Rotolo ai Lamponi e Chantilly

Stanche della solita (e laboriosa) torta mimosa per la festa della donna? Ecco la mia proposta: Un bel rotolo facilissimo da preparare, con chantilly alla francese (che è più sempice della chantilly italiana prevista per la mimosa) e frutta a vostro piacimento. Io ho scelto i lamponi, ma vanno benissimo anche fragole oppure le ananas sciroppate, se proprio volete restare sul tema mimosa.

Rotolo-lamponi

Pensate di essere negate per i rotoli perché vi si rompono sempre? Tranquille! Vi dico io come fare un rotolo che non si rompe, anche senza planetaria o altri strumenti complicati! Anzi, in questa videoricetta uso un frullino a mano, pensate un po’! 

Tutti i prodotti che vedete nel video sono prodotti Tupperware, che adoro. Se avete domande sulle caratteristiche o il loro utilizzo sarò ben lieta di rispondere.

Ora prendete carta e penna, per segnarvi i pochissimi ingredienti che servono.

Rotolo-lamponi-chantilly

Ingredienti per il rotolo alla chantilly e lamponi

  • 3 uova (tenute in acqua calda di rubinetto per 10 minuti)
  • 140 gr di zucchero
  • 1 pizzico di sale
  • 80 gr di farina
  • (facoltativo, io non l’ho messo) un cucchiaino di lievito per dolci

Per farcire e decorare

  • 250ml panna fresca
  • 100g (circa, regolatevi in base al gusto) zucchero a velo, possibilmente vanigliato
  • lamponi o altra frutta fresca
  • bagna a piacere (io non l’ho messa, il rotolo resta comunque abbastanza umido)

Procedimento e Videoricetta per il rotolo ai lamponi e chantilly

  1. Prima di iniziare: mettete le uova in una ciotola con acqua calda del rubinetto (circa 50/55gradi) per una decina di minuti. Questo riscalderà un po’ le proteine degli albumi e vi consentirà di montarli meglio, assicurandovi la giusta flessibilità necessaria dopo la cottura. MAI usare uova fredde di frigo. Persino a temperatura ambiente sarebbero troppo fredde per questo tipo di preparazione. Altrimenti il vostro rotolo potrebbe rompersi… e non ditemi poi che non ve lo avevo detto! 
  2. Separare i tuorli dagli albumi e montare questi ultimi a neve con lo zucchero.
  3. In un’altra ciotola sbattere leggermente i tuorli. Aggiungere i tuorli e la farina agli albumi in due tempi (metà alla volta). Mescolare con movimenti dall’alto verso il basso.
  4. Distribuire il composto in uno strato uniforme sulla leccarda del forno coperto con carta da forno oppureo un foglio di silicone con bordo (come vedete nel video), come quello Tupperware
  5. Infornare in forno già caldo per 6/7 minuti a 220*.
  6. Appena fuori dal forno, capovolgere il biscuit su carta da forno, staccare il foglio di silicone e arrotolate il biscuit mentre è ancora caldo. Avvolgete in un canovaccio pulito e lasciate raffreddare.
  7. Mentre il rotolo si raffredda, preparare la farcia: montare la panna con zucchero vanigliato. Lavare e tagliare la frutta.
  8. Srotolate il rotolo freddo, bagnate con bagna di vostro gusto (facoltativo) e spalmate sopra la crema chantilly ottenuta. Distribuite uniformemente i lamponi e riallotorate.
  9. Lasciate riposare un paio di ore in frigo (oppure congelate) e poi servite tagliato a fette.

Vi assicuro che vi conquisterà per la sua seducente e semplice bontà.

 

Se ti è piaciuta la ricetta, scrivilo nei commenti, condividila con gli amici e poi prova anche…

rotolo-alle-fragole

 

PS: E’ Buono anche alle fragole!!!

Fluffy Pancakes

Pare che il 25 febbraio sia stato il 2020 pancake day, il che significa che per una volta sono stati quasi tempestiva nel preparare (e pubblicare) la ricetta giusta il giorno giusto. Nulla di pretenzioso, e sicuramente perfezionabili,ma un modo dolce e piacevole di cominciare la giornata.

Non sono amante dei pancakes ma quando ho visto la video ricetta di Fatto in Casa da Benedetta la scorsa notte (insonne) ho deciso di provarli a fare la mattina stessa, anche perché gli ingredienti sono sempre a disposizione di chiunque: uova, farina e zucchero!

Vi lascio ricetta e video ricetta ed aspetto i vostri commenti se mai lo proverete o li avete già provati.

Ingredienti per 3 o 4 pancakes

2 uova (separate)
25 g zucchero
40g farina
20g latte
aroma a piacere
burro per ungere la padella

procedimento per i fluffy pancakes

  • Separare gli albumi dai tuorli
  • Montare gli albumi a neve con lo zucchero
  • A parte sbattere con una forchetta i tuorli insieme al latte
  • Unire in due tempi all’albume i tuorli alternati alla farina.
  • Scaldare una padella leggermente unta (pulite l’eccesso di unto con carta assorbente). con un mestolino create dei mucchietti di impasto come mostrato nel video. Inumidire la padella con due cucchiai di acqua e coprire.
  • Dopo due minuti rigirare i pancakes con un movimento deciso ma delicato. Terminare la cottura, sempre avendo cura di aggiungere acqua e coprire per creare un effetto vapore.
  • Servire con frutta fresca, crema gianduia e/o marmellata.

Buona Colazione!

Fluffy-pancakes
paccheri-gratinati-ricotta-e-salsiccia

Paccheri gratinati con ricotta e salsiccia (Videoricetta)

Oggi un bel primo piatto, con due condimenti in uno, entrambi buonissimi che insieme legano alla perfezione: Paccheri gratinati con ripieno di ricotta e ragù di salsiccia. Nonostante il passaggio in forno ed i due ripieni, il piatto si prepara in meno di mezz’ora, per cui non è molto impegnativo come potrebbero essere la gran parte dei primi al forno.

Per grigliare i paccheri ho utilizzato uno dei prodotti Tupperware che preferisco: il MicrogrillPro (lo vedete nel video), che mi consente di ottenere preparazioni grigliate e gratinate, paragonabili a quelle che potete ottenere nel forno tradizionale, utilizzando però il microonde, con notevole risparmio di tempo ed energia. Ma ovviamente potete procedere nella gratinatura nel forno normale.

Questi paccheri sono gratinati senza besciamella, per la gioia dei suoi detrattori (e io non sono tra quelli! io sono abbastanza “retrò” sul tema besciamella, e la considero ancora uno dei fondamentali in cucina!).

Ma bando alle ciance e passiamo alla ricetta, che magari vorrete già sperimentare questo weekend!

Ingredienti: (per circa 4 porzioni)

  • 350g paccheri
  • una latta di pelati
  • 150g salsiccia
  • pancetta a cubetti affumicata (facoltativa)
  • 1/2 bicchiere vino
  • aglio, cipolla, olio, sale, q.b.
    Per il ripieno di ricotta
  • 300g ricotta
  • 100g provola affumicata tagliata a cubetti
  • 3 cucchiai parmigiano
  • 1 uovo
  • prezzemolo

Procedimento

  1. Cuocere i paccheri al dente, scolateli conditeli con un filo di olio per non farli attaccare e mettete da parte.
  2. Mentre i paccheri cuociono, preparare un soffritto con olio, cipolla, aglio, salsiccia e pancetta. Sfumare con il vino quindi aggiungere i pelati, aggiustare di sale e lasciar restringere.
  3. Preparare il ripieno di ricotta mescolando in una ciotola la ricotta con il parmigiano, l’uovo ed il prezzemolo. In ultimo aggiungete la provola tagliata a dadini piccoli. Trasferite il composto in un sac a poche.
  4. Stendete un velo di ragù su una pirofila da forno (o su Microglirll pro). adagiatevi sopra i paccheri e farciteli con la crema ai formaggi.
    Ricoprite con il restante ragù ed una generosa spolverata di parmigiano.
  5. Se usate il forno tradizionale, passate sotto il grill del forno per 15 min. Se usate il Microgrill Pro, posizionate il coperchio in posizione “alta” e mettete in microonde per 10/15 min.
Paccheri-ricotta-salsiccia

Se questa ricetta ti è piaciuta, condividila con gli amici, poi prova anche…

Crostata di ricotta e cioccolato (videoricetta)

Questa è una ricetta che mi segue in tutti i miei spostamenti da almeno 20 anni perché inserita nel mio ormai mitico quadernetto dove, a partire dalle scuole medie, diligentemente copiavo o incollavo le ricette che si trovavano dietro le confezioni del lievito Paneangeli o, come in questo caso, del cacao Perugina.

L’ho fatta e rifatta diverse volte, con minime varianti, ma non ero mai riuscita a farne una foto decente per il blog. Questa volta non solo la foto è sufficientemente carina ma vi ho fatto anche la videoricetta.

Spero vi piaccia (il video e la ricetta). Se la provate fatemi sapere cosa ne pensate!

Ingredienti per la crostata di ricotta e cioccolato

  • 400g ricotta
  • 70 g cioccolato fondente
  • 3 albumi
  • 2 cucchiai di zucchero a velo (nella ricetta originale non è previsto. Regolatevi con la dolcezza della ricotta ed il vostro gusto)
  • gocce di cioccolato (facoltativo)
  • 500g pasta frolla (potete usare la vostra ricetta preferita, io ho usato: 250g farina, 100g zucchero, 150g burro + olio di oliva, tre tuorli. Per la ricetta della pasta frolla vai qui.

Procedimento:

  1. Preriscaldare il forno e preparare la pasta frolla lavorando velocemente in una ciotola il burro con lo zucchero, i tuorli (tenendo le chiare da parte) e la farina (per fare prima, potete usare anche una base già pronta. In questo caso vi serviranno due rotoli di pasta frolla). Lasciarla riposare la frolla in frigorifero nel frattempo preparare il ripieno.
  2. Fondere il cioccolato. In una ciotola lavorare la ricotta con gli albumi e lo zucchero a velo.
  3. Mischiare il cioccolato fuso al composto di ricotta (per un effetto bicolore, potere unire il cioccolato a metà del composto di ricotta). Quidi aggiungere le gocce di cioccolato (facoltativo).
  4. Foderare con la pasta frolla il fondo ed i bordi di uno stampo tenendo da parte circa 1/3 della pasta. Riempire con il ripieno e chiudere con la pasta avanzata. Aiutatevi con la carta da forno come spiegato nel video per ricoprire interamente la teglia se la vostra frolla è troppo sbriciolosa (ad esempio se l’avete preparata con olio o margarina).
  5. COTTURA: 35/40 min a 180° (170° se ventilato)
  6. Guarnire con riccioli di cioccolato fondente o zucchero a velo. Ottima sia tiepida che fredda di frigo.

Se la ricetta ti è piaciuta, condividila con i tuoi amici e poi prova anche queste:

Involtini di prosciutto ai funghi

Sul banco della verdura in questo periodo ci sono funghi a volontà. Scegliete quelli che più vi piacciono, comprate del prosciutto, e provate oggi stesso questi involtini: diventeranno uno dei piatti preferiti della vostra famiglia. Ottimi anche da portare a pranzo in ufficio, perché sono buoni sia caldi che freddi.

Ingredienti per 4 porzioni

  • 150g funghi
  • 4 fette di prosciutto cotto non troppo sottili
  • 60g di parmigiano grattugiato (o altro formaggio a piacere)
  • due panini morbidi (tipo sandwiches)
  • un bicchiere di latte o brodo (per ammollare i panini)
  • un uovo grande
  • qualche cucchiaio di besciamella
  • vino bianco
  • prezzemolo, aglio, peperoncino, sale q.b.
  • olio di oliva q.b.
  • pangrattatp q.b.

Procedimento

  1. Scaldate il latte (o il brodo) e ammollatevi dentro i panini.
  2. In una padella scaldare l’olio con uno spicchio d’aglio ed il peperoncino (facoltativo) e saltare i funghi tagliati a pezzetti a fiamma viva (altrimenti cacciano troppa acqua). Aggiungere il prezzemolo tritato, il sale e sfumate con il vino bianco.
  3. In una ciotola trasferire i funghi e aggiungere i panini ammollati e strizzati, il formaggio grattugiato ed a piacere uno o due cucchiai di besciamella e l’uovo. Mescolate il tutto sino ad ottenere un impasto dalla consistenza morbida ma compatta (tipo polpette). Se occorre aggiungete del pane grattugiato per assorbire eventuale liquido in eccesso.
  4. Disponete sul tagliere le fette di prosciutto. Sistemate sul bordo una parte del composto ed arrotolare sino a formare un involtino.
  5. Disponete gli involtini ottenuti su una teglia, coprite la superficie con poca besciamella e una spolverata di formaggio e passate in forno a 200° per 15 minuti (
  6. Servite con insalata fresca. Sono ottimi sia caldi che freddi. Sono una idea carina anche in un buffet, magari tagliati a bocconcini.

Per la cottura, invece del forno io ho utilizzato il Microgrill Pro della Tupperware e grigliato al microonde per 7/10 min.

La ricetta è una mia variante semplificata di una ricetta proposta sulla collana “I Miei Menù” che avevo proposto anche su Instagram. Se volete provare la ricetta originale, la trovate nel post incorporato qui sotto.

Funghi-ripieni

Videoricetta Funghi ripieni (Stuffed mushrooms)

Ho preparato più e più volte questa ricetta, sempre con grandissima soddisfazione. Così ne ho approfittato per farne anche la videoricetta.
Vi rinnovo l’invito a provarla e… ad iscrivervi al mio canale YouTube!

Le Ricette di Cle

(click here for the English version, directly on Laura Vitale’s Blog)

Se siete amanti dei funghi, questa ricetta salirà di prepotenza in cima alle vostre preferite. Gustosissima, sfiziosa, adatta come secondo ma anche in un buffet o per un aperitivo, o ancora come delizioso avanzo da portarvi nel vostro lunch box o al pic-nic di Pasquetta.

La ricetta l’ho scoperta recentemente sul canale/blog di Laura in the Kitchen, una simpaticissima YouTuber italo-americana, al cui video (e canale) vi rinvio per seguire la videoricetta (è in inglese, ma il procedimento si segue con facilità anche se non siete anglofoni!).

Io ho apportato davvero minime modifiche. Provateli e ditemi se non sono spaziali!

funghi ripieni.jpgIngredienti per circa 4 porzioni:

  • 300g salsiccia di norcia (senza budello)
  • 1 piccola cipolla
  • 1 spicchio di aglio
  • mezzo bicchiere di vino rosso per sfumare
  • 300g di champignon, possibilmente grandi, adatti ad essere ripieni
  • q.b. olio evo
  • 150/200g…

View original post 331 altre parole

calzone-alle-cime-di-rapa

Pasta matta al vino bianco (base per torte salate) con due varianti di ripieno

La pasta matta è un impasto molto simile alla pasta brisée che si prepara in maniera semplicissima agitando energicamente tutti gi ingredienti in una ciotola con il coperchio.

E’ presente in praticamente tutti i blog di cucina, tanto che è difficile dire chi l’abbia proposta per prima al grande pubblico. Probabilmente Anna Moroni, ai tempi de La Prova del Cuoco, per la sua semplicità è probabile che l’abbia fatta anche Benedetta Parodi o più recentemente Benedetta Rossi, o magari è una ricetta presentata solitamente in tutti i party Tupperware che si rispettino, poi prestata al web dopo l’avvento dei blog! Se sapete chi l’ha proposta per primo nel mondo mediatico, ditemelo nei commenti.

Se non l’avete mai fatta, provatela alla prima occasione, come sostituto di una qualsiasi base per torte salate. Se l’avete già provata, vi invito comunque a provare la mia versione con vino bianco, che ricorda molto il sapore dei taralli, tipici della mia terra, la Puglia.

Vi propongo oltre alla ricetta della pasta matta, anche due varianti di ripieno, una vegana, l’altra vegetariana. Ma ricordate che potete usare la pasta matta come base per qualsiasi torta salata, senza bisogno di lievitazione, il che la rende ancora più versatile e comoda da usare.

Per la pasta matta (dosi per uno stampo di 24 cm circa)
  • 300g farina 00
  • 150g olio evo
  • 75g vino bianco
  • 75g acqua
  • un cucchiaino di sale
  • un cucchiaino di lievito istantaneo per torte salate (tipo lievito per dolci ma non vanigliato, per intenderci: il paneangeli con la bustina gialla)

Come si prepara la pasta matta: Inserite tutti gli ingredienti in una ciotola di cui avete il coperchio (ottime allo scopo quelle per impasti della Tupperware). Chiudete con il coperchio e agitate energicamente. Otterrete un impasto slegato ma asciutto. Finite di impastare con la punta delle dita oppure con una spatola quanto basta per ottenere un impasto omogeneo. Pronta! Vedi la videoricetta sotto o sul mio canale YouTube.
Può essere stesa subito o lasciata riposare una mezz’oretta in frigo, come si fa per la frolla.
IMPORTANTE: non impastate troppo a lungo, altrimenti si sviluppa il glutine e l’impasto invece che essere friabile sarà duro.

Questa è la base! Vediamo ora due ripieni facilissimi da preparare, ma si sposa bene con qualsiasi cosa ci mettiate dentro!

Calzone di mozzarella e pomodoro con pasta matta

calzone-mozzarella-pomodoro

Questo è uno dei piatti preferiti di mio marito, che ho imparato da mia suocera. Semplice, velocissimo da preparere e gustoso. Piace a tutti.

Per il ripieno al pomodoro e mozzarella
  • 120g mozzarella oppure scamorza
  • una decina di pomodorini pelati (rossi o gialli a voi la scelta)
  • un mazzetto di basilico
  • due cucchiai di pangrattato
  • sale e pepe q.b.
  • un filo di olio di oliva e.v.
Procedimento per il calzone al pomodoro e mozzarella
  1. Dividete l’impasto in due metà. Stendete la prima metà possibilmente non utilizzando troppa farina oppure con le mani direttamente nella teglia.
  2. Cospargete il fondo con un po’ di pagrattato per poter assorbire l’acqua in eccesso della mozzarela e dei pomodori.
  3. Adagiate sul fondo le fette di mozzarella ed i pomodori melati.
  4. Condite con un filo d’olio, un pizzico di sale e a piacere basilico e/o origano.
  5. Cuocete in forno già caldo a 180/200° fino a doratura.
  6. Servire calda o tiepida.

Calzone alle cime di rapa stufate

Pugliesità mode on! L’aggiunta del vino bianco nell’impasto ricorderà a molti il sapore dei taralli… sposati alle cime di rapa stufate… potete solo immaginare quanto sia buono il connubio! Per veri amanti della Puglia e aspiranti tali!

calzone-alle-cime-di-rapa-vegan

Ingredienti per il ripieno alle cime di rapa stufate:

  • 500g di cime di rapa già pulite e sbollentate in acqua o cotte al vapore
  • 3 cucchiai di olio extra vergine d’oliva
  • una presa di capperi sotto sale (la mia variante vegan alle acciughe)
  • un peperoncino
  • due foglie di alloro
  • 1 spicchio di aglio
  • mezzo bicchiere di vermouth o vino bianco secco 

Come preparare le cime di rapa stufate

  1. In una padella scaldare l’olio con l’aglio ed il peperoncino, senza farlo soffriggere, aggiungere la verdura leggerbente sbollentata o cotta al vapore, un pizzico di sale e coprire con il coperchio e lasciar cuocere a fuoco moderato. Girare di tanto in tanto.
  2. Aggiungere anche i capperi ben sciacquati e l’alloro. Lasciar cuocere il tempo necessario perché tutta la verdura sia tenera e cotta.
  3. Aggiungere quindi il vino, far sfumare e terminare la cottura a fuoco vivo fino a compreta evaporazione dell’alcool.
  4. Eliminate le foglie di alloro, quindi con un frullatore ad immersione omogeneizzate il tutto ottenendo una crema. Se notate del liquido in eccesso, lasciate cuocere ancora qualche minuto per far restringere.

Utilizzate la crema di cime di rapa come ripieno della vostra torta salata. Successo assicurato. Buona sia fredda che calda.

black-forest-truffles

Black Forest Truffles (in cucina non si butta niente!)

(English version in the comments below)

La cosa bella degli errori in cucina è che spesso aprono la porta a nuove ricette e nuove sperimentazioni e questa ricetta nasce da errori misto a esigenze di riciclo.

Eh si! Anche Cle sbaglia (o si distrae) in cucina! L’ultima volta che ho fatto la sacherla base della torta si è cotta un po’ troppo in forno risultando un po’ troppo secca e quasi per nulla accattivante. Avevo così congelato così una delle due torte preparate (preparo sempre due basi, trucchetto salvatempo!) in attesa di trovare ispirazione e farne qualcos’altro. Quel qualcos’altro sono stati questi bon bon (volevano essere dei cake pops ma non ho trovato i bastoncini!!!).

Li ho chiamati Black Forest Truffles perché li ho aromatizzati con lo sciroppo di amarene (avanzato da questa ricetta), che unito alla cremosità del philadelphia ricorda un po’ il famoso dolce tipico della Foresta Nera.
Ma fondamentalmente è una ricetta di riciclo, per cui potete dar loro la caratterizzazione di sapore che preferite (all’arancia o alla menta se vi piacciono gli after eight), anzi… preferita dalla vostra mamma e farle un bel regalo per la sua festa, specie se è amante del cioccolato!

Sono semplicissimi da preparare e possono aiutarvi anche i più piccolini!

Black Forest Truffle

Ingredienti:

  • 1 torta/pan si spagna già pronto o avanzato al cioccolato/cacao di circa 22 cm diametro
    (va bene anche usare un preparato pronto per torte o un pan di spagna venuto un po’ secco)
  • 100g philadelphia o mascarpone
  • 2 cucchiai di sciroppo di amarene (o liquore di vostro gradimento)
  • 150g cioccolato fondente fuso per glassare
  • 10g burro (possibilmente burro di cacao)

Procedimento:

  1. Sbriciolare finemente i pan di spagna al cacao (eventualmente utilizzate un cutter da cucina);
  2. in una ciotola mischiare il pan di spagna al cacao, con il philadelphia e lo sciroppo sino ad ottenere un composto sodo ma lavorabile.
  3. Formate delle palline con il composto ottenuto, quindi passarle nel cioccolato fuso allungato con un po’ di burro (se utilizzate burro di cacao otterrete una copertura più fine e croccante).
  4. Per semplificare il posizionamento dei bon bon nei pirottini io ho infilzato con uno stecchino prima i pirottini poi le palline di torta, così da sfilare pirottino e bon bon dallo stecchino senza sporcarmi di cioccolato. Guardate le foto nella gallery sotto.
  5. A piacere decorare con zuccherini o perline. Lasciar riposare un paio di ore n frigo prima si servire.

Questo slideshow richiede JavaScript.

PS: Naturalmente vanno bene anche per San Valentino! 😀

Black Forest Truffle

funghi ripieni supercremosi

Funghi ripieni super gustosi (Stuffed mushrooms)

(click here for the English version, directly on Laura Vitale’s Blog)

Se siete amanti dei funghi, questa ricetta salirà di prepotenza in cima alle vostre preferite. Gustosissima, sfiziosa, adatta come secondo ma anche in un buffet o per un aperitivo, o ancora come delizioso avanzo da portarvi nel vostro lunch box o al pic-nic di Pasquetta.

La ricetta l’ho scoperta recentemente sul canale/blog di Laura in the Kitchen, una simpaticissima YouTuber italo-americana, al cui video (e canale) vi rinvio per seguire la videoricetta (è in inglese, ma il procedimento si segue con facilità anche se non siete anglofoni!).

Io ho apportato davvero minime modifiche. Provateli e ditemi se non sono spaziali!

funghi ripieni.jpg

Ingredienti per circa 4 porzioni:

  • 300g salsiccia di norcia (senza budello)
  • 1 piccola cipolla
  • 1 spicchio di aglio
  • mezzo bicchiere di vino rosso per sfumare
  • 300g di champignon, possibilmente grandi, adatti ad essere ripieni
  • q.b. olio evo
  • 150/200g philadelphia
  • 100g di scamorza o altri formaggi a pasta filata
  • pepe o peperoncino
  • prezzemolo o erba cipollina per guarnire

Procedimento:

Continua a leggere…