Minestra di pollo e carciofi (a lenta cottura)

Ho già detto altre volte che delle ricette su Pinterest di provenienza estera non mi fido più, ma mi piace molto usare la slow cooker. Sapete allora come recupero le ricette (o gli abbinamenti?). Molto semplice: metto insieme ingredienti previsti per altre preparazioni di carne (involtini, arrosti…) accendo e via! Risultati sempre ottimali, d’altronde, la cottura lenta (che richiama quella sul fuoco delle nostre nonne) garantisce quasi sempre ottimi risultati, anche con tagli di carne non pregiatissimi.

Anche questa volta, protagonista il pollo ruspante dell’orto di mio padre, che certamente non si presta ad una cottura di pochi minuti in padella!!!

L’intingolo che ne viene fuori è ottimo per accompagnare dei cereali o del riso. In questa versione, io ho usato dell’orzo. Provatela e mi direte.

zuppa-pollo-e-carciofi-lenta-cottura

Ingredienti per 4 porzioni

  • un polletto ruspante (o qualsiasi parte a vostra disposizione, cosce, petto…)
  • 100g pancetta dolce
  • 250g cuori di carciofi (io ho usato quelli congelati)
  • mezzo bicchiere di vino
  • tre cucchiai di olio
  • un bicchiere di acqua o brodo
  • sale q.b.
  • un rametto di rosmarino e qualche foglia di salvia
  • 200g orzo o riso o altro mix di cereali

Procedimento (nella slow cooker)

  1. Mettere tutti gli ingredienti tranne i cereali nella slow cooker, impostate la temperatura a 95°C e cuocete per almeno 2 ore (regolatevi in base alla “tenerezza” del pollo che utilizzate).
  2. Se uno o più ingredienti sono congelati, abbiate cura di scongelarli prima al microonde.
  3. Quando il pollo è cotto, tiratelo fuori, eliminate eventuali ossa (la carne si staccherà con estrema facilità) e cuocete nel brodo di cottura i cereali secondo i tempi suggeriti nella confezione.
  4. Se necessario, per far restringere il brodo, aumentate la temperatura.
zuppa-pollo-e-carciofi-lenta-cottura

Tutto qui! Buone zuppe autunnali (se questo caldo si decide a lasciarci!!!)

Ah! I piselli sono solo decorativi! Ma volendo si può usare un mix di cereali e legumi per rendere la zuppa ancora più gustosa!

Se ti è piaciuta la ricetta, condividila con gli amici. Poi prova anche:

Pollo con riso stile Tex-Mex (a lenta cottura) – Slow cooker chicken burrito bowl.

Original English recipe of the Chicken Burrito Bowl here

In fatto di ricette e anche progetti di Fai-da-Te, Pinterest è spesso foriera di grandi delusioni, tanto che avevo smesso di appuntarmi qualsiasi ricetta “made in USA”. Tuttavia, quando si tratta di ricette per la slow-cooker, i Pin americani sono quelli che continuano a farla da padrone, essendo la slow cooker un attrezzo molto diffuso in tutte le cucine americane.

Il titolo originale di questa ricetta è Chicken Burrito Bowl . Cosa sarà mai!? Il burrito è una tipica preparazione della cucina tex-mex, ed è sostanzialmente una “piadina” con ripieno a base di carne, legumi e verdure, ovviamente piccante e speziato! Il burrito-bowl, altro non è che il ripieno del burrito, servito in ciotola, come minestra, invece che in un wrap. Mi perdoneranno messicani e texani che passeranno di qui se questa ricetta in sé non la definirebbero “tex-mex” ma, non avevo altro modo di tradurre in maniera comprensibile ed incisiva il titolo della ricetta in Italiano!

Ad ogni modo, questa è una ricetta che, con qualche piccolo aggiustamento e adattamento, ho replicato già varie volte, soprattutto perché i galletti ruspanti, belli tosti, che mi porta mio padre dalla nostra bella campagna, richiedono una cottura lunga oppure nella pentola a pressione (che non ho), e sfogliando i vari Pin su Pinterest, questa era sicuramente una di quelle più facilmente replicabili, adattabili al nostro gusto e non eccessivamente cariche di panna, formaggi e compagnia bella.

Per me è un ottimo piatto unico, giustamente speziato e saporito. Se avete la slow-cooker (o altro robot da cucina su cui potete impostare tempi e temperature) provatelo e ditemi cosa ne pensate! E’ anche ottimo per riciclare eventuali avanzi o vasetti vari di legumi in scadenza.

chicken-burrito-bowl

Ingredienti per 4 porzioni

  • un petto di pollo (ruspante) senza pelle e senza ossa
  • una cipolla
  • una lattina piccola di pelati
  • brodo q.b.
  • 200g riso integrale
  • 1 vasetto di fagioli (borlotti, cannellini, come preferite)
  • 1 vasetto di mais al naturale (io talvolta lo sostituisco con dei piselli)
  • peperoncino piccante
  • sale e pepe
  • cumino (non l’ho messo)
  • erba cipollina, basilico o prezzemolo

Procedimento

  1. Inserire nella slow cooker (o in una casseruola sul fornello più piccolo, al minimo) il petto di pollo tagliato a pezzetti, i pelati, la cipolla tagliata finemente, il peperoncino e brodo quanto basta per ricoprire il pollo.
  2. Cuocere a 95°C per 2 o 3 ore. Non deve bollire. Il pollo diventerà tenerissimo (se non usate pollo ruspante, potete cuocere anche per un tempo inferiore).
  3. Trascorso il tempo di cottura del pollo, aggiungete i legumi ed il riso (oppure un mix di legumi e cereali secchi), se occorre aggiungere altro brodo caldo. Cuocere per altri 30/40 min., sempre a bassa temperatura (95°C) o comunque il tempo necessario a che il riso ed eventuali legumi secchi siano ben cotti.
  4. Negli ultimi minuti di cottura aggiustate di sale, aggiungete l’olio ed erbe aromatiche a piacere. Se occorre alzare la temperatura di cottura per far restringere il brodo sino ad ottenere la “brodosità” desiderata.
  5. Lasciar riposare una decina di minuti prima di servire.

Dati i tempi di cottura molto lunghi, è una ricetta che può essere preparata il pomeriggio per la sera, oppure messa a cuocere la mattina mentre siete al lavoro. Il vantaggio di usare la slow cooker invece che il fornello sta proprio nel fatto che potete tranquillamente “dimenticarvi” della pentola e addirittura uscire di casa! Io ho comprato la slow cooker dopo che è nata mia figlia, ed è stata molto utile anche per preparare da mangiare mentre ero in casa ad allattare e non sempre libera di alzarmi a mio piacimento per controllare pentole, fuochi, ecc. Si mettono tutti gli ingredienti, si imposta il timer e… ciao!

riso-con-pollo-tex-mex

Ti è piaciuta questa ricetta? Condividila con gli amici! Poi prova anche

risotto-alla-rucola

Risotto alla rucola

Quando penso alla funzione che dovrebbe avere questo blog nel mondo, la cosa a cui penso è sempre la stessa: un compendio di ricette su cui poter fare affidamento in ogni occasione. Non mi piace pubblicare ricette solo per far numero se non mi hanno convinta o se almeno non ho imparato qualcosa!

In altre parole, ci tengo a risparmiare ai miei lettori, la sgradevole sensazione di non potersi  fidare delle ricette che si trovano qui perché una provata in precedenza è stata un flop o nulla di speciale. E’ la stessa sensazione che provo io con alcuni libri che mi hanno delusa, e che non ho più riaperto perché una o due ricette prese da lì non sono riuscite. Magari son stata sfortunata ed ho beccato proprio quelle due sbagliate. Per questo voglio essere più che scrupolosa nel condividere solo ricette per me valide. Per questo anche il vostro feedback è essenziale, se ne provate qualcuna!

La provenienza della ricetta di questo risotto (da me leggermente modificata) per me è certa e garantita, come tutto ciò che ho provato che sia stato da lui suggerito: Daniele Persegani! Ed anche questa volta le aspettative non sono state disattese.

E’ una ricetta perfetta da preparare in settimana, per smaltire quelle due zucchine in frigo e gli avanzi di rucola utilizzata per altre preparazioni. E’ buono anche freddo, per cui potete anche portarlo con voi in pausa pranzo in ufficio il giorno dopo. Vi consiglio di non lesinare sulle noccioline che danno davvero quel tocco in più! 😉

Ingredienti per 4 persone

  • 320g riso
  • 1/2 cipolla bianca
  • 1 bicchiere di vino bianco secco
  • brodo q.b.
  • un mazzetto di rucola
  • 2 zucchine piccole
  • 1 spicchio di aglio
  • 30g arachidi salate
  • olio, sale e pepe q.b.

Procedimento:

  1. Fate rosolare la cipolla con 4 cucchiai di olio. Tosstate il riso e poi sfumate con il vino bianco. Portate il risotto a cottura aggiungendo brodo man mano che viene assorbito.
  2. Sciacquate le zucchine, sminuzzatele e rosolatele in padella con un po’ di olio ed uno spicchio di aglio. Aggiustare di sale e pepe, eliminare lo spicchio di aglio.
  3. Frullate con un frullatore ad immersione le zucchine insieme alla rucola e le arachidi, unendo un filo di olio a crudo (oppure brodo) fino a raggiungere la consistenza di un pesto.
  4. Condire il risotto con il pesto ottenuto, guarnire con un po’ di granella di arachidi salate, un filo d’olio a crudo, una fogliolina di rucola e servire.

IMG_20171115_181432

Nota: Io non ho frullato il tutto, ma ho semplicemente tritato finemente le zucchine (prima di cuocerle) e la rucola con l’aiuto del mitico Moschettiere Chef della Tupperware!

Risotto al Martini

Avrete ospiti per il Cenone di Capodanno ed ancora non sapete cosa preparare? Siete ancora lì a scegliere se lasagna o risotto, e in ogni caso quale lasagna e quale risotto?
(Are you still wondering “what can a prepare for new year’s eve dinner?” Are you still thinking about what kind of lasagna or risotto?)

Beh… La lasagna ha il vantaggio d’esser preparata in anticipo, ma il risotto è un grande classico delle cene d’occasione e poi tutto ciò che è “chicco” la notte di capodanno porta fortuna, si sa, senza contare che non dovrete preoccuparvi di chi è celiaco, intollerante alle uova, vegetariano… Ormai gli inviti a pranzo/cena sono una maratona! Perciò eccovi la mia proposta per il cenone ma non solo, anche per quando volete dedicarvi qualcosa di speciale ma non complicato! Il risotto al Martini! Veloce, semplicissimo (issimissimo!), testato proprio ieri per voi.
(I am here to give you the answer: Risotto of course! Even if you have to prepare it shortly before you will bring it to your guests, it is a symbol of good luck and wealth as every things “berry” thing! Also it is gluten free, egg free, suit for Vegetarian people… have I to say something more?)

2013-12-28 13.04.25

Diciamo che è la versione meno dispendiosa ma comunque di gran gusto del risotto allo champagne che, di questi tempi, a meno che non ci vi ritroviate una bottiglia (in più!) per casa, magari regalata, può essere un’ottima e furbissima variante! La ricetta l’ho trovata su Alice Cucina di Gennaio 2014, tra parentesi troverete le mie lievi modifiche.
(You can say that this recipe is the chip and chic version of the more expensive Champagne risotto, but you will not miss it! I found the recipe in one of my most favourite kitchen magazine, Alice Cucina and try it the very day after I saw it)

Ingredienti per 4 persone (Ingredients for 4 servings)

320g riso carnaroli rice
1 scalogno shallot
250 ml martini bianco (dry) martini dry
1 lit brodo vegetale broth
50g mascarpone (io 2 formaggini mio) cream cheese
q.b. parmigiano parmesan
q.b. cucunci per decorare (io olive denocciolate) olives or large capers to decorate
q.b. patè di olive verdi* olive and capers paté**
*Potete preparare un paté di capperi e olive frullando insieme 200g di olive, 2 capperi, 2 foglie di basilico, 1 acciuga e olio evo q.b. **you can prepare the paté on your own, blending 200g green olives, 2 capers, 2 basil leaves, 1 anchovie and olive oil as needed

Procedimento (Method)

1. Tritate finemente lo scalogno e fatelo appassire in una casseruola con poco olio, versate il riso e fate tostare. A questo punto sfumate per bene con il martini e portate a cottura il riso aggiungendo brodo bollente man mano che verrà assorbito.
Quando il riso è cotto mantecate con il mascarpone e insaporite con il parmigiano. Fatto!
Chop the shallot and wilt it with some oil in a casserole. Put the rice in it and let it toast. Then pour the martini and let the alcool entirely evaporate prior to add some broth. Let the rice cook adding broth as needed.
When ready, mix some creame cheese and parmesa. Done!
2. Mentre il riso cuoce preparate il patè frullando gli ingredienti come descritto sopra (io ne ho usato uno già pronto di capperi e olive). While the rice is cooking prepare the olive and capers paté (or you can use a ready made one, as I did).
3. Servite decorando il piatto con delle gocce di patè. L’idea in più, specie per un buffet, è di servirlo in coppe da martini per un effetto trés chic! Serve with some drops of olive paté. For the buffets I suggest you to serve it in martini glasses! Enjoy!

2013-12-28 13.33.22

Altre idee per il cenone di capodanno.


Potrebbero interessarti anche

risotto birra e salsiccia minestra di verza e zucchine tagliatelle salsa alle noci

* * * Mi spiace per gli annunci pubblicitari qui di seguito, sono qui contro la mia volontà, ma se hai un account WordPress scompaiono! * * *

Risotto alla birra e salsiccia (Beer and sausage risotto)

Si può dire che il risotto alla birra e salsiccia sia ormai un grande classico… per lo meno in rete e nei libri di cucina! E’ anche un modo intelligente per smaltire una bottiglia di birra aperta il giorno dopo aver avuto amici a cena per una pizza! Ingredienti semplici, facile esecuzione, buono anche da servire a degli amici per un invito informale.
(You can consider this risotto a such a classic recipe, you can find many version of this in various blogs and kitchen magazine. It is also a tip to use some beer leftovers. All the ingredients are very simple to find and it is a recipe good for the family and friends)

risotto birra e salsiccia

Provatelo alla prima occasione: sono certa non ne rimarrete delusi, in più si prepara in 5 minuti… più il tempo di cottura del riso! ;D
(I suggest you to try it as soon as possoble: it is really yuhmmy and you can prepare it in 5 min… plus the rice cooking time!)

Ingredienti per 4 persone*:
(Ingredients for 4 servings)

  • 320g riso (rice)
  • 2 bicchieri di birra (2 cup of beer)
  • 150g salsiccia (sausage)
  • 2 scalogni (shallots)
  • 60g burro oppure olio d’oliva (butter or olive oil)
  • brodo (broth)
  • parmigiano reggiano grattugiato (grated parmesan cheese)
  • sale e pepe q.b. (salt and pepper)
    *ricetta presa da “I colori della Cucina – I Risotti – Alice”

Procedimento:

  1. Affettare gli scalogni e farli soffriggere con parte del burro (oppure olio), quindi aggiungete la salsiccia liberata dal budello e sgranata con una forchetta mescolando di tanto in tanto con un cucchiaio di legno.
    (Chop the shallots and lightly brown them with some butter. Add the crumbled sausage )
  2. Versare il riso e farlo tostare per 2-3 min. Bagnate con poca birra e proseguite la cottura, aggiungendone altra man mano che viene assorbita.
    (Add the rice and let it toast for 2 or 3 min. Add the beer little by little as it will be absorbed by the rice)
  3. Quando avrete aggiunto tutta la birra, regolare di sale e proseguire la cottura aggiungendo brodo bollente al bisogno.
    (When you poured all the beer, add salt and pepper and add the broth, little by little until the rice is cooked.)
  4. A cottura ultimata, mantecate con il burro (oppure dell’olio) rimanente ed il parmigiano e servire fumante .
    (When the rice is cooked, add the other part of butter, the parmesan cheese and melt all togheter. Then serve.)

risotto birra e salsiccia

Io ho spazzolato il piatto! ;D
(Guess what: did I like that or not?!)

piatto vuoto


Potrebbero interessarti anche (see also)

pasta con zucchine e salsiccia profumata al finocchio Lonza alla Birra - Beer pork loin cous cous salsiccia zucchine

Involtini di verza riso e carne

Questa è stata une delle prime ricette che ho provato dalla rivista La Cucina del Corriere della Sera (che ormai compro ininterrottamente da due anni, sempre con somma soddisfazione). Quando al mercato c’è la verza questi involtini per me ormai sono diventati un must. Calibrando bene le dosi può diventare anche un piatto light. Di sicuro, anche lasciando invariata la ricetta (o aggiungendoci qua e là quello che avete in frigo di sfizioso) otterrete un piatto unico sano, gustoso e anche un’idea in più per la pausa pranzo! Io li conservo tranquillamente in frigo per qualche giorno. Provateli e mi direte!

involtini di verza riso e carne

Ingredienti per 4 porzioni:

  • 600g verza
  • 200g riso fino (io questa volta ho usato riso venere)
  • 200g manzo macinato
  • 100g grana grattugiato
  • 1 uovo
  • noce moscata (o rosmarino)
  • sale

Procedimento:

  1. Sbollentare le foglie di verza più tenere e grandi per circa un min. in acqua salata, (oppure come ho fatto io cuocetele al vapore sulla pentola in cui è in cottura il riso!) poi sgocciolatele e asciugatele su un panno.
  2. Cuocete il riso, salandolo solo a due min. dalla fine della cottura, scolatelo e passatelo sotto l’acqua fredda. Lasciar sgocciolare. (A piacere aggiungere anche altra verza o verdure nel riso).
  3. Raccogliete in una ciotola 50g grana, la carne (eventualmente già passata in padella), il riso, l’uovo, il sale e la noce moscata e mescolate fino ad ottenere un composto omogeneo che distribuirete al centro delle foglie di verza.
  4. Arrotolate gli involtini ripiegando le estremità delle foglie verso linterno e disponeteli in una pirofila coperta di carta da forno o imburrata.
  5. Cospargete con il restante grana e passate in forno 20 min. a 180°.

Ed ecco gli involtini ben sistemati nel mio portapranzo: Essendo un piatto unico basterà completare il pranzo con un po’ di frutta!

Involtini urara

Continua a leggere…

Risotto alle melanzane

Questa ricetta, tanto semplice quanto appagante, l’ho trovata in un vecchio libro di cucina che mi ha regalato mia suocera, una collana di una ventina di anni fa, ma molto valida: I Tuoi Menù.
Secondo me per il gusto finale può essere una valida alternativa al risotto ai funghi, per chi ad esempio vi è allergico. Se siete a dieta rigorosa, ho anche sperimentato la versione light! Occhiolino

risotto

Ingredienti per 4 persone:

  • 320g riso per risotti
  • 2 melanzane tagliate a dadini
  • 30g burro
  • 2 cucchiai di olio
  • aglio, cipolla
  • 1/2 bicchiere di vino bianco secco
  • 2 acciughe sotto sale (o sott’olio)
  • brodo q.b.
  • 30g parmigiano
  • origano, prezzemolo

Procedimento:

  1. Procedere come per un normale risotto preparando il soffritto con olio, burro, aglio, cipolla, le melanzane a dadini e le acciughe dissalate e private della lisca.
  2. Lasciar insaporire quindi sfumare con il vino bianco e aggiungere il riso.
  3. Dopo averlo fatto tostare aggiungere il brodo, quanto basta per ottenere una minestra legata e ben mantecata.
  4. Servire spolverando di parmigiano e con gli aromi.

Potrebbero interessarti anche:

risotto zucchine e philadelphia  polpette di melanzane e bresaola  crema per bruschette alle melanzane

Risotto alle zucchine mantecato al Philadelphia

Questa è una ricetta che ho improvvisato per un ordinario giorno di dieta. Lo avevo proposto qui, ma visto che le mie compagne di dieta (ed io stessa) lo hanno osannato ed è davvero molto, molto buono (e ve lo dice una che detesta le zucchine!!) lo propongo anche su questo blog. Provatelo perché merita! Sorriso Se siete a dieta è da considerarsi un vero e proprio piatto unico, comprensivo del secondo e del contorno di verdure.

riso zucchine philadelphia

Ingredienti per 4 persone:

  • 360g riso
  • 400/500g zucchine tagliate a dadini
  • mezza cipolla bianca piccola
  • 160g di philadelphia
  • quattro cucchiai di olio
  • un cucchiaino di brodo granulare (facoltativo)

Procedimento:

  1. Mettere a scaldare l’acqua per cuocere il riso (io uso un bollitore elettrico) e nel frattempo affettare la cipolla e tagliare a dadini la zucchina.
  2. Fare un soffritto leggero con l’olio, la cipolla e qualche cucchiaio di acqua, quindi unire le zucchine e lasciare insaporire. Dopo qualche minuto aggiungere un mestolo di acqua di cottura del riso e, a piacere, un po’ di brodo granulare.
  3. Quando il riso è a metà cottura scolarlo (conservando parte dell’acqua) e unirlo alle zucchine: ultimare la cottura aggiungendo l’acqua di cottura del riso al bisogno.
  4. Quando il riso è cotto unire il philadelphia tagliato a dadini e lasciarlo sciogliere nel riso, quasi a mantecarlo. A piacere servire con una spolverata di parmigiano, ma a me è piaciuto molto anche così!

IMAG0100


Potrebbero interessarti anche:

risotto melanzane  tagliatelle salsa alle noci  crema lenticchie rosse e mandorle

Riso al forno speedy!

P1013031

Uno dei pochi piatti che il mio amour mangia con gusto è il riso al forno. Oggi ho provato questa versione speedy che, devo dire, ha conquistato anche me che di riso al forno non sono proprio la prima delle fans!!! A bocca aperta

E’ buono anche freddo e in versione “onigiri” (*) può essere addirittura mangiato con le mani, quindi è ottimo anche per la pausa pranzo in ufficio.

Ingredienti per 2/3 porzioni:

  • un bicchiere colmo di riso (vanno benissimo quelli di plastica come misura)
  • un litro di acqua bollente + brodo granulare (oppure brodo caldo)
  • due cucchiaini colmi di concentrato di pomodoro
  • 1 mozzarella (120g circa)
  • 30g di parmigiano (circa due o tre cucchiai)
  • sale q.b. (io non ne ho aggiunto, regolatevi in base al vostro gusto)

Procedimento

  1. Cuocete il riso al dente (circa 10 min) nel brodo insieme al pomodoro concentrato.
    L’acqua non deve essere troppa, il riso infatti prima di essere passato in forno non dovrà essere scolato, io ho usato circa un litro d’acqua, meglio in ogni caso metterne meno ed aggiungerla al bisogno. Intanto riscaldare il grill.
  2. Spegnete il fuoco e aggiungete la mozzarella tagliata a dadini e il parmigiano. Regolate di sale.
  3. Versate il riso in una teglia di alluminio da due porzioni e far finire di cuocere sotto il grill. Pronto!

(*) Per ottenere gli onighiri mi sono servita delle apposite formine (le rice mold) acquistate on-line.
Gli onighiri sono una specie di “polpetta” di riso piuttosto grande, con all’interno di solito un ripieno di formaggio, pesce, o quanto vi suggerisce la fantasia, immancabili in ogni portapranzo in stile giapponese (i famosi Bento).
La forma tradizionale degli onighiri è comunque triangolare, e può essere ottenuta anche servendovi di un vasetto di yogurt con mix!
Occhiolino


Potrebbero interessarti anche:

Pomodori farciti al forno  risi e bisi onighiri  involtini di verza riso e carne