Torta Perla Rubino… e tanti auguri a me! (Pearl and Ruby cake)

Questa è la torta delle grandi occasioni, quella con cui farete un figurone, che si adatta bene a tutte le stagioni e che piacerà di sicuro a tutti, con il suo gusto delicato e fresco allo stesso tempo. Sto parlando della mitica Perla Rubino di Montersino: bavarese al cioccolato bianco, con un inserimento di gelée ai frutti rossi, avvolta nella glassa al cioccolato bianco. Di grande effetto per gli occhi e per il palato, anche quando l’esecuzione non dovesse essere perfetta (come nel mio caso!)
This is the very special occasion cake, the one everybody shall love and admire! It is one of the masterpiece of Master Montersino, he named is “Pearl and Ruby”, and is composed of white chocolate bavaroise, red fruits gelée and white chocolate icing. Absolutely delicious even if you will make some mistake in making it, as I did!

Una goduria incredibile! Io l’ho preparata esattamente un anno fa per il mio 30esimo compleanno e finalmente oggi ve ne do la ricetta! Naturalmente vi ricordo che il regalo che voglio da voi per il mio 31esimo compleanno è la vostra ricetta più gettonata iscritta al mio contest: FAR_Frequently Asked Recipes!
I prepared it for my last birthday… only one year ago! I still don’t know which cake I am going to prepare today, but I know what is the gift I want from you: your FAR:Frequently Asked Recipe! Tell me what it is, and I will collect the very best recipe collection ever and share it with all of you!

perla rubino

Come sempre quando si tratta di questo tipo di ricetta vi invito a non farvi spaventare né dalla lista degli ingredienti né dal numero di passaggi, perché quel po’ di “fatica” in più sarà egregiamente ripagato dal gusto, anche se l’esecuzione non sarà perfetta (la mia stessa non è venuta esteticamente come avrei voluto!).
Please do not be scared of the ingredients list, nor the directions. It does worth a little bit more of work!

Ingredienti (per una torta di 24 cm diametro) – Ingredients for a 24cm round cake:

  • Per la bavarese al cioccolato bianco – for the white chocolate bavaroise
    250 g latte intero fresco (whole milk)
  • 50g zucchero semolato (sugar)
  • 100g tuorli (circa 6) (6 yolks)
  • 10 g colla di pesce in fogli (isinglas)
  • 250 g cioccolato bianco (white chocolate)
  • 500 g panna fresca (cream)
  • polpa di 1/2 bacca di vaniglia (half vanilla bean seeds)
    Per la gelèe ai frutti rossi (for the red fruits jelly)
  • 400g  purea di frutti rossi (fragole e/o lamponi, more…) (blended red fruits as strawberry, etc…)
  • 100 g zucchero semolato (sugar)
  • 10g colla di pesce in fogli (isinglas)
  • 40 g destrosio o altro zucchero  (dexstrose or more sugar)
  • un cucchiaio succo di limone (1 tbs lemon juice)
    Per la finitura (to complete)
  • glassa bianca (vedi qui la ricetta) (white chocolate icing)
  • 300 g pan di spagna (sponge cake)
  • rametto di ribes rossi (facoltativo) (red berries to taste)
  • colorante rosso alimentare liposolubile (facoltativo) (red food coloring)

Procedimento (vedi anche il video)Directions

1. Per la bavarese al cioccolato bianco: Portare ad ebollizione il latte. In un pentolino mischiare i tuorli con lo zucchero e la polpa della bacca di vaniglia. Versare il latte bollente a filo e rimettere sul fuoco. Portare a 85°C (cottura alla rosa). Attenzione: la crema non deve bollire, ma appena addensarsi. Se non avete il termometro, la crema è pronta quando “vela il cucchiaio” (vedi foto, perdonate la scarsa qualità).
A questo punto spegnete subito il fuoco e aggiungete la colla di pesce già ammollata e strizzata ed il cioccolato bianco a pezzetti, la vaniglia ed emulsionare bene con un mixer ad immersione. Lasciate raffreddare a temperatura ambiente quindi aggiungete la panna montata. Trasferite il tutto in un sac à poche. ATTENZIONE: nella ricetta originale è suggerito di far raffreddare la crema in frigo. Non fatelo! A causa della gelatina si rapprende troppo e quando aggiungerete la panna sarà molto difficile ottenere una crema liscia e omogenea (come è capitato a me).
For the white chocolate bavaroise: Boil the milk. Mix the yolks with the sugar and vanilla beans seeds. Add the milk and put again on the heat up to 185°F.
Do not let the custard boil! It have to
veil the spoon. When done add the soaked isinglass and the white chocolate. If there are some clots, blend the custard.

When the custard cooled down, add the d the whipped cream Do not let the custard cool down in the fridge to avoid clots.

2. Nel frattempo preparare la gelé di frutta: frullare la frutta (va bene usare anche quella congelata) e pesarne 400g. Scaldarne solo una parte e sciogliervi all’interno lo zucchero il destrosio e la gelatina già ammollata e strizzata. Frullare il tutto con il minipimer e alla fine unire la purea fredda. Importante: non scaldare tutta la frutta per preservare il gusto di frutta fresca.
For the fruit jelly: blend 300g of red fruits, warm a third part and melt it with the sugar and the icinglass, soaked and squeezed. Add the other blended fruit and let the jelly rest for a while (not in the fridge.

3. Montaggio del dolce: Sistemate sul fondo dello stampo un disco di pan di spagna leggermente più piccolo del diametro finale della torta (in questo modo non sarà visibile sul bordo che sarà solo di crema). Con il sac à poche create un primo strato di bavarese al cioccolato bianco comprendo del tutto il pan di spagna, arrivando a circa un terzo dello stampo. Quindi create un piccolo bordo per accogliere la gelatina di frutti rossi. Put a sponge cake layer in the middle of the mold which shall be a little more large than the sponge cake diameter.
Pour 1/2 of the bavaroise on the sponge cake and create an edge with the sac à poche all around: in the middle you will pour the fruit gelée

 

 2012-10-13 12.37.50

4. Colate la gelatina di frutti rossi al centro della bavarese con un mestolo, creando uno strato di circa un centimetro o meno. Se necessario prima di fare questa operazione passate per qualche minuto la bavarese in freezer in modo da farla rassodare leggermente Pour the fruit gelly in the middle of the bavaroise, the gelée layer shall be 1cm high, not more. If needed transfer the cake in the freezer for some minutes prior to pour the gelly.

. 2012-10-13 12.41.06

5. Spargete sulla gelatina un po’ di frutti rossi freschi e un disco (o dei pezzetti) di pan di spagna, quindi richiudere e ricoprire il tutto con la restante bavarese al cioccolato bianco. Livellare per bene la superficie con una spatola, coprire con la pellicola e mettere in freezer a rassodare per almeno 3 ore (oppure conservatela così per qualche settimana fino al momento del servizio). Layer with more sponge cake and some berries. Pour the remaining bavaroise and smooth the sirface with a spatula.
Put in the freezer for 3 hours or more until hard (you can also storage the cake for some weeks at this stage)

2012-10-13 12.42.16

6. Dopo il riposo in freezer, quando la torta è ben solida o comunque quando intendete servirla, rimuovete lo stampo (se non avete messo un foglio di acetato tra lo stampo e la torta sarà sufficiente scaldare i bordi con un panno imbevuto in acqua calda) e ricopritela con la glassa bianca, che potete preparare in precedenza e scaldare leggermente al microonde prima dell’utilizzo. Per glassare la torta posizionatela su una gratella e versate generose mestolate di glassa al centro della torta. Fatela poi scendere lungo i bordi aiutandovi con una spatola. I risultati migliori naturalmente si ottengono se la bavarese è congelata, anche al fine poi di spostare il dolce terminato sul piatto di servizio.

A piacere versate delle gocce di colorante alimentare rosso (liposolubile! il mio non lo era!) sulla torta per creare un motivo variegato.

Prepare a white chocolate glaze  (using your usual recipe).
Put the cake on a grill and pour in the centre the glazes  Use a spatula to let the glaze cover also the edges.

Decorate with some red berries and/or some red food coloring drops.

Serve it at fridge temperature.

glassa

La torta va servita dopo lo scongelamento totale, a temperatura di frigo. Vi lascio una foto della fetta e del mio compleanno dell’anno scorso! Bacioni e mandatemi le vostre ricette per il contest!

perla rubino fetta

auguri Cle


Potrebbero interessarti anche (see also)

Mousse di riso e cioccolato charlotte P1010015

Altre ricette con cioccolato bianco

Mousse di riso e cioccolato (Rice and chocolate mousse cake)

Se vivete o avete trascorso una vacanza in Puglia, probabilmente avete avuto la possibilità di assaggiare in un bar o in un ristorante uno dei dolci più famosi ed apprezzati della Pasticceria Gourmandise di Noci: la mousse di riso e cioccolato (oltretutto senza glutine), annoverandola certamente tra i vostri dessert preferiti.
If you live or were in Puglia, maybe you already know the most famous Gourmandise Bakery dessert: the Rice and chocolate mousse and likely you found it one of the best dessert ever eaten.

La ricetta è tenuta rigorosamente sotto chiave, per cui ho trascorso parecchio tempo a pensare e ripensare a come potesse essere rifatta a casa, annotandomi qua e là le possibili ricette da combinare per ottenere un risultato quanto più simile possibile all’originale. La ricerca è stata naturalmente sostenuta e sponsorizzata dai miei amici, facendola diventare una “Frequently Asked Recipe” ancor prima di venire alla luce! A proposito, avete dato un’occhiata al mio nuovo contest riguardante le ricette più gettonate nel vostro repertorio? Leggete qui, aspetto le vostre ricette!
The recipe is “top secret” thus I spent a lot of time searching for the right way to prepare it at home, combining different recipes I have. Of course my friedns was waiting for this day to come as much as me, asking and claiming for it! So this is the Most Frequently Asked Recipe I could count… actually prior to bring it to life!

2013-09-08 21.36.39

Ma passiamo a lei: una mousse al riso e cioccolato bianco, adagiata su un letto croccante di nocciole e coperta di glassa al cioccolato bianco e fondente. De-li-zio-sa! E nemmeno troppo complicata da realizzare a casa! Provare per credere e strabuzzare le vostre papille! Per me la ricetta di partenza (in particolare per la mousse di riso che non avevo mai fatto) è stata quella della Delizia di riso, miele e pesca di Montersino, da Golosi di salute a cui ho aggiunto però il cioccolato bianco.
What am I talking about? A delicious mousse with rice and white chocolate, with crispy caramellized nuts and a luscious two-chocolate glaze! Heaven in your mouth! I assure you this cake is not too much complicated and in any case, it does worth a little bit more of preparation time.

Ingredienti* (Ingredients**)
*La ricetta è senza glutine, con le opportune sostituzioni può anche essere resa senza lattosio. Io ad esempio ho utilizzato la panna vegetale. La dose è sufficiente per una torta di 24cm di diametro oppure una da 22cm (come in foto) e 4 monoporzioni.
**The recipe is gluten free. With the needed substitutions it could be also lactose free. for example I used soy cream. The dosage is for a 24cm round cake or a 22cm round cake plus 4 mini cakes.

Per la cottura del riso For the rice cooking
125g riso carnaroli rice
400g latte intero fresco whole milk
1 baccello di vaniglia vanilla bean
2g buccia di limone lemon peel
100g cioccolato bianco (facoltativo) white chocolate (optional)
Per la mousse di riso For the mousse
350g latte fresco intero whole milk
80g tuorli yolks
100g sciroppo di glucosio glucose syrup
80g zucchero semolato sugar
10g colla di pesce in fogli isinglas
170g panna montata (anche vegetale) whipped cream
Per rifinire e decorare To complete and decorate
200g glassa al cioccolato bianco(qui la ricetta) white chocolate glaze
150g glassa al cacao (qui la ricetta) cocoa glaze
q.b. croccantino alle nocciole (facoltativo) caramelized nuts

2009-12-31 23.00.00-43

Procedimento – Directions

1. Cuocere il riso:
Lavare per bene il riso, sciacquandolo diverse volte sotto l’acqua corrente per fargli perdere buona parte dell’amido. Mettetelo in una pentola con il latte, la polpa della vaniglia, la buccia del limone e portate a bollore. Lasciate cuocere con il coperchio per 20 min. (diverse varietà di riso potrebbero richiedere tempi leggermente minori per assorbire tt il latte). Fuori dal fuoco aggiungere il cioccolato. Non aggiungere zucchero, il riso verrà addolcito con gli altri ingredienti della mousse.
1. Cook the rice
Wash the rice with fresh water to let the starch get away. Put it in a pan with themilk, the vanilla and the lemon and cook for 20 min.
The rice have to absorb all the milk.
Do not add sugar at this stage.
When the rice is done, add the white chocolate.
2. Preparare la crema inglese
Portare ad ebollizione il latte.
In un pentolino mischiare i tuorli con lo zucchero e lo sciroppo di glucosio. Versare il latte bollente a filo e rimettere sul fuoco. Portare a 85°C (cottura alla rosa). Attenzione: la crema non deve bollire, ma appena addensarsi. Se non avete il termometro, la crema è pronta quando “vela il cucchiaio” (vedi foto, perdonate la scarsa qualità).
A questo punto spegnete subito il fuoco e aggiungete la colla di pesce gia ammollata e strizzata. Se dovessero farsi dei grumi, frullate con un minipimer.
2. Prepare the flourless custard
Boil the milk. Mix the yolks with the sugar and syrup. Add the milk and put again on the heat up to 185°F.
Do not let the custard boil! It have to veil the spoon. When done add the soaked isinglass.
If there are some clots, blend the custard.

cottura alla rosa

3. Preparare la mousse
Quando la crema inglese arriva a circa 30°C incorporare il riso ormai raffreddato e infine la panna montata. Colarla in uno stampo di 22/24 cm (non deve essere molto alta, massimo 2,5 cm).
A piacere potete aggiungere sul fondo dello stampo un disco sottile oppure briciole di croccante alla nocciola (io ho aggiunto dei semplici biscotti sbriciolati giuto per dare croccantezza. Il croccante può anche essere mischiato nella stessa mousse).
3. Compose the mousse
When the custard cooled down, add the rice and the whipped cream
Pour the mousse in a open down tin of 22/24 cm.
If you like to have different consistences in your mouth, add on the bottom or in the middle some caramelized nuts (e.g. I used some chocolate crumbled cookies).

mousse di riso

4. Trasferire lo stampo nel freezer e lasciar indurire la mousse in modo da poterla maneggiare e glassare con facilità. Per rimuovere lo stampo con facilità, se non avete fogli di acetato da frapporre tra la mousse e lo stampo, scaldate il cerchio con un panno imbevuto di acqua calda in modo da sciogliere leggermente la mousse sui bordi. 4. Put the mousse in the freezer thus you can handle and glaze it without difficulties.
To remove the tin wrap it for some second with a towel soaked in hot water.
5. Glassaggio
Preparare la glassa bianca (qui la ricetta) e la glassa nera (qui la ricetta, è sufficiente mezza dose).
Se optate per la versione senza lattosio utilizzate solo la glassa nera preparata con panna vegetale.
Sistemare la torta già liberata dallo stampo su una gratella. Se il vassoio sottotorta non è dello stesso diametro della torta frapponete uno spessore tra la torta e la gratella, per facilitare lo spostamento della torta glassata.
Alternate mestolate di glassa bianca a mestolate di glassa nera, senza spatolare, come mostrato nel video sotto.
5. Icing
Prepare a white chocolate glaze and a dark chocolate glaze (using your usual recipe).
Put the cake on a grill and alternate the two glazes as you can see in the video.
Do not use a spatula at this stage. If you need to, use it onlu on the edges.

Et Voilà! La meravigliosa mousse di riso e cioccolato è pronta! Solo un paio diore in figo per farla scongelare del tutto e la potrete servire a vostri amici e parenti! Una vera goduria! Provatela e ditemi cosa ve ne pare!
Et Voilà! Here it is one of the best cake you could ever make!!!

2013-09-08 21.38.54


Potrebbero interessarti anche (see also)

Zuppa inglese in coppa di Cle 7 veli  torta nocciole con crema burro e caffè

Altre ricette con il cioccolato bianco – Altre ricette senza glutine

Tiramisù su stecco (Tiramisù on a Stick)

Nel post precedente quando abbiamo parlato dei Savoiardi vi ho dato un’anticipazione della ricetta di oggi: tiramisù su stecco, ovvero una morbidissima goduriosissima mousse al mascarpone e cioccolato bianco, adagiata su un biscotto savoiardo, avvolta da una glassa al cioccolato… il tutto formato lollipop! All’apparenza un gelato, in realtà il tiramisù più godurioso che possiate mai immaginare di portarvi a spasso! Irresistibile! Un peccato non provarlo!
At the end of the last post I mentioned that we were to talk about that amazing lollipop shaped tiramisù ! What are we talking about? White chocolate and mascarpone mousse matched with a savoiardo biscuit, cuddled by a chocolate icing… all on a ice cream stick. It seems an ice cream, but it is the most delicious tiramisù you’ll ever carry around !

lollipop tiramisù

Naturalmente condizione imprescindibile della ricetta è che facciate da voi i savoiardi e che li cuociate con lo stecco di legno, in modo che il biscotto abbia la forma giusta e sia ben fissato al supporto. Come avete visto però preparare i savoiardi in casa non è assolutamente difficile! Allora siete pronti?
Of course you are expected to prepare also the savoiardo biscuits, since you will need them in a different shape that the one you shall find around, and becouse they need to have inside the “ice cream stick”. So, are you ready?

Ingredienti (Ingredients)

  • 400g savoiardi (savoiardo biscuits – here the recipe of ladyfingers biscuits)
    per la crema al mascarpone e cioccolato bianco:
    (for the white chocolate and mascarpone mousse)
  • 125g crema pasticcera  (custard)
  • 300g cioccolato bianco (white chocolate)
  • 350g mascarpone (mascarpone cheese)
  • 250g panna montata (whipped cream)
  • 5g caffè macinato (coffee powder)
    Per completare:
    (To complete)
  • 150g cioccolato fondente 70% (plain chocolate)
  • 100g burro di cacao o olio di riso o semi di arachide (peanut oil or cocoa butter)
  • cacao in polvere (cocoa powder)
  • caffè espresso preparato al momento (italian espresso coffee)

Preparazione (Method):

Se qualcosa non è chiaro potete sempre fare riferimento al video di Montersino.

  1. Preparare i savoiardi: preparate l’impasto dei savoiardi seguendo la ricetta che trovate qui ovvero quella da voi collaudata in passato. Sistemate degli stecchini di legno (come quelli del gelato) su una teglia coperta con carta da forno, opportunamente distanziati, e formate i savoiardi della forma che preferite (tondi o lunghi) con una bocchetta liscia di diametro 10/12mm. Infornate e cuocete normalmente. Durante la cottura il bastoncino di legno si salderà perfettamente al biscotto, come vedete in foto.
    (Prepare the savoiardo biscuits as per the previous recipe but cook them on some ice cream stick: put the sticks on the baking tin, then squeeze the batter on the sticks , and bake. You can shape them as you prefer)
    savoiardi su stecco
  2. Preparate la crema al mascarpone e cioccolato bianco: scaldare leggermente la crema pasticcera (anche nel microonde) a parte fondere il cioccolato bianco (a bagnomaria o nel microonde, in quest’ultimo caso fate attenzione perché potrebbe bruciare) e unirlo alla crema pasticcera. Quando il composto è ben stemperato (una temperatura di circa 25°C) unire anche il mascarpone e la panna montata. Aromatizzare il tutto con un pizzico di caffè macinato (quello che usate per la moka) e a piacere un po’ di liquore al caffè.
    (Prepare the mousse: melt the chocolate and mix it with the custard. If needed lightly warm up the custard in the microwave. When the custard and the chocolate mixture is at room temperature, add the mascarpone cheese and the whipped cream. Add a pinch of coffee powder.)
    2012-12-16 14.04.29
  3. Trasferite la mousse così ottenuta in un sac à poche con bocchetta liscia delo stesso diametro di quella usata per formare i savoiardi (10/12mm).
    (Put the mousse in a sac à poche with the same tip you used to shape the savoiardo biscuits)
  4. Sistemare i savoiardi un una teglia o un vassoio che possa poi essere messo dritto nel vostro freezer. Bagnare leggermente i savoiardi con il caffè appena fatto (eventualmente zuccherato o allungato con dell’acqua, a seconda dei vostri gusti, io ho usato caffè non zuccherato, perché la mousse è abbastanza dolce). Non eccedere con la bagna, altrimenti rischiate che il biscotto non rimanga sullo stecco, utilizzate un pennellino se possibile.
    (Put the savoiardo biscuits in a pan which can be put in your freezer. Lightly soak them with some coffee – I prefer it without sugar for this recipe – Not too much soak to avoid the biscuits to fell down from the stick!)
    2012-12-16 14.20.50
  5. A questo punto spremere la mousse al cioccolato bianco su ogni savoiardo. Quindi trasferire in congelatore e far rassodare per bene (oppure conservateli così in freezer per qualche settimana e poi andate avanti con la ricetta quando li vorrete servire)
    (Then squeeze the mousse on the soaked biscuits and store in the freezer)2012-12-16 14.32.57
  6. Al momento del servizio preparare la copertura al cioccolato: fondere il cioccolato in un recipienti piuttosto profondo e diluirlo con del burro di cacao o dell’olio di riso o di semi di arachidi. Importante: il recipiente deve essere abbastanza profondo in modo che possiate immergere i vostri tiramisù completamente nel cioccolato. Il cioccolato va necessariamente diluito con dell’olio di semi o con del burro di cacao, altrimenti lo strato che si formerà sarà troppo spesso e duro. Se usate il burro di cacao la copertura sarà non solo sottile ma anche croccante. Cmq l’olio di semi va benissimo!
    (When you want to serve the lollipop tiramisù prepare the chocolate icing: melt the chocolate in a bowl high enough to contain the biscuits. Mix the melted chocolate with some peanut oil or cocoa butter to avoit the icing to be too much thick or hard)
  7. “Inzuppare” completamente i savoiardi da congelati nella copertura al cioccolato, lasciar scolare l’eccesso, quindi spolverarli di cacao e sistemateli su carta da forno giusto il tempo di far solidificare il cioccolato (pochissimi minuti). Dunque servire! Si scongelano in 10/15 minuti.
    (Dip the savoiardo when they are still frozen in the chocolate icing, then cover them vit cocoa and let the chocolate become hard – some minutes, not more. Wait 10/15 minutes to letthe mousse become soft again and serve them)
    lollipop tiramisù

Vi assicuro che la ricetta sembra lunga e complicata (come quasi tutte le ricette del Maestro Montersino), ma non è nulla di trascendentale! E in ogni caso la bontà della mousse al mascarpone e cioccolato bianco vi ripagherà di ogni fatica! Ve lo garantisco! Sono meravigliosi! Bontà tutta da addentare! ;D
(I assure you they are luscious and delicious! The recipe is not too much complicated as it could seem, I assure you! Try them and then you will come here again and say “thank you Cle!”)

lollipop tiramisù


Potrebbero interessarti anche (see also)

Mini Tiramisù Zuppa inglese in coppa di Cle tiramisù da passeggio

Fiesta alle mandorle di Cle

Non ho potuto nemmeno dirti addio… Fiesta alle Mandorle!

Se non avete almeno 27 anni è difficile che la possiate ricordare o che l’abbiate mai assaggiata.

E se pure avete l’età “giusta” per poterla ricordare, probabilmente fate parte di quella larga schiera che non ha mai avuto la fortuna di mangiarne una, o se pure lo avete fatto magari non ne conservate il ricordo. In fondo trattasi pur sempre di una “fiesta” un dolce per “i grandi”, con del liquore, che difficilmente viene offerto o apprezzato dai più piccoli.

Ma se, come me, la ritenevate una delle “merendine” più buone mai assaggiate, se come me sentite che la Ferrero ha fatto un grossissimo errore nel fermarne la produzione, se come me soffrite per non averle dato un ultimo saluto, un ultimo assaggio consapevole, per conservarne intatta la memoria… allora questa ricetta da me messa a punto fa al caso vostro!

Fiesta alle Mandorle di Cle

Ci pensavo da tempo a come fare per replicarla. Cosa non troppo facile visto che ricordo davvero poco di come fosse fatta. Inoltre i pochissimi tentativi già fatti per replicarla in giro per blog e forum non mi convincevano del tutto.

Qualche tempo fa, però, mi imbatto in una “idea” che poteva fare al caso mio. Saltando di link in link mi ritrovo chissà come in questo blog in cui veniva presentata una torta con farcia di marzapane. Mi si accende la lampadina: “Vuoi vedere che… Vuoi vedere che nella fiesta alle mandorle c’era dentro il marzapane?!!” Siiii! ma… mi mi sembra ci fosse anche anche una cremina, e delle ondine sopra…

Insomma, l’idea di partenza c’era ed era quella giusta. Pensaci oggi, sognala domani, inventati qualcosa e finalmente oggi mi ritrovo in casa tutto l’occorrente di base per tentare: pan di spagna, marzapane, amaretto, cioccolato bianco… Ospiti in arrivo… Insomma il giorno giusto per un esperimento di pasticceria! Il dolce giusto per fare un figurone!!!

La torta è piaciuta moltissimo e in effetti, per quel vago ricordo che conservo ancora di quella meraviglia dolciaria, direi che è abbastanza simile! Purtroppo i miei amici non ricordavano l’originale, ma hanno comunque promosso la mia a pieni voti!

Quindi, che la ricordiate o no, se vi piace la mandorla e l’aroma amaretto io vi consiglio: provatela!!!!!

Ingredienti:

  • un pan di  spagna di 22 cm
  • mezzo panetto di marzapane paneangeli (circa 125g)
  • 400g latte
  • 3 cucchiani di fecola
  • 3 cucchiai colmi di zucchero
  • 100g cioccolato bianco
  • 250 ml bagna all’amaretto (amaretto + sciroppo di zucchero)
  • 2 cucchiai colmi di confettura di albicocche
  • 50g mandorle a lamelle

Procedimento:

  1. Portare a bollore il latte con lo zucchero. Stemperare la fecola in un po’ di latte ed unirla al restante latte e lasciar addensare. Spegnere il fuoco e unire il cioccolato bianco (la crema deve risultare piuttosto liquida).
  2. Stendere il marzapane in una sfoglia spessa circa un millimetro o poco più e ritagliare un disco di 20/21 cm.
  3. Tagliare il pan di spagna in due dischi e bagnarli entrambi con la bagna all’amaretto.
  4. Farcire un disco di pan di spagna con generose cucchiaiate di crema al cioccolato bianco, sovrapporre il disco di marzapane.
  5. Stendere altra crema sul marzapane quindi sovrapporre il disoc di pan di spagna già inzuppato.
  6. Ricoprire la superficie e i bordi del dolce con un sottile strato di confettura di albicocche e farvi aderire le mandorle a lamelle.
  7. Infine guarnire con le tipiche ondine di crema la superficie della torta.

DSCN0139

N.B. Vi avanzeranno circa 120 ml di crema che comunque potrete utilizzare per farcire altre simil merendine a base di crema al latte, tipo kinder brioss o anche pan di stelle, aumentando leggermente la dose di amido per renderla più densa.

DSCN0129

Un ottimo modo per festeggiare alla vigilia delle 300.000 visite raggiunte in un anno!!! Grazie di cuore! Questo è il mio regalo per voi!


Potrebbero interessarti anche:

Fiesta di Cle  girella  caprese al cioccolato bianco e limoncello

Zuppa inglese ai due cioccolati dell’ultimo minuto

Ci sono ingredienti che nella dispensa non devono mancare mai: pasta, tonno, pelati, pancetta, uova… Per chi, come me, però, ha anche la fama di deliziare i suoi ospiti con dolci golosissimi (me la canto e me la suono da sola?!) alcune basi assurgono a rango di “ingrediente” vero e proprio, facendo si che la creazione di un dolce si risolva in pochissimo tempo davvero.

Tra queste basi imprescindibili ci sono il pan di spagna (averne uno in freezer non guasta mai!!!), la frolla e possibilmente anche i bignè o la crema pasticcera! In mancanza di un freezer abbastanza capiente, meglio non farsi mai trovare in casa senza uova, cioccolato, farina, zucchero, savoiardi e… ghiaccio (per far freddare in un lampo la crema pasticcera!!!).

L’ultimo ospite improvviso capitato a casa si è visto servire un dolce un po’ retrò, naturalmente personalizzato, ma devo dire davvero, davvero buono: la zuppa inglese.

English Trifle

E pensare che per anni sono stata convinta che non mi piacesse!! Forse perché il sapore del gelato alla zuppa inglese che prendeva spesso mio padre quando ero bambina non mi piaceva affatto. Si sa, i bambini non amano i dolci con i liquori. Per anni quindi l’ho del tutto snobbato, convinta non fosse di mio gusto. Invece, grazie all’improvvisazione, mi sono dovuta ricredere!!! Fortuna che dalla Torta Anna mi era avanzata della bagna all’alchermes già pronta, così da riscoprire un sapore del tutto dimenticato e gustarlo come se si fosse trattato del primo assaggio. Mi farò perdonare di questo giudizio preparando una zuppa inglese maestosa per il prossimo compleanno di papà! Occhiolino

Ingredienti per 4/6 coppe (dipende dalla grandezza dei bicchieri):

  • 300g crema pasticcera alla vaniglia
  • 200g pan di spagna o biscotti savoiardi tagliato/i a cubetti
  • 70g cioccolato bianco
  • 70g cioccolato extra fondente
  • 200g panna da montare (anche già zuccherata)
  • alchermes e/o limoncello per bagnare
  • meringhe sbriciolate per decorare oppure panna spray

zuppa inglese in coppa

Procedimento:

  1. Dividere la crema in due parti. Fondere i cioccolati e mischiare ogni cioccolato con metà della crema.
  2. Montare la panna ed incorporarne 2/3 nella crema al cioccolato bianco e 1/3 alla crema al cioccolato fondente (facoltativo).
  3. Tagliare il pan di spagna (o i savoiardi) a cubetti e bagnarli generosamente con la bagna all’alchermes (si chiama “zuppa”, non deve rimanere pan di spagna asciutto!). Essendo l’alchermes poco aromatico a me piace correggerlo con del limoncello, in questo modo si mantiene sia l’effetto cromatico caratteristico della zuppa inglese, sia un sapore più deciso.
  4. Comporre il dolce: adagiare sul fondo di un bicchiere o di una coppa i cubetti di pan di spagna ben inzuppati. Aiutandovi con un sac à poche, o in mancanza con un cucchiaio, creare uno strato generoso di crema bianca. Cospargere la superficie della crema con altro pan di spagna (se usate un bicchiere trasparente fate attenzione a disporlo molto bene sui bordi, in modo che si veda l’alternanza di colori) e chiudete con un giro di crema al cioccolato fondente. Decorare con meringhette sbriciolate o panna montata e servire.

Zuppa inglese

Noi abbiamo leccato anche il piatto di appoggio!!! XD

vuoto


Potrebbero interessarti anche:

Torta Anna (crema e cioccolato)  Sospiri  mimosa

La sette veli di Cle

Sono le 21:31, l’ultimo pezzo di setteveli è convolato a giuste nozze con il mio stomaco. Di questa torta ho sentito parlare la prima volta qualche mese fa, amici mi spingevano a provarla, e quando fissavo sul calendario la “data X” accadeva qualche imprevisto lavorativo che mi facesse posticipare ogni volta l’impresa. Fino alla decisone definitiva ed indefettibile di proporla ai miei ospiti per il compleanno del mio amour questo fine settimana.
Superba!
Da replicare anche per correggere un paio di errori (a passaggio!!! ahaha), apportare qualche variante e in generale godere di nuovo di questo tripudio di gusti e consistenze!

Un ringraziamento speciale va a Zio Piero, di cui ho seguito la ricetta (con delle piccole varianti) e che ho personalmente aggiornato/consultato via mail durante l’esecuzione. Grazie ancora!!!
Per velocità e comodità riporterò nel post la sua ricetta con qualche spiegazione in più ove necessaria!

Basta chiacchiere: facciamo parlare l’immagine:

7 veli

Bella eh?! Da qui più che i sette veli notate la glassa a specchio perfettamente riuscita!

Sette veli perché? Perché di sette strati si compone questa torta: strato di croccante al cioccolato, bavarese alla nocciola, bavarese al cioccolato fondente, pan di spagna al cacao si alternano per poi chiudere ed essere avvolti dalla glassa a specchio, cornice di gusto ideale e perfettissima all’intera creazione.

Ricapitolando gli strati della sette veli sono (dall’alto verso il basso):

Glassa a specchioP1010155
Bavarese al cioccolato fondente
Disco di pan di spagna al cacao
Bavarese alla nocciola (io gianduia)
Altro disco di pan di spagna al cacao
Sottile strato crema di base per le bavaresi e panna (io ci ho aggiunto del cioccolato bianco)
Ultimo disco di pan di spagna al cacao
Disco croccante di cioccolato (che a me non si tagliava!!!)

Vi dico già che la preparazione della torta richiede almeno tre giorni! Il primo giorno preparate il pan di spagna ed il disco di croccante e cioccolato, il secondo giorno le bavaresi + montaggio del dolce, mentre il terzo giorno, dopo un lungo riposo in freezer del dolce, vi dedicherete alla glassatura. Questi gli step fondamentali, ovviamente poi, una volta congelata la torta il completamento del dolce può essere differito di qualche giorno tranquillamente! Contrariamente da quanto suggerito da Zio Piero, io ho preferito non congelare pan di spagna e disco di croccante, per evitare poi “problemini” dovuti al secondo, necessario congelamento della torta prima della glassatura. Ma vediamo passo passo cosa bisogna fare e gli ingredienti necessari (a fine post l’elenco ingredienti “globale”):

Continua a leggere…

Caprese al cioccolato bianco

P1013070

Questa ricetta la ritagliai da “Bene Insieme”, il mensile distribuito nei punti vendita Conad, ma… non ricordo più di quale mese o anno!!!
Io per anni ho fatto la caprese al cioccolato fondente (che è l’unica ricetta che non divulgo, quindi non chiedetemela!) e quando preparai per la prima volta entrambe queste torte insieme, né io, né i miei ospiti siamo stati capaci di capire quale fosse la “più buona”: apparentemente simili il risultato finale di entrambe è del tutto diverso e particolare.

  • 6 uova
  • 250g mandorle tritate
  • 200g zucchero
  • 200g cioccolato bianco fuso o tritato finemente
  • 150g burro o margarina
  • succo di un limone (io non lo metto)
  • scorza grattugiata di due limoni
  • 4 cucchiai di limoncello
  • mezza bustina di lievito (io a volte non lo metto)

Montare gli albumi a neve. Sbattere lo zucchero con i tuorli, unire il burro, il cioccolato, il succo e la buccia del limone, il limoncello ed infine il lievito e le mandorle. Unire dunque gli albumi montati a neve avendo cura di non smontarli. Cottura: 50 min a 180/160° (dipende dal vostro forno). Deve comunque restare umida all’interno.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA


Potrebbero interessarti anche:

limoncello di cle  bicchierini tiramisù  crostata zucca e mandorle

Torta Jack Skellington… for a Birthday before Christmas!

jack skellingtone cake

La figlia di una mia amica compie gli anni il 24 dicembre… ed è fan di Jack Skellington… quale torta potevo pensare per lei se non una con il faccione di Jack di Nightmare before Crhistmas?

Ed eccola qui: sono davvero molto soddisfatta!

jack skellingtone cake

La base è quella della torta sacher, bagnata con latte zuccherato, mentre per la farcia ho usato la crema al cioccolato bianco e philadelphia. Sulla superficie della torta invece ho spatolato panna montata. I particolari della faccia invece sono semplice cioccolato fondente: ho disegnato su carta da forno la facciona di Jack prima con una matita e poi con il cioccolato, ed applicato occhi, bocca e narici, una volta raffreddati, sulla torta.

Ingredienti:

  • 250g cioccolato fondente (per l’impasto)
  • 200g burro
  • 200g zucchero semolato
  • 8 uova
  • 230g farina 00 setacciata
  • 1 bustina (125g) di zucchero vanigliato
  • marmellata di albicocche q.b.
  • 250g cioccolato bianco (per farcire)
  • 250g philadelphia
  • qualche cucchiaio di latte
  • latte zuccherato o bagna alla vaniglia per bagnare
  • 200g panna montata (per decorare)
  • 100g cioccolato fondente

Procedimento:

  1. Fondere il cioccolato a bagnomaria. Separare i tuorli dagli albumi e montare questi ultimi a neve ben ferma con lo zucchero vanigliato.
  2. In una ciotola intanto lavorare il burro con lo zucchero e un pizzico di sale. Incorporare il cioccolato lasciato raffredare un poco, e i tuorli uno alla volta, badando bene che quello precedente sia completamente amalgamato.
  3. Unite gli albumi al composto senza smontarli. Infine incorporate la farina (e il lievito) facendola cadere da un setaccio.
  4. Cuocerein uno stampo a cerniera di 26 cm di diametro per 1 ora a 180°.
  5. Quando il dolce è ben raffreddato, tagliarlo a metà e bagnarlo con latte zuccherato o bagna alla vaniglia. Sciogliere il cioccolato bianco, mischiarlo al philadelphia e aggiungere qualche cucchiaio di latte per raggiungere la consistenza desiderata.
  6. Farcire il dolce, ricomporlo, quindi ricoprire superficie e bordi con panna montata spatolando e lisciando per bene.
  7. Su un foglio di carta da forno disegnare il faccione di Jack, girare il foglio e disegnare i contorni con il cioccolato fuso. Lasciarli indurire quindi sistemarli sul dolce. Decorare i bordi della torta con cocco grattugiato, oppure briciole di pan di spagna al cioccolato, oppure, come in foto, con un nastro per torte.torta jack skellingtone

La bambina non se lo aspettava ed è rimasta molto contenta sia per l’aspetto che per il gusto!

Un’ottima torta al cioccolato, un esperimento riuscitissimo! E sopratutto la crema al cioccolato bianco e philadelphia si è dimostrata di nuovo eccellente e assolutamente migliore della stucchevolissima camy cream!


Potrebbero interessarti anche:

Bisocotti Halloween  Liquore al cioccolato  girella

Raffaello alla moda di Cle

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Ingredienti per circa 20/24 raffaello

  • 100g burro o margarina
  • 100g di zucchero (ma anche 80g sono ok)
  • 80g cioccolato bianco fuso (attenzione se lo sciogliete nel micro: tenete la potenza molto bassa perché in un attimo caramellizza e si brucia)
  • 50g farina di cocco
  • qualche wafer alla vaniglia sbriciolato (circa un pacchetto da 30g o quelli che necessitano per ottenere un impasto modellabile)
  • 50g mandorle spellate
  • liquore amaretto o aroma mandrola
  • 100g cocco per rifinire

Procedimento:

Lavorare il burro con lo zucchero, unire il cioccolato fuso, due cucchiai di amaretto (o qualche goccia di aroma mandorla) e infine il cocco grattugiato ed i wafer sbriciolati. A piacere unire qualche mandorla sminuzzata.
Formare delle palline (meglio se vi inumidite le mani e ve le “sporcate” di farina di cocco) , inserire al centro di ogni pallina una mandorla spellata e richiudere. Per formare le palline meglio compattare con le dita e i palmi delle mani un po’ di impasto, piuttosto che cercare di farlo roteare tra le mani: a causa del cocco resterà un po’ sgranato.
passare le palline nel cocco e sistemarle nei pirottini.
Far rassodare in frigorifero e togliere dal frigo una ventina di minuti prima di servire.


Potrebbero interessarti anche:

tartufinicle  Dolcetti al cocco  bicchierini tiramisù

Torta alle Nocciole con crema al burro è caffè

La ricetta originale di questa ricetta la trovai parecchi anni fa in una pagina di giornale che pubblicizzava il Lievito Bertolini. Quella pagina la conservo ancora e questa torta, la prima che ho realizzato da sola seguendo una ricetta che non provenisse da mia madre, l’ho ripetuta in diverse varianti: sempre buonissima!

Torta alle nocciole

Ingredienti:

per l’impasto

  • 150g burro
  • 300g farina
  • 200g zucchero
  • 3 uova
  • 200g nocciole tritate
  • ½ bicchiere di latte
  • 1 bustina di lievito
  • 1 pizzico di sale

Per la decorazione

  • 150g burro
  • 300g zucchero a velo (pox 200g)
  • 100g nocciole tritate
  • 1 tazzina di caffè

Procedimento:

  1. In una terrina lavorare a spuma il burro ammorbidito con lo zucchero, aggiungete uno alla volta i tuorli, poi il latte, farina e lievito. Infine le nocciole e gli albumi montati a neve.  Versare in uno stampo imburrato e infarinato e cuocere a 180° per 50min.
  2. Preparare la crema lavorando il burro leggermente riscaldato con lo zucchero al velo e il caffè versato poco a poco.
  3. Quando la torta si sarà ben raffreddata spalmarla la crema sulla torta con un coltello e cospargerla con le nocciole tritate grossolanamente, anche sui bordi.
  4. Variante: invece della copertura con ghiaccia al burro è possibile farcire la torta con crema pasticcera aromatizzata al caffè e spolverare infine di zucchero al velo, oppure, per un peccato di gola come si deve, ricoprire con glassa al cioccolato, come in foto!

Potrebbero interessarti anche:

moretti alla nocciola  caprese al cioccolato bianco e limoncello  carrot cheese cake