipe which also children would love!

La ricetta che vi propongo per “sgranchirmi le dita” è semplicissima, sfiziosa, richiede pochissimi ingredienti ed è adatta anche ai più piccoli (potrebbe anche essere presentata ad una festa di compleanno!), e naturalmente si presta a diverse varianti semplicemente cambiando salume! Ve la ripropongo così come presa da Alice Cucina.

Ingredienti per 4 porzioni – Ingredients for 4 servings

400g Petto di pollo a fettine Chicken breast slices
200g Speck Speck
250g Pasta sfoglia Puff pastry
1 Uovo Egg
Q.b. Olio, sale Olive oil and salt to taste

Procedimento – Method

1.

Stendere le fettine di pollo, coprirle con due fettine di speck e arrotolatele. Cover the chicken slices with the speck and make some rolls.

2.

Arrotolate ogni involtino nella pasta sfoglia e chiudete a caramella. A piacere spennellate con un tuorlo. Fold the rolls with puff pastry and pinch the dough on both sides so that you will have a candy shape.

3.

Cuocere in forno per 15/20 min a 180. Servire con insalata. Bake in the oven at 350°F for 15/20 min. Serve with green salad.

Ovetti-ripieni-di-panna-cotta

Ovetti ripieni di panna cotta

<Modalità Parodi Accesa> Siete negatissime con la cucina? Non siete per nulla portate per la decorazione delle uova o dei biscotti? Ricette con più di 3 ingredienti o 2 passaggi vi mandano in crisi? Nonostante questo volete comunque preparare una sorpresa simatica e colorata ai vostri bimbi per la mattina di Pasqua? Oppure siete alla ricerca di un segnaposto per il pranzo di Pasquetta (o di Pasqua se vi sentite particolarmente spiritose) Questa è l’idea che fa per voi, facile, veloce e simpatica. I vostri bambini vi ringrazieranno con un abbraccione non facendo caso al fatto che avete semplicemente assemblato roba presa al supermercato, ed i vostri amici vi loderanno per la trovata fantasiosa! L’ispirazione mi è venuta da un vecchio post di Maghetta Streghetta, il cui deliziosissimo blog vi consiglio di visitare.

Supereasy and quick recipe… Actually this is not a recipe, maybe a hint! Should you are looking for an easy, fast, simple and funny party favour for Easter or just a little surprise for your kids but you are not so good in baking: here is the right idea for you: open some chocolate eggs and fill with coloured panna cotta! Done! You can find the panna cotta mix in every grocery too! So… no excuses! Have fun with your kids!

DSCN2418

Ingredienti/Occorrente (fino a 10/12 uova):

  • uova di cioccolato
  • 1 confezione di panna cotta (oppure la vostra ricetta già collaudata per 500g)*
  • coloranti alimentari a piacere
  • portauova/tazzine

*Facendo attenzione ad utilizzare un preparato senza glutine o senza tracce di uova, la ricetta è adatta anche per chi non può mangiare questi alimenti.

Procedimento:

DSCN2404

  1. Preparare la panna cotta (anche al microonde), dividerla in bicchieri di carta e colorare a piacere ogni bicchiere con i coloranti a propria disposizione (ricordate che potete anche mischiare tra loro i colori primari –rosso, giallo e blu- ed ottenere i colori secondari –arancione, verde e viola).
  2. Scartare le uova. Aiutandovi con un coltellino a seghetto eliminate le calotte e rompete con le dita un po’ i “gusci” quel tanto che basta per far uscire la sorpresa contenuta nell’ovetto.
  3. Quanto la panna cotta è almeno a temperatura ambiente versatela nelle uova. Attenzione a non versare la panna cotta ancora calda nelle uova: le sciogliereste! Trasferire in frigo a rassodare (basteranno una paio di ore vista la piccola quantità).

Fatto!

DSCN2421

<Modalità Parodi Spenta>

Se faccio in tempo prima di Pasqua vi propongo anche una versione un po’ più elaborata! ;D


Potrebbero interessarti anche (see also):

 pastiera napoletana monoporzione Decorazioni pasquali per biscotti e cupcakes Ciambellone senza uova foto

no-bake-oreo-cheesecake-ricetta-italiano

No Bake Oreo Cheesecake

E’ più di un anno che non mi affido più alle ricette viste su Pinterest (se non quelle pinnate da me perché viste su blog fidati e tenute sulle mie bacheche come promemoria!): troppi flop! Anzi un giorno vi farò ridere con i miei PinDisastri! Tuttavia la Oreo Cheesecake è praticamente un classico (o un tormentone) su ogni bacheca di food addicted che si rispetti. Ne esistono varie versioni, con e senza cottura, con varianti sugli ingredienti e la preparazione… Io ne avevo provata una senza cottura prendendo spunto da varie ricette e adattando dosi e ingredienti a quello che avevo in dispensa. Solo qualche giorno fa, rimettendo in ordine libri e libricini in cucina mi sono ritrovata tra le mani il foglietto su cui avevo appuntato le dosi da me utilizzate che temevo di aver del tutto perso e finalmente posso esaudire la richiesta fatta da Lauretta più di un anno fa (sigh!) nella pagina “Coming Soon”.
If you use Pinterest and browse the Food secrion you know that the Oreo Cheesecake is a “Must do” (or a “Mus Pin!”). Actually I had only bad experiences with the recipes found on Pinterest, except for the ones I pinned from well known blogs I follow! so I decided to combine more recipes and suggestions and get my own one! This is my no-bake version, I think, soon or later, to try also the baked one since I prefer baked cheesecakes. But it is not so bad and good for afternoon break!

oreo cheesecake

Premetto che non sono comunque una grandissima fan delle cheesecakes in generale (sempre che non si tratti di torte di ricotta, ma sono un’altra cosa!) ed in particolare preferisco quelle che prevedono la cottura in forno a quelle “da frigo” come questa. Devo dire, però, che il risultato è stato soddisfacente anche per me che non amo particolarmente questo tipo di preparazione! Sicuramente è una idea simpatica soprattutto per la merenda dei bambini quando non si ha voglia di accendere il forno.

Ingredienti per uno stampo di 22/24 cm. – Ingredients for a 22/24 pan

per la base for the crust
20 oreo* o ringo black oreos
q.b. burro (circa la metà del peso dei biscotti, vedi procedimento) butter
per il cheesecake for the cheesecake
250g philadelphia philadelphia
250g panna e/o mascarpone cream
130g zucchero sugar
3 tuorli yolks
12g gelatina in fogli isinglass
q.b. oreo* oreos
per decorare to decorate
q.b. oreo* oreos

*in totale avrete bisogno di circa 300g di biscotti

Procedimento – Method

1. La parte più noiosa (e inutile!) riportata in tutte le ricette: separare i biscotti dalla loro cremina! Considerando che poi andrà di nuovo tutto mischiato, secondo me forse si può bypassare questo step anche se io l’ho fatto (imprecando!)
Sbriciolare finemente i biscotti in un cutter oppure con un mattarello, quindi mischiare la polvere di biscotti con la cremina raccolta e tanto burro quanto basta a raggiungere la metà del peso dei biscotti.
Crush 20 cookies to form fine crumbs; . Mix crushed cookies with butter (half dosage than biscuits); Some recipes suggest to separate the cream from the cookies… but I think it is not necessary and it is also very boring to do!

oreo cheesecake

2. Foderare uno stampo a cerniera con un foglio di carta da forno tagliato a misura. Per tagliare la carta da forno in forma perfettamente circolare, ripiegate a triangolo la carta da forno e ritagliate un cono.
Distribuire sul fondo il composto di biscotti e burro, livellate bene con un cucchiaio e lasciate rassodare in frigo o in freezer per 30/15 min.
Press the cookies and butter mixture onto bottom a 9-inch springform pan covered with baking sheet.
Tip: to have perfectrly rounf cut sheet, fold it in a triangle and cut a semicircle with scissors: tadaaaa!

oreo cheesecake

3. Preparare il composto cheesecake:
Ammollate la gelatina. In una ciotola che potete mettere in microonde mischiate i tuorli con metà dello zucchero zucchero e una tazzina di caffè di acqua. Scaldate a bagnomaria o nel microonde i tuorli con lo zucchero ad intervalli di 30 sec. fino a raggiungere una temperatura di circa 80g. Scioglietevi dentro la gelatina quindi montare il composto con le fruste.
In un’altra ciotola montare con le fruste  il philadelphia con il mascarpone ed il restante zucchero. Mischiare i due composti facendo attenzione a non smontarli.
Sbriciolare grossolanamente alcuni oreo ed unirli al composto. Distribuire il tutto sulla base di biscotto messa a rassodare in frigo.
Beat cream cheese and 1/2 sugar in large bowl with mixer until blended.
In a microwawe safe bowl mix the yolks with the remaining sugar and 1/8 cup water. Heat up to 80°C stirring every 30 seconds. Add the isinglass soaked and whip.
Mix togheter the egg mixture, with the cheese mixture and some oreos crumbled.
Pour into crust and let rest in the fridge for some hours untl firm.

oreo cheesecake

4. Lasciare rassodare in frigo per almeno 4/6 ore oppure in freezer per 1h. A piacere prima di servire decorare la superficie con altri biscotti oreo. Serve very cool. Decorate with some oreos crushed on the top.

oreo cheesecake


Potrebbero interessarti anche

cheese cake semplice spongebob lemon bars pastiera napoletana monoporzione

SpongeBob Lemon Bars

(For english version, go to the Videorecipe of Rosanna Pansino: click here
Rieccomi! Se mi seguite anche sulla pagina Facebook, ricorderete che qualche settimana fa, avevo condiviso questo video con la ricetta delle tipiche barrette al limone americane decorate a mo’ di SpongeBob. Alcuni di voi mi avevano chiesto la ricetta in italiano, perciò eccomi qui a onorare la promessa con la ricetta di oggi! SpongeBob a parte, sono buonissime, quindi vi consiglio di provarle anche se non dovete cimentarvi nella decorazione!
Some weeks ago I shared on my Facebook Fan page the videorecipe of these SpongeBob Lemon Bars made by Rosanna Pansino, on her YT Channell, Nerdy Nummies! I love her and her videos and I invite you to see her video and follow her recipe, click here.

spongebob lemon bars

Le barrette al limone sono molto semplici da preparare e se amate i dolci al limone sono un must! La base è una frolla/crumble non troppo dolce, mentre la copertura è una crema a base di succo di limone. Si servono in trancetti solitamente spolverate di zucchero al velo, che “corregge” sia la nota acidula del limone, sia le “imperfezioni” date dalle bollicine che si formano sulla superficie della crema per via della cottura! Quelle bollicine, però, sono perfette per realizzare la facciona sorridente di Spongebob, che è una spugna, dall’aspetto poroso, appunto! 😉
Per la ricetta non ho seguito quella del video, ma quella trovata sul libro American Bakery, acquistato non appena sono rientrata da New York, visto che il mio caro maritino ha sentito e manifestato la nostalgia per i principali dolci americani appena arrivato in aeroporto, come se quelli che ha la fortuna di assaggiare in casa sua fossero meno buoni! Mariti, tzé!

Ad ogni modo, che voi siate filoamericani o no (come me), queste barrette vi conquisteranno! I miei amici le hanno apprezzate moltissimo! E poi sono molto semplici da fare, il procedimento sembra lungo perché sono previste due cotture, ma non è una ricetta complicata.
Sono ottime per la merenda o anche come dolcino dopo cena (ad esempio sarebbero perfette da portare a casa di amici per una cena a base di pesce!). Quindi forza, andate a comprare i limoni e lo zucchero a velo! E se avete in casa fan di spongebob, anche un paio di coloranti alimentari! 😉 Baci!

Ingredienti per 12 porzioni
(click here for the english recipe):

  • 60g zucchero
  • 210g farina 0 (Manitoba)*
  • un pizzico di sale
  • 170g burro a t.a.
  • 50g pinoli o mandorle (facoltativi, vi consiglio le mandorle)
    Per la crema al limone:
  • 4 uova leggermente sbattute
  • 260g zucchero
  • 25g farina 0 (Manitoba)
  • la scorza grattugiata di due limoni grandi
  • 150ml succo di limone
  • 80ml latte intero
  • un pizzico di sale
    Per decorare
  • zucchero a velo (per la versione semplice)
  • glassa colorata o pasta di zucchero bianca, rosa, arancio, celeste e nera (per Spongebob)

(*)Suggerimento/Nota: quando seguite una ricetta di provenienza americana, nel 90% dei casi loro utilizzano farina Manitoba, anche per i dolci. Tenete conto di questo ogni qual volta vi troverete a cimentarvi in cups, tbs e compagnia bella ai fini del corretto bilanciamento della ricetta. La farina manitoba, infatti assorbe di più i liquidi (uova, latte…) e, a parità di peso, la farina 00 non è in grado di assorbire a dovere tutti i liquidi previsti per una ricetta in cui è previsto l’uso della farina americana (Manitoba), per cui vi troverete dopo la cottura o con un impasto gommoso oppure non cotto a dovere.

Procedimento:

  1. In una ciotola lavorare gli ingredienti per la base, sfregandoli tra le mani in modo da ottenere un impasto slegato. Non deve compattarsi, deve avere l’aspetto “sbriciolato”. Distribuire il composto in uno stampo rettangolare di 22×33 cm. imburrato, e appiattitelo con le mani per creare una superficie uniforme. Volendo potete creare anche un bordo di circa un centimetro su tutti i lati (io non l’ho fatto).
    sbob0
  2. Infornate la base per circa 25-30 min. Non far scurire troppo, perché dopo farete una seconda cottura con la crema. Quando la base è cotta, toglietela dal forno e lasciatela stiepidire. Abbassate la temperatura del forno a 160°.
  3. Mentre la base sta stemperando, preparate la cremina al limone: sbattete con una frusta le uova, lo zucchero e la farina. Unite la buccia ed il succo del limone ed un pizzico di sale. Lavorate il tutto fino ad ottenere una crema liscia e omogenea (piuttosto liquida).
    Consiglio risparmia glassa: Mettete da parte una tazzina di caffè di crema che farete cuocere in microonde alla massima potenza, ad intervalli di 15 secondi, mescolando fino a che non sarà addensata. Userete questa crema per creare i nasini di Spongebob!
  4. Versate la crema sulla base di frolla (Attenzione: se l’avete cotta in uno stampo di ceramica o pyrex è importante che lasciate stiepidire, altrimenti lo shock termico potrebbe danneggiare la teglia, se utilizzate, invece, una teglia id silicone o metallo, potete anche versare la crema sulla base ancora calda). Cuocete per altri 20-25 min a 160°.
    sbob3
  5. Lasciate raffreddare completamente, anche in frigo se ne avete la possibilità, quindi togliete dallo stampo e tagliate in trancetti.
  6. Decorate con zucchero a velo oppure con i particolari del viso ricavati con pasta di zucchero o con la glassa colorata, come potete vedere nel video a partire dal minuto 5,57 (usate una bocchetta liscia dalla punta molto fine, massimo 2 millimetri). Per il naso potete usare crema al limone tenuta da parte (vd. punto 5). Io invece della glassa ho optato per la pasta di zucchero colorata che avevo in casa già pronta. Per i particolari neri uso un tubetto di glassa già pronto della Decora, ma anche del cioccolato fondente può andare bene.

spongebob lemon bars

Spero che le faccine sorridenti e porose di Spomgebob vi siano piaciute, che piacciano ai vostri bambini (di qualsiasi età anagrafica) e soprattutto che vi deliziate al più presto con queste buonissime barrette! Baci e a presto!

spongebob lemon bars

Potrebbero interessarti anche:

meringata al limone Lemon curd Briciole di limone - Lemon crumble

Biscotti di Natale (Christmas cookies)

Mi riduco all’antevigilia di Natale per darvi qualche idea per i biscottini di Natale.

Non preoccupatevi: roba facile facile che potrete fare anche con l’aiuto dei più piccini! Come base della frolla potete usare quello che preferite, dalla pasta frolla normale, al pan di zenzero, impasti senza glutine e/o senza uova…! Ciò che conta, per questo post è la decorazione, che potete realizzare con glassa reale, o con le comodissime “Decopen”, ossia tubetti di glassa già pronta da “spremere” direttamente sui biscotti!

Potete utilizzare questi biscotti come simpatici segnaposto, oppure come idea regalo o ancora da tenere su un vassoio in casa per deliziare i vostri ospiti di passaggio, grandi e piccini!

I primi biscotti che voglio farvi vedere sono i più semplici pe possiate realizzare partendo da dei biscotti tondi, senza l’ausilio, perciò, di particolari tagliabiscotti: 

Biscotti Renna (Reindeer Cookies)

IMG_8556

Occorrente (Things you will need):

Procedimento (Method):

  1. Sistemare con un goccino di glassa il confettino colorato (il naso) ad una estremità del biscotto. (Using a drop of icing as glue, put one m&m’ on a side of the biscuit.)
  2. Disegnare quindi gli occhi e le corna della renna. Fatto! A piacere aggiungere un sorrisetto! (Drawn the eyes and the antlers with the icing. Done! If you wish to, add a smiling mouth!)

* * *

Biscotti Pupazzo di neve – Melting Snow Men Cookies

IMG_8552

Occorrente (Things you will need):

  • Biscotti tondi (round cookies)
  • Marshmellows bianchi (white marshmallows)
  • Glassa reale* bianca (white icing)
  • Glassa nera (black icing)
  • Glassa arancio o confettini arancio (orange icing or little edible pearls)

*Per la glassa reale: mescolare un albume (35g) con 200g di zucchero a velo sino ad ottenere un composto piuttosto sodo. Diluitelo leggermente con alcune gocce di limone, quel che basta per ottenere una glassa piuttosto spessa. Dividere la glassa ottenuta in più ciotoline e aggiungere i coloranti in polvere o in gel, per evitare di alterarne la consistenza.

Procedimento
(for the method see this video):

  1. Disegnare con la glassa il perimetro dei biscotti (si asciugherà molto presto).
  2. Diluire la glassa rimanente con alcune gocce di limone o di acqua (ne bastano davvero pochissime), in modo da ottenere una consistenza più “colante” ma non eccessivamente liquida.
  3. Spremere la glassa diluita dentro il “perimetro” di glassa già disegnato e distribuirla su tutto il biscotto aiutandovi con uno stuzzicadenti.
  4. Posizionare sulla glassa un marshmellow.
  5. Disegnare con la glassa colorata i particolari del viso e del corpo.

IMG_8533

* * *

Se poi volete sbizzarrirvi con le mille e più formine che potete trovare nei negozi specializzati in questo periodo, ecco le mie tre proposte: Gli alberi di natale, i fiocchi di neve e gli omini segnaposto.
Should you want to enjoy christmas cookie cutter, here are mine: christmas tree, snow flakes and gingerbreadmen, of course.

IMG_8469

Occorrente (Things you will need):

  • Tagliabiscotti (cookie cutters)
  • Glasse colorate o cioccolato bianco colorato (colored icing or candy melts)
  • confetti colorati (funfetti)

Procedimento (Method):

  1. Per gli alberelli: spatolare sui biscotti della glassa verde (o del cioccolato verde) e cospargere di confettini colorati.
    IMG_8409
  2. Per i fiocchi di neve: spatolare di glassa (o cioccolato) azzurro i biscotti, quindi disegnare il fiocco di neve con la glassa bianca.
    IMG_8412
  3. Per gli omini di pan di zenzero: decorarli con glassa bianca o colorata a piacere (per gestire piccole quantità di glassa potete mettere la glassa, anche solo un cucchiaio, in un sacchetto per il freezer a cui avrete tagliato la punta – guarda qui). Se li usate come segnaposto vi consiglio di scrivere prima il nome, e poi fare la decorazione solita.
    IMG_8507

E allora non mi resta che augurarvi Dolcissimo Natale!

gingerr

Biscotti tartaruga (Turtle cookies)

A distanza di un anno dal mio primo Pin su Pinterest posso dire definitivamente di aver chiuso con la sezione Food (se non per appuntare nella mia bacheca le ricette italiane). Tutti i tentativi fatti sono stati dei fallimenti. Pinterest è una fucina di ricette apparentemente buone e deliziose, ma in realtà disgustose. Nel 90% dei casi poi la foto Pinnata non corrisponde al risultato in concreto ottenibile nella vita reale! Ne sono prova gli etti di cibo finiti, ahimè, nella mia pattumiera e un sito dedicato ai Pin-Disastri (Pinstrosity) che vi consiglio vivamente di visitare per farvi due risate!
I can definitively say that Pinterest is a liar! Indeed! Expecially in the food section! Maybe as Italian I am not used to American taste, but everytime I tried a recipe seen on Pinterest I only fed the trash! Like me many other people… Just give a quick look to Pinstrosity blog!

L’unica cosa buona che si può prendere da Pinterest sono le idee per la presentazione del cibo, la decorazione delle torte e… i Biscotti come quelli di cui parliamo oggi, delle carinissime tartarughine al pistacchio!
Thus I decided that the only thing I am going to pick further on Pinterest is the inspiration and some ideas! For example for cookies, like this adorable ones.

2013-03-31 18.40.01

L’idea originaria è presa da questo blog ed è stato uno dei primissimi pin a finire sulle mie bacheche. Così non appena ho avuto della pasta di pistacchio in casa ho provato a replicarli! In realtà nella ricetta originaria sono fatti con il the matcha, ma, come ho detto, da Pinterest prendo solo le idee, alle ricette e alle tecniche di lavorazione, ci penso da sola!!!
The original idea came from one of my first pin ever saw on this blog, whic I suggest you to vist becouse it have a lot of really cute ideas!

Come per la maggior parte dei biscotti, l’esecuzione è molto semplice, richiede pochissime astuzie e può essere divertente replicarla con i bambini! In più con questa ricetta inauguro la mia collaborazione con Gustissimo, sul cui sito potrete anche trovare  altre ricette per bambini  e naturalmente altre ricette di cucina.

The recipe and the method are very simple, and it would be really fun to prepare these with your children! Have fun!

Occorrente (Things you will need) :

  • 500g pasta frolla* (shortcrust pastry)
  • q.b. pasta di pistacchio o colorante alimentare verde (pistachio paste or green food coloring)
  • q.b. cioccolato fondente o pennarelli alimentari per decorare (plain chocolate)

*Potete utilizzare pasta frolla senza glutine e/o latticini e/o uova. Non influisce sulla riuscita della ricetta.

Procedimento (Directions):

1. Preparare la pasta frolla secondo la vostra ricetta avendo comunque cura di NON aggiungere lievito all’impasto (trovate la mia ricetta  qui).
Dividete l’impasto a metà ed aggiungete ad una metà la pasta di pistacchio (come ho fatto io) o il colorante verde (aggiungere altra farina se necessario, ma senza esagerare).
Prepare the shortcrust pastry. You can use your usually recipe, just remember to not add any baking powder.
Divide the pastry into 2 half parts, and colore one woth green coloring or pistachio paste (as I did)
2. Tenete da parte un po’ di impasto bianco che servirà per i particolari delle tartarughine, e formare con l’impasto bianco un cilindro piuttosto regolare spesso circa 2 cm.
Stendete l’impasto verde in una sfoglia di circa mezzo centimetro.
Take apart a little bit of white pastry that you will use to create the turtle’s details.
Shape the remaining white dough in a 2cm diameter log.
Roll out the green pastry in a 1/2 cm thick rectangle.
3. Sistemare il rotolino di pasta bianca sulla sfoglia verde.
Avvolgete con la pasta verde il rotolino di pasta bianca (vedi foto) cercando di far aderire bene i due impasti ma senza rovinare la forma rotonda.
Completely wrap the log with the green pastry trying to preserve the round shape.

tartaruga steps

4. Importante: avvolgere con pellicola e congelare il rotolino così ottenuto per almeno un’ora. Dopo che si sarà ben indurito tagliate dei dischetti alti circa mezzo centimetro (il congelamento della pasta è fondamentale per ottenere rondelle perfettamente tonde, e non schiacciate) Important: wrap with clingfilm and put the “log” into the freezer for an hour or until it is hard.
Cut the log into 1/2 cm slices (since it is hard and freeze, the round shape shall be perfect!)

2013-03-30 19.13.49

5. Con l’impasto bianco tenuto da parte ricavate delle palline che serviranno per la testa (pallina più grande), le zampe e la coda (per dare alla coda una forma appuntita pizzicatela con pollice ed indice come nella foto in alto). Add the deails of the head (bigger pastry ball) and the paws. For the tail just pinch the pastry with your fingers, as in the pic above.
6. Infornate e cuocete in forno già caldo per circa 10 min  a 180°. Cook at 350°F for ten minutes.
7. Una volta cotti disegnate occhi e “guschio” con del cioccolato fondente fuso oppure conun pennarello nero alimentare (come nel mio caso)
Per un effetto meno stilizzato potete dare una forma allungata alle zampe come nella foto in basso.
When the biscuits are at room temperature draw the eyes and the shell with some chocolate or a food coloring pastel.

tartaruga 3d

Buoni biscotti a tutti! Happy cooking!

 


Potrebbero interessarti anche (see also)

biscotti gufo Bisocotti Halloween tartellette limone e pistacchio

Altre ricette biscottiAltre ricette bambini

Pan…da cotta!!!

Scenario: giovedì pomeriggio, supermercati chiusi, dispensa semivuota, vostro figlio di là con un amichetto a fare i compiti. Ad un certo punto la richiesta “Mamma, ci prepari un dolcetto? Abbiamo voglia di qualcosa di buono!!!”

Che fare? Ingredienti/voglia/tempo/testa per mettervi ad infornare qualche torta non c’è… un dolce al cucchiaio allora… ma ci vogliono un paio di orette prima che la gelatina inizi a solidificare… la nutella è finita… l’amichetto di vostro figlio non mangia la marmellata di mele cotogne che avete in frigo…

E’ in questi momenti che gli stampi per cioccolatini, specie se dalla forma simpatica e giocosa possono tornare superutili, e non solo per farci dei semplici cioccolatini!!! Ma per fare delle mini pannacottine, o dei mini budini, dalle forme insolite, che si rapprenderanno in appena 30 min di freezer.

photo (3)

Per questi simpatici musetti di panda ho utilizzato il nuovissimo stampo Chocopanda, gentilmente offerto dalla Silikomart.

Spero l’idea vi piaccia, naturalmente potete optare per la forma mignon, monoporzione o grande che preferite! Sorriso La ricetta è un adattamento della panna cotta di Montersino.

Continua a leggere…

Dolcetto con scherzetto… le idee degli altri!!! (Trick&Treats)

Non ce l’ho fatta! Non sono stata al top della mia forma e forza fisica questo WE (fortuna che almeno ho dormito un’ora in più!) e non ho preparato tutto quello che mi ero ripromessa per essere pronta per gli scampanellii di mercoledì sera. O meglio, dopo il primo esperimento andato male ho gettato la spungna. In più. come ho detto nei diversi commenti, sono ufficialmente in dieta, per cui andrò smaltendo oltre che i chili di troppo, anche le ricette che ho accumulato nelle bozze. Foto meno belle, prodotti forse non stagionali, ma … mi tocca ragazzi! Man mano che passeranno le settimane noterete meno dolci, meno bellezza nelle foto (se restano nelle bozze un motivo c’è!!!!!) meno calorie… ma sempre tanta Cle! I promise you!

Però le idee che avevo in testa per questo Halloween ve le mostro comunque perché lo so che non vedete l’ora di radunare i vostri nanetti e iniziare a pasticciare in cucina, anche se le americanate non le sopportate, l’occasione è utile per passare un po’ di tempo insieme, oppure sono idee utili per delle festicciole a tema! 😀

Iniziamo con due idee semplicissime che probabilmente saranno i miei ripieghi mercoledì sera per tenere contenti quei quattro marmocchietti che citofoneranno: i fantasmini lecca lecca e la mano mostruosa di pop corn: Faaaacile facile facile facile!
(Fonte qui)

Mentre per la mano di pop corn avrete bisogno di pop corn, caramelle colorate, tonde o appuntite, e i guanti trasparenti monouso che si trovano nei supermenrcati al bancone self service della frutta: due secondi e lo scherzetto è pronto!

Passiamo ora al dolcetto che avevo iniziato a preparare ma… senza i giusti ingredienti (non ho volutamente acquistato uova, per i motivi detti sopra!!!). Ci ho provato con il cioccolato bianco, ma… ve lo sconsiglio: usate della glassa di zucchero o della meringa:

Il corpicino è composto da pretzel (tipo snack friends Cameo) tenuti insieme dal pretzel lungo, mentre la testa è un marshmellow. Possono essere anche dei carinissimi party favours se imbustati. Fonte (e altre idee): qui e qui.

E poi altre mostruosità utilizzando ingredienti sparsi in casa come questi giù (cliccate sulle immagini per accedere ai siti di riferimento dove troverete mille e più altri spunti).

  

Spero di avervi dato qualche suggerimento utile, anche se non è farina del mio sacco!!!

Questo Week end me ne vado a Lucca, alla mia amata fiera del fumetto a sforgiare le mie orecchie a punta nuove di zecca! Qualcuno di voi sarà lì? Se si non esitate a salutarmi eh! Così avvererete un mio sogno nel cassetto: incontrare un perfetto sconosciuto che mi dica “Io seguo il tuo blooooog!!!” ;D Non farete fatica a riconoscermi: sarò quella che fotografa tutti i cosplayer, con le orecchie a punta (o da gatta e relativi zamponi) e la faccia che vedete sotto! XD

Baci!