gingerbread village

Gingerbread Village (+ Video)

Avete mai provato a fare una casetta di Pan di Zenzero?

A me è andata così:


Se anche voi avete provato lo stesso grado di frustrazione, in particolare per quel che riguarda l’aggiunta del tetto, ma non volete ancora gettare la spugna, questa è l’idea che fa per voi: non una casetta, ma un paesello… paradosso? Diciamo che lavorare solo su due dimensioni invece che sull’effetto 3D aiuta moltissimo la causa di noi costruttori di frolle! Una candela al centro, et voilá, grandissima soddisfazione anche con poco impegno.

 Per la ricetta del Pan di zenzero e della glassa vi rinvio alla ricetta degli omini, per me stracollaudata. 

Come guida per sagomare la pasta frolla potete tranquillamente usare un cartoncino con base rettangolare su cui andrete a sistemare i tetti di varie dimensioni. Prima di infornare tagliate con un piccolo coppapasta quadrato o ovale le finestre e le porticine, qui e la.


Vi consiglio vivamente di usare delle guide (degli spessodi da mettere sotto il matterello) per stendere la pasta uniformemente, così da avere delle basi uniformi e dritte.

Il cemento per costruire ed assemblare il villaggio ovviamente resta la glassa di zucchero. Poi potete popolarlo con quello che vi suggerisce la fantasia o l’ispirazione: dai personaggi del presepe, agli omini della lego! 😉


Vi ho restituito un po’ di coraggio? E domani vi darò anche una ricetta per smaltire quell’obbrobrio lassù! 😉 Sotto il video procedimento.

Baci e buon weekend!

Gingerbread cheesecake

Vi hanno regalato tre scatole di biscotti allo zenzero Ikea e non sapete come consumarli? Avete una casetta di Pan di zenzero mezza crollata e volete nascondere le prove del progetto malriuscito? Amate così tanto il Pan di zenzero da desiderare una torta al Pan di zenzero? Bene: provate questa cheesecake e non rimarrete delusi! 

Ha un sentore di caramello speziato. Perfetta da gustare in questo periodo dell’anno con una tazza fumante di te. Perdonerete la foto non di alta qualità ma è andata a ruba in un baleno!

Ingredienti per uno stampo di 22/24 cm (6 porzioni)

  • 250 g di biscotti allo zenzero*
  • 125 g di burro 
  • 600 g di formaggio fresco spalmabile 
  • 2 dl di panna fresca 
  • 150 g di zucchero 
  • 3 uova 
  • 2 cucchiai di miele 
  • cannella in polvere 
  • 2 chiodi di garofano
  • Zenzero in polvere

*potete usare i biscotti allo zenzero Ikea, oppure le rimanenze di una casetta di Pan di zenzero, cercando di rimuovere quanta più glassa possibile. Se usate biscotti digestive, aggiungete un po’ di spezie anche alla base.

Procedimento:

  1. Tritate i biscotti e versateli un una ciotola con il burro fuso. Mischiate il tutto e distribuite il composto sul fondo di uno stampo a cerniera rivestito con carta da forno. Livellate e premete leggermente, trasferite in frigo e lasciate rapprendere. 
  2. Raccogliete il formaggio nel bicchiere del mixer e frullate con la panna, lo zucchero, le uova. Aggiungete un pizzico di cannella, due teste di chiodi di garofano sbriciolate, e un cucchiaino di zenzero in polvere. Aggiungete il miele e un pizzico di sale e frullate. Al termine dovrete ottenere un composto liscio.
  3. Versate il composto sulla base di biscotto nello stampo, mettete in forno già caldo a 160*C e fate cuocere per 45-50 minuti. Trascorso il tempo, sformate e lasciate raffreddare in frigo. A piacere servite con zenzero candito.

Biscotti di Natale (Christmas cookies)

Mi riduco all’antevigilia di Natale per darvi qualche idea per i biscottini di Natale.

Non preoccupatevi: roba facile facile che potrete fare anche con l’aiuto dei più piccini! Come base della frolla potete usare quello che preferite, dalla pasta frolla normale, al pan di zenzero, impasti senza glutine e/o senza uova…! Ciò che conta, per questo post è la decorazione, che potete realizzare con glassa reale, o con le comodissime “Decopen”, ossia tubetti di glassa già pronta da “spremere” direttamente sui biscotti!

Potete utilizzare questi biscotti come simpatici segnaposto, oppure come idea regalo o ancora da tenere su un vassoio in casa per deliziare i vostri ospiti di passaggio, grandi e piccini!

I primi biscotti che voglio farvi vedere sono i più semplici pe possiate realizzare partendo da dei biscotti tondi, senza l’ausilio, perciò, di particolari tagliabiscotti: 

Biscotti Renna (Reindeer Cookies)

IMG_8556

Occorrente (Things you will need):

Procedimento (Method):

  1. Sistemare con un goccino di glassa il confettino colorato (il naso) ad una estremità del biscotto. (Using a drop of icing as glue, put one m&m’ on a side of the biscuit.)
  2. Disegnare quindi gli occhi e le corna della renna. Fatto! A piacere aggiungere un sorrisetto! (Drawn the eyes and the antlers with the icing. Done! If you wish to, add a smiling mouth!)

* * *

Biscotti Pupazzo di neve – Melting Snow Men Cookies

IMG_8552

Occorrente (Things you will need):

  • Biscotti tondi (round cookies)
  • Marshmellows bianchi (white marshmallows)
  • Glassa reale* bianca (white icing)
  • Glassa nera (black icing)
  • Glassa arancio o confettini arancio (orange icing or little edible pearls)

*Per la glassa reale: mescolare un albume (35g) con 200g di zucchero a velo sino ad ottenere un composto piuttosto sodo. Diluitelo leggermente con alcune gocce di limone, quel che basta per ottenere una glassa piuttosto spessa. Dividere la glassa ottenuta in più ciotoline e aggiungere i coloranti in polvere o in gel, per evitare di alterarne la consistenza.

Procedimento
(for the method see this video):

  1. Disegnare con la glassa il perimetro dei biscotti (si asciugherà molto presto).
  2. Diluire la glassa rimanente con alcune gocce di limone o di acqua (ne bastano davvero pochissime), in modo da ottenere una consistenza più “colante” ma non eccessivamente liquida.
  3. Spremere la glassa diluita dentro il “perimetro” di glassa già disegnato e distribuirla su tutto il biscotto aiutandovi con uno stuzzicadenti.
  4. Posizionare sulla glassa un marshmellow.
  5. Disegnare con la glassa colorata i particolari del viso e del corpo.

IMG_8533

* * *

Se poi volete sbizzarrirvi con le mille e più formine che potete trovare nei negozi specializzati in questo periodo, ecco le mie tre proposte: Gli alberi di natale, i fiocchi di neve e gli omini segnaposto.
Should you want to enjoy christmas cookie cutter, here are mine: christmas tree, snow flakes and gingerbreadmen, of course.

IMG_8469

Occorrente (Things you will need):

  • Tagliabiscotti (cookie cutters)
  • Glasse colorate o cioccolato bianco colorato (colored icing or candy melts)
  • confetti colorati (funfetti)

Procedimento (Method):

  1. Per gli alberelli: spatolare sui biscotti della glassa verde (o del cioccolato verde) e cospargere di confettini colorati.
    IMG_8409
  2. Per i fiocchi di neve: spatolare di glassa (o cioccolato) azzurro i biscotti, quindi disegnare il fiocco di neve con la glassa bianca.
    IMG_8412
  3. Per gli omini di pan di zenzero: decorarli con glassa bianca o colorata a piacere (per gestire piccole quantità di glassa potete mettere la glassa, anche solo un cucchiaio, in un sacchetto per il freezer a cui avrete tagliato la punta – guarda qui). Se li usate come segnaposto vi consiglio di scrivere prima il nome, e poi fare la decorazione solita.
    IMG_8507

E allora non mi resta che augurarvi Dolcissimo Natale!

gingerr

Centrotavola delle feste e non solo! (Christmas time centerpieces and more…)

Le feste si avvicinano e amici e parenti faranno presto ingresso nella vostra sala da pranzo in cui li accoglierete con ricette prelibate e addobbi che trasmettano il calore del Natale. E lo so che molti di voi stanno già interrogando Google in cerca di un’idea per come decorare la vostra tavola per i pranzi e le cene che verranno!

Così, ecco qui un paio di idee secondo me semplici da realizzare e soprattutto non troppo dispendiose, alcune realizzate da me lo scorso Natale, altre scovate sul web e “appese” nella mia bacheca di Pinterest.

DSCN0452

Quello che vedete in foto è stato il centrotavola del mio pranzo di Natale in famiglia lo scorso anno. Passando da un negozio per casalinghi avevo visto un’alzata di vetro con la candela e il ramo di vischio che vedete in foto. Avendo io già un’alzata di vetro ho pensato bene di replicare l’idea a casa, quindi sono entrata ed ho comprato candela e ramoscello! Costo totale meno di 10€! A casa poi ho deciso di “riempire” l’alzata con la frutta fresca che avevo in casa, in questo caso mandarini. Il caso ha voluto che i colori dei frutti e della candela riprendessero esattamente i colori della mia tovaglia… risultato: un successone oltre le aspettative che ha colpito tutti!
Il suggerimento che vi do, quindi, è di guardarvi intorno e adocchiare una idea che potreste replicare a casa con quello che avete già, da completare con giusto un paio di accessori non troppo costosi o comunque che potrete utilizzare anche in diverse occasioni (es. l’alzata neutra e non necessariamente natalizia!).

DSCN0394

Un’altra idea che adoro per i centrotavola in genere e delle feste in particolare sono i centrotavola “edibili”. Di pane o di biscotto, belli da vedere, buoni anche da mangiare! Questo alberello di biscotti lo avete già visto nel post precedente e sapete che l’ho realizzato con l’apposito stampo a stella della Wilton che comprende 10 taglia biscotti tutti di dimensioni via via più piccoli!! Un piatto di carta rosso su cui poggiarlo, un rametto di vischio per dare movimento et voilà… un alberello che lascerà tutti a bocca aperta!!!

DSCN0405

E non dimentichiamo la bellezza che può regalare al vostro salone un “semplice” mazzo di fiori di un rosso acceso, con foglie verdi che ne esaltino il contrasto: proprio i colori del Natale, ma in una forma diversa che la solita “stella”! Un mazzo così messo in bella vista nel vostro ingresso o sul tavolino nel salotto basterà da solo a creare l’atmosfera natalizia. E’ anche una bella idea regalo da portare alla padrona di casa che vi ospiterà.

E ora… le idee degli altri!

98164466847371233_NxrECZut_c[1]

Trovo questa mise en place semplice e raffinata allo stesso tempo, ma soprattutto di facile realizzazione. Volendo potrebbe essere un’idea anche per apparecchiare con raffinatezza una tavola utilizzando piatti di carta o comunque di tutti i giorni.

 109704940893066443_dXcIaE6W_c[1] 194358540139344115_TPkp1hLy_c[1]

Molto semplici da realizzare anche questi centrotavola/portacandela, che naturalmente potreste personalizzare con i colori a voi più congeniali.

142918988144358709_w6IDpG1m_c[1]

Anche le sedie fanno la loro parte. Se come me avete delle poltroncine, un fiocco sullo schienale in tinta con il tovagliato o con il tendaggio, può essere un’idea simpatica per abbellire la vostra sala.

Albero di Natale in Pan di Zenzero (GingerBread Christmas Tree)

Primo dicembre, l’aria di Natale si respira già! Caliamoci appieno nell’atmosfera natalizia con un post che so già a-do-re-re-te! Primo perché so che siete sempre alla ricerca di idee carine per i centrotavola, secondo perché se il centrotavola è edibile e fatto a mano voi ed i vostri ospiti sarete ancora più contenti!
First day of December… Christmas is coming and I know you will belove today post! I know you are  looking for some ideas for your christmas centerpieces  and I know you prefer them to be edible!!!

gingerbread christmas tree

Ho visto per la prima volta questo golosissimo alberello su questo blog americano e casualmente mi sono imbattuta nello stampo apposito della Wilton il pomeriggio stesso… Le amiche foodblogger capiranno più delle altre che resistere alla tentazione dell’acquisto era praticamente impossibile, tanto più che era l’ultimo/unico pezzo!!!!
I saw such tree the first time in this blog and… I found the wilton’s kit to prepare it the same day in a shop… you can just imagine the end of this story… I’m a foodblogger!!!

Il Kit della Wilton si compone di vari tagliabiscotti a forma di stella di dimensione via via decrescente e dei sac à poche con bocchette (ma la sostanza sono i tagliabiscotti). Naturalmente se non avete il kit potete sempre ritagliare delle sagome con il cartoncino. Ecco la foto della confezione, magari vi può essere utile per cercarla nei vostri negozi preferiti.
In the pictures below you can see the package and the kit… but you can use home made cookies shapes!

 

Per fare l’alberello potete utilizzare la ricetta che preferite, di pan di zenzero o di frolla. Per decorarlo potere sbizzarrirvi: dal semplice e sempre d’effetto zucchero a velo alla molto più coreografica glassa reale, bianca o colorata di verde. Per le palline di addobbo io ho utilizzato dei confettini dorati, ma vanno benissimo anche degli smarties o m&m’s.

Con questo centrotavola partecipo allo Stuzzica contest di Parentesi Rosa:

Occorrente (You will need):

  • 600g impasto per biscotti (di pan di zenzero o di semplice pasta frolla)*
    600g cookie dough or short crust pastry**
  • glassa reale verde o bianca***
    royal icing
  • confettini colorati
    funfetti
  • sac à poche con punta stretta
  • taglia biscotti di diverse dimensioni a forma di stella o cartoncini sagomati
    different size star shaped cookie molds

* per la ricetta del pan di zenzero vai qui, per la ricetta della pasta frolla, clicca qui
** You can find gingerbread and icing recipe here.
** per la ricetta della glassa vi rimando ai consigli di Giulia. Nella mia ricetta del pan di zenzero linkata su comunque trovate anche la ricetta della glassa.

  1. Cuocere i biscotti: Vi serviranno almeno due biscotti per ogni dimensione. Ricordatevi di cuocere in teglie separate biscotti di dimensione diversa. (Bake the biscuits and let them become cool.)
    DSCN0374
  2. Comporre l’albero: partite dalla base e quindi dai biscotti più grandi: componete l’alberello direttamente sul piatto di servizio. Sistemate il primo biscotto grande al centro del piatto, coloratelo con la glassa (invece di glassarlo tutto potete glassare solo le punte, ed il centro usando la glassa come “colla”). Sistemateci sopra un altro biscotti di dimensioni uguali, sfasando le punte, e decorate con un confettino colorato su ogni punta (vi consiglio di mettere i confettini strato per strato e non alla fine, vi verrà più facile e siete certe di non dimenticare nessuna punta).
    (Assemble the tree on the serving dish. Color with some icing each star tip, then put a little bit in the middle: it will work as a glue! Use two stars of the same size for every layer)
  3. Continuate sino a utilizzare almeno due biscotti per “taglia” Lasciando da parte solo i due più piccoli. Consiglio: mentre componete l’albero girate più volte il piatto, in modo da accertarvi che venga su dritto o non troppo storto!!!!
    (Remember to turn the cake board, as you add more layers/cookies to make sure that the cookie tree looks as straight as possible)
    DSCN0375
    DSCN0376
  4. Arrivati in cimaformate il puntale accoppiando le due stelline più piccole ricoperte di glassa bianca o gialla.
    (For the top: use one or two smallest stars yellow colored)DSCN0380

E… Buoni pranzi di Festa in Famiglia a tutti!

DSCN0395

Pizzetti di cannella (Cinnamon little pieces)

Ve li avevo preannunciati ed eccoli qua i miei biscotti preferiti in assoluto, che sia o non sia Natale! Questa ricetta è quella che la mia mamma e le mie zie custodiscono da decenni e con cui ci deliziavano ogni Natale. Purtroppo la zia che eccelleva nella preparazione di questi biscotti non è più con noi, il che, oltre a farci sentire la mancanza delle sue mani sante e del suo sorriso, rende per noi questi biscotti ancora più speciali e carichi di significato.
I announced them and now here they are, my favourite cookies, during Christmas Time and the rest of the year! This is the recipe my mother and her sisters used for long, long time. Unfortunately the aunt who wast the best in making them is not still with us, thus this biscuits are for me and all my cousins very, very special!

Anche questi biscotti sono finiti nei pacchettini golosi di Natale e in due bei sacchettoni per il mio fratellino che, come me, ne va matto!! E qualcosa mi dice che ne uscirete matti anche voi! Provateli e mi direte!
Also these biscuits were in the sweet bags I gave to my friends for Christmas and also in two larger bags only for my brother, who beloves them, as I do!

La dose è abbastanza abbondante, ma sono biscotti che si conservano abbastanza a lungo chiusi in sacchetti di cellophane e che sono anche un ottimo regalo di Natale. Lo zucchero nell’impasto può sembrare poco, ma i biscotti andranno poi (il giorno dopo) glassati con lo scileppo (o giulebbe, la glassa che viene utilizzata in Puglia anche per i taralli dolci). Inoltre la bassa presenza di zucchero lascerà più morbidi i biscotti il che è un’altra delle loro caratteristiche.
The recipe dosage is generous, but this cookies can be stored up for some weeks and also could be used as Christmas gift (as I did). Probably it seems the sugar in the recipe is poor, but the biscuits need to be iced with sugar icing. So when finished, they will be more sweet! The sugar icing is called “scileppo” here in Puglia. Moreover the low dosage of sugar make the biscuits more soft.

pizzetti di cannella - cinnamon little pieces

La difficoltà della ricetta sta nello “scileppo” ossia la glassa che ricopre i biscotti e che “ne aggiusta” la dolcezza. Nei biscotti che vedete in foto non è venuto alla perfezione e sappiate che solo dopo altri tre tentativi (e tre chili di zucchero nell’immondizia) sono riuscita nell’opera che nessun libro e nessuna pagina web spiegava (secondo me) per bene! Ma ancora una volta la Cle vi insegna i trucchi del mestiere dopo averci sbattuto testa e corna!!!

Ingredienti – Ingredients:

  • 1 kg farina (1 kg flour)
  • 350g zucchero (350g sugar)
  • 5 uova (5 eggs)
  • 75g cacao (75g cocoa)
  • 1 bustina lievito per dolci (baking)
  • 6 chiodi di garofano (6 cloves)
  • 1 cucchiaio di cannella in polvere (1 tbspoon grounded cinnamon)
  • 1 bustina di ammoniaca per dolci (o cremor tartaro, in Puglia si trovano in qualsiasi supermercato, altrove provate in farmacia) (ammonia for baking)
  • 1 bustina di vanillina (vanilla)
  • 1 bicchiere (200ml) di olio di oliva (200ml extra virgin oliv oil)
  • *1 bicchier2 di latte (o quanto basta per ottenere un impasto omogeneo e lavorabile) (200 ml milk)
    Per la glassa o scileppo (icing):
  • 1 kg zucchero (1 kg sugar)
  • 2 piccoli albumi (2 small glairs)
  • 2 bicchieri d’acqua (400 ml water)
  • 5 gocce di succo di limone (5 lemon juice drops)

*Visto che la ricetta non contiene burro, potete utilizzare un latte senza lattosio ovvero di origine vegetale e servire questi biscotti anche a chi è intollerante al lattosio.

Procedimento – Directions:

  1. Sciogliere l’ammoniaca (o il cremor tartaro) in poco latte. Disporre la farina a fontana e versarci all’interno tutti gli ingredienti impastando come per realizzare una frolla. Aggiungete per ultimo il latte necessario per ottenere un impasto omogeneo e lavorabile. Coprire con pellicola e lasciar riposare in frigo per circa 30 min.
    Melt the ammonia with 2 tbs milk. Melt all the ingredients until smoothy, left as last ingredient the milk and add if needed. Cover the paste and put it into fridge for 30 min.
  2. Formare dei filoncini spessi circa due centimetri (se trovate troppo appiccicosa la pasta, cospargete di farina il piano di lavoro) e tagliare i “pizzetti” con un coltello o una spatola lunghi circa 3 centimetri.
    Shape some “strings” large as a thumb (if the paste is sticking, use some flour) ad cut some little pieces three centimeter long.
    DSCN0302
  3. Disporre i biscotti in una teglia, leggermente distanziati, e cuocere per 10/15 min a 180° (anche ventilato). Prima di estrarre i biscotti, prelevarne uno e verificare che dentro sia asciutto (non devono indurirsi).
    N.B. L’ammoniaca puzza e vi “assalterà” all’apertura del forno! Probabilmente appesterà anche la cucina! Il cremor tartaro invece è innocuo sotto questo aspetto! Ad ogni modo, una volta freddati l’odore dell’ammoniaca svanirà del tutto ed i biscotti resteranno morbidi più a lungo.
    Put the biscuits into a pan and cook in pre heaten oven for 10-15 min. 365°F. Before take out the biscuit from the owen, just take one of them and verify than inside it is dry. They have to remain soft.
    Please note the ammonia smell bad and its smell will overwhelm you opening the owen! BTW such smell will disappear as the biscuits become cool. It is normal and it will keep the biscuit soft for days!
  4. Lasciar freddare per bene (ad esempio tutta la notte) i biscotti, quindi preparare lo scileppo (o giulebbe). Versare l’acqua e poi lo zucchero in una casseruola e portare a bollore cottura (= portare lo zucchero a 121°, se non avete il termometro l’ebollizione deve essere abbastanza forte e il liquido trasparente e tendente al giallognolo). Nel frattempo montare l’albume con una frusta a mano. Quando lo zucchero è pronto versarlo sugli albumi e mescolare sino ad ottenere un composto liscio ed omogeneo. Infine unire le gocce di limone e qualche cucchiaio di acqua se la glassa dovesse risultare troppo spessa (in definitiva dovete ottenere una meringa all’ityaliana diluita e smontata. Importante: l’albume deve essere almeno leggermente montato quando unite lo zucchero, altrimenti si cuoce e si straccia).
    Let the biscuits become cool (for example let them rest for a night) and then prepare the icing. Let the sugar melt with boiling water, then mix it with the half-wipphed glairs. You don’t need a meringue, but only a smoothy and consistent icing.
  5. Versare i biscotti poco alla volta nella glassa, ricoprirli del tutto aiutandovi con delle forchette, quindi lasciarli asciugare sulla carta da forno o su una gratella. Eventualmente quando saranno ben asciutti su un lato rigirateli per far asciugare per bene anche il fondo.
    Dip the biscuits into the icing little by little and cover them with the icing (use two forks). Let them dry on baking paper or a cake grill. If needed, after some hours, turn them upside down.
    DSCN0307f_thumb[3]
  6. Conservare in sacchetti di chellopane o scatole di latta. Store them into cookies bags or tin boxes.

pizzetti di cannella - cinnamon little pieces


Possono interessarti anche (see also):

Ginger Bread Men - Omini pan di zenzero Babbo Natale di PDZ - sugar pate santa claus

Omini di Pan di Zenzero – GingerBreadMen

Come forse vi ho già detto, quest’anno i regali di Natale che ho distribuito sono stati dei sacchettini di biscotti di Natale! Due pomeriggi a sfornare biscotti, invece che girare per negozi, e la possibilità di fare contente molte più persone e magari in maniera molto più soddisfacente che con un ninnolo di Natale!!
Maybe I told you: this yera my Christmas gifts were home-made biscuits! I spent two afternoons taking out of the owen biscuits, instead going from shop to shop. So I had the possibility to give something cute to much more friends and make them happy!!!

Naturalmente immancabili sono stati gli omini di Pan di Zenzero (e i miei adorati Pizzetti di cannella, che sono i biscotti tradizionali del salento, e soprattutto della mia famiglia, di questo periodo).
Obviously if you make biscuits during Christmas time, you must also make some ginger bread (and also my beloved “Pizzetti di cannella”, i.e. Cinnamon little pieces, which are the traditional Christmas biscuits of my family!).

E’ stata la prima volta che li ho fatti e devo dire mi sono piaciuti davvero tanto, sicuramente il prossimo Natale li rifarò! Ho seguito la ricetta della casetta di pan di Zenzero di Montersino, semplicemente dimezzando le dosi, e ne ho ottenuto circa tre teglie di biscotti.
Se non avete mai assaggiato lo zenzero sappiate che pizzica un po’ (anzi quasi frizza leggermente), ma solo dal secondo morso!!! Se volete osare aggiungete anche un pizzico di pepe.
It was the first time I prepared them and I liked them very very much, I’m sure next year I will make them again!! I used Master Luca Montersino recipe (half dosage) and I realized tree baking tin of biscuits.
Should you never had tasted ginger, just know that it tweak a bit, but just after the second bite! Should you like, you can also add a pepper pinch.

ginger

Mi perdonerete se in questi giorni mi dilungherò poco ma preferisco darvi qualche ricetta prima di Natale, anche se questi regalini si prestano bene anche alle calze della Befana!!!!
You will forgive me if I am veri brief during this days or if I am not able to translate in time the recipe, but I have lot to suggest you but I have no enough time!

Ginger Bread Men - Omini pan di zenzero

Ingredienti – Ingredients

  • 360g zucchero di canna grezzo (360g brown sugar)
  • 110g zucchero semolato – potete sostituirne parte con un cucchiaio di miele (110g sugar – you can substitute a part of it with honey)
  • 360g burro a temperatura ambiente (360g butter)
  • 10g cannella macinata (10g ground cinnamon)
  • 20g zenzero in polvere (20g ground ginger)
  • 2 uova medie (2 eggs)
  • 25g latte (25g milk)
  • 720g di farina OO per pizza (720f plain flour)
  • 1/2 bustina di lievito per dolci (2 teaspoon baking)
  • un pizzico di sale (a pinch of salt)
    per la glassa (for the icing):
  • 250g zucchero a velo (250g icing sugar)
  • 1 albume (1 glair)
  • due gocce succo di limone (two drops lemon juice)

Ginger Bread Men - Omini pan di zenzero

Procedimento (Directions):

  1. Procedete come per una normale pastafrolla, lavorando velocemente tutti gli ingredienti insieme sino a formare una palla liscia ed omogenea.
    (Mix together all the ingredients as for any shortbread paste, until you obtain a “ball” smooth and homogeneous).
  2. Sistemate la pasta in frigo per almeno mezz’ora. Quindi stenderla e ricavare i biscotti con le apposite formine (oppure ritagliando una sagoma di cartone).
    (Let the paste rest for 30 min in the fridge. Then roll it out and cut the gibgerbread men).
  3. Cuocere 7/10 min a 180°. Ricordatevi di infornare biscotti della stessa dimensione altrimenti cuoceranno in maniera diversa.
    (Cook into pre heaten oven at 356°F)
  4. Lasciar raffreddare per bene (anche per una notte).
    (Let them become cold, even for a night).
  5. Preparate la glassa facendo montare leggermente l’albume d’uovo con lo zucchero a velo e per ultimo completate con le gocce di succo di limone. Coloratela a piacere ed usatela per decorare biscotti. Io per i particolari colorati ho usato delle siringhe in gel glitterato. Ma alcuni bottoncini gommosi sono rimasti attaccati alle bustine!!!!
    (Prepare the icing: mix together the glair and the sugar, then add the lemon juice. Colour it as you like and use for decorate the biscuits. To make the glitter coloured details I used some gel dyes).
  6. Naturalmente se dovesse capitarvi qualche biscottino rotto o mal riuscito, sarà ancora più divertente divertirsi a dargli una espressione diversa dalla solita!!! Potete dare anche un po’ di movimento alle braccia e alle gambe prima di infornarli! I miei sono venuti un po’ sgorbietti ma tanto tanto simpatici!!! Occhiolino
    (Of course, should you find some broken biscuits or with some imperfection, you can enjoy yourself drawing some scared aspect!!! You also can move the arms before cooking them. My gingerbread men are not perfect, but, I think, very cute!!! Occhiolino)

Ginger Bread Men - Omini pan di zenzero

A prestissimo con i miei adorati pizzetti di cannella (see you soon with my Cinnamon Little Pieces!!!!!)

gingerr


Potrebbero interessarti anche (see also):

pizzetti di cannella - cinnamon little pieces biscotti Gingerbread Christmas tree

Croquembuche di Cle

Croquembuche

Dopo la meringata al limone, ecco un altro dolce citato nella serie Desperate Housewifes, su cui, ancora una volta, Bree e Katerine si sfidano mettendo alla prova le proprie abilità!
After the Lemon meringue Pie, here it is another dessert which make Bree and Katerine challenge each other.

Se volete cimentarvi in queste feste con un dolce scenografico e di sicuro successo, il croquenbuche vi darà grandi soddisfazioni. Letteralmente il suo nome significa “che crocca in bocca” ed il croccante è dato dal caramello con cui i bignè (solitamente alla crema) vengono glassati e di cui sono fatti i filamenti tipici della decorazione di questo dolce. Viene solitamente presentato a forma di cono, come se fosse un albero di natale fatto d’oro.Il mio non è venuto perfetto, era più un esperimento per il pranzo di natale ma vi garantisco che è buonissimo!!!
Should you want to surprise your guests during Christmas time the Croquenbuche is the right dessert! Literally his name means “crunch in mouth” and it is due to the caramel upon the puffs and alla around the “pyramid” as golden strings.

Ho farcito i bignè con una crema aromatizzata al cointreau, le cui note amare bilanciano perfettamente il dolce del caramello, di cui vi lascio la ricetta completa. La dose è abbondante, basta per circa 40 bignè, se ve ne avanza potete congelarla e utilizzarla successivamente.
I filled the puffs with cointreau custard, which bitter taste well combine with the sweetness of the caramel. You can find below the recipe. Should there will be some custard left you can store  it into the freezer for some weeks.

L’unica difficoltà di questo dolce sta nel preparare il caramello. A me è riuscito al terzo tentativo! Come sempre cercherò di trasmettervi quello che ho imparato (a mie spese!).
The only difficult you will face with this dessert is the caramel!!! I get it at the third attempt and will give you some hint!

Il Croquembuche non è un dolce che va preparato molto in anticipo, il caramello in frigo tende ad inumidirsi e quindi ad afflosciarsi e in freezer patirebbe del tutto. Per portarvi avanti con la preparazione potete preparare il giorno prima la crema ed i bignè (se li riempite congelateli, altrimenti farciteli al momento) ed assemblare il dolce una o due ore prima dell’arrivo dei vostri ospiti.
Please note that you can’t prepare the croquembuche in advance: into the fridge the caramell would dissolve. You can prepare in advance the puffs and the custard, and finalize your dessert few hours before your guests will arrive.

Ingredienti per 6/8 persone (ingredients for 6/8 serving) :

  • circa 25/30 bignè (qui la ricetta) – 25/30 puff (here is the recipe)
    Per la crema pasticcera al cointreau (for the coiuntreau custard)
  • 1 lit. di latte (1 liter milk)
  • 200g zucchero (200g sugar)
  • 30g amido di mais (30g corn-starch)
  • 40g farina 00 (40g all pourpose flour)
  • 4 tuorli e 2 uova (4 yolks and two eggs)
  • 80g cioccolato bianco (80g white chocolate)
  • 2/3 cucchiai di cointreau (2/3 tablespoon cointreau or grand marnier)
    Per il caramello (for the caramel)
  • 150g zucchero (150g sugar)
  • 50g acqua (50g water)
  • 75g sciroppo di glucosio (75g glucose syrup)

DSCN0285

Procedimento – Directions:

  1. Preparare la crema pasticcera: portare a bollore il latte. Nel frattempo sbattere le uova con lo zucchero e la farina con una frusta sino ad ottenere un composto liscio e aerato. Versare il composto nel latte quando bolle e mescolare con cura (si addenserà in un paio di minuti). Spegnere il fuoco e raffreddare in un bagno di acqua e ghiaccio, coprendo la crema con pellicola a contatto (=stesa direttamente a contatto con la crema, in questo modo non farà la pellicina).(Prepare the custard: let the milk boil. In the meantime melt the eggs with the sugar and the flour. When the milk boils, pour the mixture into it and carefully stir it until thiken. Cover with a film and let it cool down.)
  2. Quando la crema è fredda, farcire i bignè aiutandovi con una siringa da pasticceria. (When the custard is cool, fill the puffs)
  3. Preparare il caramello: sciogliere nell’acqua calda lo sciroppo do glucosio e quindi lo zucchero, versato tutto in una volta. Lasciar cuocere a fiamma abbastanza alta sino a che non avrà raggiunto un colore biondo scuro.
    Importante: non mescolate!!! si cristallizzerebbe e il caramello non si formerà più. Al massimo se volete mescolare il liquido, afferrate la padella per il manici e date un movimento rotatorio.
    Attenzione a non cuocerlo troppo: diventa amaro. Attenzione anche a spegnere con qualche istante di anticipo sul colore desiderato: le pentole, specie se con il fondo spesso, continuano a rilasciare calore ( e a cuocere) anche quando il fornello è stato spento! Il mio primo caramello è diventato troppo scuro e amaro per questo motivo!!!
    (Prepare the caramel: dissolve the glucose syrup and the sugar into the water into a soucepan and boil until it will be golden.
    Important: do not stir it! It would crystallize and the caramel will never came out!! Be careful: shoul you not stop in time the heat, it would burn and be bitter.)
  4. Lasciar riposare il caramello appena un minuto, perché acquisti una consistenza fluida, quindi glassare la punta dei bignè immergendoli nel caramello (come nel video).
    Attenzione: BRUCIA! è oltre i 150°. Cercate di non toccarlo con le dita. Sistemare i bignè in cerchio sul piatto da portata e poi via via costruire una piramide (meglio bassina le prime volte): il caramello servirà ad incollare i bignè. (Let the caramel rest for one or two minutes and then ice the filled puffs with it – see the video. Be careful: it is very very hot! Put the puffs into the serving dish and shape a pyramid: the caramel will work as a glue!)
  5. Immergere due forchette nel caramello e… fate come spiegato nel video, non so davvero come rendere con le parole questa procedura!!!! XD
    (Dip two forks into the caramel an then… do what I do into the video! It is very hard to describe it in words!!! XD)

Vi ricordo che il Croquembuche non deve essere preparato con largo anticipo perché non può essere tenuto per troppe ore in frigo perché l’umidità fa sciogliere i fili. Meglio sistemarlo in veranda al fresco (in inverno) in attesa che la cena termini e possiate fare il vostro ingresso trionfale!!!
I remember you that youu have to prepare Croquembuche few hours before it would be served: the fridge wetness will dissolve the caramel strings. And now, let me wish you Merry Christmas! Sorriso

croquembuche


Potrebbero interessarti anche (see also):

Profiterol tiramisù Babbo Natale di PDZ - sugar pate santa claus Sacle, la Sacher di Cle

Babbo Natale di Pasta di Zucchero (Sugar paste Santa Claus)

Ispirandomi al procedimento suggerito da Luca Montersino in questa videoricetta ho creato questo simpaticissimo Babbo Natale. Non è proprio perfetto ma ne sono davvero soddisfatta e più lo guardo e più mi piace!!!
I was inspired by this recipe of Luca Montersino and I made my cute sugar paste Santa Claus. It is not perfect but the more I see it, the more I like it!!!

Babbo Natale di PDZ - sugar pate santa claus

Ho rispettato abbastanza scrupolosamente il metodo del maestro salvo che per alcune varianti e/o accorgimenti che vi vado ad elencare:
I stick with Master’s proceeding except for the items below:

  • Io ho utilizzato pasta di zucchero e non marzapane;
    I used sugar past, not marzipan.
  • Per ottenere il rosso vi consiglio di utilizzare colorante in polvere diluito in colorante rosso liquido: per ottenere un rosso vivo serve molto colorante e utilizzando solo colorante liquido rischiereste di smollare troppo la pasta. Più lavorerete la pasta, più il colore diventerà acceso.
    To obtain red coloured paste I suggest you to use red dye powder, diluited with red liquid dye: to obtain a vivid red paste you need a lot of red dye so, should you use only liquid dyes, your sugar paste will be flabby. The more you merge the sugar paste, the more it would be red.
  • Se utilizzate coloranti liquidi tenete a portata di mano dell’amido di mais per asciugare e compattare un po’ il tutto.
    Should you use only liquid dyes, keep on hand some cornstarch to dry your paste.
  • Per ottenere il marrone ho usato del semplice cacao, invece per il giallo la curcuma.
    I used cocoa to obtain brown paste and turmeric to obtain yellow paste.
  • Per ottenere un colore rosa più naturale per i particolari della pelle potete aggiungere una goccia di giallo al colorante rosso.
    I used red dye and curcuma to obtain a pink more similar to the skin colour.
  • Se utilizzate il marzapane vi consiglio di utilizzare comunque la pasta di zucchero per i particolari bianchi, soprattutto se non trovate il biossido di titanio, che è il colorante bianco!
    Should you use marzipan I suggest you to use the sugar paste for the white parts, specially if you cannot find the white dye (which is titanium dioxide).
  • Montersino suggerisce di ricavare i 4 arti da un unico pezzo. Io ci ho provato ma con deludenti risultati, quindi ho diviso il corpo in due.
    Master Montersino suggest to shape all the 4 limbs from a single piece of sugar paste. I tried to do that but without success! Thus I diveded the puppet body into two pieces.

Babbo Natale di PDZ - sugar pate santa claus

Ed ora il video che spero vi piaccia. Ho lasciato anche i miei errori, un po’  per ridere un po’ perché penso possano essere anch’essi di aiuto!!!
And now… the videoproceeding! I hope you will enjoy it! I saved my mistakes too, becouse they are fun and also becouse they could be usefull for all of you!

In tutto ho impiegato 15 min, compresa la colorazione della pasta. Il quantitativo di pasta di zucchero per tutta la composizione che vedete in foto è di circa 170g.
I spent 15 minutes to make my puppet, including the time needed to colour the sugar paste. I used about 170g of paste.

Provateci e fatemi sapere! Occhiolino Come on and try it and… let me know!!!

Babbo Natale di PDZ - sugar pate santa claus

Se invece siete interessati alla crostata di cioccolato sullo sfondo, la ricetta la trovate qui (anche in inglese). Occhiolino
Should you are instead interested in the choccolate tarte aback, here it is the recipe (also in english). Occhiolino