Lasagne fumè alle zucchine (Zucchini smoked lasagna)

Quando si hanno ospiti a pranzo o a cena un primo al forno offre diversi vantaggi, soprattutto se ricevete in cucina: niente pasta da scolare e condire, niente attese… solo una teglia in forno che può essere preparata anche con un’ora di anticipo e tenuta in caldo nel forno stesso. Ma ovviamente non potete proporre ai vostri ospiti o alla vostra famiglia sempre la “solita” (ma buonissimissima) lasagna alla bolognese (la mia la trovate qui), soprattutto in estate o se non avete tempo a sufficienza per preparare anche il ragù. Quindi oggi vi propongo una lasagna bianca alle zucchine a cui potrete aggiungere volta a volta altri ingredienti, in base ai vostri gusti e a quello che c’è da consumare in frigo. (When you have some guests at dinner the best choice is to serve something cooked in the owen, expecially when you have not a lot of space or you do not want to drain the pasta and dress it while the people are in another room without you! Also the lasagna can be made an hour in advance and kept warm in the lighted off oven. If you already tried and served the lasagna alla bolognese (mine is here) you have to try this white, creamy, delicious one, and you can add the ingredients you prefer or that you have in the fridge.)


Questa volta ho aggiunto un tocco di affumicato con scamorza e speck, ma anche del salmone o dei gamberetti sarebbero stati ottimi. La ricetta è frutto di una parziale modifica e rielaborazione di una trovata sul volumetto dedicato a Lasagne e Cannelloni, della collana “I colori della Cucina” di Alice Cucina Magazine. Adoro questi libricini, sono delle pratiche raccolte con all’interno ricette tutte validissime. Se li vedete in giro acquistateli pure, magari sulla App I libri di Alice per iPad (con notevole risparmio di spesa!). (I decided to add to this zucchini lasagna some smoked flavours, like the “smoked scamorza” which is a “dried, smoked mozzarella cheese”, and some speck, which is a smoked raw ham, tipical of north Italy. But also some salmon or shrimp shall be good with the zucchini and the smoked flavour.

Ingredienti per 6/8 persone– Ingredients for 6/8 servings:

  • 300g lasagne fresche –lasagna
  • 5 zucchine –zucchini
  • 200g scamorza affumicata –dried smoked mozzarella
  • 150g speck –speck
  • 700ml besciamellabechamel
  • 100g parmigiano grattugiato –grated parmesan
  • 1 spicchio di aglio –garlic clove
  • q.b. maggiorana –marjoram
  • q.b. olio evo –extra virgin olive oil
  • q.b. sale e pepe-salt and pepper

 

Procedimento – Method

  • Preparate la besciamella secondo la vostra ricetta oppure seguite la mia  che trovate qui.
  • Lavate e spuntate le zucchine. Tagliatele a rondelle sottili e cuocetele per 5 min. in una padella con un filo d’olio, uno spicchio di aglio , maggiorana sale e pepe.
  • Tagliate a fettine sottili la scamorza e lo speck a sfilacci speck.
  • Cospargete con un velo di besciamella il fondo di una teglia, adagiatevi sopra le sfoglie di lasagna, distribuire una parte delle zucchine, scamorza, speck, una spolverata di parmigiano e qualche cucchiaio di besciamella.
  • I suggest you to prepare the bechamell by your own, you can use my recipe here.
  • Cleanse the zucchini and cut in slices. Cook in a pan for 5 min. with 2 tbs olive oil, 1 garlic clove ans a pinch of marjoram, salt and pepper.
  • Cut in slices also the smoked dried mozzarella and chop the speck.
  • Spread some bechamel (no more than a cup) on the base of a dish. Cover with sheets of lasagna, without overlapping them. Cover these with the zucchini, some dried mozzarella, speck. Next add a few tablespoons of béchamel sauce along with some parmesan,


  • Proseguire sino ad esaurimento degli ingredienti. Coprire lo strato superiore con un abbondante strato di besciamella, facendo attenzione a coprire per bene soprattutto i bordi. Spargere sulla superficie qualche rondella di zucchina, spolverare di parmigiano e
  • Cover with sheets of lasagna. Continue in this way until all the ingredients are used up. The top layer: Cover with the remaining béchamel and zucchini (if there is any left). Sprinkle with parmesan.


  • Infornare a 180° per i minuti di cottura richiesti dalle lasagne utilizzate (circa 12 per lasagne fresche, 20 per quelle secche). Le lasagne devono leggermente imbrunirsi in superficie, se si scuriscono troppo copritele con un foglio di alluminio. Lasciar riposare 15 min prima di servire. Può essere congelata da cotta.
  • Bake at 350°F for the time indicated on the lasagna packet. This is usually around 20 minutes for dried lasagna, fresh lasagna normally takes around 12 minutes. The top of the lasagna should be lightly brown. If it is browning too quickly during cooking then cover the top of the dish with foil. Once cooked, let the lasagna rest for around 15 minutes prior to serving. Any leftovers can be frozen.

Sono cremosissime e molto gustose! Ideali anche per l’estate. Tutti chiederanno il bis!



Se ti è piaciuta questa ricetta potrebbe interessarti anche (See also)

  

Altre ricette con le zucchinecon le lasagneprimi

Pasta con broccoli e ceci (la massa salentina)

Oggi è San Giuseppe, e tradizionalmente nella mia famiglia oggi si prepara questo buonissimo piatto a base di pasta di semola, broccoli, ceci e pasta fritta.
Qui la versione alternativa con briciole di pane fritto che ho fatto nella puntata di Cuochi e Fiamme ormai andata in onda due anni fa (per chi non lo sapesse qui il resoconto ed il video https://crocedelizia.wordpress.com/videoricette/la-mia-esperienza-a-cuochi-e-fiamme/)!
Da leccarsi i baffi, ve lo garantisco!
Buona festa del Papà, buon onomastico a Giuseppi e Giuseppine e buona festa patronale al mio paesello! 😉

Le Ricette di Cle

La “massa” è il piatto che tradizionalmente si prepara in Salento per San Giuseppe. E’, per così dire, l’upgrade della ciciri e tria , la pasta fresca con i ceci come viene tradizionalmente fatta in salento, la cui particolarità sta nella presenza di alcune tagliatelle di pasta fresca fritte invece che cotte normalmente in acqua. In alternativa alla pasta fritta si può usare anche il pangrattato o la mollica di pane fatta tostare in padella con un filo di olio.
Secondo me la massa è la pasta più buona del mondo, è bona pure fredda!

Quella che vi propongo di seguito è una versione semplificata e salvatempo (esattamente quella che ho portato a Cuochi e Fiamme!! potete vedere la preparazione in trasmissione  qui), Nel procedimento comunque è esplicitata anche la “versione tradizionale”, almeno, come mia madre mi ha insegnato a farla! Sorriso

Ingredienti: (a occhio per 4 persone)

  • 400g…

View original post 571 altre parole

Crocchette del cavolo (Cabbage croquette)

A quanto pare vi ho un po’ annoiato negli ultimi tempi: troppi dolci! Lo sapete che cerco sempre di alternare ricette dolci e salate, ricette semplici e ricette complicate… In verità ho solo “sdoppiato” in due post la ricetta dei tiramisù su stecco, per cui sembra che ci sia eccesso di dolce! In ogni caso, lo sapete, basta chiedere e Cle cerca di esaudirvi! Perciò oggi ricetta facile, veloce, versatile, con ingredienti semplici, intercambiabili, conservabile in freezer, buona per la pausa pranzo in ufficio, e vegetariana (ma so già che le amiche Vegan sapranno operare le opportune sostituzioni per replicarla secondo le loro esigenze).
It seems someone of you was a little fed up with reading about desserts and desserts and desserts during the last weeks! I apologize for that! I always try to alternate various kind of recipes as I know my followers love to read about all kind of food! Thus today we will speak about a salad, simple, easy, suitable for lunch boxes and the freezer, vegetarian, versatile recipe! 

crocchette cavolo

Le ho chiamate crocchette del cavolo e farle è davvero una cavolata! Basta aggiungere una purea di verdure e un po’ di formaggio ad una besciamella un po’ spessa et voilà… la ricetta è quasi pronta (sempre che resistiate a mangiare il composto a cucchiaiate).
What are they? Cabbage croquettes! You only have to add some mashed cabbages (or other vegetables) to a thick bechamelle and voilà! You’re almost there… if you can resist to eat the mixture prior to proceed further with the recipe!

Ingredienti (Ingredients):

  • 700g cavolfiore o un cavolo verde – cauliflower or cabbage
  • 1/2 lit. latte – milk
  • 80g burro – butter
  • 80g farina flour
  • sale, pepe – salt and pepper
  • noce moscata – nutmeg
  • 50g parmigiano grattugiato – grated parmesan
  • un uovo grande per impanare – grated bread
  • farina e pangrattato q.b. per impanare flour and a large egg 
  • olio per friggere – frying oil

Procedimento (Method):

  1. Pulire il cavolo (o altra verdura a vostra scelta) e cuocerlo a vapore o in pochissima acqua. Condire con una noce di burro, aggiungere un pizzico di sale e frullare il tutto. Se doveste ottenere una purea troppo liquida continuare a cuocere per ridurre un po’ il liquido.
    Cleanse the cabbage (or other greens) and steam it. Add a tbs of butter, a pinch of salt and mash it. It there is left too much water, cook for some other minutes until it is a little more dried.
  2. Preparare la besciamella: scaldare il latte. A parte fondere il burro in una padella, quando è completamente fuso aggiungere la farina setacciata tutta d’un colpo, amalgamare per bene mescolando quindi aggiungere il latte caldo, continuando a mescolare con un cucchiaio di legno o con una frusta. Continuare a mescolare sino a che non è ben rappresa, quindi spegnere il fuoco e aggiungere sale, pepe e noce moscata q.b. (la besciamella deve risultare piuttosto densa). Prepare the bechamelle (which has to be a bit thicker): warm the milk and melt the butter in a pan. Add the flour to the  melted butter and stir. Add the warmed up milk stirring. Cook until it is thick. Add salt, pepper and nutmeg as you wish.
  3. Trasferire la besciamella in una ciotola ed aggiungere il formaggio e la purea di cavolo. Amalgamare il tutto e lasciar raffreddare e rapprendere il composto.
    In a bowl mix the bechamelle with the parmesan and the mashed cabbage. Mix them all and let it cool down.
    crocchette cavolo
  4. Con le mani leggermente infarinate formate delle quenelle o delle polpette schiacciate (saranno molto soffici) e passatele prima nella farina, poi nell’uovo ed infine nel pangrattato.
    Flour your hands and shape some quenelles with the mixture (which is very soft). Flour the quenelle, then roll them into the beaten egg and then in the grated bread.
  5. Friggete in olio ben caldo e servire. Sono buone sia calde che fredde!
    Fry them in the oil and serve. They are really delicious, even when they are cold!
  6. Una volta fritte possono essere congelate e conservate in freezer per qualche settimana. Basterà scaldarle nel forno qualche minuto prima di servirle! Quindi… preparatene pure in abbondanza, diventeranno le vostre preferite!
    Prepare them in large amount: they are delicious and they can be stored in the freezer (fried) for some weeks. Then you just have to warm them into the oven for a while prior to serve them.

Varianti: potete cuocerle anche in forno passandole solo nel pangrattato. Al centro se preferite potete mettere dei cubetti di mozzarella o scamorza per creare un cuore filante. Spero che la foto renda l’idea della cremosità interna e della croccantezza esterna. De-li-zio-se!
Different version: you can cook them into the oven. In this case just bread them with no flour nor egg. Also you can add some mozzarella cheese in the middle or dress some maccheroni to be grilled in the oven. You will love them!
I hope the pic below might show you haw soft is the middle and how crispy is the outside!

crocchetta cavolo interno

Il composto è ottimo anche per condire della pasta da gratinare in forno. Insomma, una ricetta, mille possibilità!

* * *

Lasagne al Forno… e una novità!

Come avete trascorso il finesettimana, amici? Scommetto che tanti di voi hanno mangiato la lasagna al forno! Ed è proprio di questo grande classico della domenica che parliamo oggi! Lo so già che la vostra preferita è quella di vostra madre/nonna/zia o proprio la vostra. Ma nel caso in cui nessuno ancora vi abbia insegnato come farla o volete provare la mia ricetta eccomi ad accontentarvi! Naturalmente aspetto di conoscere anche la vostra versione o il vostro piccolo segreto! 😉
How was your weekend, my friends? Likely someone of you ate Lasagna last sunday, isn’t it? And today we will speak about that, the Queen on Sunday! Maybe your favourite lasagna is your mother/aunt one and likely they tought you how to prepare it. However here is my recipe, in case you didn’t have one yet or you just want to try another one. Of course I look forword to hear from you about your one!!!

La novità riguarda una mia nuova collaborazione: d’ora in poi scriverò le mie ricette anche per un sito inglese di cultura italiana (Understanding Italy) e la prima ricetta che ho voluto scrivere per loro è proprio quella della lasagna al forno: dopo aver letto in alcuni libri inglesi una ricetta che prevedeva l’uso delle sottilette mi sono sentita in dovere di correre in soccorso degli amici anglofoni con qualcosa che fosse più veritiero all’Italian Style!
But I have also a news expecially for english readers! I started a collaboration with Understanding Italy, a website that deal with Italian culture. From now on I will write some recipe also for their website and the Lasagna al forno is the first one! I hope you will enjoy it! You can find it at that webpage.

lasagna al forno

Si sa che ogni madre di famiglia ha la sua ricetta, la sua personalizzazione, la sua piccola eresia rispetto al copione che rende il piatto unico ed irripetibile, per questo non ho osato chiamarla “lasagna alla bolognese”. Oltretutto, più ci si sposta a sud, più la lasagna viene arricchita di formaggi, salumi, calorie… La versione che vi propongo è la mia preferita, sostanziosa e golosa ma non “esagerata” (almeno… non troppo!!!), addizionata di mozzarella e uova sode.

Ingredienti: (For ingredients and directions please click here)

  • 1/2 lit. besciamella (potete seguire questa ricetta)
  • 250g lasagne all’uovo (fresche o secche come preferite)
  • 150g mozzarella fiordilatte
  • 3 uova sode (facoltative)
    per il ragù
  • 400 g macinato di misto (manzo e maiale)
  • 80 g concentrato di pomodoro
  • 1 carota
  • 1 cipollae
  • 1 costa di sedano
  • brodo o acqua q.b.
  • 1 bicchiere di vino rosso
  • olio evo e burro q.b.
  • sale e pepe q.b.

Procedimento

Continua a leggere…

Quiche ricotta, spinaci e bacon (Quiche with spinach and bacon)

Oggi ricettina salata e a base di verdure anche se non si può dire che sia del tutto dietetica!!! Però è già un passo in avati verso la disintossicazione dai dolci che molti di noi si portano ancora dietro da Natale!
Today veggy recipe. Actually it is not a light recipe, but it is a step forward as opposite to the desserts overdose we have had during the Christmas time!

Mentre la mia cucina è stata ufficialmente chiusa (e le ricette in archivio, come questa, ringraziano!) i preparativi del matrimonio procedono. Per chi ancora non lo sapesse la data è fissata per il 18 maggio ed è incredibilmente vicino ormai!!! (grido di tensione)Ad ogni modo lo scorso week end sono riuscita a spuntare un altro paio di incombenze nella lista delle cose da fare; perciò ora oltre alla sala e al vestito (della sposa), abbiamo anche il fotografo, il parrucchiere, la lista degli invitati e qualche idea su musica e partecipazioni. Non appena avrò scarpe e fioraio (e due chili di meno) mi potrò ritenere un pochino più tranquilla!!!
My kitchen was definitevly closed (I’m on diet!!!) so I can finally use some of the draft I have in my archive! The wedding preparations are going on, but there is still a few things to manage prior to rest for a while, like shoes, flowers, musicians and… weight loss!!

Un abbraccio di cuore e grazie dell’affetto che mi rivolgete giorno dopo giorno.
I give you all an hug and thank you for all the kindness you send me everyday! Bye!

Torta salata ricotta e spinaci

Dimenticavo, la ricetta è un adattamento di una di Montersino, che potete trovare anche qui.

Ingredienti – Ingredients

  • un rotolo di pasta sfoglia (puff pastry rolls)
    Per il ripieno – Stuffing
  • 250g ricotta – ricotta (cottage chees)
  • 125g spinaci – spinach
  • 35g parmigiano grattugiato –parmesan
  • 8g amido di mais – corn starch
  • 150g panna fresca – cream
  • 40g latte – milk
  • due uova e un tuorlo – 2 eggs and 1 yolk
  • 50g pancetta a cubetti – chopped bacon
  • uno spicchio di aglio – 1 garlic clove
  • sale e pepe q.b. – salt and pepper
  • olio evo q.b. – olive oil

Preparazione – Directions:

  1. Innanzi tutto preparare il ripieno di spinaci. Potete utilizzare sia spinaci già lessati, sia spinaci crudi tagliati grossolanamente con il coltello. Saltateli in padella con un filo di olio e l’aglio schiacciato.
    Cook the spinach in a pan with oil and garlic. You can use fresh spinach or boiled ones.
  2. Passare al setaccio la ricotta (meglio se di pecora, è più saporita) e mischiarla con gli spinaci, un uovo, il parmigiano e l’amido di mais. Aggiustate di sale e pepe e tenete da parte. (Questo ripieno può essere usato anche per cannelloni o dei ravioli).
    Mix the spinach with the ricotta cheese, 1 egg, the parmesan cheese and the starch. Add salt and pepper as you like.
  3. Stendere la pasta sfoglia e bucherellarla per bene con una forchetta o un buca sfoglie. Trasferirla in una teglia e formate un bordo ripiegando la pasta in eccesso su se stessa. Distribuire sul fondo i cubetti di pancetta (eventualmente saltati in padella per farli sgrassare).
    Roll out the pastry and hole it all over with a fork. Put in a tin and put on the bottom the bacon chopped.
    2012-10-13 14.49.21
  4. A parte sbattere l’uovo ed il tuorlo rimanenti con la panna, il latte, un pizzico di sale e di pepe e a piacere della noce moscata.
    Mix the remaining egg and the yolk with the cream and the milk, some salt and pepper.
  5. Aiutandovi con un cucchiaio di legno distribuire il ripieno agli spinaci sulla sfoglia, quindi ricoprite il tutto con la “liason” di uova e panna.
    Pour the spinach mix all over the pastry, then cover with the egg and cream mix.
    2012-10-13 14.50.55
  6. Cuocere in forno già caldo per 40 min a 180°, o comunque sino a che si colorerà uniformemente.
    Cook in pre-heaten oven at 350°F for 40 min. or until is is light browned.
  7. Tagliare a fette o a rombi e servire, tiepida o fredda.
    Cut into slices and serve warm or cold.

Torta di spinaci e bacon

PS: Avete ricevuto la newsletter del 2012? Il file era un po’ grande, chi avesse avuto dei problemi a scaricarlo/visualizzarlo può consutlarla in qualsiasi momento dal blog, cliccando qui (dove trovate anche tutte le altre newsletters).


Potrebbero interessarti anche

quiche cipolle e formaggio eggs bacon cocotte girelle mozzarella (mozzarella rolls)

Gnocchetti di cavolo verza (Savoy cabbage gnocchi)

Sergio Maria Teutonico colpisce ancora! Forse anche voi avete notato che in edicola la faccia sorridente di Teutonico è in copertina su Alice Cucina Magazine per presentare tante ricettine con protagonisti i miei amati cavoli e broccoli. Come con i friggitelli ripieni, ho voluto provare immediatamente anche questi gnocchetti di verza e ancora una volta non sono rimasta affatto delusa! Buonissimi e facilissimi da preparare, possono anche essere congelati e cotti in un secondo momento (io ho fatto così). Un buon bicchiere di vino e il vostro pasto sarà davvero degno di un re.
Chef Sergio Maria Teutonico strikes back!  As with the stuffed friggitelli peppers I prepared this recipe the day after I saw it in the magazine and once again Chef Teutonico  gave me a delicious dish! They are also simple to prepare and you che store them in the freezer (as I did). A glass of wine and your dinner will be …fit for a king!!!!

gnocchetti di verza
Decanter Vigna – IVV

A proposito di vino… avete notato il mio nuovo decanter della linea Vigna della IVV, graditissimo omaggio  come il vassoio che avete già visto qui. Il decanter come vedete è completo di uno speciale imbuto che facilita la corretta mescita del vino. Natale si avvicina, magari potrebbe essere un bel regalo per voi o i vostri amici!
With regard to the wine: look at my new decanter, a gift of IVV wich is provided with a special  funnel that will help you to pour the wine in the right way. Christmas is coming and this would be a great gift idea!

Ma vediamo come preparare questi gnocchetti. Vi riporto la ricetta di Sergio Maria con tra parentesi le mie lievi modifiche. Gli amici Veg devono semplicemente eliminare la salsiccia.
So here it is Chef Teutonico’s recipe. Veg readers have just to not add the sausage!

Ingredienti per 4 persone (Ingredients for 4 servings):

  • 300g farina di riso (rice flour)
  • 150g farina 00 + quella che occorre per la spianatoia (all purpose flour)
  • 100g cavolo verza già cotto e frullato (savoy cabbage boiled and blended)
  • 1 bustina di zafferano (io non l’ho messo) (saffron – I didn’t use it)
    per il condimento (for the seasoning)
  • 200g cipolla (onion)
  • 100g sedano (celery)
  • 100g carota (carrot)
  • 200g salsiccia fresca (sausage)
  • 100g fagioli borlotti già lessati (io cannellini) (beans)
  • 1 dl vino bianco (white wine)
  • 50g concentrato di pomodoro (tomato paste)
  • brodo vegetale (veggy broth)
  • olio, sale e pepe q.b. (oliv oil, salt and pepper)

    Continua a leggere…

Il Vitello è Tonnato! (Vitel tonnè)

Un must. Un evergreen. Un secondo che accontenta tutti, compresa la padrona di casa che può prepararlo in anticipo: il Vitello Tonnato! Semplice da preparare, buono in tutte le stagioni ma soprattutto d’estate, sempre di grande scena! Aspettate ospiti domenica prossima? Mano al taccuino ed annotate questi ingredienti nella lista della spesa.

This is a must-do recipe. An evergreen. The Vitello Tonnato (Veal with tuna dressing) makes everyone happy and satisfied, first of all the landlady, who can prepare it in advance! It is not difficult to prepare, fit for every season, even summer, it will let you make a great impression. Should you have guests next sunday take pen and paper and write down the shopping list:

2012-09-09 08.37.55

Ingredienti per 6 persone (Ingredients for 6 servings):

  • 800g di girello di vitello (veal)
  • 1 cipolla (onion)
  • 1 carota (carrot)
  • 1 gambo di sedano (celery)
  • 2 spicchi d’aglio (2 garlic cloves)
  • 2 foglie di alloro (laurel leaves)
  • 1/2 bicchiere di vino bianco (1/2 cup white wine)
    per la salsa – for the tuna dressing
  • 250g tonno sott’olio (tuna)
  • 6 filetti di acciuga (anchovy fillets)
  • 30g capperi sotto sale (capers)
  • 3 uova sode (hard boiled eggs)
  • olio extra vergine d’oliva (extra virgin oliv oil)
  • sale q.b. (salt)
    *Ricetta presa da Alice Cucina Magazine di Giugno 2012 – Con un pezzo di poco più di 800g ho ottenuto circa 20 fettine.

Procedimento (Directions):

  1. Raccogliere in una pentola sufficientemente grande ad accogliere il girello, le verdure, gli aromi, 4 cucchiai d’olio e la carne (legata). Lasciar insaporire un poco, rosolando la carne su tutti i lati. Quindi bagnare con il vino, lasciar evaporare e coprire per almeno la metà con acqua. Unire il sale e lasciar cuocere per almeno due ore.
    (Put in a pan the onion, the carrot, the celery, the garlic 4 tbs oliv oil and the veal with the laurel leaves. Roast for some minutes then add the wine. Then half cover with water, add salt and cook for 2 hours)

    girello

  2. La carne è cotta quando pungendola ne fuoriuscirà un liquido trasparente. Lasciarla raffreddare nel suo stesso brodo. (The veal is cooked when, if pierced , you will see a transparend liquid coming out)
  3. Preparare la salsa: raccogliere in una ciotola il tonno sbriciolato, i capperi sciacquati e le acciughe. Condire con un filo d’olio ed unire 2 uova sode fatte a pezzettini. Frullate il tutto con un frullatore ad immersione sino ad ottenere una crema morbida. Unire a filo un po’ di brodo di cottura della carne e frullare ancora. Una volta pronta lasciar riposare in frigo, coperta con pellicola, per almeno mezz’ora.
    (Prepare the tuna dressing: combine tuna with 2 hard boiled eggs, the capers, the anchovies and 1 tbs oliv oil. Blent it all and add 1/2 cup of broth or the dosage needed to obtain a souce thik as slightly-whipped double cream. Ler the dressing rest for 30 minutes in the fridge)
    salsa tonnata
  4. Tagliare a fettine piuttosto sottili il girello quando è ben freddo. Quindi disponetelo sul piatto da portata. (When it is cold, arrange slices of veal on a serving dish)
    girello affettato
  5. Coprire con la salsa tonnata, decorare con le fettine di uovo sodo rimasto e dei capperi. Lasciar riposare in frigo per almeno mezz’ora prima di servire (freddo ovviamente). Accompagnare con insalata e/o patate al forno.
    (Spoon the tuna dressing over the veil slices, covering it completely. Let the veal dressed rest in the fridge for 30 minutes before serving. Decorate with an hard boiled egg slices, capers and anchovies). Serve with greens salad and/or roasted potatos.

Con le foto dei secondi non sono ancora brava… Vi assicuro che è più buono che bello!!! A bocca aperta

2012-09-09 08.37.07


Potrebbero interessarti anche (see also)

Lonza alla Birra - Beer pork loin saltimbocca alla romana carne alla pizzaiola

Friggitelli ripieni di carne (Stuffed friggitelli peppers)

Ve l’avevo promessa ed eccola qui una ricetta salata, facile e stuzzicante! Io ho comprato tutti gli ingredienti al mercato la mattina dopo aver visto la ricetta sul numero di Alice Magazine di Luglio, e son certa che molti di voi faranno altrettanto! Tanto più che son qui a dirvi che la ricetta è davvero davvero squisita!
I promised you  a main dish recipe and here it is. It is also simple and very delicious! I bought all the needed ingredients just the day after I read of it in July Alice Magazine and I’m sure you will do the same after reading this post, also because I’m telling you it is really delicious!

friggitelli ripieni - stuffed friggitelli peppers

L’autore è Sergio Maria Teutonico, il ripieno è molto particolare, profumato con limone e maggiorana. Io ho apportato solo delle lievissime modifiche. Non avevo idea del risultato finale ma mi sono fidata di S.M.Teutonico i cui gusti trovo molto simili ai miei ed ho deciso (eccezionalmente) di non personalizzare la ricetta e provarla come lui la proponeva (salvo irreperibilità degli ingredienti). Risultato fantastico! Li ho serviti a cena a degli amici e son finiti tutti! Buoni sia caldi che tiepidi, ottimi anche per la pausa pranzo a lavoro. Con le giuste accortezze sono in linea anche con la dieta. Insomma… dopo tutti questi pregi non vi peserà l’unico sacrificio che la ricetta richiede: accendere il forno per 20 minuti!!!
The recipe’s author is Chef Sergio Maria Teutonico, the stuffing  is citrus flavoured. I made only two small changes, due to a couple of missing ingredient, but I wanted to follow Mr Teutonico advice, since his way of cooking really  suit my taste. I served them to friends who loved them. Taste good warm as well as cold. They are also good in your lunch boxes, they are good if you are on diet… It doesn’t matter if you have to put them in the oven for 20minutes, isn’t it?

Ingredienti per 4 persone (for 4 servings):

  • 12 friggitelli – friggitelli peppers
  • 100g carne macinata – ground meat
  • 100g salsiccia – sausage
  • 50g cacioricotta (o feta)* – cacio cheese or Greek feta cheese
  • 1 uovo – egg
  • scorzetta d’arancia (io limone) – lemon or orange grated peel
  • 2 albicocche leggermente acerbe (io ho usato 1 sola albicocca matura) – 2 a bit unripe apricots (I used one ripe)
  • timo, maggiorana – timo, marjioram
  • olio evo q.b. – extra virgin oliv oil
  • sale e pepe q.b. – salt and pepper

*Il cacioricotta a cui sono abituata io è molto sapido e mio padre lo acquista direttamente nelle masserie. Trattasi di ricotta dura e viene conservata sotto sale o in salamoia. Purtroppo la stessa sapidità non la trovo nei cacioricotta venduti al supermercato, per cui preferisco, quando non sono a casa dei miei, sostituirlo con la feta.

Procedimento:

  1. Lavate i friggitelli, tagliate la calottina e privateli dei semi. A piacere conditeli con qualche goccia d’olio, sale e pepe. (wash the peppers, cut the top and removeinternal seeds. Dress the inside with some oliv oil drops and a little pinch of salt and pepper)
    friggitelli - procedimento
  2. In una ciotola unire la carne macinata, la salsiccia spellata e sbriciolata, il cacioricotta, l’uovo e gli aromi. Mescolare infine unire la buccia di arancia/limone e le albicocche. Aggiustare di sale e pepe. (mix in a bowl all the stuffing ingredients)
    friggitelli - procedimento
  3. Farcire con il ripieno i friggitelli per 3/4. Quindi rimettete sopra il coperchietto e fermate il tutto con uno stuzzicadenti. (fill the peppers fith stuffing, then put on the top the “pepper hat” and fix it with a toothpick)
    friggitelli - procedimento
  4. Peraticate una piccola incisione di un paio di millimetri sulla punta di ogni friggitllo per evitare che in cottura si spacchi. Sistemate in teglia, irrorate con un filino d’olio.  (make a little cutting on the pepper bottom, to not let it break while is cooking, and put them on a tin. Dress with oliv oil and put in the oven)
    friggitelli - procedimento
  5. Cuocere in forno per 20 minuti a 160°. Non devono abbrustolirsi. Servire sia caldi che freddi. (cook for 20minutes at 320*F. They have not to toast nor become brown. You can serve them hot, warm or at room temperature)

Ed ecco l’interno, al volo, prima che anche l’ultimo fosse spazzolato via!!! Il limone sta benissimo nel complesso, e l’albicocca bilancia la salinità del cacioricotta (o della feta). Al composto io non ho aggiunto sale. (here is the inside… Just before we ate them! The citrus flavour is really perfect in it)

friggitelli ripieni - stuffed friggitelli peppers

In alternativa, potete preparare una sorta di pasticcio di carne, sempre in forno, mischiando alla carne i friggitelli tagliati a rondelle! Squisita anche quest’altra versione, ottima da portare in ufficio! Occhiolino


Potrebbero interessarti anche (see also)

Peperoni ripieni di cous cous… Sublimi! Pomodori farciti al forno rotolini peperoni e mozzarella - pepper and mozzarella rolls

Lonza di maiale alla birra - Beer loin pork

Lonza di maiale alla birra (Beer pork loin)

Premessa: era un po’ che pensavo di postare le ricette anche in inglese. Visto che tra i miei followers, con mio grande piacere, ci sono anche persone non italiane, ho deciso di prendere sul serio questo intento e magari, pian piano, riuscire a tradurre tutte le ricette. Certo… all’inizio mi ci vorrà più tempo per scrivere i post, ma voglio in qualche modo ringraziare chi mi segue anche solo per guardare le foto!!! Sorriso
Premise: I was wondering for a long time to translate my recipes in english. Since there are some not-italian followers, and I’m very glad about that, I decided to stick with that and start translating all the recipes… little by little! It is my way to say “thank you” to people who follow me even if they can only watch the photos! Sorriso 

Sono certa che l’avrete notato: questo blog brulica di dolci, ha una buona concentrazione di primi e pasticceria salata passando per finger food, ma scarseggia di secondi e soprattutto secondi per ricevere! E lo so! Sui secondi sono un po’ zoppicante e soprattutto, come spiego nella pagina dedicata ai Menù (a proposito, l’avete notata?) dovendo accogliere i miei ospiti in cucina (per ora) ho anche il problema degli odori e dover preparare in anticipo alcune cose.
I’m sure you already noticed that in this blog there are a lot of cakes, many pasta-dishes and salad pastry, even finger food, but there are few fish and meat dishes, expecially for the guests. Yes, I know! I have some problems with that and a reason is that I receive my guests in the kitchen (as mentioned here) and I often have to choose dishes to be prepared previously and in a few time.

Ebbene. Questo è un piatto che soddisfa diverse esigenze: cottura non troppo lunga, possibilità di esser preparato in anticipo, è gustoso e di grande effetto pur non richiedendo particolari abilità per essere preparato e portato in tavola. In più si crea anche un delizioso sughetto che invita alla scarpetta. Cosa volete di più da un secondo?
So… here it is a meat dish which satisfy many needs: short cooking time, possibility to be prepared in advance; it is tasty and will surprise your guests; it doesn’t need any particula cooking skill and… there is a delicious sauce to dip in the bread (do you know? in Italy when we use the bread to “CLEAN” the plate we call this doing “fare la scarpetta” [=to do the little shoe!]! Very, very yummy!!!)

Lonza alla Birra - Beer pork loin

Ingredienti (per 4/6 persone) – Ingredients (Serves 4 to 6):

  • 850g lonza di maiale in un unico pezzo (850g one piece boneless loin pork)
  • 1 rametto di rosmarino (1 rosemary sprig)
  • 2 spicchi di aglio (2 garlic clove)
  • 40g burro (40g butter)
  • 3 cucchiai di olio evo (3 tablespoon extra virgin oliv oil)
  • 1/2 cipolla (1/2 onion rings)
  • 1/2 lit di birra bionda (1 pint lager beer)
  • 5 foglie di salvia (5 sage leaves)
  • mezzo misurino brodo granulare (1/2 bouillon)
  • 1 cucchiaino di fecola (1 teaspoon potatos starch)
  • 5 cucchiaini di panna (io ho usato il latte) (5 teaspoon panna or milk)
  • sale e pepe q.b. (salt and pepper)

Procedimento – Directions:

  1. Praticate qualche taglietto nella polpa della lonza e introducetevi all’interno fettine di aglio e degli aghi di rosmarino, quindi legare la lonza con dello spago da cucina.
    Pierce meat with a sharp knife in several places and put into the openings some garlic slices and rosemary leaves. Then tie it with joints.
  2. Scaldare in un tegame l’olio con il burro, la cipolla tagliata a fettine e la salvia, quindi rosolare la lonza sa tuti i lati. Salare e pepare.
    In a casserole heat the oil with butter, onion rings and sage leaves, then brown the loin on all side. Add salt and pepper.
  3. Ricoprire la lonza con la birra bionda, incoperchiare e lasciare cuocere a fiamma moderata per 20 minuti. Poi togliere il coperchio, alzare la fiamma, aggiungere il dado e proseguire la cottura sino a che pungendo la carne con uno spillo ne uscirà un liquido bianco trasparente.
    Add the beer then cover and cook (moderate heat) for 20 minutes. Remove the top, turn up the heat, add the bouillon, and cook until if you pierce the loin you will see a white fluid.
    2012-08-24 20.52.44
  4. Quando il sugo si sarà ristretto di circa la metà, aggiungere la fecola sciolta nel latte o nella panna e lasciar addensare la salsa.
    When the sauce is half reduced, add the starch melted with the milk and cook, stirriing, until the sauce thickens.
  5. Estrarre la lonza, liberarla dal filo e tagliatela a fette (questa operazione riesce meglio a freddo, per cui la lonza può essere preparata con largo anticipo. Io comunque l’ho tagliata subito dopo la cottura senza problemi).
    Remove the loin from the pan, remove the joints, and cut into slices (you can cut the loin also when it is cold, then you can prepare the recipe in advance)
  6. Sistemare le fette di lonza in una pirofila su un letto di salsa calda. Ricoprire con altra salsa e infornare per 15 min a 200° coprendo con un foglio di alluminio. Quindi servire. (io ho messo in forno all’arrivo degli ospiti).
    Put in a heatproof dish a cup of sauce and the loin slices. Then cover with the remaining sauce. Cover the dish with an aluminium foil and place in the centre of pre heaten oven for 15 minutes (420°F – 220°C). Thes serve it! (I put the loin into owen when my guests arrived!).

Lonza alla Birra - Beer pork loin


Potrebbero interessarti anche (See also):

carne alla pignata  braciole di maiale con mele  saltimbocca alla romana

Cannelloni di Cle

Era una vita che non mangiavo cannelloni! Ricordo di averli fatti l’ultima volta a casa dai miei (utilizzando quella che anni dopo ho scoperto essere una sparabiscotti), ma ricordavo davvero poco o niente su cosa ci avessi messo all’epoca dentro (oltre al macinato di carne, si intende!!).

Quindi cornetta alla mano… “Mammì che ci devo mettere nei cannelloni? L’impasto delle polpette?!” Mamma: “Nooo! Ci viene meglio un ripieno tipo quello delle melanzane ripiene, mettici un po’ di verdure, sugo al pomodoro, un uovo è più che sufficiente, …”.

Mi si accende la lampadina Lampadina“TIN!” Vuoi vedere che riesco a far mangiare le verdure a sgamuffo al mio Amour e a farmi dire anche “buonissimo!!!” Sarcastico

Ebbene, così è stato! Ho sfornato i cannelloni più buoni che abbia mai mangiato, davvero, anche se poco fotogenici! Sui secondi devo ancora imparare a comporre per bene le foto, lo ammetto!!!

Tanto li ho trovati riusciti che questa è stata la prima ricetta inserita nella mia nuovissima Moleskine Passion–Recipes che alcuni amici mi hanno regalato per il compleanno. Davvero un ottimo modo per cominciare a compilarla!

Ingredienti (per circa 16 cannelloni):

  • 1/2 confezione di cannelloni all’uovo
  • 500g macinato
  • 70g pancetta dolce tagliata a dadini
  • una melanzana media e/o delle zucchine
  • 1/2 cipolla
  • 1 bottiglia di passato di pomodoro
  • 1 bicchiere di acqua
  • sale e pepe q.b.
  • 5 cucchiai olio evo
  • basilico
  • aglio
  • 50g scamorza o mozzarella ben strizzata
  • 60g di parmigiano (e/o pecorino se amate un gusto più deciso)
  • 1 uovo (io ho usato un solo albume che dovevo consumare)
  • pangrattato q.b. (circa 50g)
  • 200ml besciamella

Cannelloni di Cle

(Foto)Procedimento:
Piccola premessa: Come forse già sapete io non uso il soffritto quindi il procedimento che vi propongo vi consente una cottura di più facile digestione ma vi assicuro dal massimo gusto ugualmente!

  1. Scaldare molto bene una pentola d’acciaio sufficientemente larga da accogliere il macinato in uno strato non troppo spesso e lasciarlo colorare. Nel frattempo sbucciare la melanzana (e o la zucchina… sempre che come me abbiate la necessità di “camuffarle”!) e tagliarla a cubetti. Sminuzzare anche la cipolla quindi unire le verdure alla carne e continuare a rosolare a fuoco vivo. Aggiustare di sale e pepe.
  2. Aggiungere l’olio, mescolare per bene ed aggiungere anche il passato di pomodoro, un bicchiere di acqua e cuocere per circa 50 min. A fine cottura aggiungere il basilico. (Consiglio: l’acqua che aggiungete può essere prima versata nella bottiglia di passato di pomodoro e versata in pentola dopo aver dato un’agitata alla bottiglia: in questo modo riuscite a recuperare tutto il passato della bottiglia ed ad aggiungere il liquido in più necessario).
  3. Con un mestolo forato raccogliere la carne e le verdure dal sugo, sistemarla in una ciotola e frullarla con un minipimer.
  4. Unire alla carne il formaggio, la scamorza a dadini, l’uovo e pangrattato quanto basta ad ottenere un impasto morbido ma compatto e che non mostri “liquidi”.
  5. Trasferire il composto in un sac à poche e riempire i cannelloni (in mancanza potete riempirli con le mani come nella foto in basso).
  6. Versare sul fondo di una taglia un mestolo del sugo in cui avete cotto la carne e disporci all’interno i cannelloni, uno di fianco all’altro e in un unico strato.
  7. Ricoprire con il sugo rimanente e variegare con la besciamella. Spolverare di formaggio grattugiato, basilico e noce moscata ed infornare.
    cannelloni fotoprocedimento
  8. Cuocere per 30 min a 180/190°. Al termine lasciare i cannelloni per altri 10° minuti nel forno spento.
  9. Note: Questo ripieno va bene anche per dei paccheri o dei conchiglioni di semola da cuocere al dente e gratinare in forno per qualche minuto dopo essere stati ripieni. Il vino da abbinare è un rosso corposo, magari un primitivo o un negramaro, entrambi vini pugliesi.

Cannelloni di Cle


Potrebbero interessarti anche:

lasagne al pesto  gulash  brasciole